Tupolev Tu-134

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tupolev Tu-134
Un Tu-134 della compagnia aerea jugoslava (ora serba) Aviogenex (1982)
Un Tu-134 della compagnia aerea jugoslava (ora serba) Aviogenex (1982)
Descrizione
Tipo aereo di linea
Equipaggio 3/4
Progettista URSS OKB 156 Tupolev
Costruttore URSS Aziende statali URSS
Data primo volo 29 luglio 1963
Data entrata in servizio settembre 1967
Esemplari 852
Sviluppato dal Tupolev Tu-124
Altre varianti Tupolev Tu-154
Dimensioni e pesi
Lunghezza 37,10 m
Apertura alare 29,00 m
Diametro fusoliera 2,90 m
Altezza 9,02 m
Superficie alare 127,3
Peso a vuoto 27 960 kg
Peso max al decollo 47 600 kg
Passeggeri 72-84
Capacità combustibile 13 200 L
Propulsione
Motore 2 turboventole Aviadvigatel' Solov'ëv D-30-II
Spinta 66,68 kN ciascuno
Prestazioni
Velocità max 950 km/h
Velocità di crociera 850-900 km/h
Autonomia 3 500 km
Raggio di azione 1 900 km
Quota di servizio 11 900 m
Note dati riferiti alla versione Tu-134A

i dati sono estratti da PSC «Tupolev»[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia
Il cockpit di un Tupolev Tu-134UBL.

Il Tupolev Tu-134 (in caratteri cirillici Туполев Ту-134, nome in codice NATO Charger[2]) è un aereo di linea bimotore a getto progettato dall'OKB 156 diretto da Andrej Nikolaevič Tupolev e sviluppato in Unione Sovietica negli anni sessanta.

Simile allo statunitense Douglas DC-9, è uno dei più diffusi aerei di linea dei paesi dell'ex Patto di Varsavia ed il numero di esemplari in servizio è in calo a causa delle restrizioni sull'inquinamento acustico.

Il Tu-134 ha prestato servizio per lungo tempo in 42 paesi tra Europa, Sud-Est asiatico, Medio Oriente, Africa ed America Latina, utilizzato in alcune compagnie aeree europee molto intensamente (fino a 12 decolli ed atterraggi giornalieri). Oltre al regolare servizio passeggeri, è stato anche utilizzato in varie forze aeree, esercito e marina in ruoli di supporto, per la formazione di piloti e navigatori e per scopi di ricerca nei test di progettazione per l'aviazione sovietica. Negli ultimi anni, un certo numero di esemplari sono stati convertiti per essere utilizzati come trasporto VIP.

La produzione complessiva del Tu-134 nel periodo 1966-1984 ammonta ad un totale di 852 costruiti.


Versioni[modifica | modifica sorgente]

Tupolev Tu-124A CCCP-65976 dell'Aeroflot (1966)
Tupolev Tu-134A con il suo caratteristico muso vetrato ed il radar posizionato nella parte inferiore.
Tupolev Tu-134A CCCP-65976 dell'Aeroflot (1976)
Tupolev Tu-134A della Rossija Airlines.
Tupolev Tu-134A-3 nella livrea dell'Aeroflot-Plus all'aeroporto di Mosca-Šeremet'evo.
Tu-134
versione con l'estremità del muso vetrata. La prima serie poteva ospitare fino a 64 passeggeri, successivamente la capacità è aumentata a 72 passeggeri. La denominazione 'originale era Tu-124A.
Tu-134A
seconda serie caratterizzata da motori più potenti, avionica migliorata e capacità incrementata a 84 passeggeri. Tutte le versioni "A" sono state prodotte con il muso vetrato ed il radar posizionato in un alloggiamento sotto il muso, ma alcune vennero modificate all standard "B" con il radar spostato nel radome anteriore.
Tu-134A-2
versione con muso vetrato modificato.
Tu-134A-3
seconda serie, motorizzata con 2 turboventole Aviadvigatel' Solov'ëv D-30-III.
Tu-134A-5
versione successiva.
Tu-134B
seconda serie, caratterizzata da 80 posti a sedere, radar spostato nel radome anteriore ed eliminazione del muso vetrato. Alcuni modelli "B" erano equipaggiati con serbatoi maggiorati per rotte a lungo raggio, riconoscibili da un notevole rigonfiamento nella parte inferiore della fusoliera.
Tu-134BV
versione speciale per sperimentazioni sul Buran.
Tu-134LK
versione per l'addestramento dei cosmonauti.
Tupolev Tu-134 UBL "Volga"
Tupolev Tu-134 UBL "Ural" nel volo.
Tu-134UBL
versione per l'addestramento degli equipaggi destinati ai bombardieri.
Tu-134UBK
versione navale del Tu-134UBL, prodotta in un solo esemplare.
Tu-134BSh
versione per l'addestramento alla navigazione aerea, caratterizzato dall'avere un muso allungato e a punta, per poter ospitare il radar del Tu-22M.
Tu-134SKh
versione per la ricognizione aerea civile a scopi di controllo del territorio ed agricolo.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Mappa degli operatori mondiali del Tu-134: in rosso gli utilizzatori sia civili che militari, in blu solo quelli civili.

Civili[modifica | modifica sorgente]

All'agosto 2006 erano ancora in servizio un totale di 277 Tupolev Tu-134 (in tutte le versioni). I maggiori operatori, per numero di esemplari in servizio, erano: 223mo Distaccamento Aereo (15), Aeroflot-Nord (14), Albanian Airlines (alcuni)[3] Azerbaijan Airlines (9), Belavia (11), Moskovia Airlines (2), Hemus Air (6), Kolavia (6), Pulkovo Aviation Enterprise (10), Rossiya Airlines (11), S-Air (6), Samara Airlines (6), Sirius-Aero (6), Tajik Air (9), UTair Aviation (31) and Jamal Airlines (10). Altre 55 compagnie operarono con un numero inferiore di esemplari.[4]

Operatori attuali e passati: Adjarian Airlines, Aeroflot, Aeroflot-Don, Aeroflot-Nord, Aeroflot-Plus, Aero Rent Airlines, Air Armenia, Airest, Air Kharkov, Air Koryo, Air Lithuania, Air Moldova, Air Ukraine, Alania Airlines, Albanian Airlines, Alrosa-Avia, Alrosa Mirnyj Air Enterprise, Armavia, Armenian Airlines, Astrakan Airlines, Astral, Atlant-Soyuz Airlines, Atyrau Airways, Aurela, Avcom, Aviaenergo, Aviaprima, Arkhangelsk Airlines, Azerbaijan Airlines, Aviogenex, Balkan Bulgarian Airlines, BAL Bashkirian Airlines, Belair, Belavia, Benin Golf Air, Black Sea Airlines, Cheboksary, Chelyabinsk Air Enterprise, Chernomorskie Airlines, CSA, Daghestan Airlines, EgyptAir, Enkor, Estonian Air, Euro-Asia Air, FlyLal, Gazpromavia, Georgian National Airlines, Gomelavia, Grizodubovoy, Moskovia Airlines, GST Aero, Harka Air, Hemus Air, Interflug, Iraqi Airways, Izhavia, KD Avia, Karat, Katekavia, Kazair West, Kirov Air, Kavminvodyavia, Kolkov Air, Komi Avia, Kosmos PO Aircompany, Kyrgyzstan, Kyrgyzstan Airlines, Lat Charter, Polskie Linie Lotnicze LOT, Malév Hungarian Airlines, Marsland Aviation, Meridian Air, Moscow Airways, NAPO, Orbi Georgian, Orenair, Orient Avia, Perm Airlines, Polet Airlines, Progress, Pulkovo Aviation Enterprise, Rossija Airlines, RusLine, Samal Air, Samara Airlines, Sibaviatrans, Syrian Arab Airlines, Tajikistan Airlines, Tatarstan Airlines, UM Airlines, UTair, UTAGE, Vietnam Airlines, Volga Aviaexpress, Voronezh Avia, Jamal Airlines, Yukos Avia, Zapolar'e Aircompany.

Militari[modifica | modifica sorgente]

Angola Angola
Bielorussia Bielorussia
Bulgaria Bulgaria
Rep. Ceca Rep. Ceca
Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Corea del Nord Corea del Nord
Georgia Georgia
Germania Est Germania Est
Kazakistan Kazakistan
Moldavia Moldavia
Polonia Polonia
Russia Russia
Siria Siria
Ucraina Ucraina
Ungheria Ungheria
URSS URSS

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

Il 21 Giugno 2011 il volo RusAir 243, un Tupolev 134 con 52 persone a bordo, si schianta su un'autostrada distante 1 km dall'aeroporto di Petrozavodsk. Al contatto con la terra si è spezzato in due prendendo fuoco. Nell'impatto sono morte 45 persone mentre sette sono rimaste ferite[5].


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Tupolev Tu-134 in PSC «Tupolev», http://www.tupolev.ru/English/Default.asp. URL consultato il 10 mag 2006.
  2. ^ (EN) Andreas Parsch e Aleksey V. Martynov, Designations of Soviet and Russian Military Aircraft and Missiles in Designation-Systems.net, http://www.designation-systems.net, 2 lug 2008. URL consultato il 31 ott 2010.
  3. ^ Photos: Tupolev Tu-134B3 Aircraft Pictures | Airliners.net
  4. ^ Flight International, 3-9 October 2006
  5. ^ Russia, incidente aereo: almeno 44 morti - Il Quotidiano Italiano - Libero 24x7

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Duffy, Paul and Andrei Kankdalov. (1996) Tupolev The Man and His aircraft. Warrendale, PA: Society of Automotive Engineers.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]