Nuova Svevia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nuova Svevia
Nuova Svevia – Bandiera Nuova Svevia - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Nuova Svevia - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome ufficiale Neuschwabenland
Lingue parlate tedesco
Inno Prima strofa del Das Lied der Deutschen, Horst Wessel Lied
Capitale Base Neumayer
Dipendente da Germania Germania
Politica
Forma di governo Colonia
Nascita 19 gennaio 1939 con Alfred Ritscher
Causa Esplorazione e colonizzazione della Nuova Svevia
Fine 8 maggio 1945 con Karl Dönitz
(Presidente del Reich tedesco dopo la morte di Adolf Hitler)
Causa Capitolazione del Reich
Territorio e popolazione
Bacino geografico Antartide
Massima estensione 600.000 km² nel 1939
Popolazione 57 abitanti
(33 scienziati e 24 marinai) nel gennaio 1939 fino a febbraio 1939
Economia
Valuta Reichsmark
Risorse Caccia alla balena
Commerci con Potenze dell'Asse
Esportazioni Olio di balena per il Reich
Religione e società
Religione di Stato Protestantesimo
Evoluzione storica
Succeduto da Norvegia Terra della regina Maud

La Nuova Svevia (Neuschwabenland in tedesco), è una zona dell'Antartide con una superficie di 600 000 km² compresa tra le longitudini 20° E e 10° O (situata nella Terra della regina Maud, rivendicata dalla Norvegia), fu rivendicata dalla Germania nazista dal 19 gennaio 1939 all'8 maggio 1945.

Il contesto[modifica | modifica sorgente]

Come altri paesi, la Germania inviò diverse spedizioni in Antartide a fine '800. La prima spedizione fu guidata dal professore di geologia Erich Dagobert von Drygalski nel 1901. La spedizione composta da 27 uomini durò più di due anni, la loro nave Gauß, rimase bloccata per più di 14 mesi nella banchisa. Agli studiosi, geografi, è dovuta la scoperta della Terra di Guglielmo II.

La seconda spedizione ufficiale (1911-1912) fu guidata da Wilhelm Filchner. Fece studi per scoprire se l'Antartide era costituito da un'unica terra. Con la sua nave, la Deutschland, penetrò nel mare di Weddell, allora inesplorato.

La terza spedizione (1938-1939), guidata da Alfred Ritscher, fu organizzata col principale obiettivo di creare una zona per la caccia alle balene. All'epoca l'olio di balena era la principale materia prima per la fabbricazione della margarina e del sapone e la Germania comprando 200 000 t/an dai norvegesi era il secondo importatore mondiale.

La spedizione del 1938[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi spedizione Nuova Svevia.

Il 17 dicembre 1938 partì da Amburgo la nave Schwabenland, con 57 persone a bordo (33 membri della spedizione e 24 dell'equipaggio della Schwabenland). Nel gennaio 1939 la nave arrivò presso la costa dell'Antartide (4° 15´ O 69° 10´ S) e avvistò la terraferma. Le settimane seguenti i due idrovolanti Dornier Do J della nave, il Passat e il Boreas, effettuarono una quindicina di voli realizzando più di 11.000 fotografie aeree. L'equipaggio installò una base temporanea e fece sventolare tre bandiere naziste. Nel mese di febbraio la nave ripartì per la Germania. Dal nome della nave Schwabenland (Svevia) prese in seguito nome il territorio esplorato (Nuova Svevia, appunto).

Furono pianificate altre due spedizioni per le estati del 1939-1940 e del 1940-1941, ma furono annullate a causa dell'inizio della Seconda guerra mondiale. La seconda spedizione avrebbe dovuto studiare la fattibilità della costruzione di una base navale, che probabilmente avrebbe dovuto servire per controllare una parte dell'Oceano Indiano e del Canale di Drake, tra gli oceani Atlantico e Pacifico.

La nave tedesca Schwabenland nel 1938

Leggenda[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Base 211.

La leggenda vuole che la spedizione tedesca in Nuova Svevia fosse stata organizzata dalle forze armate per scopi prettamente militari e di sviluppo delle armi. Secondo alcune fonti di tipo complottista[1], infatti, sotto il ghiaccio sarebbe nascosta la leggendaria Base 211, ove i tedeschi avrebbero tentato di costruire ipotetiche nuove armi e veicoli come il Vril; altre teorie, anch'esse prive di qualunque validità oggettiva, immaginano invece che questa base sarebbe stata il rifugio segreto di Adolf Hitler, dove egli stesso avrebbe fondato le basi per la costruzione di un futuro Quarto Reich, per poi ripartire alla conquista del mondo[1].

Riconoscimento internazionale[modifica | modifica sorgente]

Nessun paese riconobbe le rivendicazioni tedesche, essendo tra l'altro il Terzo Reich fuori dalla Società delle Nazioni, e il Trattato Antartico del 1959 sospese tutte le rivendicazioni territoriali. Oggi la base tedesca Neumayer è situata sulla banchisa in prossimità di questa zona. Il nome Neuschwabenland (qualche volta chiamata "New Schwabenland" o "New Swabia") è tuttora usato in alcune mappe.

Carta tedesca dell' Antartide, nel 1941.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b BeyondWeird Home Page

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]