gNewSense

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
gNewSense
Logo
GNewSense screenshot.png
Screenshot di gNewSense 2.1
Sviluppatore Comunità
Famiglia SO GNU/Linux
Release iniziale 1.0 (2 novembre 2006[1])
Release corrente 3.1 (9 febbraio 2014)
Tipo di kernel Kernel monolitico
Piattaforme supportate x86, MIPS, AMD64
Interfacce grafiche GNOME
Tipologia licenza Software libero
Licenza GNU GPL
Stadio di sviluppo Attivo
Sito web www.gnewsense.org

gNewSense è una distribuzione basata su Debian GNU/Linux nata con lo scopo di utilizzare esclusivamente software libero.[2] Fu una delle prime distribuzioni ad utilizzare il kernel Linux del progetto Linux-libre.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La distribuzione nacque dall'idea di due esperti irlandesi nel software libero, Brian Brazil e Paul O'Malley.

La versione 2.3 è stata distribuita il 14 settembre 2009. Fin dalla prima versione gNewSense è avviabile da LiveCD, Chiave USB o tramite boot di rete. Inoltre grazie al cosiddetto Builder chiunque può creare una versione personalizzata della distribuzione.

L'ultima versione al momento disponibile è la 4.0, nome in codice "Ucclia", distribuita il 2 maggio 2016, basata su Debian 7.2 "Wheezy" (stabile), utilizza l'ambiente desktop GNOME 3.4.2 ed è disponibile in 3 architetture: i386, amd64 e mipsel (Lemote Yeeloong).

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'obiettivo di gNewSense è fornire agli utenti i pacchetti di programmi che offrono la stabilità e la libertà di Debian con repository liberi al 100%[4][5]. Nessun codice proprietario è o sarà mai inserito volontariamente in gNewSense; qualora fosse trovato un software proprietario, sarebbe considerato un bug da risolvere al più presto.

Il browser di default si chiama Web (una volta chiamato Epiphany); inoltre Mozilla Firefox è stato sostituito con il suo fork GNU IceCat, che non richiede l'installazione di alcun plugin proprietario. Il kernel Linux è stato ripulito di tutto il software non-libero. L'ambiente desktop predefinito è GNOME.

È disponibile un porting per il computer portatile Lemote Yeeloong (su Architettura MIPS) che vanta di avere BIOS e driver liberi.

Esiste la localizzazione in varie lingue, tra le quali vi è quella in lingua italiana.

Il supporto della Free Software Foundation (FSF)[modifica | modifica wikitesto]

gNewSense è una distribuzione ufficialmente supportata dalla Free Software Foundation fra i "Progetti ad alta priorità".[6]
Il supporto avuto dalla FSF permetterà agli sviluppatori di avere una macchina high end (ovvero con un BIOS libero), connettività e assistenza nello sviluppo dei temi grafici.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) gNewSense 1.0 released, Free Software Foundation. URL consultato il 12 maggio 2016.
  2. ^ (EN) 12 maggio 2016, gnewsense.org.
  3. ^ (EN) GNU Linux-libre project, fsfla.org. URL consultato il 12 maggio 2016.
  4. ^ Documentation/3/DifferencesWithDebian - gNewSense GNU/Linux
  5. ^ (see debian) GNU.org Explaining Why We Don't Endorse Other Systems - GNU Project - Free Software Foundation http://www.gnu.org/distros/free-distros.html
  6. ^ (EN) High Priority Free Software Projects, Free Software Foundation. URL consultato il 12 maggio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]