Misfits (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Misfits
Misfits en Chile.jpg
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereHardcore punk[1][2]
Horror punk[1]
Shock rock
Heavy metal[3][4]
Periodo di attività musicale1977 – 1983
1995 – in attività
EtichettaBlank Records
Plan 9 Records
Caroline Records
Roadrunner Records
Misfits Records
Album pubblicati17
Studio9
Live2
Raccolte6
Sito ufficiale

I Misfits, o The Misfits[5] (lett. "disadattati"), sono un gruppo musicale punk rock statunitense fondato dal cantante Glenn Danzig nel 1977 nella città di Lodi, nel New Jersey, e guidato successivamente dal bassista Jerry Only.

Il loro stile è stato fortemente influenzato da generi come l'heavy metal[2], il punk rock[2] e il rock[2] e sono annoverati per aver dato un contributo fondamentale alla nascita del genere horror punk[6].

Durante i concerti il gruppo si trucca secondo lo stile del corpse paint. Al bassista Jerry Only è attribuita l'invenzione dello stile di pettinatura detto devilock[1][7][8], una variazione della capigliatura tidal wave[7], con una frangia che arriva al naso o al mento, stile tuttora utilizzato dai fan (soprannominati "Fiend").

L'immagine più spesso associata al gruppo è il teschio-mascotte Crimson Ghost (letteralmente "Fantasma Cremisi", conosciuto anche come "The Fiend") rappresentate l'assassino protagonista di The Crimson Ghost, una serie televisiva del 1946. Il lettering della band è invece composto da lettere prese dal logo della rivista Famous Monsters of Filmland[9].

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

La storia dei Misfits può essere divisa essenzialmente in quattro parti:

  1. la prima riguarda la creazione del gruppo, fondato e guidato da Glenn Danzig;
  2. la seconda vede Jerry Only e suo fratello Doyle formare una nuova band sempre sotto il nome Misfits insieme a Michale Graves ed Dr. Chud;
  3. la terza vede il solo Jerry Only portare avanti il nome della band con una formazione poco costante;
  4. la quarta riguarda la fase della reunion con i membri originali.

I Misfits "Danzig-era"[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio del 1977, dopo aver cantato in alcuni gruppi garage come i Talus[10] ed i Whodat and Boojang,[10] che suonavano principalmente canzoni dei Black Sabbath,[11] il ventunenne Glenn Danzig decide essere tempo di creare qualcosa di serio ed originale. Come tributo a Marilyn Monroe,[1][12] diede al proprio progetto musicale il nome del suo ultimo film, The Misfits.

Per settimane, Glenn scrive canzoni e prova con amici ed altri componenti dei vecchi gruppi,[13] cercando una formazione di musicisti per mostrare la propria visione della vita. La prima formazione completa dei Misfits prevede Jimmy Battle alla chitarra, il vecchio compagno Manny Martínez alla batteria, Diane DiPiazza al basso e Danzig alla tastiera ed alla voce.[13] Dopo circa un mese di prove, sia Jimmy che Diane lasciano il gruppo. Per rimpiazzare i componenti, Manny suggerisce un suo amico, Jerry Caiafa, per il basso. Jerry, un giovane giocatore di football che era stato appena votato come ragazzo più popolare nella sua classe del Lodi High School, aveva appena ricevuto un basso per Natale e si stava esercitando da due mesi.[13][14]

Dopo tre mesi di prove, il trio registra in studio il loro primo singolo, Cough/Cool. Il singolo contiene due canzoni basate sulla tastiera (il lato B è una versione della canzone She), notevolmente diverse dalla musica che li avrebbe resi celebri.[1] La title track è sobria e poetica, influenzata dai The Doors. Il gruppo autoproduce il singolo e lo pubblica con la loro etichetta, la Blank Records.

La formazione iniziale dei Misfits è caratterizzata spesso da sonorità melodiche[senza fonte] grazie anche alla versatilità di canto di Danzig, che ha le radici nei tenori italiani come Mario Lanza,[15] nel doo-wop[16] e nel bubblegum pop degli anni cinquanta e sessanta. Musicalmente il gruppo mostra anche influenze del rockabilly[17] (come ad esempio in American Nightmare) e in modo inferiore dello psychobilly. Le canzoni dei Misfits del periodo '77-'83 tendono ad avere ritornelli orecchiabili con lunghi tratti cantati,[18][19] inizialmente accompagnati dalla tastiera distorta di Danzig, mentre successivamente sarà caratterizzato da chitarre con sonorità grezze.[1] Il gruppo inizia come una formazione in gran parte impreparata. I testi scritti da Danzig si ispirano a temi fantascientifici,[20] horror[20] e fortemente influenzati dai B-movie.[20]

Nei mesi successivi, Glenn, Manny e Jerry (che aveva adottato il soprannome Jerry Only dopo un errore d'ortografia nelle note del singolo) suonano in alcune serate (le prime due al CBGB[21] di New York) ed allo stesso tempo continuano a fare pratica sul loro sound.

Nell'ottobre 1977, gruppi punk britannici come i The Damned[22] e di New York come i Ramones[2] iniziano ad avere influenza sui Misfits. Decidono di portare il gruppo verso una direzione più punk[13] aggiungendo il chitarrista Franché Coma alla formazione, abbandonando le tastiere. Danzig si ritrova così nei panni del cantante frontman.

In questo periodo i Misfits subiscono la loro prima divisione. La Mercury Records desiderava utilizzare il nome Blank Records per una suddivisione,[23] nonostante Danzig avesse depositato il marchio sul nome. L'etichetta contatta Glenn e gli offre trenta ore gratis in uno studio professionale,[13] in cambio del pieno utilizzo del nome Blank Records.[23] Danzig accetta l'offerta nel gennaio 1978, i Misfits si dirigono allora verso uno studio di New York per registrare il loro primo intero album in studio.

Registrano diciassette canzoni, mettendo in evidenza una combinazione unica del loro iniziale art rock ed una inclinazione verso sonorità più dure, assimilabile ai potenti suoni punk del periodo. Nonostante gran parte delle tracce del disco descrivano una distopia[24] futuristica sulla saturazione della televisione, su una docilità simile a quella degli automi e sul sesso e la violenza[24] mostrati come valori ed affascinanti, le canzoni Teenagers from Mars e Return of the Fly, mostrano dei testi influenzati dai B-movie,[24] per i quali si sarebbero resi celebri. Alla fine del 1977, Glenn e Jerry, ritenendo Manny troppo inaffidabile, gli chiedono di abbandonare il gruppo.[13] Viene così sostituito da Jim Catania, detto "Mr. Jim".

Una volta completato l'album, il gruppo si rivolge a diverse etichette senza trovarne nessuna interessata a pubblicarlo.[1] Il disco viene messo da parte e rimane inedito fino al 1997, quando viene pubblicato con il titolo Static Age. Senza industrie discografiche interessate, i Misfits decidono allora di estrapolare quattro tracce dell'album per autoprodurre un EP. Nel giugno 1978, viene pubblicato Bullet sotto la loro nuova etichetta, la Plan 9, il cui nome venne dedicato da Danzig al film di Edward D. Wood Jr. Plan 9 from Outer Space.[1]

La nascita dell'horror punk[modifica | modifica wikitesto]

In questo periodo, sia Glenn che Jerry decidono di orientare il gruppo verso tematiche horror. Glenn inizia a scrivere canzoni ispirate ai film horror di serie B e a quelli di fantascienza,[1] ed entrambi iniziano ad adottare apparenze macabre, con un trucco scuro applicato intorno agli occhi di Jerry e ossa dipinte sui vestiti di Glenn. Il gruppo comincia a suonare con più regolarità, iniziando anche dei piccoli tour in supporto all'EP Bullet.[21] Nell'ottobre 1978, durante un tour in Canada, Franché Coma lascia la formazione, comunicando di non potersi più occupare dei concerti. Sarà il chitarrista Rick Riley a sostituirlo temporaneamente per il resto del tour.[25] Anche Mr. Jim, non interessato alla direzione horror verso la quale si stava indirizzando la band, decide di abbandanarla al termine del tour. Dopo due mesi, Glenn and Jerry reclutano due nuovi componenti, il batterista Joey Image ed il chitarrista Bobby Steele. In questo periodo, Jerry Only inizia a pettinarsi nello stile tipico dei Misfits, che sarebbe poi divenuto celebre con il nome devilock.[8]

Locandina di Night of the Living Dead, film cui si deve l'omonimo EP.

Nel dicembre 1978, dopo meno di due mesi, la nuova formazione ricomincia a suonare nei concerti.[21] Nel corso del 1979, i Misfits evolvono gli elementi horror della loro musica e del loro impatto visivo, influenzati leggermente dai The Damned, riformati in quel periodo nella formazione post punk dell'album Machine Gun Etiquette.[26] Glenn e Jerry adottano come mascotte per il gruppo un teschio preso da un vecchio poster per un serial televisivo del 1946, The Crimson Ghost, conosciuto anche come Cyclotrode X.[27] Vengono pubblicati altri due dischi con la loro Plan 9, gli EP Horror Business e Night of the Living Dead. Iniziano ad avere una piccola ma fedele base di fan, così che decidono di creare un loro fan club, il Fiend Club. Glenn fonda il Fiend Club nel seminterrato di proprietà della madre, nella Macarthur Avenue di Lodi, luogo che lui utilizza per stampare magliette, realizzare registrazioni, o dal quale spedire cataloghi di merchandising, fissare gli ingaggi e rispondere alle lettere dei fan, rendendo così i Misfits dei professionisti esemplari dell'etica del DIY.

Con l'accrescere della loro popolarità nella scena punk underground statunitense, molti iniziano a considerare i Misfits come l'equivalente americano dei britannici The Damned, il cui cantante, Dave Vanian, adotta le sembianze di un vampiro e canta in registro baritonale. Il 26 giugno 1979 i Misfits aprono lo spettacolo dei The Damned a New York.[21] Prima del concerto, Jerry discute con Dave Vanian della possibilità per i The Misfits di fare un tour nel Regno Unito in supporto ai The Damned.

Nel novembre del 1979, i Misfits volano per il loro tour con i The Damned.[21] Dave Vanian, che non aveva preso Jerry sul serio, rimane meravigliato nel ritrovarselo di fronte alla propria porta. Nonostante avesse mandato via i Misfits, Dave fa del suo meglio per consentire al gruppo del New Jersey di essere parte integrante del tour, non riuscendo comunque a non rendere infastiditi della situazione i Misfits. Dopo aver suonato solo in due date, i Misfits abbandonano il tour.[21] Essendo il loro volo di ritorno previsto per dicembre, la band è costretta a perdere tempo in Inghilterra. Jerry passa del tempo con Beverly Ritchie,[13] madre di Sid Vicious, della quale era diventato amico dopo la morte di Sid.[1] Il 2 dicembre Glenn e Bobby si recano a vedere i The Jam in concerto a Londra,[13] dove vengono disturbati da alcuni skinhead mentre erano in fila.[13] Glenn rompe un pezzo di vetro e lo utilizza per difendersi dando il tempo a Bobby di cercare aiuto.[13] Ciononostante, quando arriva la polizia, i due vengono arrestati per "comportamento pericoloso".[13] In un'intervista pubblicata nel numero di ottobre 2005 della rivista Revolver, Glenn spiega in dettaglio l'accaduto. La polizia aveva trovato un coltello in suo possesso, sospettandolo di essere lo "squartatore" che si nascondeva nella zona in quel periodo. I poliziotti iniziarono a picchiarlo, determinando in lui una reazione che lo porterà a ferire le forze dell'ordine prima che esse riuscissero a domarlo. Glenn e Bobby passano due notti in carcere nel distretto londinese di Brixton, durante le quali Glenn scrive il testo per la futura canzone dei Misfits London Dungeon.[28]

Dopo il tour europeo non riuscito, Joey Image decide di lasciare il gruppo,[13] formando successivamente i The Mary Tyler Whores. Al ritorno in America, i Misfits pubblicano l'EP Beware e decidono di prendere una pausa per recuperare dalla pessima esperienza in Inghilterra. Dopo quattro mesi, viene ingaggiato Arthur Googy come nuovo batterista.[13] In questo periodo, il fratello minore di Jerry, Doyle, che era stato un fan del gruppo fin dagli inizi, inizia ad imparare a suonare la chitarra con l'aiuto di Glenn e Jerry.[1] I Misfits iniziano a lavorare su un album completo, pianificato per essere prodotto con la Plan 9. Nell'agosto del 1980, entrano in studio e registrano dodici canzoni.[13] Jerry inizia a convincere Glenn che Doyle sarebbe stato più adatto nella formazione rispetto a Bobby Steele.[1] Doyle inizia a provare con il gruppo e va perfino in studio per registrare le sue tracce con la chitarra per le dodici canzoni che avevano scritto.[13] Bobby ha affermato che in questo periodo, Jerry si dimenticava volontariamente di informarlo delle prove, al fine di screditarlo. Jerry nega queste accuse. Bobby, avendo di recente visto il film Nosferatu il vampiro propone al gruppo, per un prossimo concerto, di uscire da bare riempite di topi; questi a loro volta sarebbero dovuti sciamare dalle casse in direzione del pubblico.[1] Da allora, il resto del gruppo non si fece più sentire con il chitarrista.[1] Nell'ottobre di quell'anno, poco prima dell'annuale concerto di Halloween del gruppo, Jerry informa Bobby, senza alcun riguardo, di averlo sostituito con Doyle, all'epoca sedicenne.[13] Bobby Steele, pochi mesi dopo, forma un proprio gruppo punk, chiamato The Undead[1] (da non confondersi con l'omonima band di San Francisco, anch'essi amici dei Misfits). Nell'Halloween del 1980, fa il suo debutto quella che è considerata la formazione classica dei Misfits.[29]

I Misfits in concerto.

Dopo pochi spettacoli con la nuova formazione, il gruppo si prende una pausa di sei mesi.[21] In questo tempo, invece di pubblicare tutte le canzoni registrate in un album intero, selezionano tre canzoni tra queste e pubblicano l'EP 3 Hits from Hell (nel 2001 la Caroline Records pubblica finalmente l'album in interezza con il titolo 12 Hits from Hell, ma la produzione venne interrotta all'ultimo su richiesta di Jerry e Glenn). Ad agosto 1981 esce il singolo Who Killed Marilyn? prodotto dalla Plan 9 contenente oltre alla titletrack anche il brano Spook City USA. Entrambe le canzoni erano state registrate già nel 1978 durante le session dell'EP Night Of The Living Dead ma non furono incluse a causa dei costi elevati per stampare un 12" anziché un 7". Prendendo come scusa il fatto di non riuscire a contattare gli altri componenti della band per fare le prove, Danzig decide di ri-registrare questi due brani suonando lui stesso tutti gli strumenti. Il singolo rappresenta il primo lavoro solista di Glenn Danzig, sebbene queste due versioni saranno incluse in varie compilation dei Misfits.[30] Nel corso del 1981, i Misfits continuano in studio per registrare le tracce per un album, che avrebbe avuto il nome Walk Among Us. Nonostante avessero deciso di produrlo da soli attraverso la Plan 9, ricevono ed accettano un'inaspettata offerta dalla Slash Records per produrre il disco.[31] Nell'Halloween del 1981, i Misfits pubblicano il singolo Halloween con la Plan 9, contenente altre due tracce dell'album rinviato l'estate precedente.

Nello stesso anno, Glenn scrive la canzone Archangel per il cantante dei The Damned, Dave Vanian, affinché la cantasse con i Misfits.[32] A causa di problemi con i programmi, Dave non registra la propria parte di voce per la canzone, che viene messa da parte fino al 1983, quando Glenn decide di registrarla nuovamente con il suo nuovo gruppo, i Samhain.[32]

Walk Among Us[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 1982, Ruby Records e Slash Records pubblicano Walk Among Us, il primo album completo dei Misfits disponibile al pubblico. Walk Among Us sarà poi considerato da molti fan la quintessenza della discografia del gruppo, così come uno dei migliori album punk di tutti i tempi.[1][33][34][35] La formazione inizia a suonare nei concerti dopo circa un anno.[21] Iniziano a divenire celebri per la loro intensa presenza sul palco e le loro performance brutali.[1] Jerry Only suona sbattendo violentemente la sua mano sulle corde del basso e quasi ad ogni fine canzone lancia il suo basso per terra fino a distruggerlo[36]. Suo fratello Doyle è un atleta e mostra il suo fisico da linebacker che, insieme alla sua apparenza macabra e al suo modo di suonare tirando pugni sulla chitarra, rende il suo aspetto spaventoso.[1][37] Glenn Danzig urla rabbiosamente i suoi testi morbosi sbattendo sul palco o strisciando sul pavimento, talvolta lanciandosi sul pubblico e ricevendo pugni dalla folla. Danzig ha la passione del combattimento e si diverte nell'insultare la folla ed istigando alla violenza.

Probabilmente lo spettacolo più violento dei Misfits avviene a San Francisco il 10 aprile 1982. Durante il concerto alcuni avevano iniziato a lanciare lattine di birra sul palco.[1] Dopo essere stato quasi colpito in testa da una lattina piena, Doyle fracassa la sua chitarra sulla testa di uno spettatore, causando tumulti.[1][13]

Arthur Googy e Danzig litigavano spesso e, dopo una lunga discussione, Danzig lo caccia dai Misfits. Il gruppo deve quindi cancellare i piani per la registrazione del loro prossimo EP, che avevano progettato di chiamare Earth A.D..[13]

ROBO durante un concerto.

Avendo la necessità di un batterista, offrono il ruolo ad un amico e compagno di classe di Doyle, Eerie Von, che era stato anche occasionalmente fotografo e tecnico nei concerti per i Misfits.[13] Eerie ripiega l'offerta, in quanto ha già promesso di suonare con il gruppo locale Rosemary's Babies.[13] Il cantante dei Black Flag, Henry Rollins, divenuto grande amico dei Misfits durante i loro ingaggi nella costa pacifica, informa allora l'ex batterista dei Black Flag, ROBO, che i Misfits erano in cerca di un batterista. Nel luglio del 1982, ROBO vola verso l'east coast ed entra a far parte del gruppo,[13] andando a lavorare nella fabbrica dei genitori di Jerry e Doyle ed andando a vivere prima nella loro nuova villa a Township e successivamente presso Danzig, che non nasconde di non sopportare la convivenza ed il nuovo ospite.[1]

Doyle si diploma ed inizia a lavorare a tempo pieno in una delle aziende del padre, la Pro Edge,[1] assieme a Jerry.[13] Con i soldi guadagnati comprano nuovi strumenti (dato che erano soliti rompere i loro ogni settimana[1]), finanziare i tour, le sessioni di registrazioni e la pubblicazione degli album. Mentre loro provvedono a finanziare il gruppo, Glenn si occupa del Fiend Club e lavora sul testo e la musica di nuove canzoni.[1]

La dissoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 1982, i Misfits partono per un tour di grandi dimensioni con dei loro amici, i Necros, i quali aprono i loro concerti.[21] Durante il tour, la formazione di Lodi si ferma in studio per registrare le tracce strumentali per l'EP Earth A.D. mentre Glenn dorme.[13] Il 17 ottobre 1982, la band è arrestata con alcuni fan a New Orleans con l'accusa di profanazione di tombe[13] mentre cercano il luogo di sepoltura di Marie Laveau, una nota praticante del voodoo. I Misfits negano le accuse, e un testimone nega perfino che essi abbiano mai varcato il cancello del cimitero. La band paga la cauzione e non si presenta in tribunale, andandosene per raggiungere il luogo del loro concerto successivo in Florida.[13] Al ritorno dal tour, i Misfits pubblicano un album con materiale dal vivo, dal nome Evilive.

Doyle Wolfgang von Frankenstein in concerto col gruppo nel 1983

In questo periodo Glenn inizia a scontentarsi dei Misfits per ragioni non ancora chiare. Inizia a scrivere canzoni per un nuovo progetto musicale, che inizialmente voleva chiamare "Danzig", scegliendo poi il nome di "Samhain", dopo una celebrazione di una vecchia festività celtica che influenza la moderna celebrazione dell'Halloween.

Nel luglio 1983, i Misfits vanno nuovamente in studio per finire il lavoro su Earth A.D..[13] Decidono di registrare ed aggiungono due delle loro nuove canzoni all'EP, avvicinandolo quasi ad un album completo. Per renderlo un vero album completo, Glenn decide di registrare due canzoni che avrebbe voluto usare per i Samhain: Bloodfeast e Death Comes Ripping.[13] Il disco risultante è Earth A.D., un disco che propone un sound puramente hardcore punk[38] con molte influenze thrash metal[1][39] ma che non soddisfa nessuno dei componenti.[1] Ad agosto, dopo una serie di discussioni con Glenn, ROBO decide di lasciare il gruppo.[13] Glenn, infastidito tra l'altro delle influenze dei Van Halen (gruppo odiato dal cantante)[1] che volevano dare i due Caiafa alla formazione,[1] è ancora maggiormente scontento dei Misfits ed inizia delle audizioni per trovare i componenti per il suo nuovo progetto.[13]

Il 29 ottobre, il gruppo suona il suo concerto di Halloween al Greystone Hall di Detroit.[21] Glenn sceglie Brian Damage alla batteria.[13] Quest'ultimo si ubriaca prima dello spettacolo e fa continuamente confusione con le canzoni. Dopo alcuni brani Doyle accompagna Brian fuori dal palco, il quale viene sostituito da Todd Swalla, batterista dei Necros, per il resto del programma.[1][13] I componenti sono molto turbati e Glenn informa il pubblico che quello sarebbe stato l'ultimo show di sempre per i Misfits.[1][13] Il giorno successivo i membri del gruppo tornano a casa senza dirsi nulla nel viaggio di ritorno ed una volta in New Jersey vanno ciascuno per la propria strada.[13] Pur avendo la possibilità di un importante tour in Germania, provano a suonare con un nuovo batterista, rifiutandosi Danzig di suonare nuovamente con Googy.[1] Non riuscendo nemmeno a tenere il ritmo delle canzoni, viene rimpiazzato dopo il primo brano, 20 Eyes, dal batterista dei Necros. Rinunciando ad ammettere le proprie colpe nel rifiuto verso Googy, Danzig causa la rinuncia al tour in Germania e provoca lo scioglimento della band.[1]

I Misfits "Graves-era"[modifica | modifica wikitesto]

Questioni legali[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la fine dei Misfits, Glenn Danzig si concentra sul suo nuovo gruppo, i Samhain, più cupi e sperimentali dei Misfits, con una maggiore enfasi nel creare atmosfere lugubri[1] e meno nelle melodie pop,[40] allontanandosi dalle sonorità punk che iniziavano ad apparirgli noiose.[1] All'epoca, Only si dedica alla propria famiglia ed alla sua bambina, Kathy. Diventa più serio nella sua fede cristiana e si rammarica di cose fatte in passato con i Misfits.[41] Vede crescere la popolarità di Danzig con i Samhain, gruppo che egli vede come satanico. Nel 1987, Jerry Only decide di creare una nuova formazione, che si sarebbe dovuta opporre alla "strada oscura" scelta da Danzig.[42] Assieme al fratello Doyle, Only (che ha nel frattempo cambiato il proprio nome sul palco in "Mo the Great"[13]) inizia a scrivere canzoni per il nuovo gruppo christian metal[42] dall'aspetto barbarico, i Kryst the Conqueror, che includono il cantante Jeff Scott Soto.[43] Creano poi il "Doyle Fan Club" per aiutare la diffusione della notizia della creazione del nuovo gruppo. Nonostante gli sforzi di Only, i Kryst the Conqueror non riescono a guadagnare seguito. Seppure avessero pubblicato un EP in edizione limitata, la band non suona mai in concerto.[43] Nel frattempo Doyle registra il brevetto della propria chitarra, la Annihilator, e Jerry only quello del suo basso, il Devastator.

I Misfits in concerto in Cile

Sempre nel 1987, i Samhain, dopo un estenuante tour ed aver pubblicato due album completi ed un EP, firmano un contratto con una major discografica e cambiano il nome in Danzig.[44] Nonostante i Misfits fossero rimasti inosservati nei sette anni di attività, alla fine degli anni ottanta diventano degli idoli del mondo musicale underground, grazie ai passaparola, alla pubblica ammirazione dei Metallica per il gruppo[13][45] ed al crescente successo di Danzig con i Samhain. La discografia dei Misfits è ristampata ed ottiene un ottimo successo.[13] In questo periodo, Only contatta Danzig per dividersi i diritti d'autore dei Misfits, iniziando una battaglia legale protrattasi per anni.[46] In aggiunta ai diritti di nome e di immagine sui Misfits, ad Only è riconosciuto di aver composto buona parte dei primi brani del gruppo. Ammette che Danzig avesse scritto quasi tutti i pezzi e buona parte della musica, ma chiede il riconoscimento a lui e Doyle di aver composto tra il 25% ed il 30% della musica e quindi parte dei guadagni di Glen Danzig come presunto autore unico di testi e melodie.[47]

Alla fine del 1988, i Danzig pubblicano il loro album omonimo con la nuova etichetta del celebre produttore Rick Rubin, la Def American. Sette anni dopo, nel 1994 i Danzig diventano di tendenza grazie al video live della prima canzone del disco, Mother, divenuta una hit su MTV,[48] portando migliaia di nuovi fan ad esplorare la passata discografia di Glenn Danzig, anche quindi i suoi lavori con i Samhain ed i Misfits.

Nel 1994-95 Jerry Only e Doyle contattano Danzig per riunire i Misfits,[13] andando anche nella sua camera d'albergo dopo un suo concerto nel New Jersey.[13] Nelle interviste Only rimarca scherzosamente di essere stato scortato assieme al fratello dalla sicurezza fuori dalla proprietà, considerando questo episodio come una risposta negativa alla proposta.[13] Only decide di cedere i propri diritti sui testi delle canzoni, tentando comunque un accordo extragiudiziario che gli consentisse di utilizzare il nome e le immagini dei Misfits. Il 1º gennaio 1995, Only e Danzig si accordano finalmente, grazie a questa intesa Only guadagna il diritto di registrare e suonare con il nome Misfits, dividendo però i diritti sul merchandising con Danzig.[13]

I Misfits con Michale Graves alla voce

Un nuovo inizio[modifica | modifica wikitesto]

Jerry Only e Doyle, dopo aver acquistato i diritti dei Misfits e della loro immagine, riformano il gruppo nel 1995 con Dr. C.H.U.D. alla batteria, batterista dei Kryst the Conqueror proveniente dai Sardonica.[13] Dopo il rifiuto di Danzig di tornare nel gruppo, iniziano le audizioni per trovare il nuovo cantante (Jerry ha anche contattato Dave Vanian che ha però declinato l'offerta). Michael Emmanuel (The Boogeyman), un diciannovenne del New Jersey, impressiona nel provino, venendo così a far parte della formazione, con il nome Michale Graves. Doyle adotta il nuovo nickname Doyle Wolfgang Von Frankenstein.[13] Per pubblicizzare il ritorno alle scene i nuovi Misfits fanno un cameo nel film Animal Room di Craig Singer.[49]

La nuova incarnazione dei Misfits pubblica l'album di debutto American Psycho nel 1997. Il disco è accolto positivamente, introducendo i Misfits ad una nuova generazione di fan.[50] Ciononostante, molti dei fan originali dei Misfits hanno problemi ad accettare la rinnovata esistenza del gruppo senza il suo fondatore ed autore delle canzoni, Glenn Danzig, che solitamente rifiuta di riconoscere l'esistenza della nuova formazione,[51] facendolo con toni denigratori.[41] I detrattori puntano anche l'attenzione sull'immagine più "da cartone animato" del nuovo gruppo e sull'apparente desiderio di Jerry Only di rendere più accessibile alle famiglie il gruppo, astenendosi dall'usare volgarità nelle canzoni. Nonostante queste accuse, Graves e lo stesso Only suonano dal vivo le canzoni classiche dei Misfits, complete di testi espliciti.

Nonostante certi puristi si riferiscano a questa formazione come i Misfits '95,[52] alcuni detrattori soprannominano addirittura il gruppo come "The Newfits",[53] "Resurrected Misfits" e "The Jerry Only Band".[51] Comunque sia, le due incarnazioni dei Misfits sono solitamente distinte.

Nel maggio 1998, Michale Graves prende una pausa dal gruppo. I Misfits vengono allora guidati brevemente da Myke Hideous,[52] cantante del gruppo goth/death rock The Empire Hideous del New Jersey, nei loro successivi tour sudamericani ed europei.[54] Hideous è costretto da Jerry e Doyle suo malgrado ad allenarsi per prendere muscoli e peso, decide quindi di lasciare la band dopo il tour europeo. Hideous racconta i dettagli della sua esperienza con i Misfits nel proprio libro King of an Empire to the Shoes of a Misfit. Michale Graves ritorna nel gruppo dopo un anno ed una fallimentare carriera da solista.

Nell'ottobre 1999, i Misfits pubblicano Famous Monsters, un album che mescola punk, metal e doo-wop, creando sonorità che avrebbero poi caratterizzato la formazione post-Danzig.[55] Partono in tour ad ottobre e novembre dello stesso anno con i Gwar[56] per pubblicizzare il disco, suonando anche al Madison Square Garden.[56] In questo periodo vengono messi in vendita delle action figure dei Misfits dalla 21st Century Toys, che raffigurano le immagini di Doyle e Jerry Only.[57]

Nel novembre dello stesso anno, un mese dopo la pubblicazione di Famous Monsters, i Misfits iniziano ad apparire in dei camei negli spettacoli del World Championship Wrestling[58] WCW Monday Nitro e WCW Thunder, in supporto al wrestler Vampiro,[58] un loro vero fan nella vita reale che utilizzò sia Abominable Dr. Phibes che Kong at the Gates come musica d'entrata.[59] Mentre tutti i Misfits fanno delle semplici comparse, Jerry Only combatte sia in match singoli che in tag-team con Vampiro contro Meng, Berlyn, Steve Williams ed Oklahoma.[60] Vampiro, a sua volta, inizia ad adattare il proprio look a quello dei Misfits, completo di corpse paint, polsini con il Crimson Ghost ed una canottiera con la scritta MisFits sulla schiena.

Nel gennaio 2000 appaiono per la prima volta in una televisione nazionale statunitense al The X Show su FX,[61] ed iniziando a discutere con gli organizzatori dell'Ozzfest per inserire una data del loro tour per l'Ozzfest 2000. A febbraio appaiono nel film Bruiser di George Romero. Nonostante tutto anche nel febbraio, i Misfits improvvisamente annunciano la cancellazione di tutte le successive date del tour.[56] Nel frattempo, Vampiro smette di vestire le parti del costume associate ai Misfits. Il 14 febbraio 2000 viene pubblicato su un sito di fan dei Misfits un annuncio di Dr. C.H.U.D. in cui si comunicava che lui, Graves e Doyle avrebbero lasciato il gruppo.[62] Iniziano a circolare voci che la band si fosse divisa per dispute economiche e perché Vampiro ed i Misfits, senza Jerry Only, stavano pianificando di creare un gruppo a sé stante. Jerry Only pubblica un comunicato separato sul sito dei Misfits a febbraio e marzo accusando Vampiro e la WCW dei problemi della band, asserendo che essi volessero prendere il controllo sui Misfits e farne un prodotto della WCW.[62] Inoltre, Jerry Only nega la divisione dei Misfits e che Doyle abbia lasciato la formazione, affermando invece che tutte le questioni sui Misfits fossero affare solo tra sé e Doyle.[62] Il gruppo decide di riformarsi in aprile appena prima della decisione dell'Ozzfest di non includerli nel tour.[62] A giugno esce nelle sale cinematografiche il film Big Money Hustlas prodotto e diretto da John Cafiero in cui compaiono in un cameo.[63]

Only in concerto nel 2006.

Nonostante la riunificazione per il tour estivo[56], si susseguono voci di problemi interni al gruppo che, infatti, inizia un tour nell'autunno 2000 con Zoli Téglás, cantante degli Ignite, per le date in Canada ed in alcune negli Stati Uniti[62], non avendo Michale Graves il permesso di lavoro per attraversare il confine. Il 25 ottobre 2000, Michale Graves e Dr. Chud lasciano la band[62] durante una performance alla House of Blues di Orlando.[56] I Misfits decidono di finire il tour, con Téglás ed Only a spartirsi le parti vocali e Ken Schalk (come Renfield) alla batteria.[56] Nelle date in cui Schalk non è disponibile, i Misfits lo rimpiazzano con Mr. Jim, Joey Image, Eric "Goat" Arce (dei Murphy's Law) o Matthew Cross.[56]

Nel 2001, i Misfits pubblicano Cuts from the Crypt, album con materiale scartato dei precedenti due o uscito solo in singoli e raccolte, pubblicato col fine di liberare il gruppo dai vincoli contrattuali con la Roadrunner Records.[64] Ad ottobre esce il film Campfire Stories di Bob Cea in cui appaiono i Misfits che interpretano No More Moments assieme alla go-go dancer Stephanie Bellars moglie di Doyle.

I Misfits "Jerry Only-era"[modifica | modifica wikitesto]

Dez Cadena in tour con i Misfits nel 2007.

M25[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 Reclutando due veterani del punk (Dez Cadena dei Black Flag e Marky Ramone dei Ramones, sostituito in alcune occasioni da ROBO) la band inizia un tour per i venticinque anni del gruppo, denominato M25[56] (nel cui nome la "M" rappresenta l'iniziale dei Misfits ed il "25" il quarto di secolo di età del gruppo[65]). Dopo alcune date, Doyle si prende una pausa a tempo indeterminato, mettendo fine alla seconda era della formazione.

Liberi dal contratto con la Roadrunner (etichetta del gruppo Universal), Jerry Only e l'amico John Cafiero fondano la Misfits Records e lanciano la loro nuova etichetta con il singolo Day The Earth Caught Fire, debutto statunitense dei Balzac, gruppo horror punk giapponese fortemente influenzato dalla musica dei Misfits e dei Samhain[66]. Il singolo è in realtà uno split in cui i Misfits propongono la cover di Day The Earth Caught Fire dei Balzac, mentre questi ultimi realizzano la cover di The Haunting e Don't Open Till Doomsday dei Misfits.

Il 29 luglio 2003 viene pubblicato Project 1950, un nuovo studio album dei Misfits contenente dieci cover di classici del rock'n'roll degli anni cinquanta. Ad accompagnare il super gruppo formato da Jerry Only al basso e alla voce, Marky Ramone alla batteria e Dez Cadena alle chitarre e ai cori ci sono anche la cantante pop degli anni sessanta Ronnie Spector, il tastierista Jimmy Destri dei Blondie e i cori di John Cafiero.[67] Per promuovere l'album il gruppo inizia un lunghissimo ed ininterrotto tour mondiale in cui propone dal vivo tutti i migliori successi dei Misfits, dei Ramones, dei Black Flag oltre a qualche cover degli anni cinquanta. I concerti, nonostante avessero una scaletta di oltre 30 brani, durano poco più di un'ora per via dello stile di esecuzione utilizzato dalla band che tende a suonare al massimo della velocità senza prevedere pause tra i brani (stile che richiama quello utilizzato dai Ramones nell'ultimo periodo di attività, immortalato nell'album live Loco Live).

Nell'aprile del 2005 Marky Ramone annuncia che il tour appena conclusosi è stato l'ultimo con il gruppo,[68] il suo posto viene quindi occupato nuovamente da ROBO.[69] Successivamente Marky dichiara che quando firmò il contratto con i Misfits non era a conoscenza del fatto che né Doyle né Michale Graves, di cui apprezzava le doti canore che richiamavano quelle di Joey Ramone, non facessero più parte della band. Definì inoltre Jerry Only non in grado di cantare.

Nel 2006 la Misfits Records produce l'album Osaka Popstar And The American Legends Of Punk disco d'esordio degli Osaka Popstar, band capitanata e prodotta da John Cafiero la cui lineup vede Jerry Only al basso, Dez Cadena alla chitarra, Marky Ramone alla batteria, John Cafiero alla voce e Ivan Julian dei The Voidoids alla seconda chitarra.[70]

Nello stesso anno Franché Coma compare come special guest per il live dei Misfits negli studi di Tony Bennett ad Englewood, New Jersey per suonare tre brani tratti dall'album Static Age. Da questo live sarebbe dovuto uscire un DVD ma invece i video sono stati pubblicati solamente sul sito ufficiale della band.[71]

Graves, Gotham Road, Dr. Chud X-Ward, Marky Ramone's Blitzkrieg[modifica | modifica wikitesto]

Intanto, Michale Graves e Dr. Chud formano la loro band, i Graves,[72] e producono il primo album Web Of Dharma nel 2001.[72] Successivamente, fino al 2003, Michale Graves canta con i Gotham Road[73] con cui produce anche l'album Season Of The Witch, mentre Dr. Chud cerca di seguire una carriera solista, formando il gruppo Dr. Chud's X-Ward.[74] Nel 2005 Michale Graves ricomincia a suonare con i Graves e registra due album: Punk Rock is Dead (2005) e Return to Earth (2006).

Nel 2008 Marky Ramone e Michale Graves assieme a due membri degli Anti-Product (Claire MissTake al basso e Alex Kane alla chitarra) formano i Marky Ramone's Blitzkrieg con cui partono in tour proponendo i migliori successi dei Ramones e dei Misfits del periodo in cui militava Graves. La band produce nel 2009 il singolo When We Were Angels.

Dal 30º anniversario[modifica | modifica wikitesto]

I Misfits, ormai composti da Jerry Only, Dez Cadena e ROBO, vanno incontro al loro trentesimo anniversario e festeggiano suonando prima il 13 settembre 2007 a Bologna assieme agli UK Subs, celebre gruppo delle origini del punk rock britannico[75] e poi per tre settimane tra il settembre e l'ottobre del 2007 nel Regno Unito assieme ai The Briefs ed in Irlanda[6] dove Jamie Delerict, del gruppo irlandese The Dangerfields, canta I Turned Into a Martian.[76]

I Misfits in concerto nel 2012, con Jerry Only alla voce

Il 25 giugno 2008, viene lanciato il nuovo sito internet dei Misfits[77]

Il 31 ottobre 2009 esce il nuovo singolo Land of the Dead, prima pubblicazione dopo il 2003.[69] Il singolo contiene due tracce, Land of the Dead e Twilight of the Dead, entrambe composte da Only e ispirate ai film di George Romero.[69] Nel 2010 ROBO lascia definitivamente la band e il suo posto è preso da Eric "Chupacabra" Arce (batterista dei Murphy's Law), che già aveva sostituito Dr. Chud in alcune date del 2000 con il nickname di "The Goat"[56].

Il 4 ottobre 2011 esce il nuovo album intitolato The Devil's Rain. L'album, pubblicato dalla Misfits Records è il primo disco di inediti dal 1999, anno di uscita di Famous Monsters. Al suo interno sono inclusi i due brani contenuti nel singolo del 2009 in una nuova versione. Segue un lungo tour mondiale promozionale.[78]

Nel 2014 Dez Cadena lascia la band per complicazioni dovute ad un cancro alla gola[79] e al suo posto entra Jerry Caiafa Jr., figlio di Jerry Only, con il nickname di Jerry Other. Con questa nuova formazione la band produce prima il singolo Vampire Girl / Zombie Girl e poi nel 2016 l'EP Friday The 13th[80].

The Original Misfits[modifica | modifica wikitesto]

Preambolo[modifica | modifica wikitesto]

Il processo di riunificazione dei Misfits si rivela molto lungo e complicato. Durante il tour dei Danzig del 2005, Glenn Danzig decide di invitare sul palco Doyle per eseguire insieme mezz'ora di classici dei Misfits nei concerti del 28 febbraio a Boston, del primo marzo a New York e del 2 marzo a Filadelfia. Si tratta della prima volta dopo 22 anni che Glenn Danzig e Doyle condividono lo stesso palco, è inoltre la prima apparizione in pubblico di Doyle dalla sua pausa musicale.[81] Questi concerti hanno contribuito a diffondere le voci di una possibile riunificazione della formazione classica dei Misfits, smentite ripetutamente da Danzig.[82]

Glenn e Doyle continuano con questo tipo di concerti nel Blackest of the Black tour[83][84] e nel tour australiano dei Danzig del 2006.[85] In un'intervista Glenn afferma che queste date sono quanto di più vicino ad una riunificazione dei Misfits e annuncia la propria intenzione di ritirarsi dall'attività concertistica.[86]

Nello stesso anno, sull'altro versante, i Misfits di Jerry Only con ROBO e Dez Cadena suonano negli studi di Tony Bennett ad Englewood, New Jersey e Franché Coma compare come special guest per tre brani tratti dall'album Static Age.[87]

Doyle, assieme alla moglie Stephanie Bellars, in arte Gorgeous George, e a Dr. Chud ex-batterista dei Misfits, forma i Gorgeous Frankenstein, una nuova band con cui pubblica nel 2007 l'album Gorgeous Frankenstein e nel 2008 il DVD You Must See It To Belive It!!! , entrambi prodotti da Glenn Danzig e rilasciati dall'etichetta Evilive.[86] Nell'autunno 2007 i Gorgeous Frankenstein partono in tour come gruppo spalla dei Danzig[88]. I bis dei concerti terminano con Doyle che si aggiunge ai Danzig per suonare i migliori classici dei Misfits.

Il 26 dicembre 2009 a New Jersey, durante il tour con Danzig, Michale Graves si unisce ai Gorgeous Frankenstein per cantare 4 brani del suo periodo con i Misfits. La formazione è formata dunque da Doyle Wolfgang Von Frankenstein alla chitarra, Michale Graves alla voce, Dr. Chud alla batteria e cori, Argyle Goolsby (dei Blitzkid) al basso e cori e Gogeous George come ballerina di lap dance. Poco dopo, durante il bis dei Danzig, Doyle si unisce alla band per suonare 4 classici del Misfits del periodo con Glenn Danzig.[89] Durante l'intera serata Glenn Danzig e Michale Graves non si incontrano mai.[90]

Nel 2010 i Danzig e i Gorgeous Frankenstein continuano ad andare in tour insieme ma le date iniziano ad essere pubblicizzate come Danzig & Doyle.

Nel 2011 Glenn Danzig realizza uno show intitolato Danzig Legacy in cui ripercorre tutta la sua carriera musicale dai Misfits, passando per i Samhain fino ai Danzig. Nella locandina dell'evento compare la scritta "Legacy" con lo stesso carattere utilizzato sulla copertina di Legacy Of Brutality, raccolta dei Misfits del 1985. Lo spettacolo si suddivide in tre set: nel primo Glenn Danzig e Doyle suonano in unplugged i classici successi dei Misfits in un'ambientazione simile allo show di Elvis The '68 Comeback Special; nel secondo set riforma dopo dodici anni i Samhain assieme a London May; nell'ultimo suona i principali successi di Danzig. Lo show viene pubblicato su Vimeo solo nel 2015 con il titolo Danzig Legacy: The TV Taping.[91] Al successo dello show segue un breve tour.

Nel 2013 i Danzig, in occasione del 25º anniversario della band, vanno in tour assieme a Doyle Wolfgang Von Frankenstein[92] che nel frattempo ha formato una nuova band chiamata semplicemente Doyle.[93] Durante queste date Doyle dichiara di essere pronto ad annullare la propria tournée a favore di un'eventuale reunion dei Misfits originali ma sottolinea quanto tale volontà non dipenda da lui, lanciando così l'invito al fratello Jerry Only e a Glenn Danzig.

Nel 2015 i Misfits di Jerry Only annunciano l'inizio di un tour intitolato Static Age Revisited in cui rivisitano l'intero album Static Age registrato nel 1977 rispettando l'ordine originale dei brani. Lo spettacolo è accompagnato da immagini dell'epoca orchestrate dallo stesso Jerry Only.[94]

La reunion[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 maggio del 2016 sul sito ufficiale dei Misfits, dei Danzig e dei Doyle appare il seguente messaggio:[95]

(EN)

« They said it would never happen...
For the first time in 33 years, The Original Misfits, featuring original singer/songwriter Glenn Danzig, original bassist Jerry Only with Doyle Wolfgang Von Frankenstein on guitar, will be reuniting and performing at Riot Fest. »

(IT)

« Dicevano che non sarebbe mai successo...
Per la prima volta in 33 anni, The Original Misfits, con il cantante/compositore originale Glenn Danzig, il bassista originale Jerry Only e Doyle Wolfgang Von Frankenstein alla chitarra, si riuniranno e si esibiranno al Riot Fest. »

Il batterista della reunion deve ancora essere annunciato ma Jerry Only dichiara il 16 maggio che lui e Danzig, dopo molte proposte, ne hanno in mente uno che dovrebbe essere una scommessa vincente. Il prescelto sarebbe il batterista preferito di Glenn Danzig e l'unica anticipazione data da Only è che è un "ragazzo di famiglia".[96] Il 29 agosto viene annunciato che il batterista che prenderà parte alla reunion sarà Dave Lombardo, fondatore degli Slayer ed impegnato con Suicidal Tendencies, Dead Cross e Philm ed in passato con Fantômas e Grip Inc..[97] Nel frattempo i Misfits di Jerry Only cancellano tutte le date del tour, comprese quelle previste in Italia.[98]

The Original Misfits reclutano come secondo chitarrista Acey Slade, che in passato ha militato in band come Murderdolls, Wednesday 13, Dope, Amen, Joan Jett & The Blackhearts, e suonano il 4 settembre al Riot Fest & Rodeo di Denver e il 18 settembre al Riot Fest & Carnival di Chicago. Sul palco troneggiano due bare da cui escono i componenti della band, due zucche di halloween di 4,5 metri identiche a quella raffigurata sulla copertina del singolo Halloween e numerosi immancabili Crimson Ghost mentre sullo sfondo gli schermi a led trasmettono immagini relative al periodo tra il '77 e l' '83. Durante il concerto, in cui vengono proposti 25 classici molti dei quali non erano più stati cantati da Danzig dal 1983[99], Glenn Danzig afferma che:

(EN)

« About 40 years ago, Jerry and I got onstage in New York and we shocked the whole fucking punk scene who didn't know what the fuck to make of us...We didn't look like anybody. We didn't sound like anybody. We were angry, pissed-off and we dressed all in fucking black and we were always getting into fights and shitloads of fucking trouble every night. That's pretty much what punk was back then, getting fucked up and fucking people up. At least in New York City it was. »

(IT)

« Circa 40 anni fa, Jerry ed io siamo saliti sul palco a New York e abbiamo scioccato tutta la scena punk del cazzo che non sapeva cosa cazzo fare di noi... Non assomigliavamo a nessuno. Non suonavamo come nessuno. Eravamo arrabbiati, incazzati e ci vestivamo tutti di fottuto nero e ogni sera litigavamo e facevamo un macello di guai del cazzo. Questo è più o meno quello che era il punk allora, farsi scopare e fottere le persone. Lo era almeno a New York City. »

[100]

Successivamente durante un'intervista Jerry Only dichiara:[101]

(EN)

« We're going into our 40th anniversary so the timing couldn't be more perfect. Eventually, Doyle's got to write a new album; I've got to write a new album; Glenn's got to write a new album. Why don't we work together and make the greatest album ever? Now we've got different elements. We've got Doyle playing more of a metal kind of thing. We've got Dave [Lombardo] who we're trying to figure out what the fuck he's doing. And Glenn's got his own thing. And Acey [Slade], second guitar] fills in good too. [...] I think it's got to evolve naturally. »

(IT)

« Stiamo andando incontro al nostro 40° anniversario, quindi i tempi non potrebbero essere più perfetti. Alla fine, Doyle deve scrivere un nuovo album; io devo scrivere un nuovo album; Glenn deve scrivere un nuovo album. Perché non lavoriamo insieme e facciamo il più grande album di sempre? Ora abbiamo diversi elementi. Abbiamo Doyle che suona qualcosa che va oltre il metal. Abbiamo Dave [Lombardo] che stiamo cercando di capire che cazzo sta facendo. E Glenn ha le sue cose. Anche Acey [Slade], seconda chitarra si fonde bene. [...] Penso che debba evolversi in modo naturale. »

Il 2017 rappresenta l'anniversario dei 40 anni della band ed a marzo Dave Lombardo in un'intervista dichiara di essere sicuro che ci saranno altri concerti degli Original Misfits[102] ed infatti il 21 agosto viene annunciata una nuova data presentata come "only 2017 performance in this world... or any other world" ("unico spettacolo del 2017 in questo mondo... o in qualsiasi altro mondo")[103] prevista per il 30 dicermbre al The Forum di Los Angeles, California. I biglietti, messi in prevendita il 25 agosto, vanno sold out in 60 secondi e perciò viene aggiunto un secondo concerto il 28 dicembre al MGM Grand Garden Arena di Las Vegas, Nevada.[104]Ad aprire ci sono gli Alkaline Trio per entrambe le serate, i Fear per la data di Las Vegas e i Discharge per quella di Los Angeles.[105] Durante i concerti, per volere di Danzig, tutti i cellulari e i dispositivi di registrazione sono sequestrati e riconsegnati all'uscita.[106]

Il 29 gennaio 2018 viene annunciato un concerto previsto per il 19 maggio a Newark, New Jersey "where it all began" ("dove tutto iniziò") ma per la prima volta il nome di Doyle Wolfgang Von Frankenstein non compare sulla locandina.[107] Il chitarrista conferma la sua presenza soltanto il primo febbraio.[108] Pochi giorni prima del concerto in un'intervista Doyle dichiara che preferisce focalizzare le proprie forze sul proprio progetto solista anziché su quello degli Original Misfits ed inoltre esclude la possibilità di una reunion con Graves.[109] La mattina del concerto muore a Lodi (New Jersey) la madre di Glenn Danzig che però, nonostante il lutto, non delude il pubblico sold out del Prudential Center.[110] Per la prima volta Jerry Only suona nel bis un basso Devastator di colore rosso. Nonostante si sia potuto notare sul palco una particolare complicità tra Danzig e Jerry Only, il leader a fine concerto saluta i fan dichiarando di non sapere se i Misfits torneranno o meno.[111] Quattro giorni dopo invece Doyle dalla sua pagina Instagram dichiara di sperare che ci saranno altri show degli Original Misfits.[112]

Eredità[modifica | modifica wikitesto]

Jerry Only mentre firma autografi.

L'influenza che i Misfits ebbero sul punk rock, e sulla musica rock in generale sembra spesso sproporzionata rispetto alla pubblicità e all'attenzione da parte dei critici che ricevettero.

Molte band che sono emerse negli ultimi anni, alcune più velatamente di altre, sono ancora fortemente influenzate dai Misfits. Queste band includono gruppi celebri come gli AFI,[113] i NOFX,[2] gli Strung Out,[2] i Tiger Army,[114] gli Alkaline Trio, i The Horrors, i Murderdolls, i Marilyn Manson, Rob Zombie, gli Avenged Sevenfold,[115] i Wednesday 13[116] ed i 2 Minutos.[117] Tra i gruppi che hanno adottato lo stile dei Misfits, possono essere citati i Balzac,[118] i Blitzkid, i Calabrese, gli American Werewolves[119] e gli HSD, gruppi che sarebbero poi stati classificati come horror punk. Anche lo psychobilly presenta varie somiglianze con l'horror punk.

Molti gruppi della scena hardcore punk, punk rock ed alternative rock del New Jersey, come i My Chemical Romance,[120] i Monster Squad ed i The Banner, citano il gruppo di Lodi tra le maggiori influenze.

Anche gruppi musicali che sembrano parecchio distanti dal loro stile citano i Misfits come loro influenza primaria, ad esempio i Metallica,[2] in particolare Cliff Burton,[2] Jeff Hanneman degli Slayer, i Cradle of Filth e gli Slipknot. I Red Hot Chili Peppers, nel videoclip di Dani California del 2006, appaiono vestiti e truccati come i Misfits[121] (oltre ad imitare altri artisti come Elvis Presley, Sex Pistols, Mötley Crüe e Nirvana),[121] per rendere un tributo a questa band che loro ammirano molto, gesto emulato in seguito anche dal gruppo post-hardcore degli Snow White's Poison Bite.

Poster e magliette dei Misfits appaiono in numerosi film e serial televisivi, come in Cambia la tua vita con un click, Men in Black, Detroit Rock City, Jay & Silent Bob... Fermate Hollywood!, Transformers ed in Freddy vs. Jason, così come in Shorties Watchin' Shorties su Comedy Central, Bayside School ed in CSI. Il leader dei Green Day Billie Joe Armstrong indossa una maglietta della band prima del concerto di Milton Keynes del 2005 immortalato nel DVD live Bullet in a Bible. Bully Ray, wrestler della TNA, a Lockdown 2014, oltre ad indossare una giacca dei Motörhead, indosso proprio un berretto dei Misfits.

Crimson Ghost[modifica | modifica wikitesto]

Il palcoscenico per un concerto dei Misfits, con diverse immagini del Crimson Ghost.

Il Crimson Ghost è la mascotte dei Misfits. Tratto dall'omonimo thriller di Fred Brannon (1946), viene spesso rappresentato (nei videoclip, nelle immagini e nelle locandine) come una creatura avvolta in un mantello cremisi dal quale è visibile solo il viso dalle sembianze di un teschio. È stato nel tempo stilizzato, prendendo il nome di The Fiend ed evolvendosi nel simbolo del movimento horror punk e gotico.[122]

Molte altre band, come ad esempio i Balzac, hanno preso spunto dal Crimson Ghost per il logo del loro gruppo.

Alcune apparizioni del crimson ghost si possono vedere nel video musicale rockstar dei Nickelback e nel film Transformers.

Cliff Burton, il defunto primo bassista dei Metallica aveva tatuato sul braccio destro il logo della band e, nei concerti, i membri dei Metallica indossavano spesso magliette del gruppo.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Brani musicali dei Misfits.

Danzig-era[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Singoli ed EP[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Graves-era[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Singoli ed EP[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997 - Shocking Return (Flood Recordings)
  • 1998 - Evilive II (realizzato esclusivamente per il Fiend Club)

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Jerry Only-era[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Singoli ed EP[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Altri album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997 - Artisti Vari - We Will Fall: The Iggy Pop Tribute
  • 1998 - Artisti Vari - Just Can't Get Enough: New Wave Halloween
  • 1999 - Green Velvet - Constant Chaos (voce)
  • 1999 - Artisti Vari - Short Music for Short People
  • 2000 - Artisti Vari - Download 2000
  • 2001 - Simian - Chemistry Is What We Are [Bonus Tracks] (immagini)

Album di tributo[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Anno Album Heatseekers[123] Billboard 200[123] Top Independent Albums[123]
1995 Collection II 33
1996 Box Set 36
1997 American Psycho 3 117
1999 Famous Monsters 2 138
2001 Cuts from the Crypt 12
2003 Project 1950 2 5

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

I Misfits hanno partecipato come personaggi o con un'apparizione speciale nei seguenti film:

Componenti[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

1977 – 1983 "Danzig-era"[modifica | modifica wikitesto]

1995 – 2000 "Graves-era"[modifica | modifica wikitesto]

  • Jerry Only – basso, cori (1995–2000)
  • Doyle Wolfgang von Frankenstein – chitarra (1995–2000)
  • Michale Graves – voce (1995–1998, 1999-2000)
  • Dr. Chud – batteria, cori (1995–2000)
  • Myke Hideous – voce (1998, Tour sudamericano ed europeo)
  • Zoli Téglás – voce (varie date del tour nel 2000)
  • Eric "Chupacabra" Arce – batteria (varie date del tour del 2000)
  • Joey Image – batteria (il 26 ottobre 2000)
  • Matt Johnson – batteria (alcuni spettacoli del tour del 2000)

2001 – 2016 "Jerry Only-era"[modifica | modifica wikitesto]

2016 – oggi "The Original Misfits"[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah Steven Blush, American punk hardcore, pp. 265-286.
  2. ^ a b c d e f g h i (EN) Allmusic.com - Misfits, su allmusic.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  3. ^ (EN) Rock-forever.com - Definizione di "shock rock", su rock-forever.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2015).
  4. ^ Storiadellamusica.it - Recensione "Walk among us", su storiadellamusica.it. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  5. ^ Accreditati come The Misfits da Static Age a 3 Hits from Hell ( copertina (JPG), su misfitscentral.com. URL consultato il 24 febbraio 2008.), da Halloween (1981) come Misfits ( copertina (JPG), su misfitscentral.com. URL consultato il 24 febbraio 2008.)
  6. ^ a b (EN) misfits.com - Sito Ufficiale, su misfits.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  7. ^ a b (EN) Storia del devilock, su spiritus-temporis.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2013).
  8. ^ a b (EN) Pagina sui Misfits, su homepages.nyu.edu. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  9. ^ (EN) Pagina sulla rivista Famous Monsters of Filmland, su everything2.org. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  10. ^ a b (EN) Whodat and Boojang su Misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2009).
  11. ^ (EN) Bio su Glenn Danzig, su spiritus-temporis.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2013).
  12. ^ (EN) Biografia su Glenn Danzig, su murderdolls.us. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  13. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap (EN) Timeline dei Misfits su Misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  14. ^ (EN) Biografia di Jerry Only su misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  15. ^ (EN) Biografia sui Misfits, su charlotte.creativeloafing.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2006).
  16. ^ Autori Vari. Encyclopedia Of Doo Wop. Volume 6. Collectables, 2000.
  17. ^ (EN) Artisti simili su Cdbaby.com, su cdbaby.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2008).
  18. ^ (EN) Bio sui Misfits, su geocities.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2006).
  19. ^ (EN) Recensione di Famous Monsters, su cd.ciao.co.uk. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2013).
  20. ^ a b c (EN) Altra biografia sui Misfits, su everything2.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  21. ^ a b c d e f g h i j (EN) Date dei tour dei Misfits su misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  22. ^ (EN) Artisti simili ai Misfits su Yahoo! Musica [collegamento interrotto], su it.music.yahoo.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  23. ^ a b (EN) Bio sui Misfits su Enotes.com, su enotes.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2009).
  24. ^ a b c (EN) Recensione su Static Age, su artistsandbands.org. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2012).
  25. ^ (EN) Informazioni sui componenti dei Misfits, su fortunecity.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2008).
  26. ^ (EN) I Damned sul sito della BBC, su bbc.co.uk. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  27. ^ (EN) The Crimson Ghost su imdb.com, su imdb.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  28. ^ (EN) Luoghi di Londra protagonisti del rock, su timeout.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2007).
  29. ^ (EN) Pagina sui Misfits su isound.com, su isound.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2008).
  30. ^ (EN) Glenn Danzig - Who Killed Marilyn?, su Discogs. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  31. ^ (EN) Intervista a Danzig, su pusfan.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  32. ^ a b (EN) Le canzoni dei Misfits su Misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  33. ^ (EN) 'Walk Among Us su CDuniverse, su cduniverse.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  34. ^ (EN) Walk Among Us su Amazon, su amazon.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  35. ^ Bio sui Misfits di ondarock.it, su ondarock.it. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  36. ^ Bullituary, The Misfits Live In L A 1982, 29 novembre 2015. URL consultato l'11 febbraio 2018.
  37. ^ (EN) Biografia su Doyle [collegamento interrotto], su artist.getmaestro.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  38. ^ (EN) Earth A.D. su allmusic.com, su allmusic.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  39. ^ (EN) Earth A.D. su punknews, su punknews.org. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  40. ^ (EN) Recensione su Samhain Box Set su punknews, su punknews.org. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  41. ^ a b (EN) Intervista a Glenn Danzig, su ultimate-guitar.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2008).
  42. ^ a b (EN) Pagina su Jerry Only, su angelfire.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2009).
  43. ^ a b (EN) I Kryst the Conqueror su misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  44. ^ (EN) I Danzig su VH1, su vh1.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  45. ^ (EN) Pagina sulle cover dei Metallica, su encycmet.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  46. ^ (EN) MySpace ufficiale dei Misfits, su myspace.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  47. ^ (EN) La contesa legale sui diritti d'autore dei Misfits, su citizinemag.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2011).
  48. ^ Misfits, Samhain e Danzig su lamette.it, su lamette.it. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  49. ^ Craig Singer, Dechen Thurman e Eddie Malavarca, Animal Room. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  50. ^ (EN) I Misfits nelle classifiche su allmusic.com, su allmusic.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  51. ^ a b (EN) Intervista a Glenn Danzig, su chrisnieratko.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2008).
  52. ^ a b (EN) Formazione resuscitata su Misfits Central, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  53. ^ (EN) Sito sui Misfits, su geocities.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2008).
  54. ^ (EN) Mike Hideous su Misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  55. ^ (EN) Famous Monsters su Mtv.com, su shop.mtv.com. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2013).
  56. ^ a b c d e f g h i (EN) Tour dei nuovi Misfits su Misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  57. ^ (EN) Le action figure dei Misfits, su actionheroes.homestead.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  58. ^ a b (EN) Lista dei combattimenti nella WCW nel 1999, su softwolves.pp.se. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  59. ^ (EN) Le canzoni dei nuovi Misfits su Misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  60. ^ (EN) Combattimenti nel WCW Nitro '99, su shootangle.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  61. ^ (EN) Presenze dei Misfits nei media, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  62. ^ a b c d e f (EN) Timeline dei nuovi Misfits su Misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  63. ^ John Cafiero, Shaggy 2 Dope e Jamie Madrox, Big Money Hustlas, 18 luglio 2000. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  64. ^ (EN) Recensione di Cuts from the Crypt, su knac.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  65. ^ Bio sui Misfits su punkwave.it, su punkwave.it. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  66. ^ (EN) Bio sui Balzac, su gothtronic.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  67. ^ (EN) Recensione su Project 1950, su discogs.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  68. ^ (EN) Comunicati di Marky Ramone, su kauhajoki.fi. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2008).
  69. ^ a b c (EN) Misfits to release "Land of the Dead" for Halloween, punknews.org. URL consultato il 13 ottobre 2009.
  70. ^ (EN) Punknews.org, Osaka Popstar - Osaka Popstar And The American Legends Of Punk, su www.punknews.org. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  71. ^ misfits - glazbenioroslavje, su sites.google.com. URL consultato il 27 giugno 2018.
  72. ^ a b (EN) I Graves su misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  73. ^ (EN) Michale Graves su misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  74. ^ (EN) Dr. Chud su misfitscentral, su misfitscentral.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  75. ^ I Misfits a Bologna, su goth.it. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  76. ^ (EN) MySpace di Jamie Delerict, su myspace.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  77. ^ (EN) Nuove date di tour nel sito ufficiale, su misfits.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  78. ^ (EN) THE DEVIL’S RAIN | Misfits Records, su misfitsrecords.com. URL consultato l'11 febbraio 2018.
  79. ^ Black Flag / Misfits' Dez Cadena Battling Throat Cancer, su Loudwire. URL consultato l'11 febbraio 2018.
  80. ^ Official Misfits Discography, su misfits.com. URL consultato l'11 febbraio 2018.
  81. ^ (EN) It's Official: DANZIG And DOYLE To Perform Special MISFITS Set At Three East Coast Dates, in BLABBERMOUTH.NET, 21 febbraio 2005. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  82. ^ (EN) Danzig nega le voci su una reunion dei Misfits ad Mtv, su mtv.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  83. ^ (EN) Danzig e Doyle insieme per il tour Blackest of the Black, su misfitsfiendclub.tribe.net. URL consultato il 10 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2009).
  84. ^ (EN) Danzig annuncia le date del Blackest of the Black tour '05, su unratedmagazine.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  85. ^ (EN) Il tour australiano di Danzig, su fasterlouder.com.au. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  86. ^ a b (EN) Intervista a Danzig, su unratedmagazine.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  87. ^ franche coma, su www.franchecoma.com. URL consultato il 27 giugno 2018.
  88. ^ (EN) I Gorgeous Frankenstein ed i Danzig nel 2007 su punknews, su punknews.org. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  89. ^ misfitsfiend89, Gorgeous Frankenstein - Helena (MISFITS REUNION), 17 marzo 2010. URL consultato il 27 aprile 2018.
  90. ^ (EN) MISFITS Near-Reunion At This Weekend's DANZIG Show In New Jersey, in BLABBERMOUTH.NET, 23 dicembre 2009. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  91. ^ (EN) Danzig Legacy – The TV Taping, in The Nostalgia Spot, 19 aprile 2015. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  92. ^ DANZIG | VEROTIK, su www.danzig-verotik.com. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  93. ^ Tom Murphy, Doyle Wolfgang von Frankenstein On Changing His Band's Name and Making His Own Guitars, in Westword, 19 novembre 2015. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  94. ^ Misfits, su www.facebook.com. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  95. ^ (EN) The Original Misfits Reunite to Headline Riot Fest in Chicago & Denver - Doyle, in Doyle, 12 maggio 2016. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  96. ^ Misfits (gruppo musicale), in Wikipedia, 12 febbraio 2018. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  97. ^ (IT) MISFITS: Dave Lombardo (ex-SLAYER) alla batteria, in Metalitalia.com. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  98. ^ Misfits Evento Annullato !, su www.facebook.com. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  99. ^ Misfits' Reunion With Glenn Danzig Stuns at Riot Fest, in Rolling Stone. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  100. ^ (EN) Caught Live: The Original Misfits at Riot Fest, in UnderTheRadarNZ. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  101. ^ Misfits' Jerry Only, Doyle Talk Glenn Danzig Reunion, in Rolling Stone. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  102. ^ (EN) DAVE LOMBARDO Is 'Sure' There Will Be More Classic MISFITS Shows, in BLABBERMOUTH.NET, 6 marzo 2017. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  103. ^ DANZIG | VEROTIK, su www.danzig-verotik.com. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  104. ^ (EN) THE MISFITS ORIGINAL LINE-UP ADDS A SECOND SHOW! - 91X FM, in 91X FM, 25 settembre 2017. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  105. ^ (EN) The Original Misfits add 2nd 2017 show & openers: Alkaline Trio, Fear, Discharge, su BrooklynVegan. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  106. ^ (EN) Danzig is Enforcing an Insane "No Cell Phones" Policy at Upcoming Misfits Reunion Show | MetalSucks, in MetalSucks, 14 dicembre 2017. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  107. ^ Misfits Announce New Jersey Reunion Show With Original Lineup, in Spin, 30 gennaio 2018. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  108. ^ (EN) Doyle 100% confirmed to play NJ show!!! - Doyle, in Doyle, 1º febbraio 2018. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  109. ^ (EN) INTERVIEW: Doyle Discusses Headline Tour And Misfits Reunion Shows | Ghost Cult Magazine, su www.ghostcultmag.com. URL consultato il 27 giugno 2018.
  110. ^ Maretta M. Anzalone's Obituary on The Record/Herald News, su The Record/Herald News. URL consultato il 27 giugno 2018.
  111. ^ (EN) 1st 'original Misfits' N.J. concert in a generation was the long-awaited rage fest we hoped for: review, in NJ.com. URL consultato il 27 giugno 2018.
  112. ^ Doyle W. Von Frankenstein su Instagram: "HOPE THERE WILL BE MORE SHOWS LIKE THIS..... \,,/>_<\,,/ #💙🌱💀 #doylissa #alissawhitegluz #doylewolfgangvonfrankenstein #ALISSA #archenemy…", su Instagram. URL consultato il 27 giugno 2018.
  113. ^ (EN) Gli AFI su allmusic.com, su allmusic.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  114. ^ (EN) I Tiger Army su allmusic.com, su allmusic.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  115. ^ (EN) Gli Avenged Sevenfold su allmusic.com, su allmusic.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  116. ^ (EN) I Wednesday 13 su allmusic.com, su allmusic.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  117. ^ (EN) I 2 Minutos su allmusic.com, su allmusic.com. URL consultato il 15 giugno 2008.
  118. ^ (EN) I Balzac su allmusic.com, su allmusic.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  119. ^ (EN) American Werewolves, allmusic.com. URL consultato il 9 aprile 2009.
  120. ^ (EN) I My Chemical Romance su allmusic.com, su allmusic.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  121. ^ a b Recensione su Stadium Arcadium, su groovebox.it. URL consultato il 24 febbraio 2008.
  122. ^ (EN) Il Crimson Ghost nella cultura gotica, su darkromance.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.
  123. ^ a b c (EN) Classifiche e riconoscimenti su allmusic.com, su allmusic.com. URL consultato il 10 febbraio 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Colin Larkin, The Guinness encyclopedia of popular music, Enfield, Guinness Publishing, 1995, pp. 2849, ISBN 978-1-56159-176-3.
  • (EN) Leigh Ann DeRemer, Volume 32, in Contemporary musicians: profiles of the people in music, Detroit, Gale Research, 2001, ISBN 978-0-7876-4643-1.
  • (EN) Myke Hideous, King of an Empire to the Shoes of a Misfit: The Memoirs of Myke Hideous, Milton Keynes, Authorhouse, 2002, ISBN 978-1-4107-0068-1.
  • (EN) Peter Buckley, The Rough Guide to Rock, Londra, Rough Guides, 2003, pp. 5-6, ISBN 978-1-84353-105-0.
  • (EN) Ian Christie, Sound of the beast: the complete headbanging history of heavy metal, New York, HarperEntertainment, 2003, ISBN 978-0-380-81127-4.
  • (EN) Doug Van Pelt, The Misfits, in Rock stars on God, Lake Mary, Relevant Books, 2004, ISBN 978-0-9729276-9-7.
  • Steven Blush, American punk hardcore, traduzione di Giancarlo Carlotti, Milano, Shake, 2007, pp. 265-286, ISBN 978-88-88865-33-1.

Riviste[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Mucchio Selvaggio, maggio 1982.
  • (EN) Assassin of youth, Volume 1 #5, autunno 1982. pp. 7–18.
  • (EN) Misfits walk among us!, Spiral Scratch #4, gennaio 1989. pp. 56–60.
  • (EN) Al Ryan. I Am Misfit. An Interview With Jerry Only, Chiller Theatre, ottobre 1993. pp. 64–75.
  • (EN) Keith Huening. The Misfits, Goldmine, 17 aprile 1992. pp. 32–38.
  • (EN) Mike Stax. Ugly things #12, estate 1993. pp. 3–27.
  • (EN) Punk Floyd the zine. Halloween 1993, Punk Floyd, 31 ottobre 1993.
  • (EN) Back from the dead? Jerry Only tells all about the past and heads into the future, Maximum Rock and Roll, dicembre 1995.
  • (EN) A.J. Ryan, Pamela Hazelton. I am Misfit, Lucanae #7, aprile 1996. pp. 20–29.
  • (EN) Darlene Daniels. The Misfits, Metalfest Magazine #1, luglio 1996.
  • (EN) Reviews. American Psycho, Rolling Stone, 15 maggio 1997.
  • (EN) Steven Blush. Misfits, Seconds #44, ottobre 1997. pp. 26–44.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN152727050 · ISNI (EN0000 0001 0673 3297 · BNF (FRcb142564506 (data)
Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk