Material Design

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alcuni componenti tipici dell'interfaccia utente Material Design

Il Material Design (nome in codice Quantum Paper)[1] è un design sviluppato da Google. Espandendo i motivi sulle "schede" già in uso su Google Now, le regole di progettazione del Material Design si concentrano su un maggiore uso di layout basati su una griglia, animazioni e transizioni ed effetti di profondità come l'illuminazione e le ombre. Il designer Matías Duarte ha spiegato che, "a differenza della carta vera, il nostro materiale digitale può espandersi e cambiare in modo intelligente. Il Material Design ha bordi ed una superficie fisica. Le sovrapposizioni e le ombre danno informazioni su ciò che si può toccare e come si muoverà", Google afferma che il loro nuovo linguaggio di design è basato su carta e inchiostro.[2][3][4]

Il Material Design può essere utilizzato da Android 2.1 e superiori attraverso la libreria v7 appcompat, che è installata sulla maggior parte dei dispositivi Android che sono stati prodotti dopo il 2009. Il Material Design sarà progressivamente esteso a tutta la gamma di Google, web e prodotti mobile, in modo da fornire un'esperienza coerente su tutte le piattaforme e applicazioni. Google ha rilasciato anche l'interfaccia di programmazione di un'applicazione (API) per gli sviluppatori di terze parti per integrare il design nelle loro applicazioni.[5][6][7]

Google ha annunciato il Material Design il 25 giugno 2014, in occasione della conferenza Google I/O. A partire dal 2015, la maggior parte delle applicazioni mobili di Google per Android hanno applicato il nuovo linguaggio di design, tra cui Gmail, YouTube, Google Drive, Google Documenti, Google Maps, Inbox, tutte le applicazioni Google Play, e con una minore misura il browser Chrome e Google Keep. È stato incorporato anche nelle interfacce desktop web di Google Drive, Documenti Google, Fogli Google, Presentazioni Google, Google Analytics, Google Developers e Inbox.

L'implementazione canonica del Material Design per le interfacce utente delle applicazioni Web è chiamata Polymer.[8] Si tratta della libreria Polymer, una shim che fornisce componenti web API per browser che non implementano nativamente questo standard, e un catalogo elementi, tra i quali il "paper elements collection" che contiene elementi del Material Design.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Exclusive: Quantum Paper And Google's Upcoming Effort To Make Consistent UI Simple, su Techcrunch. URL consultato l'11 giugno 2014.
  2. ^ Google's new 'Material Design' UI coming to Android, Chrome OS and the web, su Engadget. URL consultato il 26 giugno 2014.
  3. ^ Google's New, Improved Android Will Deliver A Unified Design Language, su Co.Design. URL consultato il 26 giugno 2014.
  4. ^ Google Reveals Details About Android L at Google IO, su Anandtech. URL consultato il 26 giugno 2014.
  5. ^ Chris Smith, Google’s Material Design is about to change the way we look at the worldwide web, BGR, 30 luglio 2014.
  6. ^ We just played with Android's L Developer Preview, su Engadget, AOL. URL consultato il 26 giugno 2014.
  7. ^ Google's next big Android redesign is coming in the fall, su The Verge, Vox Media. URL consultato il 26 giugno 2014.
  8. ^ Polymer paper elements, Google. (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2015).
  9. ^ Material design with Polymer, Google. (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2014).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]