Asinello (isola)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Asinello
Ilovik
Ilovik island.jpg
Vista dall'isola di San Pietro
Geografia fisica
Localizzazione Mare Adriatico
Coordinate 44°27′12″N 14°33′02″E / 44.453333°N 14.550556°E44.453333; 14.550556Coordinate: 44°27′12″N 14°33′02″E / 44.453333°N 14.550556°E44.453333; 14.550556
Arcipelago Isole Quarnerine
Superficie 5,51 km²
Dimensioni 4 × 0,95 km
Sviluppo costiero 14,091 km
Altitudine massima 96 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Croazia Croazia
Regione Regione litoraneo-montana
Comune Lussinpiccolo
Centro principale San Pietro dei Nembi
Demografia
Abitanti 85 (2011)
Cartografia
Croatia - Ilovik.PNG
Mappa di localizzazione: Croazia
Asinello
Asinello

[senza fonte]

voci di isole della Croazia presenti su Wikipedia

Asinello[1][2] (in croato Ilovik) è un'isola della Croazia che fa parte dell'arcipelago delle isole Quarnerine ed è situata a sudest della punta meridionale della penisola d'Istria.

Amministrativamente appartiene alla città di Lussinpiccolo, nella regione litoraneo-montana.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Vista dal monte Nono (Did), con l'isola di San Pietro oltre il canale, una parte di Lussino e lo scoglio Capra sulla sinistra, le isole Oriole Piccola e Oriole Grande al centro oltre San Pietro e l'isolotto Palazziol Grande sullo sfondo.

Asinello si trova nella parte meridionale del Quarnaro, 60 km a sudest[3] dell'Istria e 1,5 km a sudest[4] dell'isola di Lussino; è separata da quest'ultima dalla porta di San Pietro (Ilovačka vrata). Asinello si sviluppa in direzione nordovest-sudest per circa 4 km[5] e raggiunge una larghezza massima di 2,12 km[6]; la sua superficie è di 5,51 km²[7].

L'isola è di forma irregolare, con coste ricche di insenature che corrono per più di 14 km[7]. A sud si trova la valle Parsine[2] (uvala Paržine). Un promontorio si allunga nella parte sudorientale e termina nella punta Radovan (rt Radovan)[8]. Al centro, l'isola raggiunge la sua elevazione massima nel monte Nono[2] (Did, "grissino") di 96 m s.l.m.[8] Altri rilievi sono il monte della Guardia Grande[2] (Vela Straža) e il monte Strisine[2].

Oltre un canale lungo circa 2,5 km e largo 300 m si trova l'isola di San Pietro.[9]

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Il terreno è ricoperto dalla macchia mediterranea sempreverde, da uliveti, querce e rade macchie di pino di Aleppo. Oltre a ciò, l'isola è nota soprattutto per i fiori (tanto che spesso viene chiamata Isola dei fiori) per la forte presenza di oleandri, rose, alberi di eucalipto e palme.[9]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fin dal 1071, Asinello e San Pietro furono registrate insieme come Neumae Insulae (dal greco neuma, segno), per poi cambiare nome nel XIII secolo in Sanctus Petrus de Nimbis e in seguito, sotto l'influenza veneziana, in San Pietro dei Nembi. Infine, quando i coloni croati giunsero sull'isola da Lussino nel XVIII secolo, chiamarono l'isola grande Tovarnjak (ovvero Asinello) e alla piccola rimase il nome di San Pietro (Sveti Petar).

Grazie all'ottima posizione geografica, il canale che separa Asinello e San Pietro è stato utilizzato in diversi periodi storici come punto d'approdo per le imbarcazioni.

I più antichi reperti trovati sull'isola risalgono alla tribù illirica dei Liburni. Si trovano anche reperti d'epoca romana come edifici, mosaici e tombe, e le rovine della chiesa altomedievale di Sant'Andrea. I primi coloni di Asinello erano braccianti che lavoravano presso l'abbazia benedettina costruita sull'isola di San Pietro.

Al censimento del 2011, gli abitanti di San Pietro dei Nembi[2] (Ilovik), unico insediamento dell'isola, erano 85[10].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione locale si occupa prevalentemente di pesca, turismo, agricoltura e pastorizia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Natale Vadori, Italia Illyrica sive glossarium italicorum exonymorum Illyriae, Moesiae Traciaeque ovvero glossario degli esonimi italiani di Illiria, Mesia e Tracia, 2012, San Vito al Tagliamento (PN), Ellerani, p. 446, ISBN 978-88-85339-29-3.
  2. ^ a b c d e f Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, 2008, Trebaseleghe (PD), Lint Editoriale, pp. 393-395, ISBN 978-88-8190-244-6.
  3. ^ Distanza calcolata su Wikimapia
  4. ^ Distanza calcolata su Wikimapia
  5. ^ Lunghezza su Wikimapia
  6. ^ Larghezza su Wikimapia
  7. ^ a b COASTLINE LENGTHS AND AREAS OF ISLANDS IN THE CROATIAN PART OF THE ADRIATIC SEA DETERMINED FROM THE TOPOGRAPHIC MAPS AT THE SCALE OF 1 : 25 000 (PDF), academa.si, p. 13. URL consultato il 17 luglio 2016.
  8. ^ a b (HR) Mappa topografica di Ilovik Mappa topografica della Croazia 1:25000 , preglednik.arkod.hr. URL consultato il 14 gennaio 2017.
  9. ^ a b Ilovik, visitlosinj.hr. URL consultato il 3 agosto 2016.
  10. ^ Censimento 2011 (Regione litoraneo-montana), dzs.hr. URL consultato il 9 agosto 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]