Google Play Services

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Google Play Services
software
GenereServizio in background (non in lista)
SviluppatoreGoogle
Data prima versione2012; 7 anni fa
Sistema operativoAndroid
LicenzaProprietaria
Sito web

Google Play Services (in italiano Servizi di Google Play) è un servizio in background proprietario e un insieme di API per dispositivi Android di Google.[1] Da quando è stato introdotto per la prima volta nel 2012[2], ha fornito un accesso semplice alle API di Google+ e OAuth 2.0, ma da allora si è espanso per coprire un'ampia varietà di servizi di Google, consentendo alle applicazioni di comunicare facilmente con i servizi attraverso strumenti comuni.[3]

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

I servizi in background di Google vengono forniti tramite l'app "Google Play Services" per Android, la quale viene utilizzata per aggiornare le app di Google e le app da Google Play. Questa app offre funzionalità di base come l'autenticazione con i servizi di Google, i contatti sincronizzati, l'accesso alle impostazioni sulla privacy e servizi di localizzazione. Inoltre è usata per le ricerche offline, per le funzionalità riguardanti le mappe e per i giochi che ne fanno uso.[4]

L'adozione di una app che fornisce tutti i servizi di Google, permette anche ai dispositivi Android più vecchi (che hanno una versione di Android 4.0 o superiore[3]) di poter usufruire delle più recenti funzionalità fornite da Google; almeno in questa maniera si affronta il problema della frammentazione di Google.[5]

API[modifica | modifica wikitesto]

Google Play Services è essenzialmente un'interfaccia API (Application Programming Interface) per gli sviluppatori per migliorare la comunicazione tra le app. È formato da un insieme di servizi, alcuni di questi sono descritti di seguito[5]:

  • Google Maps API: questa API permette alle applicazioni di sfruttare le funzionalità di Google Maps senza dover lasciare la app;
  • Location API: questa API può essere utilizzata per eseguire azioni automatiche quando un utente entra o esce da un confine geografico specificato;
  • Google Drive API: se sul dispositivo è installato Google Drive, la condivisione e l'archiviazione di file da altre app è facilitata con questa API;
  • Google Play Game Services: questi servizi sono utilizzati per creare un'esperienza nelle sessioni di gioco multiplayer attraverso classifiche e risultati. Inoltre assicura di non perdere i progressi di un gioco sincronizzando e salvando i dati di gioco.
  • Google+ platform: solitamente usata nelle app che offrono l'opzione di accesso "Accedi con Google+". Questo servizio consente di utilizzare un singolo nome utente e password per accedere a più account su più app.
  • Google Cast Android API: consente alle applicazioni Android di trasmettere contenuti sullo schermo ad altri dispositivi tramite Google Cast.
  • Google Mobile Ads: gli annunci per cellulari di Google vengono utilizzati per integrare annunci pubblicitari in applicazioni e visualizzare annunci come quelli basati sulla posizione o sulla cronologia di navigazione. In questa maniera gli sviluppatori di app possono monetizzare la loro app.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Google Play Services, in Android Developers. URL consultato il 24 novembre 2018.
  2. ^ (EN) Google Play Services Can Now Be Installed Manually From The Play Store, in Android Police, 26 settembre 2012. URL consultato il 24 novembre 2018.
  3. ^ a b (EN) API Reference, in Android Developers. URL consultato il 24 novembre 2018.
  4. ^ (IT) App Google Play Services, in Google Play Store. URL consultato il 24 novembre 2018.
  5. ^ a b (EN) What Is Google Play Services? Why Do You Need It?, in FossBytes, 25 novembre 2017. URL consultato il 24 novembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]