OmniROM

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
OmniROM
I-9000 Android 6.0.1.png
Screenshot di OmniROM 6.0.1
Sviluppatore OmniROM community
Famiglia SO mobile operating systems
Release corrente 7.1.2 (Nightly)
Tipo di kernel Linux (monolitico)
Piattaforme supportate ARM
Tipologia licenza Software libero
Licenza Apache 2 and GPL v2[1]
Stadio di sviluppo in produzione, corrente
Sito web

OmniROM è una distribuzione open source per smartphone e tablet, basata su Android. Si tratta di un'unione di molti sviluppatori importanti provenienti da altri progetti.[2]

Il progetto adotta quella che viene definita dagli sviluppatori come la filosofia Free3: "Libero da utilizzare, libero da modificare e libero da condividere".

Progetto[modifica | modifica wikitesto]

Questo progetto è una reazione alla recente commercializzazione di una delle più importanti ROM, CyanogenMod.[3] Il progetto offre ROM basate su Android 4.4 (KitKat),[4] include il supporto al Galaxy Note II. Altri dispositivi sono supportati, quali il Galaxy Note, Galaxy S3, Nexus 4, Nexus 5, Nexus 7, LG Optimus G, Galaxy S2, HTC One (M7), Oppo Find 5, Sony Xperia T, HTC Explorer, Lenovo A6000.[5] Coinvolgendo gli sviluppatori principali: P. Binder, J-H. Ude, Y. Taeuber, S. Rein

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Licenses, su Android Open Source Project, Open Handset Alliance. URL consultato il 15 Sept 2010.
  2. ^ Brad Linder, Coming soon: OmniROM "open ROM" for Android devices, su Liliputing, 13 ottobre 2013. URL consultato il 14 novembre 2013.
  3. ^ Bill Ray, All cool kids' phones run ALTERNATIVE alternative custom Android ROM, su The Register, 16 ottobre 2013. URL consultato il 14 novembre 2013.
  4. ^ Chris Smith, Android 4.4 KitKat plans for AOKP, CyanogenMod, OmniROM and Paranoid Android detailed, su Android Authority, 10 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2013.
  5. ^ Fionna Agomuoh, Android 4.4 KitKat Update: Samsung Galaxy Note 2 Gets OmniROM Update And ROM Release Rundown, in International Business Times, 13 novembre 2013. URL consultato il 18 novembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]