Android Oreo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Android Oreo
Logo
Android Oreo 8.1 screenshot.png
Android 8.1 con Pixel Launcher
SviluppatoreGoogle LLC
Open Handset Alliance
Famiglia SOUnix-like
Release iniziale8.0 (21 agosto 2017)
Release corrente8.1.0 (OPM8.181205.001)[1] (3 dicembre 2017)
Tipo di kernelLinux kernel (monolitico)
Piattaforme supportateARM, 64 bit
Metodo di aggiornamentoOTA e PC
Tipologia licenzaSoftware libero con controparti proprietarie
LicenzaApache 2.0
Stadio di sviluppocorrente
PredecessoreAndroid 7.0 "Nougat"
SuccessoreAndroid 9.0 "Pie"
Sito web

Android "Oreo" (nome in codice Android O durante lo sviluppo) è l'ottavo major update e la 15° versione del sistema operativo Android. Fu pubblicato in una versione alpha tramite una anteprima sviluppatore a marzo 2017 e rilasciata al pubblico il 21 agosto 2017.[2]

Contiene una serie di funzioni principali, tra cui raggruppamento delle notifiche, supporto picture-in-picture per i video, miglioramenti delle prestazioni e ottimizzazione dell'utilizzo della batteria e supporto per gli autofillers, Bluetooth 5, integrazione a livello di sistema con app VoIP, gamme di colori ampie e Wi-Fi Aware. Android Oreo introduce anche due principali funzionalità della piattaforma: Android Go - una distribuzione software del sistema operativo per dispositivi di fascia bassa - e supporto per l'implementazione di uno strato di astrazione dall'hardware.

Al 26 ottobre 2018, il 21,5% dei dispositivi Android eseguiva Oreo, con il 14,0% su 8.0 e il 7,5% su 8.1.[3]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Android Oreo fu chiamato internamente "Oatmeal Cookie."[4] Il 21 marzo 2017, Google ha rilasciato la prima anteprima sviluppatore di Android "O",[5][6][7] disponibile per Nexus 5X, Nexus 6P, Nexus Player, Pixel C e entrambi gli smartphone Pixel.[8]

Il secondo, in versione beta, è stato pubblicato il 17 maggio 2017.[9] La terza anteprima per sviluppatori è stata pubblicata l'8 giugno 2017 e offriva una versione definitiva dell'API.[10] DP3 ha finalizzato l'API del rilascio al livello API 26,[10] è stata cambiata l'interfaccia utente della telecamera, sono state aggiunte notifiche a tema, aggiunta un'animazione batteria nelle impostazioni: BatteriaN una nuova icona e uno sfondo più scuro per l'app Orologio e un'icona a forma di goccia per le app.[11]

Il 24 luglio 2017 è stata pubblicata una quarta anteprima per sviluppatori che includeva i comportamenti del sistema finale e le ultime correzioni di bug e ottimizzazioni.[12] Android "O" è stato ufficialmente pubblicato il 21 agosto 2017 con il nome "Oreo". La statua è stata svelata in un evento promozionale di fronte al Chelsea Market di New York, un edificio che ospitava in passato una fabbrica di Nabisco dove venivano prodotti i biscotti Oreo. Le factory images sono state rese disponibili per i dispositivi Pixel e Nexus più tardi quello stesso giorno.[13][14] Il Sony Xperia XZ1 e il Sony Xperia XZ1 Compact sono stati i primi dispositivi disponibili con Oreo preinstallato.[15]

Android 8.1 è stato rilasciato a dicembre 2017 per i dispositivi Pixel e Nexus, che presenta correzioni di bug minori e modifiche all'interfaccia utente.[16][17]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Esperienza utente[modifica | modifica wikitesto]

Le notifiche possono essere posticipate e raggruppate in gruppi tematici noti come "canali".[18][19] La funzione "Major Ongoing" ordina gli avvisi in modo prioritario, bloccando l'applicazione più importante nello slot superiore.[20] Android Oreo contiene il supporto integrato per le modalità picture-in-picture (supportato nell'app YouTube per gli iscritti Premium di YouTube).[21][22][23][24] L'app "Impostazioni" presenta un nuovo design, con un tema bianco e una categorizzazione più profonda delle diverse impostazioni,[25] mentre le sue impostazioni di suoneria, sveglia e suono di notifica ora contengono un'opzione per aggiungere suoni personalizzati alla lista.[26][27]

L'aggiornamento ad Android 8.1 supporta la visualizzazione delle percentuali della batteria dei dispositivi Bluetooth collegati, rende l'ombra della notifica leggermente traslucida e attenua i tasti di navigazione sullo schermo per ridurre la possibilità di burn-in.[16][17]

Piattaforma[modifica | modifica wikitesto]

Android Oreo aggiunge il supporto per il Neighborhood Aware Networking (NAN) per Wi-Fi basato su Wi-Fi Aware,[28] Bluetooth 5,[29] gamme di colori ampi nelle app,[30] un'API per autofiller, multiprocesso e Google Browsingsupport per WebViews, un'API per consentire a livello di sistema l'integrazione per app VoIP e avvio di attività su display remoti.[5] Android Runtime (ART) offre miglioramenti delle prestazioni[5] e una migliore gestione della cache.[31] Android Oreo contiene ulteriori limiti sulle attività in background delle app per migliorare la durata della batteria.[32] Le app possono specificare "icone adattive" per contenitori di forma diversa specificati da temi, quali cerchi, quadrati o supercerchi[33]

Android Oreo supporta le nuove emoji incluse nello standard Unicode 10. È stato inoltre introdotto un nuovo font emoji, che riprogetta in particolare le figure del viso per utilizzare una forma circolare tradizionale, a differenza del design "blob" introdotto su KitKat.[34][35]

L'architettura di base di Android è stata rivista in modo tale che il codice specifico del fornitore a basso livello per supportare l'hardware di un dispositivo possa essere separato dal framework del sistema operativo Android utilizzando uno strato di astrazione dall'hardware noto come "interfaccia del fornitore". Le interfacce del fornitore devono essere rese compatibili con le future versioni di Android. Questa nuova architettura, denominata Project Treble,[36] consente lo sviluppo e l'implementazione più rapida degli aggiornamenti Android per i dispositivi, poiché i fornitori devono solo apportare le modifiche necessarie al loro software in dotazione.[37][38] Tutti i dispositivi che nascono di fabbrica con Oreo devono supportare un'interfaccia fornitore, ma questa funzione è facoltativa per i dispositivi che vengono aggiornati a Oreo da una versione precedente.[39] Il sistema "aggiornamenti senza interruzioni" introdotto in Android 7.0 è stato modificato per scaricare i file di aggiornamento direttamente nella partizione di sistema, piuttosto che richiedere che vengano prima scaricati nella partizione utente. Ciò riduce i requisiti di spazio di archiviazione per gli aggiornamenti di sistema.[40]

Android Oreo introduce un nuovo sistema di riparazione automatico noto come "Rescue Party"; se il sistema operativo rileva che i componenti del sistema core si bloccano in modo persistente durante l'avvio, eseguirà automaticamente una serie di passaggi di riparazione escalation. Se tutte le fasi di riparazione automatica sono esaurite, il dispositivo si riavvierà in modalità di ripristino e offrirà di eseguire un ripristino ai dati di fabbrica.[41][42]

L'aggiornamento ad Android 8.1 introduce anche un'API di rete neurale, progettata per "[fornire] app con accelerazione hardware per operazioni di apprendimento automatico su dispositivo". Quest'API è progettata per l'uso su piattaforme di apprendimento automatico come TensorFlow Lite e co-processori specializzati come Pixel Visual Core (presente negli smartphone Samsung Pixel 2, ma inattiva fino alla 8.1), ma fornisce anche una modalità di fallback della CPU.[43][44]

Android Go[modifica | modifica wikitesto]

Una distribuzione su misura per dispositivi di fascia bassa nota come Android Go è stata presentata per Oreo; è destinato a dispositivi con 1 GB di RAM o meno. Questa modalità ha ottimizzazioni della piattaforma progettate per ridurre l'utilizzo dei dati mobili (inclusa l'attivazione della modalità Risparmio dati per impostazione predefinita) e una suite speciale di servizi Google Mobile progettata per essere meno intensiva in termini di risorse e larghezza banda. Google Play Store evidenzierà anche app leggere adatte per questi dispositivi.[45][46] Anche l'interfaccia del sistema operativo viene modificata, con il pannello delle impostazioni rapide che fornisce maggiore risalto alle informazioni riguardanti la batteria, il limite dei dati mobili e la memoria disponibile, il menu delle app recenti che utilizza un layout modificato ed è limitato a quattro app (per ridurre il consumo della RAM) e un'API per consentire ai gestori di telefonia mobile di implementare il monitoraggio e il recupero dei dati all'interno del menu delle impostazioni di Android.[29] Anche Google Play Services è stato modularizzato per ridurre l'impatto sulla memoria

Android Go è stato reso disponibile agli OEM per Android 8.1[43]

Sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Android Oreo rinomina la scansione automatica di Google Play Store e app installate di fabbrica come "Google Play Protect", e offre la funzionalità, oltre a Trova il mio dispositivo (in precedenza Gestione dispositivo Android), maggiore risalto nel menu Sicurezza dell'app Impostazioni. Al contrario di una singola impostazione a livello di sistema per abilitare l'installazione di app da fonti esterne al Google Play Store, questa funzione è ora implementata come autorizzazione che può essere concessa a singole app. L'avvio verificato ora include una funzionalità di "Protezione dal rollback", che impone una restrizione sul ripristino del dispositivo a una versione precedente di Android, finalizzata a impedire a un potenziale malintenzionato di aggirare le misure di sicurezza installando una versione precedente del sistema operativo.[29][47]

Android Oreo Go[modifica | modifica wikitesto]

I prodotti Android Go sono stati presentati per la prima volta al MWC 2018 con sei prodotti: Nokia 1, ZTE Tempo Go, Alcatel 1X, GM8 Go, Lava Z50 e Bharat Go.[48]

Marca Modello Data annunciata Altezza Larghezza Spessore Peso Dimensioni diagonali schermo Aspect Ratio Schermo Risoluzione del display Pixel Archiviazione interna Memoria Fotocamera posteriore Fotocamera frontale Processore Unità di elaborazione grafica Capacità della batteria
Nokia 1[49] Febbraio 2018 133,6 mm 67,8 mm 9,5 mm 131 g 114,3 mm 16:9 854 x 480 218 ppi 8 GB 1 GB 5 MP 2 MP Mediatek MT6737M Mali-T720MP1 2150 mAh
Nokia 2 (2.1) Maggio 2018 153,6 mm 77,6 mm 9,7 mm 174 g 139,7 mm 16:9 1280 x 720 267 ppi 8 GB 1 GB 8 MP 5 MP Qualcomm Snapdragon 425 Adreno 308 4000 mAh
ZTE Tempo Go[50] Febbraio 2018 145,5 mm 72 mm 9,2 mm ? 127 mm 16:9 854 x 480 196 ppi 8 GB 1 GB 5 MP 2 MP Qualcomm Snapdragon 210 Adreno 304 2200 mAh
Alcatel 1X[51] Febbraio 2018 147,5 mm 70.6 mm 9.1 mm 151 g 134,6 mm 18:9 960 x 480 203 ppi 16 GB 1 GB 8 MP f/2.0 5 MP f/2.2 Mediatek MT6739 PowerVR GE8100 2460 mAh
Alcatel 1[52] Giugno 2018 137,6 mm 65,7 mm 9,8 mm 134 g 127 mm 18:9 960 x 480 215 ppi 8 GB 1 GB 5 MP 2 MP Mediatek MT6739 ? 2000 mAh
Asus ZenFone Live (L1) Maggio 2018 147,3 mm 71,8 mm 8,2 mm 140 g 139,7 mm 18:9 1440 x 720 293 ppi 16 GB o 32 GB 1 GB 13 MP f/2.0 5 MP f/2.4 Qualcomm Snapdragon 425 Adreno 308 3000 mAh
Lava Z50[53] Febbraio 2018 135 mm 66,6 mm 9,7 mm 140 g 114,3 mm 16:9 854 x 480 218 ppi 8 GB 1 GB 5 MP 5 MP Mediatek MT6737M Mali-T720MP2 2000 mAh
Micromax Bharat Go[54] Febbraio 2018 136,5 mm 67 mm 9,6 mm 130 g 114,3 mm 16:9 854 x 480 218 ppi 8 GB 1 GB 5 MP 5 MP Mediatek MT6737M Mali-T720MP1 2000 mAh
General Mobile GM8 Go[55] Febbraio 2018 150 mm 70,5 mm 8,6 mm 152 g 139,7 mm 18:9 1440 x 720 293 ppi 16 GB 1 GB 13 MP f/2.0 5 MP f/2.2 Mediatek MT6739 3500 mAh
Blackview A20[56] Aprile 2018 146,7 mm 70,7 mm 9,6 mm 170 g 139,7 18:9 960 x 480 195 ppi 8 GB 1 GB 5 MP + 0.3 MP 2 MP MediaTek MT6580M Mali-400 MP2 3000 mAh
Motorola E5 Play (Europa) Luglio 2018 148,3 mm 18:9 960 x 480 184 ppi 16 GB 1 GB 8 MP f/2.0 5 MP Qualcomm Snapdragon 425 Adreno 308 2100mAh
Samsung Galaxy J2 Core Agosto 2018 143,4 mm 72,1 mm 8,9 mm 154 g 127 mm 16:9 960 x 540 220 ppi 8GB 1 GB 8 MP f/2.2 5 MP f/2.2 Samsung Exynos 7570 Quad Mali-T720 MP1 2600mAh
Samsung Galaxy J4 Core[57] Novembre 2018 160,6 mm 76,1 mm 7,99 mm 177 g 152,4 mm 18:9 1480 x 720 274 ppi 16 GB 1 GB 8 MP f/2.2 5MP f/2.2 Qualcomm Snapdragon 425 Adreno 308 3300mAh

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Google Git, Android Source. URL consultato il 3 agosto 2018.
  2. ^ Introducing Android 8.0 Oreo, Google, 21 agosto 2017. URL consultato il 28 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2019).
  3. ^ Distribution Dashboards, Android Developers, 26 ottobre 2018. URL consultato il 31 ottobre 2018.
  4. ^ Android O May Be Called ‘Oatmeal Cookie’, Internal Code Reveals[collegamento interrotto], NDTV Gadgets360.com. URL consultato il 26 settembre 2017.
  5. ^ a b c Dieter Bohn, Google rilascia Android O agli sviluppatori, promettendo una migliore durata della batteria e notifiche, The Verge, 21 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  6. ^ Frederic Lardinois, reo-but-dont-get-too-excited-yet Google lancia la prima anteprima sviluppatore di Android O, AOL, 21 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  7. ^ David Ruddock, Google annuncia Android O: Focus su risparmio energetico, notifiche e altro, Android Police, 21 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  8. ^ Android O Developer Preview Supports Nexus 5X and 6P, Nexus Player, Pixel and Pixel XL, and Pixel C, su Android Police, 21 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  9. ^ What’s New in Android: O Developer Preview 2 & More, su android-developers.googleblog.com, 17 maggio 2017. URL consultato il 20 maggio 2017.
  10. ^ a b Android O Developer Preview 3 launches, finalizes APIs, Ars Technica. URL consultato il 10 giugno2017.
  11. ^ Abner Li, Here’s everything new in Android O Developer Preview 3 [Gallery], 9to5Google, 8 giugno 2017. URL consultato il 13 giugno 2017.
  12. ^ Developer Preview 4 now available, official Android O coming soon!, in Android Developers Blog. URL consultato il 24 luglio 2017.
  13. ^ Google releases Android 8.0 Oreo factory images for Pixel, Nexus as OTA fails for many [Update: Fixed], su 9to5Google, 21 agosto 2017. URL consultato il 22 agosto 2017.
  14. ^ Android O finally has a name: Say hello to Oreo, su CNET. URL consultato il 4 novembre 2017.
  15. ^ The Xperia XZ1 is available in the U.S. for $700; Xperia XZ1 Compact coming soon, su Digital Trends, 19 settembre 2017. URL consultato il 20 settembre 2017.
  16. ^ a b Android 8.1 has arrived – here’s everything it brings, TechRadar.
  17. ^ a b Android Oreo 8.1 update released for Google's Pixels and Nexus devices, iTWire. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  18. ^ Chaim Gartenberg, Android O will give you even more control over notifications, su The Verge, Vox Media, 21 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  19. ^ Android O feature spotlight: Notification Channels give more controls over notifications to users, su Android Police, 21 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  20. ^ Android Oreo review: it’s what’s inside that counts, su The Verge. URL consultato il 27 giugno 2018.
  21. ^ Eight Android Oreo Features You Need to Definitely Check Out, in NDTV Gadgets360.com. URL consultato il 29 agosto 2017.
  22. ^ YouTube's Picture-in-Picture mode in Oreo is only available to paying Red customers in five countries, and that's a problem, su Android Police, 29 agosto 2017.
  23. ^ Android O brings picture-in-picture support so you can watch YouTube while hailing a Lyft, The Verge, 21 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  24. ^ Android O feature spotlight: Picture-in-picture video for all devices and new windowing features, Android Police, 21 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  25. ^ Hands-on with Android O—A million new settings and an awesome snooze feature, su Ars Technica, Condé Nast, 23 marzo 2017. URL consultato il 14 aprile 2017.
  26. ^ Android O feature spotlight: Easily add custom ringtones, alarm sounds, and notification sounds, su Android Police, 23 marzo 2017. URL consultato il 24 marzo 2017.
  27. ^ Android O will make it easier to add custom ringtones and notification sounds, su The Verge, Vox Media, 23 marzo 2017. URL consultato il 24 marzo 2017.
  28. ^ Ryan Whitwam, Android O feature spotlight: Neighborhood Aware Networking (NAN) mode for WiFi, su Android Police, 21 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo2017.
  29. ^ a b c Android 8.0 Oreo, thoroughly reviewed, Ars Technica. URL consultato il 14 settembre 2017.
  30. ^ David Ruddock, Android O feature spotlight: Android will support wide color gamut profiles in apps, su Android Police, 21 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  31. ^ List of smartphones to receive the Android O 8.0 Oreo Update, in The Leaker, 26 luglio 2017. URL consultato il 27 luglio 2017.
  32. ^ Ashley Carman, Android Oreo will limit what apps can do in the background to save battery life, su The Verge, Vox Media, 21 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  33. ^ Michael Crider, Android O Feature Spotlight: Adaptive icons give devs and OEMs easy shape masks, extra effects, su Android Police, 21 marzo 2017. URL consultato il 21 marzo 2017.
  34. ^ Google redesigns emoji (again) for Android O, su GSMArena. URL consultato il 19 maggio 2017.
  35. ^ Google I/O 2017: Android O to Bring Redesigned Emojis, Full Support for Emoji 5.0 Characters, su NDTV. URL consultato il 19 maggio 2017.
  36. ^ Project Treble – Can Android Fix Their Update Problem Now?, su Bettershark.
  37. ^ Google’s "Project Treble" solves one of Android’s many update roadblocks, su Ars Technica. URL consultato il 12 maggio 2017.
  38. ^ Iliyan Malchev, Here comes Treble: A modular base for Android, su Android Developers Blog, 12 maggio 2017. URL consultato il 18 luglio 2018.
  39. ^ OnePlus won’t support Android Oreo’s quick OS updates feature, in The Verge. URL consultato il 26 novembre 2017.
  40. ^ Android 8.0’s "streaming OS updates" will work even if your phone is full, in Ars Technica. URL consultato il 7 agosto 2017.
  41. ^ Rescue Party, su Android Developers. URL consultato il 14 settembre 2017.
  42. ^ This New Android Oreo Feature Helps Rectify Bootloop Issues, in NDTV Gadgets360. URL consultato il 14 settembre 2017.
  43. ^ a b Android 8.1 Oreo goes final, rolling out now to Pixel and Nexus devices, Ars Technica. URL consultato il 4 gennaio 2018.
  44. ^ Google launches the Android 8.1 Developer Preview, Ars Technica. URL consultato il 4 gennaio 2018.
  45. ^ "Android Go" will strip Android down for ultra-low-budget phones, Conde Nast. URL consultato il 19 maggio 2017.
  46. ^ Android Go could help make Android O a runaway success, Engadget. URL consultato il 19 maggio 2017.
  47. ^ Android Oreo feature spotlight: Rollback Protection, a new part of Verified Boot, won't allow you to start a downgraded OS, Android Police, 5 settembre 2017. URL consultato il 7 settembre 2017.
  48. ^ https://www.androidpolice.com/2018/02/28/android-go-phones-announced-mwc-2018/
  49. ^ https://www.nokia.com/en_my/phones/nokia-1#full-specifications
  50. ^ https://www.zteusa.com/tempogo
  51. ^ https://www.alcatelmobile.com/alcatel-1x.html
  52. ^ https://www.alcatelmobile.com/alcatel-1.html
  53. ^ http://www.lavamobiles.com/smartphones/z50
  54. ^ http://www.micromaxinfo.com/mobile-phones/smartphones/bharat-mobiles/bharat-go
  55. ^ https://www.generalmobile.com/products/GM8GO
  56. ^ http://www.blackview.hk/blackview-274/
  57. ^ https://www.samsungmobilepress.com/resources/galaxy_j4_core/techspecs

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]