Ilyushin Il-38

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ilyushin Il-38
Ilyushin Il-38 dell'Aeronautica Militare della Russia
Ilyushin Il-38 dell'Aeronautica Militare della Russia
Descrizione
Tipo aereo da pattugliamento marittimo
Equipaggio 10
Progettista URSS OKB 39 Ilyushin
Costruttore URSS aziende statali sovietiche
Data primo volo 1967
Data ritiro dal servizio in servizio
Utilizzatore principale URSS AV-MF
Altri utilizzatori Russia AV-MF
India Naval Air Arm
Esemplari 176
Altre varianti Ilyushin Il-18
Dimensioni e pesi
Lunghezza 39,60 m
Altezza 10,16 m
Superficie alare 140,00
Peso a vuoto 33 700 kg
Capacità combustibile 30 000 L
Propulsione
Motore 4 turboelica Progress AI-20M
Potenza 4 250 CV (3 126 kW) ciascuna
Prestazioni
Velocità max 650 km/h
Velocità di crociera 456 km/h
Autonomia 9 500 km
Raggio di azione 2 500 km
Tangenza 10 000 m
Armamento
Bombe fino a 5 000 kg di carico bellico interno tra cariche di profondità, mine e bombe
Missili siluri AT-1 o AT-2 da 450 mm
Note dati riferiti alla versione Il-38

i dati sono estratti da Уголок неба [1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Ilyushin Il-38 (in caratteri cirillici Ильюшин Ил-38, nome in codice NATO May[2]) è un quadrimotore turboelica da pattugliamento marittimo e per la lotta antisommergibile progettato dall'OKB 39 diretto da Sergej Vladimirovič Il'jušin e sviluppato in Unione Sovietica nella seconda parte degli anni sessanta.

Basato sull'aereo da trasporto passeggeri Il-18, venne impiegato operativamente dalla Aviacija Voenno-Morskogo Flota (AV-MF) sovietica e, dalla sua dissoluzione, dalla successiva AV-MF russa, dove è attualmente operativo assieme all'indiana Naval Air Arm della Bhāratīya Nāu Senā.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Nella seconda metà degli anni cinquanta, la Marina degli Stati Uniti sviluppò il primo sistema di missile balistico nucleare basato su sottomarini (SLBM): l'UGM-27 Polaris. La minaccia per l'Unione Sovietica rappresentata da questo sistema d'arma portò al varo di programmi di riarmo e di sviluppo di sistemi più moderni per la lotta antisommergibili (ASW). Il 18 giugno 1960 venne emessa la direttiva per lo sviluppo di un aereo antisom a lungo raggio da denominare Izdelie 8. La Ilyushin utilizzò due Il-18 e su uno effettuò sperimentazioni per un impianto carburante modificato, sull'altro avviò le prove di integrazione con un radar e sistemi avionici.[3]

L'Ilyushin Il-18 era un aereo di linea che rivestì un ruolo significativo nello sviluppo dei servizi aerei in URSS negli anni sessanta e fu adattato ad una vasta serie di ruoli militari che variavano dal trasporto al posto comando mobile, all'aereo per ELINT.[4] La versione ASW/pattugliatore marittimo venne denominata Il-38 May. Ad un anno dall'avvio del programma e con un anno di anticipo sul previsto, il 28 settembre 1961 il prototipo effettuò il primo volo, seguito dai collaudi di accettazione nel corso del 1965 che portarono all'entrata in servizio del velivolo il 17 gennaio 1969 .[3]

I dettagli tecnici erano poco noti, ma la struttura si notò era stata allungata di 4 m rispetto all'Il-18 e le ali erano state spostate più in avanti. La coda ospitava un MAD, rilevatore di anomalie magnetiche, mentre sotto la parte anteriore della fusoliera venne installato un radar di ricerca (nome in codice NATO "Wet Eye") con l'antenna ospitata da un radome a cupola. Furono realizzate due baie interne per l'armamento, una davanti e una dietro le ali.[4]. L'aumento della gittata dei missili SLBM, portò ad una riclassificazione dell'Il-38 che venne considerato di "medio raggio" e fu necessario sviluppare il Tupolev Tu-142 per pattugliamenti a distanza maggiore.[3]

Nel periodo tra il 1967 e il 1972 sulla base del prototipo vennero prodotti 57 esemplari per la Aviacija Voenno-Morskogo Flota, l'aviazione navale sovietica, l'ultimo dei quali venne accettato il 22 febbraio 1972.[3]

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

Marina Militare Indiana[modifica | modifica sorgente]

Nel 1975 3 Il-38 della Marina Russa modificati e aggiornati furono consegnati all'India e divennero operativi il 1º ottobre 1977. Seguirono altri due velivoli nel 1983 portando la consistenza della flotta a 5.[5]

Nel 2001 la Marina Militare Indiana avviò un programma di ammodernamento per prolungare la vita operativa di altri 15 anni. Il primo aeroplano è stato inviato in Russia per lavori nel 2002 ed è stato riconsegnato agli Indiani nel gennaio 2006. Durante l'ammodernamento, viene installata la suite avionica "Sea Dragon" e gli aerei modificati vengono nominati Il-38 SD. Nella prima versione indiana, il velivolo era armato con il missile antinave BAe Sea Eagle. Nel programma di aggiornamento è inclusa l'adozione del missile da crociera aviolanciato Indo-Russo BrahMos e del missile aria-aria Vympel R-73RDM2.[5]

Il 1º ottobre 2002, due aerei indiani si sono urtati ala contro ala durante le celebrazioni per il venticinquennale del gruppo di volo. Gli aerei sono precipitati uccidendo i 6 membri di equipaggio dei due aerei per un totale di 12 vittime. I Russi hanno annunciato che rimpiazzeranno i velivoli persi dagli Indiani, donando nel 2008 due velivoli dismessi dalla propria Marina.[5]

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

India India
Russia Russia
URSS URSS

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ильюшин Ил-38 in Уголок неба.
  2. ^ (EN) Andreas Parsch e Aleksey V. Martynov, Designations of Soviet and Russian Military Aircraft and Missiles in Designation-Systems.net, http://www.designation-systems.net, 2 lug 2008. URL consultato il 21 ott 2010.
  3. ^ a b c d (EN) Ilyushin Il-38 (Russian Federation), aircraft - fixed-wing - military in Jane's Aircraft Upgrades, Jane's Information Group, Data pubblicazione 17-08-2007. URL consultato l'11-10-2008.
  4. ^ a b (EN) Ilyushin Il-38 in International Directory of Military Aircraft 1998-1999, www.aeronautics.ru. URL consultato l'11-10-2008.
  5. ^ a b c (EN) Ilyushin Il-38 May, Bharat Rakshak, Data pubblicazione 22-09-2007. URL consultato l'11-10-2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Lake, Jon. "Russia's Submarine Killer: Ilyushin IL-37 May". Air International, February 2005, Vol 68 No.2. Stamford, UK:Key Publishing

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]