Junkers W 34

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Junkers W 34
Junkers Ju 34
lo Junkers W 34 marche CF-ARI della Canadian Airways in versione idrovolante
lo Junkers W 34 marche CF-ARI della Canadian Airways in versione idrovolante
Descrizione
Tipo aereo di linea
aereo da trasporto
aereo da addestramento
Equipaggio 2 (pilota e co-pilota)
Progettista Hermann Pohlmann
Costruttore Germania Junkers
Svezia AB Flygindustri
Data primo volo 7 giugno 1926
Data entrata in servizio 1930
Esemplari circa 3 400
Sviluppato dal Junkers W 33
Altre varianti Junkers K 43
Junkers Ju 46
Dimensioni e pesi
Lunghezza 10,27 m
Apertura alare 18,48 m
Altezza 3,53 m
Superficie alare 44,00
Peso a vuoto 1 700 kg
Peso carico 3 200 kg
Passeggeri 6
Capacità combustibile 477 L[1]
Propulsione
Motore un radiale BMW 132A
Potenza 660 CV (492 kW)
Prestazioni
Velocità max 265 km/h al livello del mare
Velocità di salita 315 m/min
a 1 000 m in 3 min 12 s
Autonomia 900 km
Tangenza 6 300 m

i dati sono estratti da Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945 (Band 3)[2]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Lo Junkers W 34, in seguito indicato come Junkers Ju 34, fu un aereo di linea e da trasporto monomotore ad ala bassa e fusoliera interamente metallica, sviluppato dall'azienda aeronautica tedesca Junkers Flugzeug- und Motorenwerke AG all'inizio degli anni venti ed entrato in servizio nel 1926.

Da questo modello verrà sviluppato lo Junkers Ju 46.

Storia del progetto[modifica | modifica sorgente]

Il W 34 era direttamente derivato dal precedente W 33 del quale manteneva l'impostazione generale con la fusoliera interamente costruita in duralluminio. La principale differenza con il suo predecessore era l'adozione di un motore radiale in luogo del sei cilindri in linea Junkers L 5. Nella versione di linea poteva trasportare 5 passeggeri oltre il pilota.

Fu sicuramente un ottimo successo commerciale e grazie anche alle numerose versioni proposte per il mercato civile riuscì a raggiungere la considerevole cifra di 1 000 esemplari prodotti. Il prezzo unitario di vendita risultava essere tra i 65 000 e 70 400 Reichsmark.

Una commissione da parte del Reichsluftfahrtministerium (RLM) per dotare la Luftwaffe di un aereo da addestramento per piloti ed operatori radio portò alla produzione di ulteriori 2 400 esemplari tra le due versioni W 34 hi e W 34 hau.

Al 31 gennaio 1944, la Luftwaffe aveva ancora in servizio 618 esemplari di W 34 hi e 516 esemplari di W 34 hau, la maggior parte dei quali utilizzati nelle scuole di volo.

Da questo modello se ne realizzò una militare denominata Junkers K 43 che ricoprì i ruoli di bombardiere ed ricognitore, dotandolo di aperture per le postazioni di difesa dotate di mitragliatrici sul tetto e sul pavimento della cabina. Soprannominati "Bush Bomber", vennero utilizzati dalla Fuerza Aérea Boliviana tra il 1932 ed il 1935 durante il conflitto tra Bolivia e Paraguay per il controllo della regione del Gran Chaco, nota come Guerra del Chaco.

Aziende coinvolte nella produzione[modifica | modifica sorgente]

Per soddisfare le richieste delle versioni da addestramento la produzione fu suddivisa nelle seguenti aziende:

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

Primati[modifica | modifica sorgente]

Uno Junkers W 34 be/b3e, immatricolato D-1119, fu opportunamente modificato motorizzandolo con un potente motore Bristol Jupiter VII da 441 kW al fine di battere il record mondiale di altitudine. Il 26 maggio 1929, pilotato da Friedrich W. Neuenhofen, il W 34 riuscì a raggiungere i 12 739 m riuscendo a battere l'allora primato in vigore.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

  • W 34 a: dotato di motorizzazione Gnome et Rhône da 331 kW. Velocità massima 190 km/h, apertura alare 17,75 m e lunghezza 11,10 m.
  • W 34 be: dotato di motorizzazione Gnome et Rhône da 375 kW. Velocità massima 230 km/h, apertura alare 17,75 m e lunghezza 10,70 m.
  • W 34 be/b3e: dotato di motore Bristol Jupiter VII da 441 kW. Utilizzato per tentare di battere il record mondiale di altitudine.
  • W 34 ci: dotato di motore Pratt & Whitney R-1690 Hornet da 405 kW. Velocità massima 245 km/h, equipaggiato con cabina vetrata.
  • W 34 di: simile al W 34 ci ma dotato di motore BMW Hornet, il P&W Hornet prodotto su licenza in Germania dalla BMW.
  • W 34 f: dotato di motorizzazione Gnome et Rhône da 331 kW. Velocità massima 190 km/h, apertura alare 18,48 m e lunghezza 11,10 m. Equipaggiato con abitacolo chiuso, alettoni allungati dotato di un'apertura merci per le versioni da esportazione.
  • W 34 f: prototipo di versione idrovolante dotato di galleggianti laterali.
  • W 34 fa: versione aereo di linea da esportazione.
  • W 34 fä: versione da esportazione.
  • W 34 fo: versione da esportazione dotata di un motore Pratt & Whitney R-1340.
  • W 34 fy: dotato di motore Armstrong Siddeley Panther
  • W 34 fao: dotato di motore Siemens-Halske Sh 20 da 397 kW, prodotto in un solo esemplare per collaudare un sistema di pilotaggio automatico.
  • W 34 fei: dotato di motore Siemens-Halske Sh 20 U da 441 kW, prodotto in un solo esemplare per collaudi per una versione idrovolante.
  • W 34 fg: dotato di motore Armstrong Siddeley Jaguar Major.
  • W 34 fue: dotato di motore Pratt & Whitney R-1690 Hornet, successivamente riassemblato come idrovolante.
  • W 34 fi: dotato di motore Hornet da 405 kW, sia di produzione Pratt & Whitney che sul licenza. Velocità massima 260 km/h, apertura alare 18,48 m e lunghezza 11,27 m. Equipaggiato con abitacolo chiuso e pneumatici a bassa pressione.
  • W 34 gi: dotato di motore BMW Hornet da 405 kW, prodotto in un solo esemplare nel 1933 per test.
  • W 34 hi: dotato di motore BMW 132 A/E da 485 kW; il velivolo poteva trasportare fino a 6 passeggeri ed era equipaggiato con apparecchiature di navigazione radar. Questa versione fu in larga parte utilizzata dalla Luftwaffe per addestrare i piloti e gli operatori radio.
  • W 34 hau: simile al W 34 hi ma dotato di motore Bramo 322 H da 526 kW; anche questa versione fu in larga parte utilizzata dalla Luftwaffe per addestrare i piloti e gli operatori radio.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Civili[modifica | modifica sorgente]

Un W 34 canadese.
Brasile Brasile
Canada Canada
Colombia Colombia

Militari[modifica | modifica sorgente]

Un W 34 della svedese Svenska Flygvapnet.
Lo Junkers W34 al "Canadian Air and Space Museum" di Ottawa.
Argentina Argentina
Bolivia Bolivia
Taiwan Repubblica di Cina
Colombia Colombia
Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Finlandia Finlandia
Germania Germania
Norvegia Norvegia
Papua Nuova Guinea Papua Nuova Guinea
Portogallo Portogallo
Spagna Spagna
Sudafrica Sudafrica
Svezia Svezia

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nowarra 1993, p. 53
  2. ^ Nowarra 1993, pp. 262-263

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945, Band 3, Koblenz, Bernard & Graeffe Verlag, 1993, ISBN 3-7637-5467-9.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]