Aviacija Voenno-Morskogo Flota

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Авиация Военно-Морского Флота
(Aviatsija Voenno-Morskogo Flota)
Emblem of the Военно-Морской Флот Российской Федерации.svg
Attuale stemma della Aviacija Voenno-Morskogo Flota
Descrizione generale
Attiva 1912
Nazione Unione Sovietica - Russia
Servizio marina militare - Военно-Морской Флот
Tipo aviazione della marina
Simboli
Coccarda URSS-Russian aviation red star.svg

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Aviacija Voenno-Morskogo Flota (pronuncia Aviazia Voienno Marscova Flota), in cirillico Авиация Военно-Морского Флота, traslitterato anche come Aviatsiya Voyenno-Morskogo Flota, era l'aviazione della Marina Sovietica, e dopo la dissoluzione dell'URSS è divenuta l'aviazione della Marina Russa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Il servizio aereo della marina russa venne costituito nel 1912, poco prima quindi dello scoppio del conflitto mondiale. Il suo scopo primario era quello di contribuire alla difesa delle installazioni e delle unità della flotta del mar Baltico e del mar Nero mediante l'osservazione aerea. Durante il conflitto, nel Baltico operò soltanto la piccola nave trasporto idrovolanti Orlitsa, mentre nel mar Nero il servizio poté contare su un gruppo di navi da trasporto molto più cospicuo, che annoverò, sia pur in tempi diversi, le navi Alexander I, Nikolaj I e Almaz, nonché le romene Regele Carol I, Rumania, Imperator Trajan e Dacia. Queste unità erano tutte veloci (15-19 nodi) e potevano trasportare 4 - 9 idrovolanti tipo «Grigorovitch» ciascuna. Poiché nel mar Nero la preponderanza della flotta russa risultò totale, i velivoli furono utilizzati non soltanto per la ricognizione ma anche per missioni di bombardamento sugli obiettivi costieri turchi.

Nel corso della guerra civile, tra il 1919 e il 1920, l'aviazione navale si schierò in gran parte con i bolscevichi ed effettuò almeno 2.000 sortite e oltre un terzo dei bombardamenti effettuati dalle forze aeree «rosse». Negli anni successivi alla specialità vennero assegnati soprattutto compiti in ambiente costiero, mentre all'inizio degli anni trenta iniziarono a entrare in servizio gli idrovolanti Heinkel venduti dalla Germania. Oltre che a bordo di qualche nave da battaglia ricostruita, questi velivoli vennero impiegati anche da basi esistenti nel Baltico e nel mar Nero. Quasi contemporaneamente i progettisti locali svilupparono alcuni modelli di idrovolanti; non ebbe gran successo il Tupolev MDR-2, destinato al pattugliamento marittimo a largo raggio, mentre particolarmente riuscito risultò il Beriev Be-2, che poteva trasportare bombe, ma soprattutto cariche di profondità.

Verso la seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

L'importanza strategica dell'aviazione navale venne riconosciuta molto più tardi, verso la fine degli anni 30', quando la minaccia rappresentata dalle portaerei giapponesi divenne un fattore incontestabile. Le autorità sovietiche decisero allora un programma di potenziamento della specialità, in particolare nell'area dell'Estremo Oriente, attraverso un piano che prevedeva l'acquisizione di velivoli più moderni, l'attivazione di nuove basi, l'ampliamento di quelle esistenti e anche la costruzione di una nave portaerei. Il programma era appena stato avviato quando le forze tedesche attaccarono nel 1941 l'Unione Sovietica e la guerra divenne allora l'obiettivo principale, sovvertendo tutto quanto era stato pianificato. Nel corso della prima fase del conflitto l'aviazione di marina, che pur contava circa 1.400 velivoli, non poté svolgere un ruolo primario causa l'obsolescenza della maggior parte dei mezzi e il basso livello di priorità nelle acquisizioni che le era stato assegnato. Quando però, nella seconda fase, l'iniziativa della guerra passò in mano sovietica, la specialità fu più direttamente coinvolta nel sostenere la controffensiva, in particolare nel bacino del Baltico e del mar Nero, e fu pertanto soggetta a un incremento sia qualitativo che quantitativo. Ciò le permise un impiego diretto più massiccio, come per esempio nel caso della battaglia di Novorossijsk, ove l'aviazione navale fu chiamata a fornire il sostegno aereo principale. Verso la fine del conflitto, l'aviazione navale russa contava alcune migliaia di velivoli tra caccia, bombardieri e aerosiluranti, per lo più di tipo terrestre.

La guerra fredda[modifica | modifica wikitesto]

Grazie a tale potenziamento, nell'immediato dopoguerra l'Aviacija Voyenno-Morskogo Flota (AV-MF) o più semplicemente Morskaya Aviatsiya, divenne una forza aerea tanto autonoma quanto completa, dotata di diversi tipi di velivoli dedicati a missioni specifiche. I velivoli adottavano, all'epoca, una loro colorazione propria a base azzurra, simile a quella utilizzata un tempo dalla Fleet Air Arm britannica, ma in seguito varie tonalità di grigio divennero la colorazione più frequente. La specialità sembrava destinata a un ulteriore sviluppo grazie anche alla cattura della portaerei tedesca Graf Zeppelin, che all'epoca alcune fonti riportavano per completata da parte sovietica, ma come noto ciò non si realizzò. Negli anni cinquanta l'A-VMF ricevette equipaggiamenti sempre più moderni quali i caccia MiG-15 Fagot o i MiG-17 Fresco, mentre i bombardieri Ilyushin Il-28 Beagle andarono ad affiancare i più pesanti Tupolev Tu-14 Bison, e furono impiegati anche come aerosiluranti o per la posa di mine. Infine, nel campo del pattugliamento anfibio ai Beriev Be-6 Madge si affiancarono gli idrovolanti a reazione Be-10 Mallow, mentre entravano in servizio i primi elicotteri Mil Mi-4. Proprio nel campo degli elicotteri c'è da ricordare che il primo esperimento di appontaggio fu effettuato nel 1950 da un elicottero Kamov Ka-10 Hat sull'incrociatore Maksim Gor'kij.

Verso la fine degli anni Cinquanta le forze aeree russe subirono una complessa ristrutturazione e ciò coincise con il periodo di parziale declino per l'AV-MF, in quanto i suoi cacciabombardieri vennero assegnati all'Istrebitelnaya Aviatsiya Protivo-Vozdushnoi Oborony Strany o IAP-VO (sigla che più o meno letteralmente dovrebbe significare Aviazione da Intercettazione della Difesa Aerea del Paese), che assunse la difesa aerea lungo le coste. Pertanto la Morskaya Aviatsiya si concentrò sui compiti di ricognizione, pattugliamento e lotta antisom.

Successivamente però essa si trasformò in pratica in una forza da bombardamento e attacco basata a terra, che aveva essenzialmente il compito di contrastare le forze navali occidentali grazie ai primi missili aria-superficie AS-1 Kennel e AS-2 Kipper. A tale scopo la Dalnaja Aviatsiya, il comando aereo strategico, fornì un gran numero di bombardieri medi Tupolev Tu-l6 Badger e leggeri Il-38, oltre che Myasischev M-4 Molot, che furono utilizzati per il pattugliamento marittimo. Da allora l'aviazione navale sovietica ha conosciuto un nuovo periodo di espansione, assumendosi compiti nuovi quali la ricognizione marittima a largo raggio, la guerra elettronica e la designazione bersagli, mentre venivano riconfermati altri già svolti in precedenza, quali la difesa aerea e l'attacco al suolo.

Alla metà degli anni Sessanta l'A-VMF contava oltre 1.500 tra aerei ed elicotteri, ripartiti tra la flotta del nord, quella del Baltico, quella del Mar Nero e quella del Pacifico, di certo la più potente. Tra gli aerei c'erano da annoverare ad esempio i caccia e i cacciabombardieri MiG-17 Fresco, MiG-19 Farmer e MiG-21 Fishbed, oltre ad alcuni Sukhoi Su-11 Fishpot, i velivoli d'attacco Yakovlev Yak-25 Flashlight, Il-28 Beagle, Tu-14 Bison, Tu-l6 Badger e Tu-20 Bear, velivoli anfibi da ricognizione Be-6 Madge e Be-10 Mallow, da addestramento Yakovlev Yak-32. Per quanto riguarda invece gli elicotteri, per la lotta antisom venivano utilizzati i Kamov Ka-20 Harp, per il trasporto medio e pesante rispettivamente i Mi-4 Hound e gli Yakovlev Yak-24 Horse e per il collegamento i Mi-1 Hare.

Alla fine degli anni Sessanta l'entrata in servizio della portaelicotteri Moskva, con i suoi 18 Kamov «Ka-25 Hormone», rappresentò un salto di qualità per l'A-VMF, che si apprestava a svolgere un ruolo primario nella politica di espansione sovietica nel corso del decennio successivo. Fu il periodo delle basi situate al di fuori del territorio nazionale: i suoi «Bear» da ricognizione lontana lasciavano le basi sovietiche e si portavano a Cuba, da dove sorvegliavano le coste americane, a Konakry in Guinea, da dove pattugliavano il sud Atlantico, e a Luanda, in Angola, per meglio sorvegliare l'Atlantico centrale. Dopo la fine del conflitto vietnamita, la grande base di Kam Ranh Bay, divenne sede abituale per velivoli antisom e da guerra elettronica sovietici, mentre le ex basi britanniche di Aden e Sokotra divennero centri operativi per le attività nell'oceano Indiano, seguite successivamente da ridispiegamenti in Somalia ed in Etiopia. Anche nel Mediterraneo i velivoli dell'A-VMF fecero la loro comparsa, in Egitto prima e in Libia poi, a volte utilizzando le insegne dei rispettivi Paesi ospitanti.

Procedeva di pari passo l'evoluzione delle piattaforme navali dedicate, con l'entrata in servizio nel 1975 del primo incrociatore portaeromobili, il Kiev, dotato di 12 velivoli VTOL Yakovlev Yak-38 e 18 elicotteri Kamov Ka-25A/B, mentre nel 1983 veniva impostata la prima e unica portaerei sovietica: la Admiral Kuznecov, che con il suo ripetuto cambiamento di nomi ha fatto quasi da testimone al travagliato periodo che ha portato alla frantumazione dell'Unione Sovietica.

La portaerei Admiral Kuznecov

All'inizio degli anni Novanta la Morskaya Aviatsiya contava circa 68.000 effettivi ed inquadrava oltre 2.000 tra aerei ed elicotteri, indicativamente così ripartiti: da bombardamento: 150 Tupolev Tu-22M Backfire B/C, 25 Tupolev Tu-22 Blinder A, 140 Tupolev Tu-l6 C/G; da caccia e attacco: 100 Sukhoi Su-24 Fencer, 50 Sukhoi Su-25 Frogfoot, 170 Sukhoi Su-17 Fitter», 80 Yak-38 Forger e 50 MiG-27 Flogger; da ricognizione, guerra elettronica e designazione bersagli: 45 Tupolev Tu-95 Bear D, 130 Tu-l6 Badger D/E/F/H/J, 15 Ilyushin Il-20 Coot A/B» e 30 elicotteri Ka-25 Hormone B; per lotta ASW: 65 Tu-142 Bear F», 45 Il-38 May, 90 Be-12 Mail, 100 elicotteri Ka-25 Hormone A, 75 Ka-27 Helix A2, 100 Mi-14 Haze A, per il dragaggio: 25 elicotteri Mi-14 Haze B; per il rifornimento in volo: 50 Tu-l6 Badger A; per il sostegno: 550 velivoli di vario tipo adibiti a compiti di trasporto, addestramento, SAR e ricerca e sviluppo.

La ripartizione dei velivoli tra le flotte era dettata da criteri che tenevano conto delle missioni prioritariamente assegnate a ciascun teatro, della collocazione geografica, dell'importanza strategica e di fattori diversi, tra i quali la disponibilità di altre forze nella regione. Così ad esempio i velivoli da pattugliamento a largo raggio erano presenti soltanto nell'ambito delle flotte del nord e del Pacifico, quelli d'attacco erano largamente presenti nella Flotta del Baltico, mentre quelli da addestramento operavano principalmente con quella del mar Nero.

L'organizzazione operativa vedeva i velivoli dell'A-VMF assegnati a reggimenti (Polk) a loro volta suddivisi in squadroni (Eskadrilyd), solitamente in numero di 3, ciascuno omogeneo per quanto riguardava i velivoli in dotazione. Squadroni autonomi erano previsti soprattutto per la componente da trasporto, da addestramento e utility. La forza di un reggimento variava a seconda del tipo di velivolo assegnato, passando dai 40 - 45 dei cacciabombardieri, ai 25 - 27 dei bombardieri, a scendere per altre specialità.

Dall'URSS alla Federazione Russa[modifica | modifica wikitesto]

Il crollo dell'impero sovietico ha comportato per la Morskaya Aviatsiya un drastico ridimensionamento. Così per esempio nel novembre 1990 i bombardieri a lungo raggio sarebbero stati 286, scesi a 59 nel 1997. Analogamente nel 1993 gli aerei di prima linea disponibili sarebbero stati 770, ridotti a poco più di 250 sempre nel 1997. Al processo di riduzione ha contribuito anche la spartizione della flotta del mar Nero tra Russia e Ucraina, ma in ogni caso il mutare dello scenario internazionale e la crisi economica che attanaglia la Russia sono stati i fattori determinanti di tale riduzione.

Anche se molte cose sono mutate in quest'ultimo decennio e le fonti disponibili sono molto più numerose che nel passato, risulta tuttora piuttosto difficile fornire un quadro riassuntivo attendibile per le forze armate russe, e la l'AV-MF in questo campo non fa certo eccezione. Oltre alla disomogeneità delle informazioni reperibili, giocano a sfavore anche il continuo ridimensionamento delle forze, i ripensamenti legati a motivi politici (per non inimicarsi completamente gli ambienti militari), gli scioglimenti parziali, il mantenimento in organico di una parte dei mezzi dichiarati in radiazione e il computo di mezzi assegnati nel passato per aggirare limitazioni poste da trattati internazionali. Tutti questi fattori, legati soprattutto alla crisi generale che interessa il Paese, oltre che la mancanza di documentazioni ufficiali consentono pertanto di fornire unicamente dati di stima, che per quanto riguarda la Morskaya Aviatsiya sono i seguenti: Effettivi: 30.000.

Basi[modifica | modifica wikitesto]

Va rilevato che alcune di queste basi potrebbero essere utilizzate solo parzialmente mediante rischieramenti temporanei, oppure non essere più operative.

Per quanto riguarda la disponibilità dei velivoli, nel caso della Russia è stato necessario indicare la valutazione minima e quella massima riportate dalle fonti più attendibili.

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio[1] Note Immagine
Beriev Be-12 URSS URSS ricerca e soccorso (SAR) Be-12PS Chayka 4
Russian Navy Beriev Be-12.jpg
Ilyushin Il-38 URSS URSS lotta antisommergibili Il-38 May 28 11 sono in servizio presso la Flotta del Nord e 15 presso la Flotta del Pacifico[2].
Ilyushin Il-38 in flight 1986.JPEG
Kamov Ka-27 URSS URSS lotta antisommergibili Ka-27 Helix 88 72 sono utilizzati con funzioni ASW, mentre i restanti 16 sono utilizzati per trasporto[3].
Kamov Ka-27PS.JPEG
Mil Mi-8 URSS URSS trasporto medio Mi-8 Hip 35
Mil Mi-24 URSS URSS lotta anticarro Mi-24 Hind 20
Mi-24 Desert Rescue.jpg
Mikoyan-Gurevich MiG-29 Russia Russia caccia multiruolo imbarcato MiG-29K Fulcrum 26 Consegne dal 2010
МАКС-2007-ЗВГ-018.jpg
Sukhoi Su-24 URSS URSS attacco d'altura
ricognizione
Su-24M Fencer
Su-24MR Fencer
58
20
Verranno aggiornati per raggiungere il livello M2.
Su-24 Fencer left side.jpg
Sukhoi Su-25 URSS URSS
Russia Russia
addestramento avanzato
addestramento avanzato
Su-25UBP Frogfoot
Su-25UTG Frogfoot
8
6
Vengono utilizzati per addestrare i piloti a volare con i caccia Su-33[4].
Russian Air Force Su-25.jpg
Sukhoi Su-33 Russia Russia caccia multiruolo imbarcato Su-33 Flanker 23x Progettati per essere utilizzati sulla portaerei russa Admiral Kuznetsov[5].
Russian Navy Sukhoi Su-33.jpg
Tupolev Tu-22M URSS URSS attacco d'altura Tu-22M Backfire 50x 35 sono in servizio presso la Flotta del Nord e 15 presso la Flotta del Pacifico[6].
Tu-22M3 Ryazan2.JPG
Tupolev Tu-142 URSS URSS lotta antisommergibile e pattugliamento Tu-142MK/MZ Bear 15x 8 sono in servizio presso la Flotta del Nord e 8 presso la Flotta del Pacifico[4].
Tu-142-1986.jpg

Reparti[modifica | modifica wikitesto]

Da notare che molti dei reggimenti risulterebbero essere composti da due o anche un solo squadrone e che diversi reparti sarebbero in posizione quadro. Per i reparti con la sigla n.n. (numerazione non nota) non è stato possibile indicare con precisione la numerazione; potrebbero comunque esistere altri reparti non identificati e alcuni di quelli riportati potrebbero essere stati sciolti di recente.

Glavni Komand Aviatsiya Voyenno-Morskogo Flota (Quartier Generale dell'Aviazione Navale) con sede a Mosca, da cui dipendono:

  • Komand Aviatsiya Voyenno-Morskogo Krnomorskih Flot (Comando Aviazione Navale della Flotta del Mar Nero), con sede a Sebastopoli:
    • 5 Morskoy Razvedyvatelnyì Aviatsonnaya Polk (5 MRAP), reggimento navale da ricognizione, di base a Veseloye, dotato di Tu-22M;
    • 43 Otdelnyi Morskoy Shturmovoi Aviatsonnaya Polk (43 OMShAP), di base a Gvardeyskoye, reggimento navale autonomo d'attacco, comprendente anche uno squadrone di Su-17, forse recentemente disciolto essendo l'ultima unità operativa con velivoli di questo tipo;
    • n.n. Morskoy Smechannyt Aviatsonnaya Polk (? MSAPJ), reggimento navale misto, di base a Gvarddeyskoye, dotato tra l'altro di Il-38;
    • 872 Morskoy Vertoletnyi Polk (872 MVP), reggimento navale elicotteri, base non nota, dotato di Mi-14 e Ka-25;
  • Komand Aviatsiya Voyenno-Morskogo Baltiyckih Flot (Comando Aviazione Navale della Flotta del Mar Baltico), con sede a Safonovo:
    • 4 OMShAP, reggimento navale autonomo d'attacco, di base a Tsernjachovsk, dotato di Su-24;
    • 574 MRAP, reggimento navale da ricognizione, di base a Lakhta, dotato di Tu-22M;
    • 15 MSAP, reggimento navale misto, di base a Chaklovsk, dotato di Su-24 e Su 24MR;
    • n.n. MSAP, reggimento navale misto, base non nota, dotato di Su-27;
    • n.n. MSAP, reggimento navale misto, di base a Kaliningrad-Chrabrovo, dotato di An-12, An-24, An-26 e anfibi Be-12;
    • 924 MRAP, reggimento navale da ricognizione, di base a Olenja, dotato di Tu-22M;
    • 288 MVP, reggimento navale elicotteri, di base a Nivieskiye, dotato di Mi-6, Mi-8, Mi-14BT e Ka-25;
  • Komand Aviatsiya Voyenno-Morskoyo Severnih Flot (Comando Aviazione Navale della Flotta del Nord), con sede a Kola:
    • Otdielnaya Smieshennaya Korabelnaya Diviziya (OSKD), divisione mista imbarcata, di base a Severomorsk, dotata di Su-33

Flanker-D e Su-25UTG ed elicotteri Ka-27 Helix, Ka-29 Helix F e Ka-31;

    • 88 Otdelnyi Morskoy Aviatsonnaya Polk Istrebeitelnyi-Bombardirovchny (88 OMAPIB), reggimento navale autonomo cacciabombardieri, di base a Olenegorsk, dotato di Su-24;
    • 297 OMShAP, reggimento navale velivoli d'assalto, di base a Severomorsk, dotato tra l'altro di Su-25 e Su-25UTG;
    • 987 MRAP, reggimento navale da ricognizione, di base a Severomorsk, dotato di TU-22M;
    • n.n. MVP, reggimento navale elicotteri, di base a Kachalovka, dotato tra l'altro di Ka-27 e Mi-14BT;
    • n.n. MSAP, reggimento navale misto, di base a Ostrov-Kildin, dotato tra l'altro di velivoli Tu-142M e anfibi Be-12;
    • n.n. Morskoya Transportnaya Aviatsionnaya Eskadrilya (? MTAE), squadrone navale da trasporto, di base a Severomorsk, dotato tra l'altro di An-12.
  • Komand Aviatsiya Voyenno-Morskoyo Tiho Okeanskih Flot (Comando Aviazione Navale della Flotta del Pacifico), con sede a Vladivostok:
    • n.n. Morskoy Bombardirovchnyi Aviatsonnaya Polk (? MBAP), reggimento navale

da bombardamento, di base ad Aleksejevka, dotato di Tu-22M;

    • n.n. MBAP, reggimento navale da bombardamento, di base ad Artem, dotato di Tu-22M;
    • n.n. MSAP, reggimento navale misto, di base a Petropavlovsk, dotato tra l'altro di Tu-95MR e Tu-l42M;
    • n.n. MSAP, reggimento navale misto, di base a Sovetskaja Gavan, dotato tra l'altro di Tu-22M e Tu-142M;
    • n.n. MSAP, reggimento navale misto, di base a Korsakov, dotato tra l'altro di «11-38»;
    • n.n. MSAP, reggimento navale misto, base non nota, dotato tra l'altro di velivoli Be-12;
    • n.n. MVP, reggimento navale elicotteri, base non nota, dotato di Mi-14 e Ka-25;
    • n.n. MVP, reggimento navale elicotteri, base non nota, dotato di Ka-25, Ka-27 e Ka-29.

Componente navale[modifica | modifica wikitesto]

Il drastico ridimensionamento delle forze armate che ha seguito la dissoluzione dell'URSS ha coinvolto anche la componente imbarcata dell'aviazione.

Infatti, gli enormi problemi economici hanno provocato la radiazione, nel 1992, dei due classe Moskva, e, nel 1993, delle tre unità classe Kiev (in questo caso tuttavia ha avuto la sua importanza anche l'impossibilità di svolgere le normali operazioni di revisione, visto che il cantiere dove queste navi erano state costruite si trova ora in Ucraina).

Nella seconda metà degli anni novanta, inoltre, è stata posta in riserva anche l'unica classe Kiev modificata costruita, l'Admiral Gorshkou (venduta successivamente all'India).

Oggi[quando?] rimane operativa la sola Admiral Kuznetsov, attiva nella Flotta del Nord. Tutti i programmi relativi alla costruzione di portaerei sono stati cancellati (in particolare la Ulyanovsk), mentre la gemella della Kuznetsov, la Varyag, non è mai stata completata e lo scafo è stato venduto alla Cina.

Riconoscimento: mancano totalmente informazioni attendibili riguardo ai sistemi di codifica adottati in Unione Sovietica prima e in Russia poi. Si può soltanto affermare che i velivoli dell'AV-FM adottano una codifica numerica, solitamente a 2 cifre riportate in maniera molto evidente, la quale dovrebbe consentire l'identificazione del velivolo nell'ambito del reggimento o altro reparto autonomo di appartenenza.

Il futuro[modifica | modifica wikitesto]

È facile ipotizzare che la tendenza a ridurre le forze armate russe continuerà ancora e che pertanto anche la Morskaja Aviacija vedrà ulteriormente ridursi i suoi reparti, oltre che i velivoli in forza. Sono mutate, nel contempo, anche le priorità nei programmi per nuove acquisizioni. Per esempio nel campo del pattugliamento marittimo gli ormai obsoleti Be-12 e Il-38, anziché essere sostituiti da velivoli specifici, dovrebbero essere rimpiazzati da una versione ASW del velivolo civile Tupolev Tu-204.

Dal medesimo aeroplano dovrebbe poi derivare una apposita versione per ricognizione e acquisizione bersagli. Per i compiti di ricerca e soccorso (poiskovo-spasatelnij), invece, dovrebbe essere acquisito un numero limitato di velivoli Beriev Be-40. Non è previsto invece lo sviluppo di un nuovo pattugliatore oceanico e pertanto i Tu-142 dovrebbero essere sottoposti a un programma di ammodernamento, destinato a prolungare la loro vita operativa di circa 20 anni.

Nel campo dei velivoli imbarcati da caccia, in quest'ultimo periodo si è assistito ad una parziale rivitalizzazione del programma MiG-29M, che è però da mettere in relazione alla vendita dell'incrociatore portaeromobili Admiral Gorshkov all'India che non ad un interesse specifico della Marina Russa. La mancanza di nuovi progetti relativi a portaerei blocca ovviamente lo sviluppo di velivoli imbarcati, e pertanto anche quello del caccia da addestramento Sukhoi Su-27KUB, procede con estrema lentezza e, almeno apparentemente, senza uno specifico interesse nazionale.

Riducendosi il numero delle portaelicotteri e delle navi di superficie che ne sono dotate, si riduce di conserva quello degli elicotteri imbarcati, per l'ammodernamento dei quali mancherebbero i fondi necessari, anche se la Kamov ha predisposto e testato un programma specifico, relativo al Ka-27. Risulta invece in via di sviluppo una nuova famiglia denominata Ka-40, con diverse versioni specificatamente dedicate a compiti ASW, SAR, EW, dragaggio, designazione bersagli e assalto, il cui futuro dovrà necessariamente fare i conti con le ristrettezze del bilancio russo, il che porterà quasi di certo a tempi di acquisizioni molto lunghi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ OrBat Russia - MilAvia Press_com Military Aviation Publications. URL consultato il 20 novembre 2010.
  2. ^ Air Forces Monthly, p. 69
  3. ^ Ka-27/29/32 Helix Naval helicopter, warfare.ru. Ultimo accesso: 9 settembre 2008.
  4. ^ a b Air Forces Monthly, p. 68
  5. ^ Air Forces Monthly, p. 70
  6. ^ Air Forces Monthly, p. 65

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]