Brigitte Nielsen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brigitte Nielsen
Fotografia di Brigitte Nielsen
Nazionalità Danimarca Danimarca
Genere Pop
Dance pop
Periodo di attività 1987 – in attività
Etichetta Edel Music
Album pubblicati 3
Studio 2
Raccolte 1

Brigitte Nielsen (Rødovre, 15 luglio 1963) è un'attrice, modella, conduttrice televisiva e cantante danese.

È tra le più celebri icone degli anni ottanta, soprattutto per il suo look aggressivo e statuario. È entrata nel guinness dei primati come attrice protagonista più alta (185 cm).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gli anni ottanta[modifica | modifica sorgente]

Nata in una piccola città alle porte di Copenaghen, finiti gli studi superiori inizia a lavorare come modella alla fine degli anni settanta.

Grazie al fisico statuario e a un'altezza non indifferente (1,85 m) rappresenta perfettamente i canoni estetici degli anni ottanta: una donna androgina ma sensuale, aggressiva ma elegante. Lavora ben presto per gli stilisti più affermati come Gianni Versace, Giorgio Armani e Ferré dividendosi fra New York, Parigi e Milano. Nel 1983 si sposa con il compositore danese Kasper Winding; dalla relazione nasce il suo primo figlio Julian (12 aprile 1984).

In Italia viene notata dal produttore Dino De Laurentiis che la vuole come protagonista accanto ad Arnold Schwarzenegger nel film Yado. Durante la promozione del film a New York, conobbe Sylvester Stallone, che la vuole accanto a sé in Rocky IV e Cobra, e con il quale cominciò una relazione sentimentale. Nel 1985 vince un Razzie Awards come "Peggior attrice non protagonista" per Rocky IV, e come "Peggior esordiente", sempre per Rocky IV e per Yado. Dopo nove mesi di fidanzamento, nel dicembre dello stesso anno decisero di sposarsi e con gran sfarzo nella casa del produttore Irwin Winkler. Il suo secondo matrimonio tuttavia durò meno di due anni e dopo tanti scandali, presunti flirt e un'infinità di gossip arrivò il divorzio nel luglio del 1987. Anche la separazione, alimentata da alcuni scandali, suscitò clamore.

Sempre nel 1987 Brigitte Nielsen debutta come conduttrice televisiva in Italia accanto a Pippo Baudo e Lorella Cuccarini nello show di Canale 5 Festival dove si presenta anche in veste di cantante con l'album, Everybody Tells a Story, prodotto da Giorgio Moroder che riscuote un buon successo in Austria e Germania grazie anche al fortunato singolo "Body Next to Body", un duetto con il cantante austriaco Falco che però non è presente nell'album. Nel frattempo è al cinema in Beverly Hills Cop II con Eddie Murphy, film che la consacra come amazzone del cinema d'azione, cioè una donna sexy e pericolosa, un ruolo che le verrà spesso richiesto nei futuri film.

Nel 1988 compare nuda sulla copertina del primo numero del settimanale Il Venerdì di Repubblica. Nel 1989 appare nel video-musicale Liberian Girl di Michael Jackson insieme ad un nutrito cast di stelle di Hollywood come John Travolta, Steven Spielberg, Dan Aykroyd, Lou Ferrigno, Rosanna Arquette, Virginia Madsen, Whoopi Goldberg e lo stesso Jackson.

Gli anni novanta[modifica | modifica sorgente]

Nell'estate del 1990 incide un singolo "Rockin' Like a Radio" e lo promuove in un tour europeo. Negli anni novanta prosegue la carriera cinematografica dividendosi fra film d'azione americani di scarso successo e commedie di cassetta in Italia. Nel novembre del 1991 pubblica il suo secondo disco, I Am the One... Nobody Else.

Nel 1992 conduce il Festival di Sanremo accanto a Pippo Baudo, Milly Carlucci e Alba Parietti (Questa edizione è stata la più seguita degli anni novanta con una media di 16 milioni 614 000 spettatori ed uno share pari al 57,68%) e recita nel ruolo della Strega Nera in Fantaghirò 2, ruolo che le fa guadagnare buone critiche[1][2] e che riproporrà anche nei sequel della serie fino al 1996 diventando un personaggio apprezzato anche dal pubblico più giovane. Nel 1993 sposa il terzo marito, il pilota svizzero di rally Raoul Meyer e si trasferisce in Svizzera.

Successivamente lavora un po' ovunque dividendosi fra cinema negli Stati Uniti e TV in Europa (nel 1997 conduce Brigitte and Friends in Danimarca[3] e dal 1994 un talk show per la Radiotelevisione svizzera di lingua italiana[4]). In Italia è inviata per lo show di Canale 5 La sai l'ultima? (1999) ed è nel cast del programma comico di Telemontecarlo Retromarsh (1996), inoltre partecipa a molti programmi in qualità di ospite. Sempre per la tv italiana è inviata a bordo campo per Rai Sport durante gli incontri di campionato della serie A di basket per la stagione 1996/1997.[5]

Nel giugno 1997 secondo il settimanale scandalistico francese Voice, sarebbe stata lei la star hollywoodiana citata da Le Monde il 10 giugno come protagonista di una delle vicende più clamorose al centro dell'inchiesta aperta nel 1995 dalla magistratura francese che indagava su una rete di squillo internazionali tra i cui clienti si annoveravano diversi dignitari arabi, sceicchi ed emiri del Golfo Persico. Brigitte Nielsen, secondo il racconto, nel settembre del 1996, avrebbe raggiunto con l'aereo personale di un principe arabo Cannes, dove all'hotel Martinez l'avrebbe attesa in una lussuosa suite il nobile saudita. Per questo incontro l'attrice avrebbe percepito la "modica" somma di un milione di dollari. L'interessata ha sempre smentito tutto.[6] [7]

Gli anni 2000[modifica | modifica sorgente]

Nel febbraio del 2000 appare nel video-musicale Make Me Bad della band americana Korn diretto da Martin Weisz, insieme agli attori Udo Kier, Shannyn Sossamon e alla ex top-model Tatjana Patitz. Nell'estate del 2000 si ripropone come cantante dance con lo pseudonimo Gitta e pubblica un singolo, No More Turning Back, che ottiene molto successo nell'ambiente delle discoteche soprattutto in Spagna. Sempre con il nome di Gitta realizza i singoli Tic Toc (2001) e You're No Lady (2002), una collaborazione con la popolare drag queen RuPaul.

Dopo aver partecipato come guest star alla soap opera di Rai 3 Un posto al sole e al film natalizio Paparazzi di Neri Parenti, nel 2003 Brigitte è fra i reclusi vip dell'edizione danese del Grande Fratello e partecipa allo speciale natalizio dello show britannico Star in Their Eyes.

Dal 2004 lavora per lo più negli Stati Uniti dividendosi tra cinema e televisione, partecipando anche a trasmissioni in Germania ed Inghilterra. Ultimamente ha partecipato a vari reality show in vari Paesi del mondo: nel 2004 è una delle concorrenti del reality show La Talpa su Rai 2, poi The Surreal Life 3 per il network statunitense VH1, Celebrity Big Brother nel Regno Unito e Strange Love di nuovo per VH1USA; quest'ultimo vedeva le telecamere seguire lei e il rapper dei Public Enemy, Flavor Flav, coinvolti in un'improbabile storia d'amore nata sul set de The Surreal Life 3 in cui entrambi avevano partecipato e di cui questa reality sit-com è uno spin-off. Nel luglio 2004 co-produce un documentario girato tra le favelas de Atibaja (Brasile), per sostenere i progetti dell'Associazione Umanisti Italiani nel Mondo Onlus.

La Nielsen nel 2006 si sposa per la quarta volta con un barista sardo di Iglesias, Mattia Dessì, di quindici anni più giovane di lei, e partecipa al reality show statunitense The Surreal life: Fame Game. Nel 2006, dopo 15 anni vissuti in Italia, si trasferisce con il marito definitivamente a Los Angeles, dove ha ripreso la sua carriera cinematografica e televisiva. Nel marzo 2007 viene trasmesso dal canale inglese Sky Travel il programma Killing Brigitte Nielsen una reality-fiction che la mostra "uccisa" da trafficanti di droga nei mari della Grecia, con sette turisti britannici inconsapevolmente coinvolti nel caso. Il 9 luglio 2007 entra in una clinica di riabilitazione per guarire dalla dipendenza da alcol[8].

A gennaio 2008 è protagonista di Celebrity Rehab serie shock, trasmessa da VH1 negli Stati Uniti e da Five in Gran Bretagna, un docu-drama che segue le cure di riabilitazione di diverse personalità del mondo dello spettacolo in lotta contro le loro dipendenze. Nel giugno 2008 si sottopone ad alcuni interventi di chirurgia plastica, tra cui lifting facciale, liposuzione, riduzione del seno e denti nuovi. Il tutto filmato dalle telecamere dell'emittente tedesca RTL che dal 6 luglio 2008, per quattro speciali ne mostrerà le operazioni nel docu-reality Aus alt mach neu: Brigitte Nielsen in der Promi-Beauty-klinik. Il programma è stato trasmesso anche in Italia dal canale satellitare Sky Vivo nel dicembre 2008 e nell'estate 2009 su Italia 1.

Il 29 agosto 2008 l'etichetta discografica tedesca Edel Music pubblica con il titolo Brigitte Nielsen una raccolta dei due album precedenti: Every Body Tells a Story e I Am the One... Nobody Else, pubblicati rispettivamente nel 1987 e nel 1991. La raccolta contiene venti tracce musicali. Il 27 ottobre 2009 la casa editrice danese Lindhardt og Ringhof ha pubblicato l'autobiografia ufficiale di Brigitte, intitolata Gitte Nielsen - Du har kun ét liv - sådan fandt jeg tilbage til mig selv. Nell'aprile 2011 il libro viene pubblicato anche nel Regno Unito con il titolo You only get one life[9] e nel febbraio 2012 anche per il mercato di lingua tedesca con il titolo "Im Leben wird dir nichts geschenkt"

Gli anni 2010[modifica | modifica sorgente]

Nel 2010 partecipa al reality show La Ferme Célébrités, versione francese de La fattoria, in onda dal 29 gennaio su TF1, ma viene eliminata dal televoto dopo una sola settimana.[10] Dal 9 aprile 2010 è invece una delle concorrenti di Let's Dance, versione tedesca di Ballando con le stelle, trasmesso dal network tedesco RTL. Nell'estate dello stesso anno partecipa alla versione tedesca[11] e danese[12] di Cortesie per gli ospiti.

Nel 2011 partecipa come guest star ad un episodio della serie tv tedesca SOKO: Stuttgart, trasmessa dal network ZDF.[13]. Nello stesso anno presta la propria voce per il doppiaggio del film d'animazione danese Ronal barbaren. Successivamente appare nello show a scopo benefico Sing if you can trasmesso da ITV (Regno Unito). Dal 13 gennaio 2012 è una delle concorrenti della sesta edizione di Ich bin ein Star - Holt mich hier raus, la versione tedesca de L'isola dei famosi, trasmessa su RTL Television. [1]. Il 30 gennaio viene eletta vincitrice dal televoto.

Nell'ottobre del 2012 partecipa allo show televisivo danese Maestro: nel programma, trasmesso su DR1, cinque concorrenti vip si sfidano per diventare direttori d'orchestra.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Ha quattro figli, uno avuto dal primo marito, due avuti dal terzo marito, ed uno, Killian Nielsen, avuto con l'ex compagno, il Defensive End dei New York Jets, Mark Gastineau, con il quale ha avuto una relazione durata due anni, dal 1988 al 1990. Ad oggi (2010) la Nielsen ha avuto sei compagni (di cui quattro mariti):

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

TV[modifica | modifica sorgente]

Reality Shows[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Programmi TV[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • 1987 - Everybody Tells a Story
  • 1987 - Body Next to Body (con Falco)
  • 1988 - Maybe
  • 1988 - It's a Strange Love
  • 1988 - Siento (solo in Sud America)
  • 1990 - Rockin' Like a Radio
  • 1991 - My Girl (My Guy)
  • 1992 - How Could You Let Me Go
  • 2000 - No More Turning Back (come "Gitta")
  • 2001 - Tic Toc (come "Gitta")
  • 2002 - You're No Lady (con RuPaul, come "Gitta")
  • 2012 - Misery (con Spleen United, come "Gitte Nielsen")

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Recensione de Il Corriere della Sera 23 dicembre 1994
  2. ^ Recensione di Aldo Grasso per Il Corriere della Sera del 24 dicembre 1992
  3. ^ scheda sull'IMDB
  4. ^ Articolo de Il Corriere della Sera del 6 maggio 1994
  5. ^ "Brigitte va a canestro", da Il Corriere della Sera del 22 settembre 1996
  6. ^ http://archiviostorico.corriere.it/1997/giugno/25/Brigitte_Nielsen_non_vendo_co_0_97062513593.shtml articolo Corriere della sera del 25 giugno 1997
  7. ^ http://archiviostorico.corriere.it/1997/giugno/24/Notte_con_Nielsen_sceicco_arabo_co_0_97062413639.shtml articolo Corriere della Sera del 24 giugno 1997
  8. ^ Articolo su Repubblica.it
  9. ^ You Only Get One Life - Tesco Books
  10. ^ Brigitte Nielsen de La Ferme Célébrités en Afrique
  11. ^ Brigitte Nielsen "Das perfekte Promi-Dinner" vom 01.08.2010
  12. ^ Til middag hos Gitte Nielsen
  13. ^ Brigitte Nielsen spielt in "Soko Stuttgart" , www.rp-online.de

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 59277972 LCCN: no2011111733