Esercito di Liberazione Simbionese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esercito di Liberazione Simbionese
Attiva 1973 - 1975
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Ideologia Estrema sinistra
New Left
Alleanze Nessuna
Affinità politiche Venceremos, Black Cultural Association
Componenti
Fondatori Donald DeFreeze
Angela Atwood
Patricia Soltysik
Camilla Hall
Nancy Ling Perry
Emily Harris
Componenti principali Wendy Yoshimura
Kathleen Soliah
Patty Hearst
Attività
Azioni principali Omicidio di Marcus Foster
Rapimento di Patty Hearst
Omicidio di Myrna Opsahl
[1]

L'Esercito di Liberazione Simbionese o ELS (in inglese Symbionese Liberation Army o SLA) era un gruppo paramilitare americano che si considerava un'armata d'avanguardia rivoluzionaria fautrice di un'ideologia vicina alla sinistra radicale.

Secondo il fondatore DeFreeze, il nome fu derivato dal concetto biologico di "simbiosi".

Dal 1973 al 1975 l'ELS commise due omicidi nonché svariate rapine in banca ed atti di violenza. Anche se non furono mai più di ventidue, durante la latitanza i militanti del gruppo furono investiti dall'attenzione dei media, divenendo famosi soprattutto grazie allo spettacolare rapimento della ricca ereditiera Patty Hearst. Degni di nota furono anche i successivi sviluppi di quella vicenda, ovvero l'accostarsi della Hearst agli scopi dell'Esercito di Liberazione Simbionese e la sua partecipazione alle attività criminali della banda, che comportò il suo arresto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e attività iniziali[modifica | modifica wikitesto]

L'Esercito di Liberazione Simbionese si formò come conseguenza di una serie di visite ai detenuti del carcere di Soledad, effettuate nel corso del programma politico-sociale del gruppo della sinistra radicale Venceremos e del gruppo conosciuto come Black Cultural Association. L'idea di una sorta di gruppo di guerriglia urbana in stile sudamericano, simile al movimento Tupamaros in Uruguay, unita a elementi di Maoismo ed alle teorie sulla guerra urbana di Régis Debray, fecero presa su alcune persone, inclusa Patricia Michelle Soltysik (alias "Mizmoon").

Alcuni attivisti della New Left e dei movimenti per la giustizia sociale, paragonavano il sistema carcerario statunitense a dei campi di concentramento istituiti espressamente per opprimere il popolo afroamericano. Essi ritenevano che la maggior parte dei detenuti di colore, fossero da considerarsi dei prigionieri politici. Willie Wolfe sviluppò queste convinzioni ideologiche in un piano d'azione, creando dei collegamenti tra il movimento studentesco e i prigionieri militanti del movimento Black Power.[2]

Evasione di DeFreeze[modifica | modifica wikitesto]

L'ELS nacque in seguito all'evasione dal carcere di Donald DeFreeze, alias "General Field Marshal Cinque". Egli stava scontando in carcere una condanna a 15 anni per aver rapinato una prostituta. DeFreeze scelse il nome di battaglia "Cinque" come omaggio al leader della rivolta degli schiavi negri che si era svolta sulla nave Amistad nel 1839. DeFreeze fuggì dalla prigione di Soledad il 5 marzo 1973, camminando via mentre era in servizio al lavoro in un locale caldaia situato al di fuori della recinzione perimetrale.[3]

Mentre si trovava nella prigione di Vacaville, in California, DeFreeze divenne membro della Black Cultural Association, ed ebbe contatti con alcuni membri di Venceremos. Dopo l'evasione, cercò rifugio presso questi contatti, e lo trovò in una comune chiamata "Peking House" nella San Francisco Bay Area. Per qualche tempo divise l'abitazione con futuri membri dell'ELS quali Willie Wolfe e Russell Little, poi si trasferì da Patricia Michelle Soltysik. DeFreeze e Soltysik divennero amanti ed iniziarono ad ideare e stendere il manifesto della "Nazione Simbionese".[3]

DeFreeze è stato accusato da alcune fonti di essere stato un informatore della polizia di Los Angeles nel periodo 1967-1969.[4][5]

Omicidio di Marcus Foster[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 novembre 1973, a Oakland, California, due membri dell'Esercito di Liberazione Simbionese assassinarono il dirigente scolastico Marcus Foster ferendo gravemente anche il suo assistente, Robert Blackburn. Il proiettile utilizzato per uccidere Foster era stato imbevuto nel cianuro.[6]

L'ELS aveva condannato a morte Foster per la sua intenzione di introdurre carte d'identità nelle scuole di Oakland, definendola "fascista". In realtà, Foster si era opposto all'idea di utilizzare una "schedatura" nelle scuole, e il suo piano era una versione "ammorbidita" di altre proposte simili. Afroamericano, Foster era molto popolare presso gli ambienti della sinistra militante e nella comunità nera.

Il 10 gennaio 1974, Joseph Remiro e Russell Little furono arrestati per l'omicidio di Foster, ed inizialmente entrambi gli uomini furono incarcerati con l'accusa di omicidio di primo grado. Tutti e due ricevettero una condanna all'ergastolo. Sette anni dopo, il 5 giugno 1981, la sentenza di condanna di Little venne annullata dalla corte d'appello dello Stato della California, ed egli fu poi assolto in un nuovo processo svoltosi nella Contea di Monterey.[7] Remiro sta scontando la pena presso il Carcere di San Quintino.

In seguito Little dichiarò: «Chi premette veramente il grilletto della pistola che uccise Foster fu Mizmoon. Nancy [Ling Perry] avrebbe dovuto sparare a Blackburn, ma ebbe paura e quindi fu DeFreeze a sparargli con un fucile».[8]

Rapimento di Patty Hearst[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Patty Hearst.

In risposta all'arresto di Remiro e Little, l'Esercito di Liberazione Simbionese iniziò la pianificazione di una nuova azione politica: rapire una personalità importante per negoziare la liberazione dei compagni imprigionati.[2] Alcuni documenti rinvenuti dal Federal Bureau of Investigation (FBI) in una casa abbandonata rivelarono che l'azione era stata fissata per "la notte di luna piena del 17 gennaio". L'FBI non prese nessuna precauzione, e l'ELS non entrò in azione fino al mese successivo.[2] Il 4 febbraio 1974, la giovane ereditiera Patty Hearst, diciannovenne studentessa del secondo anno alla University of California at Berkeley, venne rapita dal suo appartamento di Berkeley al 2603 di Benvenue Avenue. L'ELS l'aveva scelta come simbolo della gioventù capitalista ricca e viziata pensando che la notizia del suo rapimento avrebbe avuto molta risonanza presso i mass media.[9]

L'Esercito di Liberazione Simbionese diramò un ultimatum alla famiglia Hearst: avrebbero liberato Patty in cambio della libertà di Remiro e Little. Quando tale accordo risultò impossibile, l'ELS chiese un riscatto, sotto forma di un programma di distribuzione alimentare gratuito per i bisognosi. Inizialmente la richiesta del 23 febbraio indicava in 4 milioni di dollari l'ammontare del valore del cibo da distribuire; infine arrivò a circa 400 milioni. Sebbene del cibo fu effettivamente distribuito, l'operazione venne sospesa quando si verificarono episodi violenti presso uno dei quattro punti di raccolta prestabiliti.[2] I disordini ebbero luogo a causa della folla più numerosa del previsto, e alcune persone rimasero ferite nella calca quando, i distributori in preda al panico, iniziarono a gettare scatole di cibo alla folla fuori dal camion in movimento.[3][10]

L'FBI intraprese la ricerca del covo dove era detenuta la Hearst, ma senza successo, e l'ELS cambiò spesso rifugio portandosi dietro la prigioniera. Durante la prigionia, Patty Hearst dichiarò in seguito di essere stata sottoposta ad una sorta di lavaggio del cervello. Alcuni esperti attribuirono alla Sindrome di Stoccolma il cambio di idee politiche della Hearst, che nel bel mezzo del suo periodo di detenzione, decise di unirsi all'Esercito di Liberazione Simbionese per combattere il capitalismo e le ingiustizie sociali.

In breve tempo, la Hearst venne indottrinata all'ideologia dell'Esercito di Liberazione Simbionese. In un nastro registrato fatto recapitare alla stampa, fu possibile udire Patricia dichiararsi membro dell'ELS, denunciare il suo passato stile di vita, i suoi genitori, e il fidanzato. In conclusione, affermò che l'ELS le aveva offerto liberamente la possibilità di associarsi ad esso o di essere liberata, e che lei aveva scelto per la "lotta di classe". Adottò il nome di battaglia "Tania", in onore alla combattente Tamara "Tania" Bunke, che aveva combattuto insieme a Che Guevara.

Patricia Hearst, dopo una lunga e pubblicizzata ricerca, fu catturata dalla polizia insieme a Wendy Yoshimura il 18 settembre 1975. Agli arresti ella dichiarò che alcuni membri dell'ELS le avevano fatto assumere dell'LSD per costringerla a prendere parte a delle rapine in banca. L'avvocato F. Lee Bailey ricorse all'argomentazione della Sindrome di Stoccolma come elemento di difesa durante il processo alla Hearst. L'avvocato dichiarò in aula che la ragazza era stata segregata per giorni in un armadio; che i suoi contatti con il mondo esterno erano filtrati dai suoi rapitori; e che veniva regolarmente minacciata di morte e violentata da DeFreeze e Wolfe (entrambi morti all'epoca del processo e quindi impossibilitati a testimoniare diversamente).[4] In risposta l'ELS dichiarò che durante la detenzione, Patty Hearst era stata trattata secondo la Convenzione di Ginevra.[3] Patricia Hearst fu condannata a sette anni di prigione. Il 1º febbraio 1979, il Presidente Jimmy Carter le concesse la Grazia dopo 21 mesi di detenzione. Il Presidente Bill Clinton la perdonò pubblicamente nel 2001.[11]

Attività durante la permanenza di Patty Hearst nel gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Patty Hearst urla istruzioni ai clienti della banca durante la rapina.
Donald DeFreeze durante la rapina alla banca Hibernia.

Rapina alla Hibernia Bank[modifica | modifica wikitesto]

La prima azione eseguita dall'ELS dopo il rapimento di Patty Hearst fu rapinare una filiale della Hibernia Bank al numero 1450 di Noriega Street a San Francisco; durante la rapina, due civili rimasero feriti.[2] Alle 10:00 del 15 aprile 1974, il commando dell'ELS irruppe nella banca.

La Hearst partecipò alla rapina, imbracciando un mitra, e la telecamera di sicurezza la riprese mentre minacciava ed impartiva ordini ai clienti della banca. La banda fuggì con un bottino di oltre 10,000 dollari.[12]

Trasferimento a Los Angeles e sparatoria con la polizia[modifica | modifica wikitesto]

Foto segnaletica di Emily Harris (1975)

L'ELS riteneva che il futuro dell'organizzazione dipendesse dall'abilità nel reclutamento di nuovi membri, e realizzò che a causa dell'omicidio di Marcus Foster, ormai nessuno o quasi voleva unirsi a loro nella zona della Bay Area. Cinque suggerì di trasferire la base dell'organizzazione a Los Angeles, dove aveva degli amici che avrebbe potuto coinvolgere.

Il 16 maggio 1974, "Teko" e "Yolanda" (William Harris e Emily Harris) entrarono nel negozio Mel's Sporting Goods Store di Los Angeles per fare la spesa. Mentre Yolanda sceglieva gli articoli, Teko decise di rubare una bandoliera. Quando fu scoperto da un addetto alla sicurezza, Teko estrasse un revolver. La guardia riuscì a disarmarlo e ammanettò il polso sinistro di William. Patty Hearst, cha aspettava in un furgone all'esterno del negozio, visto cosa stava succedendo, iniziò a sparare all'impazzata contro l'insegna del locale, permettendo alla coppia di fuggire.

La polizia riuscì a risalire all'indirizzo del covo della banda grazie al fallito furto, ricavando l'informazione dallo scontrino del parcheggio trovato all'interno del furgone abbandonato poco dopo. Il gruppo si trasferì altrove appena appresa la notizia dal telegiornale. L'ELS prese alloggio in una casa occupata da Christine Johnson e Minnie Lewisin. Una degli occupanti dell'abitazione all'epoca era la diciassettenne Brenda Daniels, che ricorda l'arrivo della banda armata all'appartamento:

« Andavo da Minnie ogni giovedì sera per giocare a carte e bere un bicchiere. Mi addormentai sul divano e quando mi svegliai verso le 2, vidi quattro donne bianche e tre tizi, due neri e un bianco. Notai delle armi stese sul pavimento, e chiesi loro perché fossero armati. Non mi risposero, e, invece, il tipo nero mi chiese come mi chiamavo e poi mi presentò agli altri.

[Quando interrogata se Patty Hearst fosse presente]

Amico, come posso dirlo? Tutte le donne bianche mi sembrano uguali. »

(Brenda Daniels)

Il giorno seguente, una telefonata anonima informò la polizia che svariati uomini armati erano stanziati in una casa al numero 1466 di East 54th Street. Nel pomeriggio, più di 400 agenti di polizia, al comando del capitano Mervin King, insieme all'FBI, alla California Highway Patrol, e al Dipartimento dei Vigili del fuoco di Los Angeles, circondarono l'isolato. Un ufficiale dello SWAT diramò un annuncio tramite megafono intimando agli occupanti della casa di uscire con le mani alzate. Dall'abitazione uscirono solo un vecchio e un bambino. L'uomo affermò che non c'era nessun altro in casa, ma il bambino invece riferì che molte persone armate erano lì nascoste. Dopo altri tentativi di far uscire il gruppo senza spargimento di sangue, un membro degli SWAT sparò un candelotto di gas lacrimogeno all'interno dell'abitazione. A ciò seguirono numerosi colpi di arma da fuoco da entrambe le parti.

Due ore dopo, la casa prese fuoco. Nancy Ling Perry e Camilla Hall uscirono all'esterno della casa e furono abbattute dal fuoco della polizia.[13]

Il resto del gruppo morì all'interno dell'abitazione, a causa dell'inalazione di fumo, delle fiamme, e dei colpi di arma da fuoco. La relazione del coroner stabilì che Donald DeFreeze si era suicidato per non cadere nelle mani della polizia.

I caduti dell'ELS nella sparatoria furono: Nancy Ling Perry ("Fahizah"), Angela Atwood ("General Gelina"), Camilla Hall ("Gabi"), Willie Wolfe ("Kahjoh"),[14] Donald DeFreeze ("Cinque"), e Patricia Soltysik ("Mizmoon," "Zoya").

Patty Hearst e i coniugi Harris appresero la notizia in diretta televisiva dalla loro camera d'albergo a Anaheim.

Ritorno a San Francisco[modifica | modifica wikitesto]

A conseguenza della sparatoria, i membri sopravvissuti dell'ELS tornarono nella San Francisco Bay Area. All'epoca, il gruppo era ridotto ai soli: Bill e Emily Harris, Patty Hearst, Wendy Yoshimura, Kathleen e Steve Soliah, James Kilgore e Michael Bortin.

Rapina alla Crocker Bank[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 aprile 1975, i rimanenti membri dell'ELS rapinarono la Crocker National Bank a Carmichael, California. Myrna Opsahl, cliente della banca, rimase uccisa durante la rapina.[15]

Cattura e condanne[modifica | modifica wikitesto]

Locandina dell'FBI.

Dopo l'omicidio della Opsahl, la caccia delle forze di polizia nei confronti dell'Esercito di Liberazione Simbionese si intensificò. Patricia Hearst e Wendy Yoshimura furono arrestate il 18 settembre 1975.

Il 21 agosto 1975, Kathleen Soliah fallì nel tentativo di uccidere degli agenti del dipartimento di polizia di Los Angeles, quando una bomba da lei piazzata sotto un'auto della polizia rimase inesplosa.

La Soliah divenne latitante, fuggendo prima in Rhodesia, e poi in Minnesota, nascondendosi sotto lo pseudonimo "Sara Jane Olson"; sposò un dottore ed ebbe tre figlie.

L'FBI riuscì a rintracciarla e ad arrestarla nel 1999 grazie ad una informazione ricevuta dallo show televisivo America's Most Wanted.

Il 16 gennaio 2002, fu emesso un mandato di cattura per omicidio di primo grado per la morte di Myrna Opsahl nei confronti di "Sara Jane Olson", Emily e William Harris, Bortin, e Kilgore. Furono tutti immediatamente arrestati tranne James Kilgore, che rimase irreperibile per almeno un altro anno.

Il 7 novembre 2002, Soliah, gli Harris, e Bortin si dichiararono innocenti. Emily Harris, ora Emily Montague, ammise di essere stata lei ad impugnare il fucile che aveva ucciso la Opsahl, ma che il colpo era partito accidentalmente.

La sentenza fu emessa il 14 febbraio 2003, a Sacramento, California, per tutti e quattro gli imputati del caso Opsahl. La Montague fu condannata a otto anni di reclusione per omicidio di secondo grado. L'ex marito, William Harris, fu condannato a sette anni di carcere, mentre Bortin a sei. La Soliah ebbe altri sei anni supplementari da sommarsi ai quattordici anni della condanna precedente.

L'8 novembre 2002, James Kilgore, latitante sin dal 1975, venne arrestato in Sud Africa, ed estradato negli Stati Uniti. Nel 2004 fu condannato a quattro anni e mezzo di reclusione.

Simbolo[modifica | modifica wikitesto]

Cobra a sette teste[modifica | modifica wikitesto]

DeFreeze era l'unico membro afroamericano dell'Esercito di Liberazione Simbionese. Il simbolo del cobra a sette teste adottato come simbolo dall'ELS, si ispira ai "sette principi del Kwanzaa", con ogni testa a rappresentare un diverso principio. Le parole in lingua swahili per questi principi sono: Umoja (unità), Kujichagulia (autodeterminazione), Ujima (lavoro collettivo e responsabilità), Ujamaa (cooperazione economica), Nia (scopo), Kuumba (creatività) e Imani (fede).

L'aspetto del simbolo del cobra a sette teste[16] rende evidente come esso sia stato copiato dall'antico simbolo indiano del nāga. In India e Sri Lanka molteplici incisioni raffiguranti cobra a sette teste sono state rinvenute vicino a bacini idrici per l'irrigazione, dove si crede siano state poste come "guardiani dell'acqua".[17] La particolare grafica del cobra a sette teste utilizzato dall'Esercito di Liberazione Simbionese potrebbe essere stato copiato da un'illustrazione presente nel libro Mu: Il continente perduto di James Churchward.

Membri conosciuti[modifica | modifica wikitesto]

Membri fondatori[modifica | modifica wikitesto]

  • Russell Little (nome di battaglia Osceola o Osi), arrestato per l'omicidio di Marcus Foster. Little era in carcere nel periodo nel quale Patty Hearst era con l'Esercito di Liberazione Simbionese. Fu condannato all'ergastolo nell'aprile 1975, ma nel 1981 venne scagionato dalle accuse per l'omicidio di Foster e assolto. Attualmente vive alle Hawaii.
  • Joseph Remiro (Bo), arrestato insieme a Russell Little. Little e Remiro erano i prigionieri che l'Esercito di Liberazione Simbionese avrebbe voluto scambiare con la Hearst. Remiro venne condannato all'ergastolo nell'aprile 1975. Sta scontando la pena nella California State Prison di Lancaster, California. Attualmente è l'unico membro dell'Esercito di Liberazione Simbionese che si trova ancora in carcere.
  • Donald DeFreeze (General Field Marshal Cinque Mtume), detenuto evaso ed unico membro afroamericano dell'Esercito di Liberazione Simbionese, si è suicidato durante uno scontro a fuoco con la polizia il 17 maggio 1974.
  • William (Willie) Wolfe (Cujo o Kahjoh), ucciso in uno scontro a fuoco con la polizia il 17 maggio 1974.
  • Thero Wheeler (Bayo), abbandonò l'Esercito di Liberazione Simbionese dopo aver ricevuto minacce di morte da parte di DeFreeze.
  • Mary Alice Siem, abbandonò l'Esercito di Liberazione Simbionese dopo aver ricevuto minacce di morte da parte di DeFreeze.
  • Angela Atwood (General Gelina), uccisa in uno scontro a fuoco con la polizia il 17 maggio 1974.
  • Patricia Soltysik, alias Mizmoon Soltysik (Zoya), uccisa in uno scontro a fuoco con la polizia il 17 maggio 1974.
  • Camilla Hall (Gabi), amante della Soltysik, uccisa in uno scontro a fuoco con la polizia il 17 maggio 1974.
  • Nancy Ling Perry (Fahizah), uccisa in uno scontro a fuoco con la polizia il 17 maggio 1974.
  • Emily Harris (Yolanda), arrestata e condannata per rapimento ed omicidio, è stata liberata sulla parola nel febbraio 2007.
  • William Harris (General Teko), marito di Emily Harris, e leader dell'Esercito di Liberazione Simbionese, arrestato e condannato per rapimento ed omicidio, è stato liberato sulla parola nel settembre 2006.

Affiliati successivi (dopo il rapimento Hearst)[modifica | modifica wikitesto]

  • Patty Hearst (Tania), rapita e plagiata dall'Esercito di Liberazione Simbionese. Liberata nel 1975 e condannata a sette anni di carcere per rapina, è stata graziata dal Presidente Jimmy Carter nel 1979.
  • Wendy Yoshimura, ex membro dell'Esercito Rivoluzionario, un violento gruppo terrorista, insieme all'amico Willie Brandt, arrestata e condannata per rapina e omicidio, successivamente rilasciata.
  • Kathleen Soliah, (alias Sara Jane Olson), arrestata e condannata per rapina e omicidio, rilasciata nel 2009.
  • Jim (James) Kilgore, amante di Kathleen Soliah, attualmente lavora al Center for African Studies della University of Illinois.[18]
  • Steven Soliah, fratello di Kathleen Soliah.
  • Michael Bortin.

Associati e simpatizzanti[modifica | modifica wikitesto]

  • Josephine Soliah, sorella di Kathleen Soliah.
  • Bonnie Jean Wilder, Seanna, Sally (amica di Remiro), e Bridget. Vengono tutte menzionate nell'autobiografia della Hearst Every Secret Thing come potenziali membri dell'ELS.
  • Micki e Jack Scott. Affittarono una fattoria dove i membri dell'ELS si nascosero per qualche tempo.
  • James Michael Hamilton III. Fabbricante di esplosivi, morto nel 2001.

Riferimenti nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Sin da quando le gesta dell'Esercito di Liberazione Simbionese iniziarono ad avere ampio risalto presso i mass media, l'ELS fu oggetto di vari film e programmi televisivi:

Nel 1974, la reinterpretazione di Patti Smith della popolare canzone Hey Joe, inizia con un sagace e provocatorio monologo circa Patty Hearst e l'ELS, che getta una luce femminista sul testo originale del brano (dove si narrano le gesta di un uomo che uccide la moglie adultera e fugge in Messico):

« Honey, the way you play guitar makes me feel so... makes me feel so...masochistic. The way you go down low deep into the neck... and I would do anything... and I would do anything. And Patty Hearst, you standing there in front of the Symbionese Liberation Army flag with your legs spread. I was wondering: were you gettin' it every night from a black revolutionary man and his women? Or were you really dead? And now that you're on the run, what goes on in your mind? Your sisters they sit by the window. You know, your mama does sit and cry. And your daddy—well, you know what your daddy said Patty. You know what your daddy said, Patty? He said... he said... he said.... "Well, sixty days ago she was such a lovely child. Now here she is, with a gun in her hand. »

(Patti Smith)

In questa versione, la Smith mettendo Patty Hearst nel ruolo di Joe "with a gun in her hand" ("con una pistola in mano"), la fa risaltare come una violenta criminale ribelle verso la società e le leggi.[19] Questa incisione in particolare venne eseguita mentre Patty Hearst era ancora latitante.

La Hearst viene citata anche nella strofa finale della canzone Roland The Headless Thompson Gunner di Warren Zevon.

I Ramones citarono l'Esercito di Liberazione Simbionese nel loro omonimo album di debutto del 1976, precisamente nella terza strofa del brano Judy Is a Punk.

La rapper Kreayshawn cita Patty Hearst nella canzone Left Ey3, quinta traccia dell'album Somethin' 'Bout Kreay (2012).

Il gruppo rock norvegese Turbonegro incluse il cobra a sette teste simbolo dell'ELS sulla copertina del loro album Apocalypse Dudes del 1998.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Symbionese Liberation Army (1974), House Committee on Internal Security
  2. ^ a b c d e Guerrilla: The Taking of Patty Hearst, regia di Robert Stone, 2004.
  3. ^ a b c d Jeffrey Toobin, American Heiress: The Wild Saga of the Kidnapping, Crimes and Trial of Patty Hearst, Knopf Doubleday Publishing Group, 2016, ISBN 978-0-385-53671-4.
  4. ^ a b Paul Krassner, Symbionese Liberation Army, Foundsf.org, 7 luglio 1999. URL consultato il 24 giugno 2012.
  5. ^ Double Agent Paul Krassner, Emptymirrorbooks.com, 21 giugno 1972. URL consultato il 24 giugno 2012.
  6. ^ Oakland Bullets Had Cyanide, su The Washington Post, 11 novembre 1973, p. A2. URL consultato il 18 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
    «Investigators say bullets used in the murder of Oakland's school superintendent contained cyanide. Roland Prahl, chief investigator for the Alameda County coroner's office, said Friday that five slugs recovered during the autopsy on the superintendent, Marcus Foster, had the "distinctive odor of cyanide." A coroner's report verified the presence of the poison.».
  7. ^ Around the Nation: Russell Little is Acquitted of Slaying on Coast in 1973. The New York Times. 5 giugno 1981.
  8. ^ American Experience | Guerrilla: The Taking of Patty Hearst | Transcript, PBS. URL consultato il 24 giugno 2012.
  9. ^ Guerrilla: The Taking of Patty Hearst. PBS.
  10. ^ Calvin Welsh, The Legacy of the SLA, Foundsf.org, 25 marzo 1974. URL consultato il 24 giugno 2012.
  11. ^ Ross Martha, Patty Hearst's wild true-crime saga revisited in 'American Heiress', in San Jose Mercury News, 31 luglio 2016. URL consultato il 6 agosto 2016.
  12. ^ Gallery: The Hibernia Bank Robbery, PBS, 16 febbraio 2005. URL consultato il 18 agosto 2007.
  13. ^ SLA: The shootout, Court TV, October 12, 2001. URL consultato il 18 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2007).
    «Perry and Hall exited the house, but were shot by officers who concluded they were trying to kill police rather than surrender.».
  14. ^ The Voices of Guns, p. 286.
  15. ^ Sarah Brown, America's hippy extremists, BBC, January 17, 2002. URL consultato il 18 agosto 2007.
    «[Hearst] Customer Myrna Opsahl was shot dead as she stood depositing church receipts, killing her instantly.».
  16. ^ Melanie G. Dante, Coming of the Cobra, black-dahlia.org, 2007. URL consultato il 18 agosto 2007.
  17. ^ The Faculty of Engineering, title (PDF), The University of Peradeniya ISBN 955-589-067-6, Maggio 2004. URL consultato il 18 agosto 2007.
    «Carved stones depicting a seven-headed Cobra are commonly found near the sluices of the ancient irrigation tanks in Sri Lanka; these are believed to have been placed as guardians of the water.».
  18. ^ Michael Tarm, U of Illinois: Officials broke email rules to hide content, in The Washington Post, 7 agosto 2015. URL consultato il 10 agosto 2015.
  19. ^ Patti Smith Biography, AllMusic. URL consultato il 27 luglio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]