Provincia dell'Istria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Provincia di Pola
ProvinciadiPolastemmaprimadelfascismo.jpg
Provincia dell'Istria
Informazioni generali
Nome completo Provincia dell'Istria
Capoluogo Pola
Superficie 3.718 km2 (1938)
Popolazione 294.492 (1938)
Dipendente da Italia Italia
Suddiviso in 42 comuni
Amministrazione
Forma amministrativa Provincia
Prefetto elenco
Evoluzione storica
Inizio 1923
Fine 1947
Causa Trattato di Parigi
Preceduto da Succeduto da
Margraviato d'Istria Contea istriana
Cartografia
Italian province of Pola.JPG

La provincia dell'Istria o provincia di Pola è stata una provincia italiana esistita dal 1923 al 1947. La sua targa automobilistica fu PL.

Nel 1938 la provincia era divisa in 42 comuni e aveva una superficie di 3.718,30 km² con una popolazione di 294.492 abitanti e una densità di 80 ab./km²[1]. Essendo stata istituita in età fascista, la Provincia di Pola non ebbe mai un suo consiglio provinciale né un presidente della provincia.

Tutti i comuni che facevano parte della Provincia di Pola al momento della sua soppressione, fanno oggi parte della Croazia, ad eccezione di Capodistria con Maresego, Monte di Capodistria e Villa Decani, Erpelle-Cosina, Isola d'Istria e Pirano, appartenenti alla Slovenia.

Prefetti della provincia[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Provincia di Pola fu creata nel 1923 tramite regio decreto 18 gennaio 1923 n°53, a seguito dell'annessione dell'Istria all'Italia sancita dal Trattato di Rapallo (1920), cancellando il previgente Margraviato d'Istria del quale ereditò quasi lo stesso territorio. Ad essa appartenevano anche le isole del Quarnaro, Cherso e Lussino. A quel tempo comprendeva tutti i comuni istriani con l'eccezione di Muggia e altri piccoli comuni assegnati alla provincia di Trieste. La scelta di Pola come capoluogo, in luogo di Parenzo sede del margraviato, fu operata in ossequio alla retorica politica di espansione marinara del fascismo.[2] Nel 1924 il circondario di Volosca-Abbazia, esclusi i comuni di Castelnuovo d'Istria e Matteria, fu ceduto alla nuova provincia di Fiume.[3] Castelnuovo d'Istria e Matteria furono invece trasferiti da Pola a Fiume solo nel 1928.

Al momento dell'assegnazione delle sigle delle targhe automobilistiche con la riforma del Codice della Strada nel 1927, alla provincia di Pola fu assegnata la sigla PL.[4] Il principale quotidiano era pubblicato a Pola e si chiamava Il Corriere Istriano. Nel 1928 i comuni di Castelnuovo d'Istria e Matteria furono distaccati dalla provincia di Pola e assegnati a quella di Fiume.[5]

Nel 1943 la provincia passò sotto il controllo della Wehrmacht che impose di affiancare al Capo della Provincia Ludovico Artusi un viceprefetto croato, Bogdan Mogorovic.

Nel 1945 la provincia passò sotto l'occupazione dei comunisti titini che il 5 maggio ne proclamarono l'annessione alla Jugoslavia senza attendere i dovuti atti di diritto internazionale: tuttavia la reazione alleata costrinse i militari jugoslavi ad abbandonare almeno il capoluogo, sottoposto alla gestione diretta dell'AMGOT tramite un comandante distrettuale.

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

All'atto dell'istituzione, la provincia era suddivisa in 6 circondari, a loro volta suddivisi in 15 mandamenti e 60 comuni, ricalcando sostanzialmente la ripartizione del vecchio margraviato: spicca infatti l'alto numero di circondari, del tutto fuori media, che tradiva il fatto di essere stati ricavati dai precedenti e più ristretti distretti austriaci.[6] In seguito all'istituzione della Provincia di Fiume,[7] il circondario di Volosca-Abbazia, esclusi i comuni di Matteria e Castelnuovo d'Istria, venne assegnato a quella provincia portando il numero dei comuni a 42.[8]

Gli anni successivi portarono nuove modificazioni. Nel 1924 da Ossero fu staccata Neresine. Nel 1928 il comune di Draguccio fu annesso a Pisino. Nello stesso anno il governo ripensò la sua decisione su Matteria e Castelnuovo d'Istria, che vennero spostate in Provincia di Fiume.[11] Ai 40 comuni residui, negli anni Trenta ne vennero aggiunti due nuovi, ossia la nuova località turistica di Brioni Maggiore e quella mineraria di Arsia, chiudendo il totale dei municipi a quota 42.

Elenco dei comuni[modifica | modifica wikitesto]

N. Nome italiano Codice catastale Stato attuale Comune attuale Eventi accaduti durante il periodo di appartenenza all'Italia
1 Albona A170 Croazia Croazia Albona
Santa Domenica
2 Antignana A311 Croazia Croazia Antignana
San Pietro in Selve
3 Arsia A442 Croazia Croazia Arsia Comune staccato da Albona istituito nel 1937
4 Barbana d'Istria A624 Croazia Croazia Barbana
5 Bogliuno A924 Croazia Croazia Lupogliano
6 Brioni Maggiore B186 Croazia Croazia Pola Comune staccato da Pola istituito nel 1934
7 Buie d'Istria B260 Croazia Croazia Buie
8 Canfanaro B601 Croazia Croazia Canfanaro
9 Capodistria B665 Slovenia Slovenia Capodistria [12]
10 Cherso C601[13] Croazia Croazia Cherso
11 Cittanova d'Istria C748 Croazia Croazia Cittanova
12 Dignano d'Istria D301 Croazia Croazia Dignano
- Draguccio D362 Croazia Croazia Cerreto Già frazione di Pinguente sotto l'Austria
Comune soppresso e annesso a Pisino nel 1928
13 Erpelle-Cosina D465 Slovenia Slovenia Erpelle-Cosina Già Occisla-Clanzo prima del fascismo
14 Fianona D563 Croazia Croazia Chersano
15 Gimino E032 Croazia Croazia Gimino
16 Grisignana E183[14] Croazia Croazia Grisignana
17 Isola d'Istria E355 Slovenia Slovenia Isola
18 Lussingrande E765 Croazia Croazia Lussinpiccolo
19 Lussinpiccolo E766 Croazia Croazia Lussinpiccolo [15]
20 Maresego E942 Slovenia Slovenia Capodistria
21 Montona F683 Croazia Croazia Montona
Caroiba
22 Neresine F869 Croazia Croazia Lussinpiccolo Comune staccato da Ossero istituito nel 1924
23 Orsera G127 Croazia Croazia Orsera
San Lorenzo
Fontane
24 Ossero G177 Croazia Croazia Lussinpiccolo
25 Parenzo G322 Croazia Croazia Parenzo
Torre-Abrega
[16]
26 Paugnano G380/F485[17] Slovenia Slovenia Capodistria Ridenominato Monte di Capodistria nel 1927
27 Pinguente G675 Croazia Croazia Pinguente
28 Pirano G700 Slovenia Slovenia Pirano
29 Pisino G709 Croazia Croazia Pisino
Gallignana
Pedena
[18]
30 Pola G778[19] Croazia Croazia Pola
Fasana
Lisignano
Marzana
Medolino
[20]
31 Portole G915 Croazia Croazia Portole
32 Rovigno H619 Croazia Croazia Rovigno Ridenominato Rovigno d'Istria nel 1924
33 Rozzo H624 Croazia Croazia Pinguente
34 Sanvincenti I386 Croazia Croazia Sanvincenti
35 Silun Mont'Aquila I733/E440[21] Croazia Croazia Lanischie Già frazione di Pinguente sotto l'Austria
Già Slum prima del fascismo
Ridenominato Lanischie nel 1929
36 Umago L491 Croazia Croazia Umago
37 Valdarsa L533 Croazia Croazia Chersano Già frazione di Bogliuno sotto l'Austria
Già Susgnevizza prima del fascismo
38 Valle d'Istria L602 Croazia Croazia Valle
39 Verteneglio L793 Croazia Croazia Verteneglio
40 Villa Decani L932 Slovenia Slovenia Capodistria Già Decani prima del fascismo
41 Visignano M074 Croazia Croazia Visignano Ridenominato Visignano d'Istria nel 1925
42 Visinada M075 Croazia Croazia Visinada
Castellier-Santa Domenica

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Monti[modifica | modifica wikitesto]

Monti oltre i 1000 m

Denominazione Altezza (m) Luogo
Monte Maggiore 1.396 m Monti della Vena
Alpe Grande 1.271 m Monti della Vena
Monte Sega 1.234 m Monti della Vena
Monte Aquila 1.106 m Monti della Vena
Monte Taiano 1.028 m Monti della Vena
Monte Sabni 1.024 m Monti della Vena

Fiumi[modifica | modifica wikitesto]

Isole[modifica | modifica wikitesto]

Laghi[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

La provincia era percorsa dalle seguenti strade statali:

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Porti[modifica | modifica wikitesto]

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Sotto il Regno d'Italia gli abitanti della provincia di Pola erano in maggioranza etnicamente italiani. Il censimento del 1921 rilevò le seguenti presenze: 199.942 italiani (67%) e 90.262 croati (23%), più un 9% fra tedeschi e sloveni, principalmente ex-dipendenti pubblici austriaci. Nella città di Pola si avevano abitanti 49.323, di cui 41.125 italiani (91%) e 5.420 croati (9%). Era presente nella provincia anche una piccola comunità istrorumena, concentrata intorno al comune di Valdarsa.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Quasi tutta la popolazione professava il cattolicesimo e dipendeva dalla Diocesi di Parenzo e Pola, all'epoca suffraganea dell'Arcidiocesi di Gorizia.

La popolazione parlava diverse lingue e dialetti:

Transizione alla Jugoslavia[modifica | modifica wikitesto]

Con la vittoria jugoslava nella Seconda guerra mondiale l'8 maggio 1945, la provincia fu posto sotto occupazione militare come tutta la Venezia Giulia. Se l'Esercito Popolare di Liberazione della Jugoslavia proclamò immediatamente l'annessione della regione senza curarsi dei necessari passi di diritto internazionale, la reazione degli Stati Uniti obbligò a sgomberare la zona ad ovest della linea Morgan concordata con gli alleati occidentali, e a rimandare l'incorporazione giuridica al risorto Stato jugoslavo del restante territorio. In Istria, solo il centro storico del comune di Pola fu posto sotto la gestione dell'AMGOT, mentre tutto il resto ricadde sotto le armate titine.

Temporaneamente impossibilitato a dar pieno ed immediato seguito ai propri proclami di completa unificazione della penisola con la Jugoslavia, l'AVNOJ si preoccupò quantomeno separarla subito dall'Italia. Da misure più scenografiche come l'abolizione dell'ora legale, si passò a provvedimenti molto più concreti quali l'emissione di una valuta d'occupazione, la jugolira. Ancor più radicali le decisioni in ambito di diritto amministrativo, dato che il regime comunista cancellò tutti gli istituti di governo del territorio, sostituendoli coi soviet popolari del Comitato Nazionale per la Liberazione della Jugoslavia. Nonostante le norme internazionali condannassero la modificazione della legislazione locale prima della stipula dei trattati di pace, gli slavi posero in essere una nuova forma di autogoverno creando al posto delle vecchie autorità, fuggite o infoibate, 3 comitati cittadini per la gestione di Dignano, Parenzo e Rovigno,[22] 15 comitati distrettuali, con ambiti simili agli antichi distretti austriaci, che comandavano gruppi di comuni in blocco, e al vertice un comitato popolare provinciale.[23] Per legittimare lo stato di cose, il 25 novembre 1945 vennero indette le elezioni amministrative, dalle quali vennero però escluse Capodistria e Pirano le quali, a causa di manifestazioni di protesta all'indomani dell'introduzione della nuova moneta militare, vennero dichiarate città ancora sotto l'influenza di elementi fascisti, e quindi incompatibili con la democrazia. Per il voto vennero presentate solamente le liste uniche dell'Unione Antifascista, contro le quali la comunità italiane invitarono al boicottaggio, ma che i militari sostennero fortemente mediante minacce agli astensionisti, dato il palese desiderio del governo di Belgrado di usare l'affluenza come giustificazione di un'accettazione popolare del nuovo corso. Dopo l'insediamento, il comitato provinciale selezionò al suo interno un comitato centrale esecutivo composto da 15 membri, di cui nove di cognome slavo-croato e sei di cognome italo-veneto, con potere su tutta la pubblica amministrazione.[24]

La svolta finale per l'ex provincia venne però due anni dopo a causa della firma del Trattato di Parigi, che sancì il passaggio anche del capoluogo, Pola, alla Repubblica Popolare Federale Jugoslava, la quale il 15 settembre 1947 poté pure annettere a titolo definitivo tutto il territorio della provincia di Pola tranne i comuni di Buie d'Istria, Capodistria, Villa Decani, Cittanova d'Istria, Grisignana, Isola d'Istria, Maresego, Monte di Capodistria, Pirano, Umago e Verteneglio, che diventarono invece la "Zona B" del Territorio Libero di Trieste. La piena sovranità della Jugoslavia su questi comuni si estese nel 1977 in seguito alla ratifica del Trattato di Osimo del 1975, anche se nei fatti fin dal 1954 si era avuta una virtuale incorporazione. Oggi l'odierna contea croata dell'Istria corrisponde quasi perfettamente al territorio della defunta provincia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annuario Generale 1938-XVI, Consociazione Turistica Italiana, Milano 1938 pag. 661
  2. ^ Nello stesso anno vennero elevati al rango di capoluoghi altri due porti militari italiani, ossia La Spezia e Taranto.
  3. ^ R.D.L. 22 febbraio 1924, n. 213. s:R.D.L. 22 febbraio 1924, n. 213 - Istituzione della provincia del Carnaro con capoluogo Fiume
  4. ^ Dall'Annuario Generale 1929 del Touring Club Italiano a pag. 725 è citata Pola (PL). Queste sigle delle targhe sostituirono quelle in vigore fino al 1926, identificate da un numero di due cifre e Pola aveva il numero 70, quindi l'auto numero 100 di Pola sulla targa era codificata 70-100 (dall'Annuario del Touring del 1923-24 a pag. 165 nel paragrafo Numeri delle targhe d'auto e moto).
  5. ^ R.D.L. 4 ottobre 1928, n. 2370
  6. ^ Regio Decreto 29 marzo 1923, G.U. 27 aprile 1923, n°99
  7. ^ Regio Decreto Legge 22 febbraio 1924 n°213
  8. ^ Il circondario di Volosca-Abbazia comprendeva il mandamento di Volosca-Abbazia con Apriano, Bersezio del Quarnaro, Laurana, Moschiena e Volosca-Abbazia, e il mandamento di Bisterza con Berdo San Giovanni, Bisterza, Castel Iablanizza, Ceglie, Elsane, Fontana del Conte, Mattuglie, Monte Chilovi, Primano, Ratecevo in Monte, Sagoria San Martino, Smeria, Torrenova di Bisterza, più Matteria e Castelnuovo d'Istria solo per un anno.
  9. ^ Al momento dell'istituzione della provincia di Fiume, nel 1924, la ripartizione del territorio nazionale in mandamenti era stata appena abolita.
  10. ^ Comuni mantenuti in Provincia di Pola quando il resto del loro originario circondario, Volosca-Abbazia, andò a comporre la Provincia di Fiume nel 1924. Art.1 del Regio Decreto Legge 22 febbraio 1924 n°213. [1]
  11. ^ R.D.L. 4 ottobre 1928, n°2370
  12. ^ Nel 1910 aveva il 78,8% di popolazione italiana ed il 19,2% slovena.
  13. ^ La frazione di San Martino in Valle ha insolitamente un proprio codice catastale (H993)
  14. ^ La frazione di Piemonte d'Istria ha insolitamente un proprio codice catastale (M296)
  15. ^ Nel 1921 aveva il 68% di popolazione italiana e il 15% croata.
  16. ^ Nel 1921 aveva il 75% di popolazione italiana, il 5% slovena e il 20% croata.
  17. ^ Al comune di Monte di Capodistria è insolitamente attribuito un codice catastale (F485) diverso da quello attribuito al comune di Paugnano (G380)
  18. ^ Nel 1921 aveva il 39% di popolazione italiana, il 2,5% slovena e il 57% croata.
  19. ^ La frazione di Fasana ha insolitamente un proprio codice catastale (D507)
  20. ^ Nel 1921 aveva il 71% di popolazione italiana e il 20% croata.
  21. ^ Al comune di Lanischie è insolitamente attribuito un codice catastale (E440) diverso da quello attribuito al comune di Silun Mont'Aquila (I733)
  22. ^ Il quarto comitato cittadino, quello di Pola, dovette essere per il momento sciolto a causa dell'occupazione angloamericana del municipio.
  23. ^ Istria 1945
  24. ^ Storia di un esodo

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]