Platypux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Platypux
Logo
Pantallazo Platypux Linux.jpg
SviluppatorePierre-Aimé and Jacques-Olivier (The Platypux Brothers)
Famiglia SOUnix-like
Release correnteV8.0 (9 Novembre 2011)
Tipo di kernelKernel monolitico
Interfacce graficheXfce
LicenzaFree software - GPL
Stadio di sviluppoattivo
Sito webplatypux.site.free.fr

Platypux è una distribuzione francese di Linux della famiglia Slackware, sviluppata da Pierre-Aimé e Jacques-Olivier.

Nonostante Platypux sia un derivata di Slackware, è stata costruita utilizzando il codice sorgente fornito dal progetto Linux From Scratch (LFS) che consente agli sviluppatori di apprendere il funzionamento interno di un sistema basato su Linux[1] per creare una personalizzazione della distro di Linux, in modo che possa adattarsi naturalmente al suo pubblico e ai suoi scopi.

Platypux V8.0 è supportato solo da piattaforme x86 (32 bits), sia desktop che portatili, ed è disponibile per l'installazione da un DVD live. Il suo kernel supporta PAE per consentire l'accesso completo alla memoria RAM oltre il limite di 4GiB.

Platypux è stato sviluppato utilizzando il codice sorgente dal progetto Linux From Scratch, ma conta anche il codice sorgente per le distro Linux BLFS (oltre Linux From Scratch) e ALFS (Automated Linux From Scratch). Il kernel Linux insieme ai diversi pacchetti preinstallati comprende la distribuzione Linux.

Platypux è un gioco di parole di platypus e tux, la mascotte di Linux. Un platypus è un animale esotico che, pur essendo un mammifero, condivide l'approccio con gli anfibi, rendendo la distro Linux esotica con parti di "pinguini", un GNU e altre componenti di terze parti.

Alcuni dei pacchetti preinstallati per Platypux V8.0 sono: gestore delle finestre Xfce, GIMP image editor (con supporto XSane), Inkscape Scalable, Vector Graphics editor, SRWare Browser web, Pidgin per la messaggistica istantanea e la suite LibreOffice.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ LFS Project Homepage, Linuxfromscratch.org. URL consultato il 1º settembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]