Armada Española

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Armada Española
Emblem of the Spanish Navy.svg
Stemma della Armada Española
Descrizione generale
Nazione Spagna Spagna
Alleanza Natoflag.gif NATO
Servizio attiva
Tipo Marina militare
Dimensione oltre 25000
Patrono Virgen del Carmen
Battaglie/guerre Guerra dei cent'anni
Guerre d'Italia del XVI secolo
Battaglia di Lepanto
Guerra anglo-spagnola (1585-1604)
Guerra degli ottant'anni
Guerra dei trent'anni
Guerra di successione spagnola
Guerra dei sette anni
Guerra di indipendenza americana
Battaglia del Cabo de San Vicente
Battaglia di Trafalgar
Guerre napoleoniche
Guerre d'indipendenza ispanoamericana
Guerra ispano-americana
Guerra civile spagnola
Guerra del Golfo
Operazione Enduring Freedom
Parte di
Comandanti
Comandanti degni di nota Roger de Lauria
Cristóbal Colón
Fernando de Magallanes
Juan Sebastián Elcano
Juan de Austria
Miguel López de Legazpi
Blas de Lezo
Federico Carlo Gravina
Juan Ruiz de Apodaca
Cayetano Valdés
Pascual Cervera y Topete
Simboli
Pabellón naval Flag of Spain.svg
Bandera de proa Naval Jack of Spain.svg

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

L'Armada Española è la Marina militare della Spagna, parte integrante delle Fuerzas Armadas de España, ed una delle più antiche al mondo. La sua costituzione risale al XVI secolo e nel 2007 aveva circa 25.000 effettivi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini[modifica | modifica sorgente]

La marina spagnola, nata come Real Armada, ha una lunga tradizione alle sue spalle, avendo dovuto supportare i collegamenti su un impero sul quale, all'epoca di Carlo V, "non tramontava mai il sole". Durante questa storia le navi militari hanno scortato i navi mercantili da e per le Americhe e le Filippine, o spesso trasportato carichi preziosi direttamente a bordo. Uno degli episodi più famosi è quello che vide coinvolta il 5 ottobre al largo di capo Santa Maria, nei pressi di Cadice, una piccola squadra di fregate spagnole, Fama, Clara, Mercedes e Medea, al comando del contrammiraglio don Jose de Bustamante y Guerra, affrontate da altrettante fregate inglesi che avevano il compito di sequestrare l'oro trasportato per impedire che finanziasse Napoleone e la guerra contro l'Inghilterra. Una delle fregate venne affondata e le altre catturate col tesoro[1]. Un altro momento storico importante è quello che vide impegnate le navi spagnole contro la US Navy durante la guerra ispano-americana, che vide a Cuba la resa delle navi comandate dall'ammiraglio Pascual Cervera y Topete[2] e a Manila la sconfitta della squadra spagnola ad opera dell'ammiraglio Dewey[3].

Il novecento[modifica | modifica sorgente]

La marina spagnola venne coinvolta nella guerra civile spagnola, trovandosi divisa tra forze franchiste e forze repubblicane, e le forze navali franchiste ricevettero anche un forte aiuto dalla Regia Marina italiana sotto forma di navi corsare e sommergibili che eseguirono azioni di attacco al traffico repubblicano[4]; mentre le unità pesanti passarono, in linea di massima, sotto la bandiera nazionalista insieme a circa 7000 uomini, la maggioranza dei cacciatorpediniere e dei sommergibili insieme a 13000 uomini rimase fedele alla Repubblica[4].

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Fino al Real Decreto 912/2002 del 6 settembre, l'organizzazione della forza navale era raggruppata in quattro regioni: Zona Marítima de las Canarias, Zona Marítima del Cantábrico, Zona Marítima del Mediterráneo e Zona Marítima de las Baleares[5]. Successivamente questa ripartizioen territoriale è stata superata eccetto per la regione Baleares y Canarias, e le città di Ceuta e Melilla, ed è stata creata la Fuerza de Acción Marítima, entità geostrategica unica cui è demandata la protezione degli interessi nazionali spagnoli[5]

Unità navali[modifica | modifica sorgente]

Unità da combattimento[modifica | modifica sorgente]

Fregate (FFG) Classe Álvaro de Bazán o F-100
  • F-101 Álvaro de Bazán (2002)
  • F-102 Almirante Juan de Borbón (2003)
  • F-103 Blas de Lezo (2004)
  • F-104 Méndez Núñez (2006)
  • F-105 Cristobal Colón (2012)
Fregate (FFG) Classe Santa Maria o F-80
  • F-81 Santa María (1986)
  • F-82 Victoria (1987)
  • F-83 Numancia (1988)
  • F-84 Reina Sofía (1990)
  • F-85 Navarra (1994)
  • F-86 Canarias (1994)
Sottomarini (SSK) Classe Galerna
  • S-71 Galerna (1983)
  • S-73 Mistral (1985)
  • S-74 Tramontana (1985)

Unità anfibie[modifica | modifica sorgente]

Landing Helicopter Dock (LHD) Juan Carlos I (L-61)
Landing Platform Dock (LPD) Classe Galicia
  • L-51 Galicia (1998)
  • L-52 Castilla (2000)
Landing Craft, Mechanized (LCM)  LCM-1E
  • L-601 (2001)
  • L-602 (2001)
  • L-603 (2006)
  • L-604 (2006)
  • L-605 (2006)
  • L-606 (2007)
  • L-607 (2007)
  • L-608 (2007)
  • L-609 (2007)
  • L-610 (2007)
  • L-611 (2007)
  • L-612 (2007)
  • L-613 (2007)
  • L-614 (2008)

Unità logistiche[modifica | modifica sorgente]

Aprovisionamiento en combate (AOR)
  • A-14 Patiño (1995)
  • A-15 Cantabria (2010)

Unità antimine[modifica | modifica sorgente]

Cazaminas (MCM) Classe Segura
  • M-31 Segura (1999)
  • M-32 Sella (1999)
  • M-33 Tambre (2000)
  • M-34 Turia (2000)
  • M-35 Duero (2004)
  • M-36 Tajo (2005)

Pattugliatori[modifica | modifica sorgente]

Classe Meteoro o P40
  • P-41 Meteoro (2011)
  • P-42 Rayo (2011)
  • P-43 Relampago (2012)
  • P-44 Tornado (2012)
Classe Descubierta o P75
  • P-76 Infanta Elena (2004) (ex-corvetta F33 Infanta Elena 1980-2004)
  • P-77 Infanta Cristina (2004) (ex-corvetta F34 Infanta Cristina 1980-2004)
  • P-78 Cazadora (2004) (ex-corvetta F35 Cazadora 1981-2004)
  • P-79 Vencedora (2004) (ex-corvette F36 Vencedora 1982-2004)
Classe Serviola o P70
  • P-71 Serviola (1991)
  • P-72 Centinela (1991)
  • P-73 Vigía (1992)
  • P-74 Atalaya (1992)
Classe Chilreu o P60
  • P-62 Alborán (1997)
  • P-63 Arnomendi (2000)
  • P-64 Tarifa (2004)
Classe Anaga o P20
  • P-22 Tagomago (1981)
  • P-26 Medas (1981)
  • P-28 Tabarca (1981)
Classe Toralla o P-80
  • P-81 Toralla (1987)
  • P-82 Formentor (1987)
Classe Aresa PVC-160 o P-110
  • P-101 (1979)
  • P-114 (1979)
Classe P200
  • P-201 Cabo Fradera (1963)

Unità aeree[modifica | modifica sorgente]

Aeromobili in uso[modifica | modifica sorgente]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio[6] Note Immagine
Bell 212 Stati Uniti AB212 medium-lift transport
Two AB 212 ASW spanish navy.jpg
Cessna Citation Stati Uniti Ce-550 Citation
Ce-650 Citation
medical evacuation & VIP transport
VIP transport

Cessna.560xl.citation.excel.arp.jpg
AV-8B Harrier II Stati Uniti EAV-8B Harrier
EAV-8B+ Harrier
TAV-8B Harrier
night attack
multi-role
operational conversion

12×
Spanish Navy AV-8B Harrier II 070223-N-3888C-004.jpg
MD Helicopters MD 500 Stati Uniti Hughes 369M rotary flying training
Aeronautica Militare elicottero 03 (RaBoe).jpg
Sikorsky S-61 Stati Uniti SH-3AEW Sea King
SH-3H Sea King
airborne early warning
medium-lift transport

SH-3D de la Armada Española.JPG
Sikorsky SH-60 Seahawk Stati Uniti SH-60B Seahawk anti-submarine warfare 12×
081017-N-1082Z-014.jpg

Grandi Unità del passato[modifica | modifica sorgente]

Portaerei (CVS)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Seizing the Gold of Spain: the Action off Cape Santa Maria
  2. ^ Pascual Cervera y Topete - The World of 1898: The Spanish-American War (Hispanic Division, Library of Congress)
  3. ^ Battle of Manila Bay - Spanish-American War Battle of Manila Bay
  4. ^ a b Buques de la Guerra Civil Española (1936-1939)
  5. ^ a b Fuerza de Acción Marítima - Organización - Armada Española - Ministerio de Defensa - Gobierno de España
  6. ^ OrBat Spain - MilAvia Press_com Military Aviation Publications. URL consultato il 22-11-2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]