Torre-Abrega

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torre-Abrega
comune
(HR) Tar-Vabriga
(IT) Torre-Abrega
Torre-Abrega – Stemma Torre-Abrega – Bandiera
(dettagli) (dettagli)
Torre-Abrega – Veduta
Scorcio di Torre con la parrocchiale di San Martino sullo sfondo
Localizzazione
StatoCroazia Croazia
RegioneGrb Istarske županije.svg Istria
Amministrazione
SindacoNivio Stojnić
Territorio
Coordinate45°18′00″N 13°37′48″E / 45.3°N 13.63°E45.3; 13.63 (Torre-Abrega)Coordinate: 45°18′00″N 13°37′48″E / 45.3°N 13.63°E45.3; 13.63 (Torre-Abrega)
Altitudine103 m s.l.m.
Superficie28,3 km²
Abitanti1 990 (31-03-2011, Censimento 2011)
Densità70,32 ab./km²
Altre informazioni
Linguecroato, italiano
Cod. postale52465
Prefisso+385 (0)52
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantitorresani; abregani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Torre-Abrega
Torre-Abrega
Torre-Abrega – Mappa
confini comunali rispetto alla regione
Sito istituzionale

Torre-Abrega (in croato Tar-Vabriga) è un comune nell'Istria croata.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

La doppia denominazione deriva dai due principali centri abitati che costituiscono la municipalità: Torre, già Torre di Parenzo, capoluogo, e la vicina Abrega, già Abrega Parentina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'area del comune è stata abitata da dinosauri risalenti a 60 milioni di anni fa, oggi infatti sono visibili varie impronte. Sono state scoperte anche ossa e zanne di mammut e resti di uomini primitivi.

Il territorio era inserito nel feudo monastico dell'abbazia di San Michele Sottoterra di Diliano di Visignano[1]. Il feudo era un vasto territorio, compreso fra i territori di Parenzo e Montona, che da Visignano attraverso la vasta campagna di Colombera andava a Santa Domenica fino alla Madonna dei Campi e Visinada e Torre di Parenzo.

Nel 1060 l'imperatore Enrico IV concede al vescovo Adelmano di Parenzo la giurisdizione dell'abbazia di San Michele Sottoterra e da questa data il monastero perderà la sua indipendenza pur conservando ampia autonomia, ed il feudo monastico entrerà nei possedimenti ecclesiastici della Diocesi di Parenzo. Dopo il 1077 il vescovo di Parenzo donò il feudo a Enrico di Eppenstein, marchese d'Istria.

Nel 1203 il paese è inserito nell'atto di ricognizione dei confini delle cosiddette “terre di S. Mauro”, nome che identificava il territorio di Parenzo, dal nome del vescovo San Mauro di Parenzo (V secolo); l'atto di ricognizione era stato disposto dal Patriarca di Aquileia Volchero, marchese d'Istria.[2]

Torre appartenne dal 1267 al 1797 alla Repubblica di Venezia. Il territorio fu abitato da popolazioni provenienti dalla Venezia Giulia e tra il XVI e il XVII secolo giunsero famiglie contadine provenienti dalla Dalmazia e da altre zone in fuga dalle conquiste ottomane.

Alla caduta della Repubblica di Venezia, nel 1797 Torre passò sotto la dominazione austriaca e poi della Francia napoleonica (18061814), all'interno delle Province illiriche. Col Congresso di Vienna Torre, con l'Istria, tornò sotto l'Austria.

Al termine della prima guerra mondiale dopo il trattato di Rapallo passò al regno d'Italia. Al termine della seconda guerra mondiale passò alla Croazia nella federazionejugoslava. Come in diverse altre località dell'Istria, molti abitanti lasciarono il paese a causa dell'esodo istriano. Nel 1991 Torre divenne parte della Croazia indipendente. Il comune è stato istituito ufficialmente nel 2006 separandosi dal comune di Parenzo.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Il simbolo rappresenta la torre con accanto un albero ed in alto a sinistra un sole. Lo stemma attuale riprende quasi totalmente lo stemma di Torre ai tempi della sovranità italiana. La bandiera del comune non è altro che stemma attuale su uno sfondo giallo.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Vista da Torre

Le principali attività economiche si reggono sul turismo, l'agricoltura - viticoltura e olivicoltura in particolare - e la pesca e l'acquicoltura.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Località[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Torre-Abrega è suddiviso in 6 località:

  • Torre (Tar), sede comunale
  • Fratta (Frata)
  • Ghedda (Gedići)
  • Perzi (Perci)
  • Villa Rossa (o Rossini, Rošini)
  • Abrega (Vabriga)

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Particolarmente legato a Torre fu il pittore croato Zlatko Prica (1916 - 2003), che nel paese stabilì casa e atelier. Il territorio di Torre e della vicina Santa Marina fu ispirazione di molte sue opere.[3] Legato ad Abrega e a Torre è anche Ennio Machin (morto il 15.6.2014), figura di spicco della Comunità Nazionale Italiana in Croazia; Abrega e Torre ricorrono nei suoi racconti, e sono protagonisti del racconto "Quell'estate istriana di un piccolo fiumano" (raccolto in volume in "Rimembranze fiumane", Edit, 2008), nel quale l'autore ricorda la sua permanenza ad Abrega e a Torre nell'estate del 1943.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La squadra più antica è il NK Istra Tar, una squadra di calcio fondata nel 1968. La divisa ufficiale è gialla e nera e attualmente la squadra compete nel campionato di calcio della Regione Istriana. Vi sono poi sodalizi sportivi di pallavolo, tennis da tavolo, bocce e golf.[4]

Associazionismo[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a quelle sportive, a Torre sono attive diverse associazioni, tra le quali la Comunità degli Italiani Giovanni Palma, fondata nel 1947, l'Associazione dei diabetici di Torre-Abrega, l'Associazione degli ulivocultori Olea, l'Associazione dei pescatori Delfin, l'Associazione dei Pompieri Volontari Lampo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[5]
1857 1869 1880 1890 1900 1910 1921 1931 1948 1953 1961 1971 1981 1991 2001 2011
1.027 1.132 1.308 1.614 1.996 2.317 2.247 2.346 2.126 1.852 1.523 1.335 1.357 1.460 1.590 1.990

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Esodo giuliano dalmata, Italiani di Croazia e Unione Italiana.

A Torre-Abrega esiste una piccola comunità di italiani autoctoni, che rappresentano una minoranza residuale di quelle popolazioni italiane che abitarono per secoli ed in gran numero, le coste dell'Istria e le principali città di questa, le coste e le isole della Dalmazia, e il Quarnaro, che erano territori della Repubblica di Venezia. La presenza di italiani autoctoni a Torre-Abrega è drasticamente diminuita in seguito all'esodo giuliano dalmata, che avvenne dopo la seconda guerra mondiale e che fu anche cagionato dai "massacri delle foibe".

Sull'intero territorio comunale vige il bilinguismo ufficiale croato/italiano, grazie alla presenza di una ancora cospicua comunità italiana autoctona, la quale usa comunemente il dialetto istro-veneto.

% Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Censimento Croazia 2011
0,30% madrelingua bosniaca
0,25% madrelingua ceca
0,30% madrelingua tedesca
74,27% madrelingua croata
0,25% madrelingua ungherese
21,71% madrelingua italiana
0,45% madrelingua macedone
0,65% madrelingua slovena
0,05% madrelingua albanese
0,45% madrelingua serba

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rino Cigui, I Benedettini nella Venezia Giulia di Antonio Alisi, Atti, vol. XXXVII, 2007, pp. 457-458
  2. ^ Codice Diplomatico Istriano - volume II
  3. ^ [Marco Valsecchi, Corrado Marsan: Zlatko Prica. Trentacinque anni di pittura, Luigi de Tullio Editore, 1975]
  4. ^ Copia archiviata (PDF), su nszi.hr. URL consultato il 24 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2008).
  5. ^ - Republika Hrvatska - Državni zavod za statistiku: Naselja i stanovništvo Republike Hrvatske 1857.-2001.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert Buršić, Parenzo e Orsera: guida turistica, Parenzo, Agenzia "Adriatic", 1993, p. 55.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316747692
Venezia Giulia e Dalmazia Portale Venezia Giulia e Dalmazia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Venezia Giulia e Dalmazia