Arnold Schwarzenegger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arnold Schwarzenegger
Arnold Schwarzenegger al San Diego Comic-Con International 2012

Arnold Schwarzenegger al San Diego Comic-Con International 2012


38º Governatore della California
Durata mandato 7 ottobre 2003 - 3 gennaio 2011
Predecessore Gray Davis
Successore Jerry Brown

Presidente del Consiglio su Fitness e Sport
Durata mandato 1990 – 20 gennaio 1993
Presidente George H. W. Bush

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Tendenza politica Liberal, ecologista
Titolo di studio Laurea in Business Administration con Major in Marketing internazionale dello sport
Alma mater Università del Wisconsin
Professione Culturista, attore, imprenditore, politico
Firma Firma di Arnold Schwarzenegger

Arnold Alois Schwarzenegger (pronuncia inglese:/ˈʃwɔrtsən.ɛɡər/, tedesca /ˈʃvaɐtsənˌʔɛɡɐ/) (Thal, 30 luglio 1947) è un attore, politico, imprenditore, produttore cinematografico ed ex culturista austriaco naturalizzato statunitense. È stato il 38º Governatore della California.

Sin da giovane si è imposto come uno dei maggiori culturisti del mondo.[1] Affermato uomo d'affari,[2] ha costruito la propria carriera sul suo fisico possente, grazie al quale è entrato nel mondo del cinema. La celebrità gli è derivata dall'interpretazione del barbaro guerriero Conan, al quale ha fatto seguito il primo film della tetralogia di Terminator.[3] Considerato uno degli interpreti più rappresentativi del film d'azione, occupa un posto di rilievo nello star system del cinema statunitense.[3]

Avvicinatosi alla politica nei primi anni novanta, è diventato membro attivo del partito repubblicano. Nel 2003 si è dato alla politica ed è stato eletto governatore dello Stato della California. Nel 2006, è stato riconfermato alla stessa carica. Al termine del suo mandato (gennaio 2011) è tornato al cinema.

Noto anche per la sua attività contro il razzismo, l'inquinamento e il riscaldamento climatico, nel maggio del 2004 e del 2007, è stato inserito nella lista del Time 100 come una delle cento persone più influenti impegnate per aiutare il mondo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nacque il 30 luglio 1947 nel villaggio Thal (Stiria) in Austria, come Arnold Alois Schwarzenegger. I suoi genitori, Gustav Schwarzenegger (1907-1972), Gendarmerie-Kommandant della polizia locale, e Aurelia Jadrny (1922-1998)[4] erano poveri. La famiglia, di religione cattolica e praticante,[5] aveva anche un altro figlio più grande, Meinhard.[6] Cresciuto con un rapporto conflittuale col severo padre che durante la seconda guerra mondiale aveva prestato servizio nella polizia militare come sergente,[5] ebbe invece un buon rapporto con la madre.[7]

Negli studi inferiori Schwarzenegger mostrò una buona media, spiccando anche per le sue doti di "simpatia, buon umore ed esuberanza".[5] Il padre, agonista di curling, spinse i figli verso l'eccellenza atletica.[8] Schwarzenegger crebbe quindi praticando vari sport: calcio, curling, nuoto, pugilato, getto del peso e tiro del giavellotto.[5] All'età di 14 anni scelse di intraprendere la carriera di culturista.[9][10]

Nel 1961 il giovane Schwarzenegger conobbe l'ex Mister Austria Kurt Marnul che lo invitò ad allenarsi nella palestra Athletic Union di Graz, dove iniziò anche a lavorare da apprendista carpentiere. Nel febbraio del 1964 vinse i campionati cittadini e nazionali di curling nella divisione giovanile. Nel 1971 il fratello Meinhard rimase ucciso in un incidente automobilistico[4][11][12] Un anno più tardi, il padre Gustav morì per infarto.[4][11]

La vita adulta[modifica | modifica wikitesto]

All'età di 18 anni, nel 1965, prestò per un anno servizio militare obbligatorio nell'esercito austriaco, effettuando missioni militari speciali.[4] Era inoltre conducente di carri armati. Durante l'allenamento di base disertò per partire di nascosto per Stoccarda e prendere parte al concorso «Mister Europa» per juniores, vincendolo.[8][10] Essendosi assentato senza permesso fece due mesi nel carcere militare (per alcuni, due settimane). Vinse poi un'altra gara di bodybuilding a Graz presso l'hotel Steirer Hof (nella quale in precedenza si era classificato secondo). Vinse quindi il titolo di "Fisico migliore d'Europa" a Stoccarda, continuando ad allenarsi durante il servizio militare.

Dopo l'esercito, nel 1966, si trasferì a Monaco di Baviera. Durante questo periodo, non avendo ancora i mezzi economici per prendere in affitto un appartamento, dormiva sul pavimento della stessa palestra alla quale si era iscritto. Per un breve periodo, aprì una propria palestra, chiusa presto per via di debiti. Il titolo di Mister Universo del 1966 promosso dalla NABBA (National Amateur Body-Builders´ Association) fu per lui il biglietto per Londra.[13] A questa gara arrivò secondo dopo Chester Yorton. Charles "Wag" Bennet, uno dei giudici della gara del 1966, fu colpito da Schwarzenegger e si offrì di allenarlo. Bennet lo invitò a vivere nella propria casa sopra una delle sue due palestre a Forest Gate. Attraverso un programma di allenamento studiato da Bennet, si concentrò sul miglioramento della definizione muscolare per dare più potenza alle gambe. Vivere nell'East End londinese aiutò nel frattempo Schwarzenegger a migliorare la propria rudimentale conoscenza dell'inglese.[14][15]

Inoltre, nel 1966 ebbe l'opportunità di incontrare il suo idolo d'infanzia Reg Park, che divenne suo amico e mentore.[16] Nel 1967 Schwarzenegger vinse il titolo di Mister Universo per la prima volta, diventando il più giovane vincitore di sempre all'età di 20 anni.[1][13] Vinse il titolo altre 4 volte.[10] Ritornò a Monaco, allenandosi dalle 4 alle 6 ore al giorno, frequentando la facoltà di economia e commercio all'Università di Monaco[11] e lavorando presso la palestra di Rolf Putzinger dal 1966 al 1968.[11] Ha spesso detto Roger Field il suo amico e insegnante di inglese nel 1968 a Monaco "Diventerò il più grande attore!"[17] Nel 1968 ritornò poi a Londra dove vinse un altro titolo di Mister Universo.[13]

Trasferimento negli Stati Uniti d'America[modifica | modifica wikitesto]

Schwarzenegger si trasferì negli Stati Uniti d'America nel settembre del 1968, all'età di 21 anni.[4][10] Secondo lo studio legale di immigrazione Siskind & Susser, tra la fine degli anni sessanta e all'inizio del 1970, potrebbe essere stato un immigrato clandestino a causa di violazioni legate al visto d'ingresso.[18]

Cominciò ad allenarsi nel club Gold's Gym a Santa Monica, in California, sotto la direzione di Joe Weider. Dal 1970 al 1974 uno dei compagni di allenamento di Schwarzenegger fu il wrestler Ric Drasin.[19] Fece amicizia anche con Billy Graham. Nel 1970, all'età di 23 anni, ottenne il suo primo titolo di Mister Olympia a New York. Vinse poi il titolo altre 6 volte.[13] Nel frattempo frequentò i corsi generali del Santa Monica City College in California, avviò un'attività edilizia insieme a Franco Columbu e una propria attività di vendita per corrispondenza. Nel 1973 iniziò a seguire i corsi di economia aziendale alla Università della California, Los Angeles mentre nell'ottobre del 1975 a Pittsburgh iniziò un tour di seminari che toccava sei città. Nel 1977 pubblicò l'autobiografia/guida all'allenamento fisico dal titolo "Arnold: l'educazione di un body-builder", che ebbe grande successo.[4]

Dopo quattro anni di studi ottenne un bachelor all'Università del Wisconsin, laureandosi in marketing internazionale del fitness e business administration nel 1979. Nel 1983, allo Shrine Auditorium di Los Angeles, divenne cittadino statunitense, mantenendo anche la sua nazionalità. Tre anni dopo, nel 1986, sposò la giornalista televisiva Maria Shriver, nipote dell'ex presidente John Fitzgerald Kennedy.

Carriera nel culturismo[modifica | modifica wikitesto]

Arnold Schwarzenegger
Dati biografici
Nazionalità Austria Austria
Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso In competizione: 106,5 kg;
Fuori competizione: 113 kg
Culturismo Bodybuilding pictogram.svg
Palmarès
Transparent.png Mister Olympia
Oro Sydney 1980
Oro Pretoria 1975
Oro New York 1974
Oro New York 1973
Oro Essen 1972
Oro Parigi 1971
Oro New York 1970
Argento New York 1969
Transparent.png Mister Universo
Oro Londra 1970
Oro Londra 1969
Oro New York 1969
Argento Miami 1968
Oro Londra 1968
Oro Londra 1967
Argento Londra 1966
Transparent.png Mister Mondo
Oro Columbus 1970
Transparent.png Mister International
Oro Tijuana 1968
Transparent.png Mister Europa
Oro Essen 1969
Oro Germania 1966
Transparent.png Mister Europa Junior
Oro Stoccarda 1965
 
Caratteristiche fisiche
Altezza 188 cm
Misure
Braccio: 55,8 cm
Petto: 145 cm
Vita: 86 cm
Coscia: 72 cm
Polpaccio: 51 cm
Peso 113 kg

Schwarzenegger guadagnò fama inizialmente come culturista. Il suo fisico armonioso e ben sviluppato rivoluzionò lo sport, facendogli guadagnare l'epiteto di "quercia austriaca" e permettendogli di vincere i titoli di Mister Europa Junior, Mister World, Mister Universo (cinque volte) e Mister Olympia (sette volte). Viene considerato una delle maggiori figure della storia del culturismo,[1] celebrata nella gara annuale conosciuta come Arnold Classic.

Iniziò ad allenarsi nel garage di casa, dove si costruì una palestra con attrezzi rudimentali finché non gli venne proposto di allenarsi nella palestra di Graz, che raggiungeva ogni giorno in bicicletta, a una decina di chilometri da casa sua. Nel 1964 si classificò terzo al Mr. Austria e Mr. Ercole e quarto al Mr. Steiermark. Nel 1965 vinse a Stoccarda con punteggio massimo il suo primo titolo ufficiale, quello di Mr. Europa Junior e conobbe l'italiano Franco Columbu, destinato a diventare uno dei suoi amici più fedeli.[4][13] Nel 1966 vinse il Mr. Europa a 19 anni e arrivò secondo dietro a Chester Yorton (uno degli unici tre bodybuilder al mondo che sono riusciti a battere Schwarzenegger in competizione) alla gara di Mr. Universo, organizzata a Londra dalla NABBA. Nell'ottobre dello stesso anno vinse il titolo di "Fisico migliore d'Europa" a Stoccarda e un titolo pesi massimi di powerlifting. E l'anno dopo, sempre a Londra, diventò il più giovane Mr. Universo della storia,[1] bissando poi il successo nel 1968 a Londra. A quel punto, accettò le offerte di Joe Weider e si trasferì a Santa Monica, negli Stati Uniti.[1] A Miami vinse il Mr. Universo nella categoria alta statura, ma arrivò secondo alle spalle di Frank Zane nella classifica assoluta.

Nel 1969 vinse il Mr. International a Tijuana, il Mr. Universo IFBB a New York, il Mr. Universo NABBA professionistico a Londra e il Mr. Europa IFBB a Essen; poi si classificò secondo alle spalle di Sergio Oliva al Mr. Olympia.[1] Ebbe modo di conoscere Reg Park, e dopo la vittoria londinese del titolo di Mr. Universo si trasferì con lui in Sudafrica, dove si allenarono insieme. Nel 1970 sconfisse a Londra Reg Park, attirato in competizione per sfruttare promozionalmente la sua rentrèè e la sfida con Schwarzenegger; a Columbus riuscì a battere il Mr. Olympia in carica Sergio Oliva, aggiudicandosi il titolo di Mr. Mondo.[1]

Mr. Olympia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo primo tentativo fu nel 1969, quando arrivò secondo alle spalle del 3 volte campione Sergio Oliva. Tornò nel 1970 e vinse la competizione.[13] Il 5 dicembre riceve il riconoscimento IFBB "Certificate of Merit". Continuò nelle competizioni del 1971-1974.[13] Nel 1975 vinse il titolo per la sesta volta consecutiva,[13] battendo Franco Columbu. Dopo il Mr. Olympia contest del 1975, Schwarzenegger annunciò il suo ritiro da professionista di bodybuilding.[13]

Mesi prima del Mr. Olympia contest 1975, i registi George Butler e Robert Fiore persuasero Schwarzenegger a farsi filmare durante gli allenamenti per il documentario di bodybuilding Uomo d'acciaio (Pumping Iron).[1] Schwarzenegger aveva tre mesi per preparare la competizione, dopo aver perso notevole peso per apparire nel film Un autentico campione con Jeff Bridges. Uno Schwarzenegger più leggero del solito vinse il Mr. Olympia del 1975.[11] Così, dopo essere stato proclamato Mr. Olympia per la sesta volta, Schwarzenegger si ritirò dalle competizioni.

Dal 1976 al 1979, in società con Jim Lorimer promosse il Mr. Olympia a Columbus, del quale fu anche telecronista esperto per la CBS. Tornò a gareggiare nel Mr. Olympia del 1980.[1][4] In ottima forma grazie all'allenamento per il film Conan, decise di partecipare. Assunto come telecronista per una rete televisiva, annunciò all'ultimo momento la sua decisione di competere. Vinse il settimo titolo con sole sette settimane di preparazione e si ritirò ufficialmente dalle competizioni.

Il suo record di sette vittorie del Mr. Olympia resistette undici anni fino a che Lee Haney non vinse l'ottavo titolo consecutivo come Mr. Olympia nel 1991. Il suo libro "La nuova enciclopedia del moderno bodybuilding" (1985) è considerato uno dei capisaldi di genere. Nel 1989 organizzò il primo Arnold Classic a Columbus, annuale manifestazione di bodybuilding diventata talmente prestigiosa da essere seconda solo al leggendario Mister Olympia.

Schwarzenegger è rimasto un volto dello sport per un lungo periodo dopo il suo ritiro, in parte per le palestre e riviste di fitness gestite e in parte presiedendo a gare ed esibizioni. Per molti anni ha scritto una rubrica mensile per le riviste di culturismo Muscle & Fitness e Flex. Poco dopo essere stato eletto governatore della California, è stato nominato simbolicamente direttore esecutivo di entrambe le riviste. Le riviste hanno accettato di donare 250.000$ ogni anno alle iniziative di Schwarzenegger per il fitness.

Strongman[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1967 Schwarzenegger ha gareggiato e vinto nella gara di sollevamento pietre (pietre di Atlante) di Monaco, dove una pietra del peso di 508 libbre tedesche (254 kg/560 lbs) è sollevata tra le gambe stando su due appoggiapiedi. Riguardo alle proprie misure atletiche Schwarzenegger ha affermato: "Al vertice della mia carriera avevo polpacci di 20 pollici, cosce di 28.5, 34 pollici di vita, petto di 57 e braccia di 22 pollici". In posizione di squat completo (glutei vicino a terra) Schwarzenegger aveva un record personale di 181 kg/400 lbs per 12 ripetizioni mentre nel sollevamento da terra alzava 322 kg.[20]

Carriera di attore[modifica | modifica wikitesto]

Anni Settanta[modifica | modifica wikitesto]

Il particolare fisico gli servì per ottenere i primi ruoli cinematografici. All'inizio, il suo aspetto fisico lo relegò a ruoli secondari o da macchietta. La sua prima apparizione in un film fu come Ercole in Ercole a New York (1970), attribuitogli con il nome di Arnold Strong;[11] il suo accento austriaco nel film era così marcato che le sue battute furono doppiate.[10] Apparendo nel Merv Griffin Show, fu notato da Lucille Ball, e gli fu dato il ruolo principale nella situation comedy Happy Anniversary And Goodbye.[11] La sua seconda apparizione in un film fu il ruolo di un sordomuto nel film diretto da Robert Altman Il lungo addio (1973), seguito da un ruolo più significativo nel film Il gigante della strada (1976) affiancato da Jeff Bridges e Sally Field, per il quale vinse un Premio Golden Globe come migliore attore esordiente dell'anno.

Raggiunse maggiore notorietà con il docu-film Uomo d'acciaio (1977),[9][10] Nel 1991 comprò i diritti del film, le sequenze tagliate e il materiale fotografico associato.[21] Fece poi un'audizione per il ruolo da protagonista nella serie L'incredibile Hulk, ma non ottenne il ruolo a causa della sua statura. Più tardi, Lou Ferrigno ebbe la parte. Interpretò quindi come guest star l'episodio "Dead Lift" (Stretta mortale) del 1977 per la serie televisiva Le strade di San Francisco. Comparve poi come cowboy al fianco di Kirk Douglas e Ann-Margret nella commedia western Jack del Cactus. Dopo una piccola parte in Scavenger Hunt, nel 1980 ebbe un ruolo importante nel film-biografia sull'attrice degli anni 1950 Jayne Mansfield, come marito della Mansfield, Mickey Hargitay.

Anni Ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Arnold con Ronald Reagan nel 1984

Un ruolo particolarmente adatto per il suo fisico e il suo accento fu quello di protagonista in Conan il barbaro (1982). Spinto dalla sceneggiatura di John Milius e Oliver Stone e dalla regia di Milius, Conan rese Schwarzenegger noto a livello internazionale,[22] consolidandone il successo anche con il sequel Conan il distruttore (1984),[23].

Nel 1983 comparve nel documentario "Carnevale a Rio". Poi, convincendo il regista James Cameron a dargli la parte del cattivo, ottenne il ruolo da protagonista in Terminator (1984), in cui interpreta il cyborg assassino che viaggia nel tempo. Realizzato con costi contenuti, il film fu un enorme successo commerciale e di critica rendendo famosi sia Cameron sia Schwarzenegger.[9][10][24]

La stella sulla Hollywood Walk of Fame

Su richiesta di Dino De Laurentiis recitò in Yado (1985).[23] Dopo essere diventato una star di Hollywood, interpretò una serie di film d'azione di successo: Commando (1985), Codice Magnum (1986), e Danko (1988), nei quali spesso abbinava alla forza bruta un senso di autoironia, evidente anche nelle sue incursioni nel genere fantascientifico-avventuroso: L'implacabile (1987), Predator (1987), Atto di forza (1990); quest'ultimo fece guadagnare a Schwarzenegger 10 milioni di dollari e il 15% degli incassi.

Venne richiesto da Stanley Kubrick per prendere le parti di Animal nel film Full Metal Jacket, ma dovette rifiutare in quanto già impegnato nel film L'implacabile, prodotto nello stesso anno (1987). Il 2 giugno 1987, gli viene intitolata la 1847ª piastrella nella Hollywood Walk of Fame, per il contributo dato all'industria cinematografica. In Predator, un altro blockbuster, Schwarzenegger guidò un cast che include il futuro Governatore del Minnesota Jesse Ventura (Ventura appare anche in L'implacabile) e il futuro candidato a Governatore del Kentucky Sonny Landham. Una volta che la sua reputazione di mattatore del botteghino fu consolidata, Schwarzenegger aprì anche alle commedie per famiglia.[22] Fece quindi un cambio di genere e recitò ne I gemelli (1988), commedia con Danny DeVito, e in Un poliziotto alle elementari (1990), diretto da Ivan Reitman.

Anni Novanta[modifica | modifica wikitesto]

Tentò poi brevemente di cimentarsi nella regia, prima con un episodio del 1990 della serie televisiva I racconti della cripta, intitolato "The switch", e poi, nel 1992, col film per la televisione Eroe per famiglie, una commedia con Dyan Cannon e Kris Kristofferson, in cui Schwarzenegger fece una comparsata. Le sue uniche due esperienze come regista.

Le sue impronte di piedi e mani di fronte al Grauman's Chinese Theatre

Probabilmente raggiunse l'apice della carriera con l'allora film più costoso della storia Terminator 2 - Il giorno del giudizio (1991), nel quale ridiede corpo alla figura del cyborg T-800, incaricato di proteggere John Connor. Nel 1992 il Gran Premio Internazionale dello Spettacolo gli conferì il Telegatto come Attore internazionale più popolare. La rivista Premiere lo inserì al decimo posto nella classifica delle persone più potenti di Hollywood nel 1992 e all'ottavo nel 1993. La commedia d'azione Last Action Hero - L'ultimo grande eroe (1993), non ebbe gli incassi sperati anche se andò molto bene in home video. Nel 1993, la National Association of Theatre Owners lo nominò "star internazionale del decennio".

Gli incassi tornarono ai vertici con True Lies (1994), diretto nuovamente da James Cameron. Nell'agosto dello stesso anno il programma televisivo Entertainment Tonight definì Schwarzenegger il personaggio più intervistato in televisione, con 211 apparizioni. Partecipò quindi alla commedia Junior, l'ultima delle sue quattro collaborazioni con Ivan Reitman e con di nuovo co-protagonista Danny DeVito. Questo film gli procurò la sua seconda nomination ai Golden Globe, questa volta come miglior attore in una commedia.

Sempre con alti incassi seguirono L'eliminatore - Eraser (1996), questa volta nella parte di un comandante della polizia federale che elimina il passato dei testimoni per dare loro la possibilità di un futuro al sicuro; Batman & Robin (1997), interpretando un sofferente Mister Freeze. Una promessa è una promessa lo ripropose nella commedia nelle vesti di un padre che, tormentato alla ricerca del giocattolo più popolare del mondo, assale il mercato natalizio. Fu un disilluso ex poliziotto in Giorni contati - End of Days (1999), film apocalittico sulla fine del mondo. Nel 1998 i personaggi del mondo cinematografico resero omaggio alla sua carriera cinematografica con Hollywood Salutes Arnold Schwarzenegger: An American Cinematheque Tribute.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Schwarzenegger al Festival di Cannes nel 2003

Dopo il thriller di fantascienza Il sesto giorno (2000), arrivò Danni collaterali (2002) con Francesca Neri, che però non ebbe il successo sperato. Il film aveva come tema portante il terrorismo, motivo per cui l'uscita del film venne posticipata a seguito degli attentati dell'11 settembre 2001. L'ultimo film d'azione che lo vide come protagonista è il terzo capitolo della saga Terminator 3 - Le macchine ribelli (2003), terzo film più costoso della storia interpretato da Schwarzenegger, con ottimi risultati in termini di incassi in tutto il mondo.

Come tributo a Schwarzenegger nel 2002, l'associazione culturale Forum Stadpark avanzò la proposta di erigere una statua di Terminator alta 25 metri in un parco del centro di Graz.[25] Per adempiere al suo incarico come governatore della California si è ritirato dalle scene cinematografiche nel 2004.

Nel giugno 2009 è uscito nelle sale cinematografiche il quarto capitolo di Terminator, Terminator Salvation. Nel film appare come "attore virtuale" in un breve cameo: grazie all'elaborazione digitale si vede un robot "T-800" formato dal corpo dell'ex-culturista Roland Kickinger e il volto digitale di Schwarzenegger, così come appare nel primo film della saga.[26][27]

Anni 2010[modifica | modifica wikitesto]

Arnold Schwarzenegger nel 2013

Nel 2010 ha partecipato gratuitamente con un cameo nel film di Sylvester Stallone I mercenari - The Expendables, in una scena accanto a Bruce Willis e allo stesso Stallone. Alla fine del suo mandato da Governatore della California nel gennaio del 2011, ha annunciato di voler tornare alla sua carriera di attore,[28] dichiarando di volersi impegnare in ruoli più adatti alla sua età e meno estremi.[29]

Nel luglio 2011 ha ottenuto il ruolo di protagonista nel film The Last Stand - L'ultima sfida, nel quale interpreta uno sceriffo di frontiera. Il 6 settembre 2011 ha dichiarato di prendere parte al sequel de I mercenari - The Expendables, I mercenari 2 - The Expendables.

Nel febbraio 2012 ha annunciato di aver firmato il contratto per il film carcerario Escape Plan - Fuga dall'inferno, in coppia con Sylvester Stallone. Schwarzenegger è stato voluto proprio da Stallone, il quale disse al produttore Mark Canton che "non avrebbe fatto il film senza Arnold come co-protagonista".[30] Nel film ci saranno anche Sam Neill, 50 Cent, Jim Caviezel, Vinnie Jones, Amy Ryan e Vincent D'Onofrio; sarà diretto da Mikael Håfström[31].

Nel settembre 2012 annuncia ufficialmente su twitter di aver cominciato un programma di allenamento per ritornare in perfetta forma fisica per i suoi progetti futuri; tra questi ci sono il crime-movie Sabotage di David Ayer, la commedia Maggie, un nuovo capitolo della saga di Conan il barbaro intitolato The Legend of Conan e il sequel de I gemelli, intitolato Triplets, dove sarà affiancato da Danny DeVito (già co-protagonista del primo capitolo) e da Eddie Murphy. Il 14 giugno 2013, annuncia che sarà nel cast di I mercenari 3.[32].

Inoltre tornerà ad interpretare il T-800 nel quinto capitolo della celebre saga Terminator, intitolato Terminator: Genesis e sarà diretto da Alan Taylor. L'ex Governatore della California ha inoltre rilasciato dichiarazioni che confermano l'esistenza del progetto: “Non posso dire molto riguardo al progetto poiché si vuole tenere il segreto, ma posso dire che l’anno prossimo si cominceranno le riprese e sarà uno dei film più difficili che abbia mai girato. Ecco perché mi sto impegnando a ritornare alla migliore forma fisica possibile prima che le riprese comincino! La pellicola seguirà la storia di Terminator Salvation anche se i produttori e il franchise non sono rimasti poi così soddisfatti di quel film.”

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Filmografia di Arnold Schwarzenegger.

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Filmografia di Arnold Schwarzenegger#Doppiatori italiani.

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Filmografia di Arnold Schwarzenegger#Premi e candidature.

L'impegno politico e sociale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Carriera politica di Arnold Schwarzenegger#L'impegno politico e sociale.

All'inizio degli anni novanta si è impegnato nella promozione delle “Olimpiadi Speciali”, nate per iniziativa della suocera Eunice Shriver, con l'intento di promuovere l'attività fisica e l'indipendenza delle persone affette da disturbo mentale.

A partire dal 1991, e per lungo tempo a seguire, è stato commissario esecutivo degli Inner City Games, organizzati all'Hollenbeck Youth Center di Los Angeles, realizzati per il recupero dei giovani sfortunati nati alla periferia della metropoli californiana. Dopo questa esperienza ha creato la fondazione "After School All Stars", grazie alla quale oltre 600 scuole statunitensi hanno potuto giovare di fondi per la creazione di programmi doposcuola.

Nel 2002 ha ideato e proposto la legge 49, poi approvata in tutta la California, grazie alla quale le scuole dello Stato hanno ricevuto di diritto contributi per la realizzazione di programmi di recupero e borse di studio. Nel 1991 e 1997 ha ricevuto il National Leadership Award, un premio per aver sostenuto economicamente varie ricerche scientifiche. Altri premi per la sua opera di beneficenza sono stati Showest del 1997, e Mohamed Ali del 2002. Negli anni ha avuto incarichi politici nel settore della promozione all'attività fisica, durante la prima amministrazione Bush e durante quella di Clinton.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Carriera politica di Arnold Schwarzenegger.

Affiliazione politica[modifica | modifica wikitesto]

Arnold Schwarzenegger con Dick Cheney, alla Casa Bianca (30 ottobre 2003).

Iscritto al partito repubblicano, la sua ideologia politica era conosciuta già nelle vesti di attore, poiché contrastava con quella di molte altre celebrità di Hollywood, generalmente considerate liberal e tendenzialmente democratiche. Si dichiarò pubblicamente repubblicano per la prima volta durante le elezioni presidenziali del 1988, accompagnando l'allora vicepresidente George H. W. Bush durante la campagna elettorale.[33]

La prima nomina politica di Schwarzenegger fu in qualità di presidente del Consiglio Presidenziale per lo Sport e l'Attività Fisica, ruolo ricoperto dal 1990 al 1993[34] su nomina di George H.W. Bush. Successivamente fu presidente del consiglio del governatore della California per lo sport e l'attività fisica sotto il governatore Pete Wilson.

In un'intervista con il giornale Talk nel 1999, riguardo alla possibilità di entrare in politica, affermò: "ci ho pensato diverse volte. La possibilità esiste, perché me la sentirei". Nel convegno nazionale repubblicano del 2004, Schwarzenegger pronunciò un discorso e spiegò perché era un repubblicano:[35]

(EN)

« I finally arrived here in 1968. What a special day it was. I remember I arrived here with empty pockets but full of dreams, full of determination, full of desire. The presidential campaign was in full swing. I remember watching the Nixon-Humphrey presidential race on TV. A friend of mine who spoke German and English translated for me. I heard Humphrey saying things that sounded like socialism, which I had just left. But then I heard Nixon speak. He was talking about free enterprise, getting the government off your back, lowering the taxes and strengthening the military. Listening to Nixon speak sounded more like a breath of fresh air. I said to my friend, I said, "What party is he?" My friend said, "He's a Republican." I said, "Then I am a Republican." And I have been a Republican ever since. »

(IT)

« Arrivai finalmente qui nel 1968. Che giorno speciale fu. Ricordo che arrivai qui con le tasche vuote ma piene di sogni, piene di determinazione, piene di desiderio. La campagna presidenziale era in piena attività. Ricordo di aver guardato la battaglia presidenziale tra Nixon e Humphrey alla tv. Un mio amico che parlava tedesco e inglese tradusse per me. Sentii Humphrey dire cose che suonavano come socialismo, che io avevo appena lasciato. Ma poi sentii parlare Nixon: stava parlando della libera impresa, di lasciarsi il vecchio governo alle spalle, di abbassare le tasse e rinforzare l'esercito. Ascoltare Nixon parlare sembrava più un respiro d'aria fresca. Dissi al mio amico, dissi: "di che partito è lui?" Il mio amico disse: "è un repubblicano". Dissi "allora io sono un repubblicano". E da quel momento sono stato un repubblicano. »

Al governo[modifica | modifica wikitesto]

Schwarzenegger con l'ex-presidente degli Stati Uniti, George W. Bush e l'ex-governatore della California, Gray Davis (4 novembre 2003).

Schwarzenegger annunciò la sua candidatura alle votazioni di revoca del governatore della California durante l'episodio del 6 agosto del Tonight Show con Jay Leno.[36] Come candidato nell'elezione straordinaria, Schwarzenegger era il nome più riconoscibile in un affollato parterre di candidati, ma non era mai stato titolare di una carica pubblica e le sue opinioni politiche erano poco note alla maggior parte dei californiani. La sua candidatura divenne immediatamente una notizia, soprannominato dai media locali il Governator (con riferimento al film Terminator) e The Running Man (nome di un altro dei suoi film, che ha anche significato di "uomo in corsa per una carica"). Schwarzenegger non partecipò ai diversi dibattiti con gli altri candidati, e apparì in un solo dibattito il 24 settembre 2003.[37]

Il 7 ottobre 2003, il governatore Gray Davis fu rimosso dal suo incarico con il 55,4% dei "Sì" in favore della sua revoca. Schwarzenegger fu eletto governatore della California con il 48,6% dei voti. Sconfisse il democratico Cruz Bustamante, il collega repubblicano Tom McClintock, e altri. Il suo rivale più pericoloso, Bustamante, ottenne il 31% dei voti. In totale, Schwarzenegger vinse l'elezione con uno scarto di circa 1,3 milioni di voti. Secondo le regole della costituzione della California non fu necessario un ballottaggio. Schwarzenegger fu il primo governatore naturalizzato della California dai tempi del governatore John G. Downey, nel 1862, di natali irlandesi. Appena Schwarzenegger fu eletto governatore, il politico Willie Brown disse che avrebbe fatto partire un'iniziativa per rimuoverlo da governatore.

Durante il suo primo anno da governatore, Schwarzenegger attrasse a sé un ulteriore sostegno dalla propria coalizione, grazie ai rapporti con i democratici per il controllo della legislatura statale, convinse inoltre il popolo che un suo progetto di legge avrebbe frenato il taglio pianificato di 15 miliardi di dollari e salvato la California dall'influenza dei cosiddetti "interessi speciali" (di lobby, industrie, banche, politici...).[38] Il suo primo gesto di tradizione più democratica fu quello di rifiutare il nuovo stipendio di 175.000 dollari, devolvendo la somma in beneficenza,[39] e di utilizzare a sue spese il suo jet privato per i suoi viaggi di lavoro.[38]

Dal punto di vista prettamente politico, ha assunto posizioni più progressiste sui temi dell'aborto e sui diritti per i gay, sostenendo anche un aumento del controllo sulle armi.[38] Sebbene in California viga la pena di morte, nei suoi primi dieci mesi di mandato Schwarzenegger ha ordinato la libertà vigilata di 48 galeotti coinvolti in omicidio, un alto numero rispetto alle statistiche Californiane.[38] Ha convinto la popolazione ad accettare la proposta di utilizzare 3 miliardi di dollari per finanziare la ricerca sulle cellule staminali e approvare regole più ferree nel controllo sulle imprese dei videogiochi.[38] Nella prima parte del suo governatorato, ha abrogato l'aumento sulla tassa di immatricolazione dei veicoli e posto il veto alla concessione di patenti di guida agli immigrati clandestini.

Non ha tuttavia preso quelle iniziative risolutive nella lotta ai cosiddetti "interessi speciali" che aveva promesso di scardinare. Nei suoi primi tre anni da governatore avrebbe inoltre accettato più di 90 milioni di dollari in donazioni, compresi i contributi da parte di società immobiliari, finanziarie, associazioni di commercianti, società di assicurazione e società del gas e del petrolio.[40]

Di solito, quando Schwarzenegger si trovava di fronte a qualche difficoltà politica, faceva ricorso all'appoggio dell'elettorato. Questa impostazione populista gli si è tuttavia ritorta contro quando, nel novembre del 2005, ha ordinato una elezione speciale chiedendo agli elettori di appoggiare quattro proposte utili, a suo dire, per mantenere le promesse del programma elettorale.[40] Le proposte, tra le altre cose, avrebbero semplificato i licenziamenti cambiando i regolamenti del contratto di lavoro, avrebbero vietato ai sindacati di utilizzare il denaro dei propri membri per contributi politici, e avrebbero imposto dei limiti di spesa allo Stato. I farmaci prescritti dai medici per le famiglie meno abbienti sarebbero stati meno cari, sarebbe stato inserito l'obbligo di informare i genitori nel caso in cui una loro figlia minorenne avesse fatto richiesta di aborto, e le società di distribuzione di elettricità avrebbero dovuto rispettare nuove regole.[40] Schwarzenegger è stato sconfitto su tutte le quattro proposte.[40]

Schwarzenegger e George W. Bush nell'ottobre 2007

Successivamente ha nominato una democratica, Susan Kennedy, come capo del suo staff,[41] spostandosi gradualmente versò posizioni politicamente più moderate. È apparso al fianco del suo collega attore de Il giro del mondo in 80 giorni, Jackie Chan, in una pubblicità del governo per combattere la pirateria informatica.[42]

Schwarzenegger ha corso per la rielezione contro il democratico Phil Angelides, tesoriere dello Stato della California, nelle elezioni del 2006, tenutesi il 7 novembre. Nonostante un anno poco propizio a livello nazionale per il partito repubblicano, Schwarzenegger ha vinto la rielezione con il 56.0% dei voti, contro il 38.9% di Angelides: un margine superiore al milione di voti.[43] Secondo il The Washington Post, Schwarzenegger potrebbe candidarsi per il Senato degli Stati Uniti visto che il suo mandato di governatore è scaduto nel 2011.[44][45]

Nel novembre 2004 ha ricoperto un importante ruolo nell'opposizione alla Proposta 66, per emendare la legge californiana Three Strikes. Con questo emendamento il 3º crimine commesso avrebbe dovuto essere violento e/o di grave entità per poter applicare una sentenza di reclusione di 25 anni. Nel corso dell'ultima settimana prima della votazione il governatore Arnold Schwarzenegger ha lanciato un'intensa campagna[46] contro la proposta 66 affermando che "in questo modo 26.000 criminali pericolosi sarebbero stati liberi".[47]

Arnold Schwarzenegger nella sua veste di governatore della California (2010).

Secondo l'edizione sul 2005 del TIME, i sostenitori di Schwarzenegger sperano di poter emendare la Costituzione in modo che possa candidarsi a Presidente degli Stati Uniti d'America.[48] Ironicamente, infatti, nel film I Simpsons, Schwarzenegger viene ritratto in qualità di presidente e nel film di Sylvester Stallone Demolition Man si accenna al fatto che la costituzione sia stata emendata in modo da permettegli di diventare presidente. La Costituzione degli USA non prevede la candidatura di cittadini americani naturalizzati alla presidenza della nazione. Schwarzenegger ha la doppia cittadinanza austriaca/statunitense.[49] Detiene la cittadinanza austriaca per nascita e ha ottenuto quella statunitense con la naturalizzazione nel 1983. Essendo austriaco e quindi europeo, nel 2007 ha potuto vincere il premio European Voice Campaigner (sostenitore della voce europea) grazie alla sua partecipazione contro il cambiamento climatico con il decreto della California del 2006 sul riscaldamento globale e con i piani per introdurre un quadro di scambio di emissioni con gli altri Stati statunitensi e possibilmente anche con l'UE.[50] Tuttavia, Schwarzenegger si è sempre identificato con la sua cittadinanza americana e ha dimostrato grande affetto verso la California, superando il fatto di non esservi nato.

Il sostegno di Schwarzenegger nel corso delle primarie repubblicane per le Elezioni presidenziali statunitensi del 2008 è stato molto richiesto. Amico dei candidati Rudolph Giuliani e John McCain, è rimasto neutrale per tutto il 2007 e per parte del 2008. Quando Giuliani si è ritirato dalla campagna presidenziale il 30 gennaio 2008, per il basso sostegno avuto in Florida, il giorno seguente ha annunciato il proprio appoggio a McCain.[51]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni governative della California 2003
Partito Candidato Voti % ±%
Repubblicano Arnold Schwarzenegger 4.206.284 48,6
Democratico Cruz Bustamante 2.724.874 31,5
Repubblicano Tom McClintock 1.161.287 13,5
Verde Peter Miguel Camejo 242.247 2,8
Elezioni governative della California 2006
Partito Candidato Voti % ±%
Repubblicano Arnold Schwarzenegger 4.850.157 55,9 +7,3
Democratico Phil Angelides 3.376.732 39,0
Verde Peter Miguel Camejo 205.995 2,3 -0,5

Ambientalismo[modifica | modifica wikitesto]

Schwarzenegger in un impianto fotovoltaico.

Il 27 settembre 2006 ha approvato una proposta di legge per creare il primo tetto limite massimo nazionale relativo alle emissioni di gas effetto serra. La legge stabiliva nuove regole per quanto riguarda le emissioni che centrali elettriche, municipalizzate, aziende, raffinerie, e impianti industriali erano autorizzate a emettere. Schwarzenegger ha anche sottoscritto una seconda proposta di legge sul surriscaldamento globale per proibire alle grandi municipalizzate e corporazioni californiane di stipulare contratti a lungo termine con fornitori che non adempiono agli standard statali per le emissioni di gas effetto serra. Le due proposte di legge erano parte di un piano mirato a ridurre le emissioni della California del 25% entro il 2020 rispetto ai valori del 1990. Nel 2005 Schwarzenegger ha emesso un ordine esecutivo per ridurre i gas effetto serra dell'80% entro il 2050 e portarlo sotto i valori del 1990.[52]

Schwarzenegger ha firmato anche un altro ordine esecutivo il 17 ottobre 2006 per permettere alla California di cooperare con l'"Iniziativa Regionale Gas Serra del Nordest". L'obiettivo era quello di ridurre le emissioni di CO2 concedendo una quantità limitata di crediti CO2 ad ogni impianto di elettricità negli Stati aderenti, con un sistema di penali, operativo dal 2009.[53]

Dal punto di vista personale, Schwarzengger ha modificato due dei suoi Hummer in modo che funzionino uno a idrogeno e l'altro con biocarburanti. Ha anche installato dei pannelli solari per il riscaldamento nella sua residenza. Per il suo contributo alla direzione del settore automobilistico statunitense, Schwarzenegger è stato invitato ad aprire il Society of Automotive Engineers World Congress 2009 di Detroit, il 20 aprile 2009.[54]

Carriera imprenditoriale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi trasferito negli USA, Schwarzenegger iniziò ad occuparsi attivamente nell'imprenditoria.[55] A 30 anni era già milionario, ben prima di intraprendere la carriera hollywoodiana. La sua indipendenza finanziaria fu il risultato di una serie di speculazioni con investimenti oculati, sfruttamento del suo venture capital e fusioni aziendali. Nel 1968 Schwarzenegger e il suo amico bodybuilder Franco Columbu avviarono un'attività edilizia, attività che poi è fiorita grazie al marketing e a una crescita della domanda che seguì al terremoto di Los Angeles del 1971.[56][57]

Schwarzenegger ad un campionato di football americano nel 2007, in cui giocarono i San Diego Chargers

Schwarzenegger e Columbu utilizzarono i proventi della loro attività di muratori per avviare un'altra attività di ordini per corrispondenza, vendendo attrezzature per il bodybuilding e per il fitness corredate di videocassette dimostrative.[4][56] Schwarzenegger utilizzò poi i profitti degli ordini per corrispondenza e i premi in denaro delle gare di bodybuilding per effettuare il suo primo vero investimento immobiliare: un appartamento acquistato per 10.000$. Il suo intento era quello di continuare a investire in altre società immobiliari e holding company.[58] Nel 1992 Schwarzenegger e la moglie aprirono un ristorante a Santa Monica con il nome di Schatzi on Main. Schatzi in tedesco significa letteralmente "piccolo tesoro", e il termine viene colloquialmente usato per intendere "caro" o "tesoruccio" in tedesco. Nel 1998 il ristorante venne venduto.[59]

Ha trasformato la propria notorietà di attore in una rete multimilionaria fatta di proprietà immobiliari, imprese di intrattenimento, e un grande portafoglio di azioni e obbligazioni. Nei 35 anni passati dal suo arrivo in California, ha costruito un'organizzazione dell'intrattenimento ed ha investito in società immobiliari, fondi di capitale per partecipazioni in società ed azioni nel settore dell'informatica.[58] La sua holding comprende un grande magazzino a Columbus, in Ohio, una compagnia aerea per voli charter, e obbligazioni emesse dall'agenzia che gestisce un carcere minorile a Walnut Grove, nel Missouri.[58] Le sue rendite sono ulteriormente rimpinguate da fondi fiduciari a favore della famiglia di sua moglie Maria Shriver.[58] Detiene una notevole quota societaria della Dimensional Fund Advisors, una società di investimenti.[60]

Holding[modifica | modifica wikitesto]

Il cuore dell'impero finanziario di Schwarzenegger è la Oak Production, una ditta di intrattenimento di Santa Monica. Schwarzenegger costituì la società nel 1977.[58] Produsse Last Action Hero - L'ultimo grande eroe nel 1993 e una manciata di film che avevano avuto successo. È anche il veicolo attraverso il quale Schwarzenegger viene pagato per le sue interpretazioni - da Conan il barbaro fino al cyborg Terminator - e per i conseguenti video giochi e fumetti.[58]

Schwarzenegger possiede una quota di più di 1 milione di dollari nella società: attraverso essa trae profitti da una lunga lista di aziende nel settore dell'intrattenimento, comprese la 20th Century Fox, la Columbia Pictures, MGM United Artists, Walt Disney, DC Comics e il produttore di videogames International Game Technology.[58]

Possiede poi una quota per un oltre un milione di dollari in altre due attività di intrattenimento. La prima è Pumping Iron America, chiamata così in ricordo del documentario del 1977 sulla attività culturistica. Con questa società trae profitti dalla vendita di video sul sollevamento pesi e da una linea di abbigliamento sportivo. L'altra è la Fitness Publications Inc. che distribuisce i libri di Schwarzenegger sul sollevamento pesi.[58] Schwarzenegger detiene una partecipazione per un altro milione di dollari in diverse società immobiliari tra le quali la 812 Main Street Inc, che a sua volta possiede un centro benessere a Venice (California), che era un tempo conosciuto come The World Gym, oltre ad altre proprietà immobiliari a Venice.[58]

Un'altra società è la Main Street Plaza Inc. che è proprietaria di un edificio di 3.000 metri quadrati a Santa Monica che ospita appartamenti, uffici e il ristorante per i VIP "Schatzi on Main". Possiede anche una partecipazione nell'A.S. Ohio Venures, che posseggono un centro commerciale vicino ad Akron.[58] E inoltre Schwarzenegger possiede consistenti pacchetti azionari e più di un milione di dollari in società di investimento, compresi fondi di mutuo Soccorso e aziende di investimento nel capitale di rischio di altre società.[58]

Interessi azionari[modifica | modifica wikitesto]

Il suo portafoglio comprende oltre 100.000 dollari in azioni della General Electric Co., The Coca-Cola Company, PepsiCo, Starbucks Coffee, Walmart, Target Store e Pfizer.[58] Possiede importi minori (oltre 10 000 dollari) della Dell Computers, Microsoft e due aziende di comunicazione, Gannett Co e The Washington Post. Ha una quota di 100.000 dollari nella Legend International Air, una compagnia aerea che ha comprato un Boeing 747 del valore di 133 milioni di dollari dalla Singapore Airlines nel 1996.[58]

Schwarzenegger possiede anche due splendide aree residenziali nella parte occidentale di Los Angeles. Una è un complesso di tre grandi case su un'area boschiva di 5 acri (circa 22.000 metri quadrati) nei pressi del Will Rogers State Park a Pacific Palisades; recentemente Schwarzenegger ha messo in vendita la proprietà per 16 milioni di dollari.[58] Nel 2002 Schwarzenegger ha comprato una casa da sette stanze da letto a Brentowwod Country Estates, una "enclave" protetta da un recinto con tanto di guardie al cancello. Questa enclave contiene 14 edifici nella zona di Mandeville Cnyon, sui monti di Santa Monica. La casa, di 1.200 metri quadrati, è stata costruita dall'architetto di Los Angeles Gus Duffy su un'area di 5,9 acri (circa 25.000 metri quadrati) sulla cima di una collina, dalla quale si ha una vista ininterrotta dell'Oceano Pacifico. La casa è stata valutata 11.9 milioni di dollari.[58]

Planet Hollywood[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Planet Hollywood.

Insieme a Bruce Willis, Sylvester Stallone e Demi Moore, Arnold Schwarzenegger è stato un celebre investitore del Planet Hollywood, la catena di ristoranti internazionale nata nel 1991 sulla scia dell'Hard Rock Cafe. Schwarzenegger ha risolto il suo contratto con l'attività nel 1998 sostenendo che la società non aveva raggiunto il successo da lui sperato e affermando di voler concentrare la propria attenzione su "nuove attività statunitensi di portata globale" e sulla sua carriera di attore.[61] Nel 1999 il titolo in borsa affonda sotto il valore di un dollaro e un anno dopo la società entra in bancarotta.[62]

Patrimonio netto[modifica | modifica wikitesto]

Il patrimonio netto di Schwarzenegger è tradizionalmente stimato intorno ai 100-200 milioni di dollari.[63] Negli anni, ha investito il ricavato della sua carriera nel culturismo e dei suoi film in una varietà di azioni, bond, compagnie controllate privatamente e holding di agenzie immobiliari negli Stati Uniti e nel mondo; di conseguenza la sua fortuna sarebbe stimabile sugli 800 milioni di dollari. Nel giugno del 1997, Schwarzenegger ha speso 38 milioni per l'acquisto di un Jet Gulfstream.[64]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Schwarzenegger e Maria Shriver

Nel 1969, dopo sei mesi il suo arrivo negli USA[55], Schwarzenegger conobbe Barbara Outland, un'insegnante di inglese, con cui convisse in un appartamento a Santa Monica per quasi quattro anni, [55]fino al 1974.[65] La Outland pubblicò la propria biografia nel 2006 dal titolo "Arnold and me: in the shadow of the Austrian oak".[66]

Schwarzenegger e il figlio Patrick alla Edwards Air Force Base, California, dicembre 2002.

Schwarzenegger conobbe la sua successiva compagna, Sue Moray, assistente parrucchiera a Beverly Hills, a Venice Beach nel luglio del 1977.[12] Stando alle parole della Moray, la coppia aveva una relazione aperta.[12] Nell'agosto del 1977[22] Schwarzenegger conobbe la giornalista Maria Shriver, nipote dell'ex Presidente USA John Fitzgerald Kennedy, al torneo di tennis Robert F. Kennedy e continuò la relazione con entrambe le donne fino all'agosto del 1978, quando la Moray (che sapeva della relazione di Schwarzenegger con la Shriver) gli diede l'ultimatum.[12]

Il 26 aprile 1986, a Hyannis, nel Massachusetts, Schwarzenegger sposa la Shriver. La cerimonia è stata celebrata dal reverendo John Baptist Riordan nella chiesa cattolica di St. Francis Xavier.[67] La coppia ha avuto 4 figli: Katherine Eunice Shriver Schwarzenegger (nata il 13 dicembre 1989 a Los Angeles)[68], Christina Maria Aurelia Schwarzenegger (nata il 23 luglio 1991 a Los Angeles)[69], Patrick Arnold Schwarzenegger (nato il 18 settembre 1993 a Los Angeles)[70] e Christopher Sargent Shriver Schwarzenegger (nato il 27 settembre 1997 a Los Angeles)[71]. Nel maggio 2011, Schwarzenegger e la moglie hanno annunciato la loro separazione dopo 25 anni di matrimonio. La separazione fra i due è giunta dopo che l'attore ha rivelato alla Shriver di aver avuto un figlio, Joseph (2 ottobre 1997), da una loro collaboratrice domestica, Patty Baena. Schwarzenegger ha dichiarato di aver scoperto di aver avuto quel figlio solo otto anni dopo e che ha poi comprato una casa fuori Los Angeles per Baena e il loro figlio e si è preso la responsabilità del mantenimento[72].

Schwarzenegger tedoforo nel febbraio 2010

Nell'aprile del 1997, è stato sottoposto a una operazione per correggere un difetto congenito a una valvola cardiaca. Il Sun Valley Resort ha una piccola pista sciistica chiamata "Arnold's Run", dedicata a Schwarzenegger nel 2001.[73] La pista è classificata come nera (diamante nero), o la più difficile, a causa del suo terreno.[74]

Comprò il primo Hummer fabbricato per uso civile nel 1992, un modello così grosso, 6.300 lb (2900 kg) e largo 7 piedi (2.1m), che è classificato come un camion largo. Dopo la campagna per la rielezione al Governatorato, annunciò che avrebbe convertito uno dei suoi Hummer per funzionare a idrogeno, la conversione costò $21.000. Dopo l'elezione, firmò un ordine esecutivo per un avviamento immediato nella costruzione di impianti di rifornimento di idrogeno chiamati "California Hydrogen Highway Network", e ottenne una garanzia dal Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti d'America, che si impegnava ad aiutare nel pagamento del costo previsto di $91.000.000.[75]

La California avviò la distribuzione dei primi H2H (Hummer a idrogeno) nell'ottobre 2004.[76] Nel 2010, in occasione dei XXI Giochi olimpici invernali, svoltisi a Vancouver, fece da tedoforo portando la fiamma olimpica lungo il tragitto dello Stanley Park, consegnando poi la torcia a Sebastian Coe.[77] Nonostante abbia superato da un po' la soglia dei sessant'anni, Schwarzenegger dedica buona parte del tempo libero all'allenamento e lo sport, amministrando un ingente patrimonio e scorrazzando con una delle sue Harley-Davidson per Los Angeles.[78]

Onorificenze e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Gran Decorazione d'Onore in Oro dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Decorazione d'Onore in Oro dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 13 marzo 1993
Cavaliere della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Legion d'Onore
— 4 aprile 2011
Dottorato onorario in Legge - nastrino per uniforme ordinaria Dottorato onorario in Legge
«carriera al servizio della collettività e impegno nei confronti dei giovani e dell'energia sostenibile»
— Università Emory, 10 maggio 2010.
Dottorato honoris causa in lettere umanistiche - nastrino per uniforme ordinaria Dottorato honoris causa in lettere umanistiche
«per la sua realizzazione ispiratrice del sogno americano»
— Chapman University, 15 maggio 2009.
Dottorato honoris causa in lettere umanistiche - nastrino per uniforme ordinaria Dottorato honoris causa in lettere umanistiche
«per il lavoro svolto a favore di cause quali Special Olympics»
— University of Southern California, 22 giugno 2002.
Dottorato honoris causa in microeconomia aziendale - nastrino per uniforme ordinaria Dottorato honoris causa in microeconomia aziendale
«"life achievements" e il lavoro svolto per promuovere l'economia dell'Austria»
— IMADEC University, 24 ottobre 2001.
Dottorato honoris causa in discipline umanistiche - nastrino per uniforme ordinaria Dottorato honoris causa in discipline umanistiche
«per i suoi sforzi umanitari e il suo sostegno nel fitness e salute»
— Cleveland Chiropractic College, 1999.
Dottorato honoris causa in lettere umanistiche - nastrino per uniforme ordinaria Dottorato honoris causa in lettere umanistiche
«per la sua carriera»
— University of Wisconsin–Superior, 1996.
Dottorato honoris causa in lettere umanistiche - nastrino per uniforme ordinaria Dottorato honoris causa in lettere umanistiche
«per i contributi alla salute e al fitness»
— University of Wisconsin–Superior, 17 maggio 1986.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i (EN) Hall of Fame - Schwarzenegger, ifbb.com. URL consultato il 20 luglio 2010.
  2. ^ (EN) Office of the Governor, gov.ca.gov. URL consultato il 20 luglio 2010.
  3. ^ a b (EN) The Star System and "Star Vehicles", wwnorton.com. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  4. ^ a b c d e f g h i (EN) Time of His Life, schwarzenegger.com. URL consultato il 20 luglio 2010.
  5. ^ a b c d (EN) Nigel Andrews, True Myths of Arnold Schwarzenegger, Bloomsbury, 2003, ISBN 1-58234-465-5.
  6. ^ (EN) Xan Brooks, The Governator in The Guardian. URL consultato il 21 luglio 2010.
  7. ^ (EN) Arnold Schwarzenegger - Mr. Olympia - 1970-1975, 1980, bodybuildbid.com. URL consultato il 20 luglio 2010.
  8. ^ a b (EN) Dominic Wills, Arnold Schwarzenegger - Biography, talktalk.co.uk, p. 1. URL consultato il 21 luglio 2010.
  9. ^ a b c (EN) Ephraim Katz, Film Encyclopedia, HarperCollins, 2006, ISBN 0-06-074214-3.
  10. ^ a b c d e f g (EN) ProFile: Arnold Schwarzenegger in BBC. URL consultato il 21 luglio 2010.
  11. ^ a b c d e f g (EN) Dominic Wills, Arnold Schwarzenegger - Biography, talktalk.co.uk, p. 2. URL consultato il 12 marzo 2010.
  12. ^ a b c d (EN) Wendy Leigh, Arnold: An Unauthorized Biography, Pelham, 1990, ISBN 0-7207-1997-6.
  13. ^ a b c d e f g h i (EN) Mr Everything, schwarzenegger.com. URL consultato il 20 luglio 2010.
  14. ^ (EN) Wag Bennett: bodybuilder who helped Arnold Schwarzenegger in The Times. URL consultato il 22 luglio 2010.
  15. ^ (EN) Arnold Schwarzenegger: Made in Britain, British Film Institute. URL consultato il 20 luglio 2010.
  16. ^ (EN) A tribute by Arnold Schwarzenegger, regpark.net. URL consultato il 22 luglio 2010.
  17. ^ (DE) Spiegel Online Artikel: Mit Schwarzeneger durch Schwabing. URL consultato il 10 agosto 2007.
  18. ^ (EN) Siskind Bland, Schwarzenegger may have violated terms Of Non-Immigrant Visa, visalaw.com. URL consultato il 20 luglio 2010.
  19. ^ (EN) Randy Jennings, Ric Drasin: Arnold's lifting partner!, thearnoldfans.com. URL consultato il 20 luglio 2010.
  20. ^ (EN) The Real Muscle Report (PDF), criticalbench.com. URL consultato il 27 luglio 2010.
  21. ^ (EN) The Smoking Gun: Archive, thesmokinggun.com. URL consultato il 20 luglio 2010.
  22. ^ a b c (EN) Dominic Wills, Arnold Schwarzenegger - Biography, talktalk.co.uk, p. 3. URL consultato il 23 luglio 2010.
  23. ^ a b (EN) Clark Collis, EMPIRE ESSAY: The Terminator, Empire. URL consultato il 20 luglio 2010.
  24. ^ (EN) Laurence Leamer, Fantastic: The life of Arnold Schwarzenegger, St Martin's Press, 2005.
  25. ^ (EN) Clark Collis, Arnold wants 'Terminator' statue killed, killoggs.com. URL consultato il 20 luglio 2010.
  26. ^ (EN) Joyce Eng, Arnold Schwarzenegger (Virtually) Back in Terminator Salvation, TV Guide. URL consultato il 20 luglio 2010.
  27. ^ (EN) McG Talks Terminator Salvation, reelzchannel.com. URL consultato il 20 luglio 2010.
  28. ^ Daniela Catelli, È ufficiale il ritorno al cinema di Schwarzenegger in Coming Soon Television. URL consultato il 16 luglio 2011.
  29. ^ Daniela Catelli, Trovato il film del ritorno di Schwarzenegger? in Coming Soon Television. URL consultato il 16 luglio 2011.
  30. ^ (EN) Arnold in The tomb, collider.com. URL consultato il 6 agosto 2012.
  31. ^ (EN) Cast The tomb, Collider Official Site. URL consultato il 15 maggio 2012.
  32. ^ (EN) Exclusive: Schwarzenegger Confirms "Expendables 3"!, TheArnoldFans. URL consultato il 15 giugno 2013.
  33. ^ (EN) Peggy Noonan, What I Saw at the Revolution: A Political Life in the Reagan Era., New York, Random House, 2003-11-14, p. 384, ISBN 978-0-8129-6989-4.
  34. ^ (EN) Time of His Life, schwarzenegger.com. URL consultato il 29 agosto 2010.
  35. ^ (EN) Schwarzenegger: No country more welcoming than the USA in CNN. URL consultato il 29 agosto 2010.
  36. ^ (EN) ProFile: Arnold Schwarzenegger in BBC. URL consultato il 29 agosto 2010.
  37. ^ (EN) Barry Grey, First debate in California recall election in wsws.org. URL consultato il 29 agosto 2010.
  38. ^ a b c d e (EN) Dominic Wills, Arnold Schwarzenegger - Biography, talktalk.co.uk, p. 6. URL consultato il 14 aprile 2011.
  39. ^ (EN) Soraya Sarhaddi Nelson; Brian Joseph, Schwarzenegger releases tax returns in ocregister.com. URL consultato il 29 agosto 2010.
  40. ^ a b c d (EN) Dominic Wills, Arnold Schwarzenegger - Biography, talktalk.co.uk, p. 7. URL consultato il 14 aprile 2011.
  41. ^ (EN) Governor Schwarzenegger Appoints Susan Kennedy Chief of Staff, gov.ca.gov. URL consultato il 29 agosto 2010.
  42. ^ (EN) Jackie Chan and Arnold vs Piracy, Google Video. URL consultato il 29 agosto 2010.
  43. ^ (EN) General Election – Governor, vote.ss.ca.gov. URL consultato il 29 agosto 2010.
  44. ^ (EN) John Pomfret, Schwarzenegger Remakes Himself as Environmentalist in The Washington Post. URL consultato il 29 agosto 2010.
  45. ^ (EN) Carla Marinucci, Predictions for Schwarzenegger's next big role in San Francisco Chronicle. URL consultato il 29 agosto 2010.
  46. ^ (EN) Arnold Schwarzenegger lies about Proposition 66. URL consultato il 29 agosto 2010.
  47. ^ (EN) Robert Salladay; Megan Garvey, Prop. 66 in Tough Fight in Los Angeles Times. URL consultato il 29 agosto 2010.
  48. ^ (EN) Bill Bradley, Mr. California in laweekly.com. URL consultato il 29 agosto 2010.
  49. ^ (EN) Schwarzenegger 'damages Austria' in BBC. URL consultato il 29 agosto 2010.
  50. ^ (EN) Schwarzenegger wins European Voice campaigner of the year award in europeanvoice.com. URL consultato il 29 agosto 2010.
  51. ^ (EN) Jim Tankersley, Arnold opens 'flood' of McCain endorsements in swamppolitics.com. URL consultato il 29 agosto 2010.
  52. ^ (EN) Samantha Young, Schwarzenegger Signs Global Warming Bill in The Washington Post. URL consultato il 29 agosto 2010.
  53. ^ (EN) Karen Matthews, Cal Joins Northeast Global Warming Fight in Fox News. URL consultato il 29 agosto 2010.
  54. ^ (EN) SAE 2009 World Congress Special Opening Ceremonies to Feature Gov. Arnold Schwarzenegger, sae.org. URL consultato il 29 agosto 2010.
  55. ^ a b c (EN) Oliver Poole, The girl who can't escape Arnie in The Guardian. URL consultato il 22 luglio 2010.
  56. ^ a b (EN) Kaya Morgan, Real Life Action Hero, Millionaire. URL consultato il 20 luglio 2010.
  57. ^ (EN) Kaya Morgan, "Working" out, schwarzenegger.com. URL consultato il 20 luglio 2010.
  58. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (EN) Lance Williams, Schwarzenegger reveals pumped-up finances in San Francisco Chronicle. URL consultato il 27 luglio 2010.
  59. ^ (EN) Arnold Schwarzenegger for faxez sent to promote a restaurant he doesn't own, schwarzenegger.com. URL consultato il 20 luglio 2010.
  60. ^ (EN) Bernard Weinrauby, Schwarzenegger's Next Goal On Dogged, Ambitious Path in The New York Times. URL consultato il 27 luglio 2010.
  61. ^ (EN) Arnold leaves Planet in schwarzenegger.com. URL consultato il 27 luglio 2010.
  62. ^ (EN) Nate Rawlings, Planet Hollywood in TIME. URL consultato il 20 febbraio 2012.
  63. ^ (EN) Lance Williams, Schwarzenegger worth $100 million, experts say in San Francisco Chronicle. URL consultato il 27 luglio 2010.
  64. ^ (EN) Charles Fleming, High concept: Don Simpson and the Hollywood Culture of Excess, Bloomsbury, 1999, ISBN 0-7475-4262-7.
  65. ^ (EN) Arnie's ex-girlfriend pens memoir in BBC. URL consultato il 23 luglio 2010.
  66. ^ (EN) Catherine Elsworth, Arnie puts his weight behind ex-lover's tell-all memoir in The Daily Telegraph. URL consultato il 23 luglio 2010.
  67. ^ (EN) Maria Owings Shriver Wed To Arnold Schwarzenegger in The New York Times. URL consultato il 24 luglio 2010.
  68. ^ (EN) Governor Arnold Schwarzenegger's Brentwood High School Commencement Speech, gov.ca.gov. URL consultato il 24 luglio 2010.
  69. ^ (EN) Eric Pace, Chronicle in The New York Times. URL consultato il 24 luglio 2010.
  70. ^ (EN) Nadine Brozan, Chronicle in The New York Times. URL consultato il 24 luglio 2010.
  71. ^ Vedi: (EN) New York Times
  72. ^ La verità sul divorzio di Schwarzy in La Stampa. URL consultato il 19 giugno 2011.
  73. ^ (EN) Greg Stahl, And … here's Arnold's Run, mtexpress.com. URL consultato il 24 luglio 2010.
  74. ^ (EN) Dayna Dunteman, Arnold Schwarzenegger to undergo surgery in The Insider. URL consultato il 24 luglio 2010.
  75. ^ (EN) Thanks to Arnold, California to Pave the Hydrogen Highway, BMW World. URL consultato il 24 luglio 2010.
  76. ^ (EN) Dale Wickell, HUMMER H2H Hydrogen Powered Experimental Vehicle, about.com. URL consultato il 24 luglio 2010.
  77. ^ Vancouver 2010: In migliaia acclamano Schwarzenegger tedoforo in la Repubblica. URL consultato il 28 agosto 2010.
  78. ^ (EN) Marcus Barnes, Arnold Schwarzenegger and Tom Cruise take their motorbikes for a spin around California in Daily Mail. URL consultato il 21 settembre 2010.
  79. ^ (EN) Arnold Schwarzenegger pumps it up in Melton, Herald Sun, 14 giugno 2013. URL consultato il 17 giugno 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Charles Gaines, George Butler, Pumping Iron: The Art and Sport of Bodybuilding, Simon & Schuster, 1974, pp. 221 pp., ISBN 0-671-21922-7.
  • (EN) Arnold Schwarzenegger, Douglas Kent Hall, Arnold: The Education of a Bodybuilder, Simon & Schuster, 1977, pp. 256 pp., ISBN 0-671-79748-4.
  • (EN) Arnold Schwarzenegger, Douglas Kent Hall, Arnold's Bodyshaping for Women, Simon & Schuster, 1979, pp. 100 pp., ISBN 0-671-24301-2.
  • (EN) Arnold Schwarzenegger, Douglas Kent Hall, Arnold's Bodybuilding for Men, Simon & Schuster, 1981, pp. 240 pp., ISBN 0-671-79748-4.
  • (EN) Arnold Schwarzenegger, Encyclopedia of Modern Bodybuilding, Pelham Books, 1987, pp. 736 pp., ISBN 0-7207-1631-4.
  • (EN) Tom Green, Arnold!, St. Martin's Press, 1987, pp. 132 pp., ISBN 0-312-90047-3.
  • Arnold Schwarzenegger, Bill Dobbins, Il mio bodybuilding, Sperling & Kupfer, 1990, pp. 312 pp., ISBN 88-200-0818-1.
  • (EN) George Butler, Arnold Schwarzenegger: A Portrait, Simon & Schuster, 1990, pp. 160 pp., ISBN 0-671-70146-0.
  • (EN) Wendy Leigh, Arnold: An Unauthorized Biography, Congdon & Weed, 1990, pp. 320 pp., ISBN 0-86553-216-8.
  • (EN) Craig A. Doherty, Katherine M. Doherty, Arnold Schwarzenegger: Larger Than Life, Walker & Company, 1993, pp. 119 pp., ISBN 0-8027-8236-1.
  • (EN) Robert Lipsyte, Arnold Schwarzenegger: Hercules in America, HarperCollins, 1993, pp. 90 pp., ISBN 0-06-023003-7.
  • (EN) Adrian Wright, Arnold Schwarzenegger: A Life on Film, Robert Hale Ltd, 1994, pp. 192 pp., ISBN 0-7090-5053-4.
  • (EN) Thomas Conklin, Meet Arnold Schwarzenegger, Random House, 1994, pp. 110 pp., ISBN 0-679-86748-1.
  • (EN) Arnold Schwarzenegger, Bill Dobbins, The New Encyclopedia of Modern Bodybuilding, Simon & Schuster, 1998, pp. 832 pp., ISBN 0-684-84374-9.
  • (EN) Daniel Bial, Arnold Schwarzenegger: Man of Action, Franklin Watts, 1998, pp. 112 pp., ISBN 0-531-15933-7.
  • Renato Venturelli, Arnold Schwarzenegger. Dai concorsi di Mr. Universo ai trionfi di Conan e Terminator, la carriera esemplare di un uomo macchina venuto dal futuro, Gremese Editore, 1998, pp. 128 pp., ISBN 88-7742-165-7.
  • (EN) John L. Flynn, The Films Of Arnold Schwarzenegger, Citadel, 2000, pp. 256 pp., ISBN 0-8065-1645-3.
  • (EN) Nigel Andrews, True Myths: The Life and Times of Arnold Schwarzenegger, Bloomsbury Publishing, 2003, pp. 288 pp., ISBN 0-7475-7368-9.
  • (EN) Karen Brandon, Arnold Schwarzenegger, Lucent Books, 2004, pp. 128 pp., ISBN 1-59018-539-0.
  • (EN) Colleen Sexton, Arnold Schwarzenegger (Biography (a & E)), Lerner Publications, 2004, pp. 112 pp., ISBN 0-8225-2223-3.
  • (EN) Michael Blitz, Louise Krasniewicz, Why Arnold Matters: The Rise of a Cultural Icon, Basic Books, 2004, pp. 320 pp., ISBN 0-465-03752-6.
  • (DE) Arnold Schwarzenegger, Bodybuilding für Männer, Heyne Verlag, 2004, pp. 288 pp., ISBN 3-453-87991-0.
  • (EN) Cookie Lommel, Schwarzenegger. A Man with a Plan, Heyne Verlag, 2004, pp. 365 pp., ISBN 3-453-88104-4.
  • (EN) Laurence Leamer, The Life of Arnold Schwarzenegger, St. Martin's Press, 2005, pp. 432 pp., ISBN 0-312-33338-2.
  • (EN) Louise Krasniewicz, Michael Blitz, Arnold Schwarzenegger: A Biography, Greenwood, 2006, pp. 192 pp., ISBN 0-313-33810-8.
  • (EN) Joe Mathews, The People's Machine: Arnold Schwarzenegger And the Rise of Blockbuster Democracy, PublicAffairs, 2006, pp. 368 pp., ISBN 1-58648-272-6.
  • Vincenzo Susca, Ai confini dell'immaginario. Governator Schwarzenegger, i tele-populisti e oltre, Bevivino, 2006, pp. 144 pp., ISBN 88-88764-81-X.
  • (DE) Manfred Deix, Arnold Schwarzenegger-Die nackte Wahrheit, Ueberreuter Carl, 2007, pp. 96 pp., ISBN 3-8000-7060-X.
  • (EN) Dave Saunders, Arnold: Schwarzenegger and the Movies, I. B. Tauris, 2009, pp. 256 pp., ISBN 1-84511-948-7.
  • (EN) Ian Halperin, The Governator, William Morrow, 2010, pp. 352 pp., ISBN 0-06-199004-3.

Arnold Schwarzenegger,Total Recall: My Unbelievably True Life Story(in inglese),Simon & Schuster[2012],448pp..ISBN 1451662432

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Mister Olympia Successore
Sergio Oliva 1970-1975 Franco Columbu I
Frank Zane 1980 Franco Columbu II
Predecessore Golden Globe per il miglior attore debuttante Successore
Brad Dourif
per Qualcuno volò sul nido del cuculo
1977
per Un autentico campione
Brad Davis
per Fuga di mezzanotte
Governatori della California
Predecessore: Gray Davis (2003-2011) Successore: Jerry Brown Simbolo della California
Burnett | McDougall | Bigler | J. Johnson | Weller | Latham | Downey | Stanford | Low | Haight | Booth | Pacheco | Irwin | Perkins | Stoneman | Bartlett | Waterman | Markham | Budd | Gage | Pardee | Gillett | H. Johnson | Stephens | Richardson |Young | Rolph | Merriam | Olson | Warren | Knight | P. Brown | Reagan | J. Brown | Deukmejian | Wilson | Davis | Schwarzenegger | J. Brown

Controllo di autorità VIAF: 64196027 LCCN: n/79/85101