Devuan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Devuan
sistema operativo
Logo
Devuan-Jessie-Screenshot.png
SviluppatoreVeteran Unix Admins
FamigliaUnix-like
Release iniziale1.0.0 (3 maggio 2016)
Release corrente3.0.0 (Beowulf) (1 giugno 2020)
Tipo di kernelMonolitico (Linux)
Piattaforme supportateppc64el, i386, amd64, armel, armhf, arm64
Gestore dei pacchettiAPT
Interfacce graficheXfce, LXDE, LXQT, KDE, Cinnamon, MATE; altri ambienti sono disponibili dopo l'installazione
Spazio utenteGNU
LicenzaGNU General Public License
Stadio di sviluppoAttivo
Sito webdevuan.org/

Devuan è un fork di Debian che usa sysvinit invece di systemd, che è l'impostazione predefinita nelle nuove versioni di Debian.[1][2][3][4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il rilascio di Debian 8 ha reso ostili alcuni sviluppatori e altri utenti a causa dell'adozione del progetto di systemd.[5][6] La prima versione stabile di Devuan è stata pubblicata il 25 maggio 2017.[7][8][9]

Devuan ha un proprio repository di pacchetti che rispecchia quello principale di Debian,[10] con modifiche locali fatte solo quando necessario per consentire l'uso di sistemi init diversi da systemd. I pacchetti modificati includono PolicyKit e udisks. Devuan dovrebbe funzionare come la corrispondente versione di Debian. Devuan non fornisce systemd nei suoi repository ma conserva libsystemd0 fino a quando non ha rimosso tutte le dipendenze.

Invece di continuare la pratica Debian di usare i nomi dei personaggi di Toy Story come nomi in codice dei rilasci,[11] Devuan usa come alias per i nomi delle sue versioni quelli dei pianeti. La prima versione stabile condivideva il nome in codice di Debian 8: Jessie . Comunque, quella versione Devuan è stata chiamata anche come il pianeta minore 10464. La seconda versione si chiama ASCII come il pianeta minore 3568, la terza versione ufficiale si chiama Beowulf mentre l'alias permanente per il ramo instabile Devuan è Ceres, come l'omonimo pianeta nano.[12]

Devuan 3.0.0 Beowulf è stato rilasciato il 1 giugno 2020.[13][14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Chris Hoffman, Meet Devuan, the Debian fork born from a bitter systemd revolt, su PCWorld. URL consultato il 13 dicembre 2014.
  2. ^ (EN) Michael Larabel, Devuan: Debian Without Systemd, su Phoronix. URL consultato il 14 dicembre 2014.
  3. ^ (EN) Michael Larabel, Devuan Is Still Moving Along As A Debian Fork Without Systemd, su Phoronix, 23 dicembre 2014. URL consultato il 9 settembre 2019.
  4. ^ (EN) Simon Sharwood, systemd row ends with Debian getting forked, su The Register. URL consultato il 13 dicembre 2014 (archiviato il 1º dicembre 2014).
  5. ^ (EN) Silviu Stahie, Fork Debian Project Announces the Systemd-less OS Devuan, su Softpedia, 28 novembre 2014. URL consultato il 30 novembre 2014.
  6. ^ (EN) Paul Wise, Debian 8 "Jessie" released, su Debian-announce, 25 aprile 2015. URL consultato il 26 aprile 2015.
  7. ^ (EN) Devuan Jessie 1.0.0 stable release (LTS), su Devuan GNU+Linux. URL consultato il 9 settembre 2019.
  8. ^ (EN) Jesse Smith, Devuan 1.0.0 -- Debian without systemd, su DistroWatch.com, 5 giugno 2017. URL consultato il 9 settembre 2019.
  9. ^ (EN) Michael Larabel, Devuan 1.0 Officially Released - Letting Debian Live Without Systemd, su Phoronix. URL consultato il 9 settembre 2019.
  10. ^ (EN) Devuan build system overview (PNG), su devuan.org. URL consultato il 17 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2016).
  11. ^ (EN) Debian FAQ Authors, What are all those names like etch, lenny, etc.?, su The Debian GNU/Linux FAQ, 1º maggio 2015. URL consultato il 17 giugno 2015.
  12. ^ (EN) Devuan GNU/Linux - Debian without systemd, su devuan.org, 4 febbraio 2016. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  13. ^ (EN) James Darwell, Devuan Beta Release, su Linux Journal, 3 maggio 2016. URL consultato il 9 settembre 2019.
  14. ^ (EN) Devuan GNU+Linux Free Operating System, su Devuan GNU+Linux. URL consultato il 9 settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]