Università telematica "Pegaso"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Università telematica Pegaso)
Università Telematica Pegaso
Università telematica Pegaso.jpg
Stato Italia Italia
Città Napoli
Soprannome unipegaso
Fondazione 2006
Tipo Privata
Dipartimenti Giurisprudenza; Scienze Umanistiche; Economia; Ingegneria; Scienze Motorie
Rettore Alessandro Bianchi
Studenti 6 778 (A.A. 2014-2015) [1]
Sito web www.unipegaso.it/

L'Università Telematica Pegaso è un'università telematica non statale italiana, riconosciuta dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca il 20 aprile 2006.[2] La sede legale è a Napoli, ma l'ateneo dispone di altre sedi d'esame a Ariano Irpino, Bologna, Catania, Caltagirone, Messina, Milano, Palermo, Roma, San Giorgio a Cremano, Taranto, Torino, Trani e Vallo della Lucania.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'università è stata fondata con la forma giuridica di società per azioni, da Danilo Iervolino, titolare degli omonimi istituti di recupero scolastico di Napoli[3], che ha mantenuto la carica di presidente del consiglio di amministrazione della società. Oltre a Danilo Iervolino, che detiene l'80% delle azioni, gli altri soci sono pure componenti della famiglia Iervolino.[4]

Nel 2006 l'ateneo ha ottenuto l'accreditamento ministeriale ed è stato autorizzato ad istituire e attivare i corsi di laurea e laurea magistrale in Giurisprudenza e in Scienze dell'educazione e della formazione.[2] Nel 2008 aveva un solo docente in organico[3]. Al 31 dicembre 2014 l'organico comprendeva due professori ordinari e due ricercatori, oltre a 52 docenti a tempo determinato.[5]

Nel 2014 l'ateneo ha chiesto l'iscrizione al "segmento Elite" della Borsa di Milano (riservato alle piccole e medie imprese), in vista di un'eventuale quotazione nel mercato azionario italiano.[6]

Rettori[modifica | modifica wikitesto]

Dipartimenti[modifica | modifica wikitesto]

L'ateneo si articola in tre dipartimenti:[7]

  • Scienze giuridiche ed economiche;
  • Scienze umane;
  • Tecnologie didattiche e valutazione.

Didattica[modifica | modifica wikitesto]

Nell'anno accademico 2014-2015 sono attivi cinque corsi di laurea triennale, tre corsi di laurea magistrale un corso di laurea quinquennale a ciclo unico.[8] L'offerta formativa si completa con i corsi post-diploma e post lauream, comprendenti master di primo e secondo livello, perfezionamento e corsi di formazione per diplomati.

Valutazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010, il Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario ha pubblicato la verifica dei risultati conseguiti dall'Università Telematica Pegaso al termine del primo triennio di attività,[4] prevista ai sensi del decreto di riconoscimento dell'ateneo.

La valutazione, evidenziando limiti nell'attività di ricerca autoctona, che «non sembra significativa», e nella direzione dei dipartimenti, «affidata a personale docente estraneo all'ateneo», ha demandato ad una successivo iter valutativo la valutazione definitiva dell'attività svolte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati dell'ufficio di statistica del MIUR 2015
  2. ^ a b Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, decreto 20 aprile 2006 (PDF), unipegaso.it. URL consultato il 5-11-2009.
  3. ^ a b Università telematiche, dove sono i docenti?, in Corriere della Sera, 9 maggio 2008, p. 78. URL consultato il 5-11-2009 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  4. ^ a b Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario, Verifica dei risultati conseguiti dall’Università Telematica Pegaso al termine del primo triennio di attività, cnvsu.it, febbraio 2010.
  5. ^ CercaUniversità - Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca: Docenti
  6. ^ Eugenio Occorsio, I buoni maestri di Internet è boom dell’università 3.0, in La Repubblica, 13 giugno 2014. URL consultato il 20 aprile 2015.
  7. ^ CercaUniversità - Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca:Strutture
  8. ^ Corsi di laurea, su Università Telematica Pegaso. URL consultato il 20 aprile 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]