Associazione Sportiva Dilettantistica Reggiana Calcio Femminile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
A.S.D. Reggiana Calcio Femminile
Calcio Football pictogram.svg
Le granata
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Flag maroon HEX-7B1C20.svg Granata
Dati societari
Città Reggio nell'Emilia
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie B
Fondazione 1976
Scioglimento2016
Presidente Italia Elisabetta Vignotto
Allenatore Italia Federica D'Astolfo
Stadio Mirabello
(8 500 posti)
Sito web www.acreggianafemminile.it
Palmarès
ScudettoScudettoScudetto Coppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa Italia
Scudetti 3
Trofei nazionali 3 Coppe Italia
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Dilettantistica Reggiana Calcio Femminile è stata la principale società di calcio femminile di Reggio Emilia ed era tra le squadre più titolate d'Italia, con tre scudetti (quarta) e tre coppe Italia (terza). Nel campionato di Serie B 2016-2017 ha iniziato con la normale denominazione per poi essere acquistata dal Sassuolo Calcio e cambiare denominazione in Sassuolo Calcio Femminile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1976 viene fondato a Reggio Emilia il Gruppo Sportivo Femminile Santa Croce, prima squadra calcistica femminile emiliana, e dopo due anni la squadra viene affiliata alla F.I.G.C.F[1].
Alla fine del campionato di Serie C 1980 ottiene la promozione in Serie B.

Nel 1981 assume la denominazione di Associazione Calcio Femminile Reggiana e viene inserita, per diversi anni, nel girone meridionali: le ragazze granata si dovevano sobbarcare numerose trasferte lungo la penisola. Nella stagione 1985-1986 diventa presidente Giandomenico Gozzi e la società vince il campionato approdando per la prima volta in Serie A.
Nel 1987 entra a far parte dello staff dirigenziale l'industriale Renzo Zambelli e per la formazione emiliana si gettano le basi per futuri traguardi ambiziosi: la Reggiana si classifica al 6º posto e nell'anno successivo chiudera in settima posizione.

Carolina Morace e Cleante Pifferi, rispettivamente attaccante e allenatore della Reggiana Refrattari Zambelli per la prima volta campione d'Italia nella stagione 1989-1990.

All'inizio degli anni novanta la Reggiana vive dei momenti di massimo splendore nella sua storia calcistica: la Reggiana Refrattari Zambelli conquista tre volte il tricolore nell'arco di quattro anni (tra il 1990 e il 1993) e per due volte (nel 1992 e nel 1993) si aggiudica la Coppa Italia: la stagione 1992-93 sarà ricordata come l'annata in cui la Reggiana vinse tutto, centrando l'accoppiata Coppa-Scudetto. Zambelli, a causa dei continui impegni di lavoro e per le precarie condizioni fisiche, lascia il suo incarico ma non abbandona la società che continua a vivere grazie alle ragazze della Serie C. La squadra vince il campionato ma è costretta a rinunciare a causa di difficoltà di carattere economico.

Dopo sei stagioni consecutive in Serie B e con la promozione dalla Serie A2, la Reggiana Femminile approda nuovamente nel 2003 in Serie A. La squadra attraversando un buon periodo, avendo conquistato nel 2005 l'approdo nell'Italy Women's Cup e raggiungendo costantemente le prime cinque posizioni in campionato. Vince la sua terza Coppa Italia nel 2010. Appena un anno dopo la terza coppa Italia, rinuncia ad iscriversi in Serie A, per ripartire dalla Serie C. Dopo tre anni, conquista la promozione in Serie B, abbinando anche la vittoria della Coppa Italia regionale.

Dopo aver già iniziato la stagione 2016-2017 con il primo turno di Coppa Italia, nella conferenza stampa del 30 settembre 2016 tenutasi al Mapei Stadium-Città del Tricolore la dirigenza del Sassuolo ha annunciato di aver avviato un rapporto di collaborazione con la dirigenza della Reggiana Femminile. La squadra nella stagione di Serie B 2016-2017 ha adottato una nuova maglia, abbandonando il tradizionale granata per l'azzurro, mantenendo i loghi di entrambe le società.[2] A partire dalla terza giornata, cambia ufficialmente denominazione in Sassuolo C.F.[3]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Reggiana Calcio Femminile
  • 1976 · Nasce il Gruppo Sportivo Femminile Santa Croce.
  • 1978 · Si affilia alla F.I.G.C.F. iscrivendosi al campionato emiliano di Serie C.
  • 1978 · In Serie C emiliana.
  • 1979 · In Serie C emiliana.
  • 1980 · 3ª nel girone B della Serie C lombarda[4]. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie B.
  • 1981 · 5ª nel girone B della Serie B.

  • Cambia denominazione in A.C.F. Reggiana.
  • 1982 · 3ª nel girone B della Serie B.

  • Acquisisce la sponsorizzazione del "Borsettificio Katia" e cambia denominazione in A.C.F. Borsettificio Katia Reggiana
  • 1983 · 3ª nel girone B della Serie B.

  • Torna alla denominazione A.C.F. Reggiana
  • 1984 · 3ª nel girone B della Serie B.
  • 1985 · 5ª nel girone B della Serie B.

  • Cambia denominazione in S.C.F. Reggiana
  • 1985-86 · 1ª nel girone A della Serie B. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie A.
  • 1986-87 · 7ª in Serie A.

  • Acquisito lo sponsor, cambia denominazione in A.C.F. Reggiana Refrattari Zambelli.
  • 1987-88 · 8ª in Serie A.
.. in Coppa Italia.
Finalista di Coppa Italia.
  • 1989-90 · 1ª in Serie A. Scudetto.svg Campione d'Italia.
Semifinalista in Coppa Italia.
  • 1990-91 · 1ª in Serie A. Scudetto.svg Campione d'Italia.
.. in Coppa Italia.
  • 1991-92 · 1ª in Serie A. Finalista play-off scudetto[5].
Vince la Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia (1º titolo).
  • 1992-93 · 1ª in Serie A. Scudetto.svg Campione d'Italia.
Vince la Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia (2º titolo).

  • Rinuncia al campionato di Serie A e si iscrive in Serie C Emilia-Romagna.
  • 1993-94 - 1ª nel girone A della Serie C Emilia-Romagna. Semifinalista play-off promozione[6].
  • 1994-95 - 1ª nel girone A della Serie C Emilia-Romagna, ammessa ai play-off. Semifinalista play-off promozione[7].
  • 1995-96 - 1ª nel girone A della Serie C Emilia-Romagna, ammessa ai play-off. Finalista play-off promozione[8].
  • 1996-97 - 2ª nel unico della Serie C Emilia-Romagna.Green Arrow Up.svg Promossa in Serie B.

  • Cambia denominazione in A.C. Reggiana Femminile.
  • 1997-98 · 8ª nel girone B della Serie B.
.. in Coppa Italia.
  • 1998-99 · 8ª nel girone A della Serie B.
.. in Coppa Italia.
  • 1999-00 · 11ª nel girone A della Serie B.
Fase a gironi di Coppa Italia.
  • 2000-01 · 6ª nel girone C della Serie B.
Fase a gironi di Coppa Italia.
  • 2001-02 · 3ª nel girone C della Serie B. Vince i play-off[9] ed è Green Arrow Up.svg promossa in Serie A2.
  • 2002-03 · 2ª nel girone unico della Serie A2. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie A.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Italia.

  • Cambia denominazione in A.S.D. Reggiana Calcio Femminile.
  • 2005-06 · 10ª in Serie A.
Fase a gironi di Coppa Italia.
Fase a gironi di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Semifinali di Coppa Italia.
Vince la Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia (3º titolo).
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Finalista di Supercoppa Italiana.

Rinuncia alla Serie A e si iscrive in Serie C regionale.

  • 2011-12 · 4ª nel girone unico della Serie C Emilia-Romagna.
... in Coppa Italia Emilia-Romagna.
  • 2012-13 · 2ª nel girone unico della Serie C Emilia-Romagna.
... in Coppa Italia Emilia-Romagna.
  • 2013-14 · 1ª nel girone unico della Serie C Emilia-Romagna. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie B.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia Emilia-Romagna (1º titolo).
Ottavi di Coppa Italia.
Fase a gironi di Coppa Italia.
  • 2016-17 · Nel girone C della Serie B.
1º turno di Coppa Italia.
Viene acquistata dal Sassuolo e diventa il Sassuolo Calcio Femminile.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Campionati disputati

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1989-1990, 1990-1991, 1992-1993
1991-1992, 1992-1993, 2009-2010
1985-1986, 2002-2003, 2016-2017
1980, 1996-1997, 2013-2014
  • Coppa Italia Regionale: 1
2013-2014

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2016-2017[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata dal sito ufficiale il 30 settembre 2016[10].

N. Ruolo Giocatore
Italia P Alice Lugli
Italia P Francesca Ierardi
Italia P Sabrina Tasselli
Italia D Benedetta Brignoli
Italia D Giulia Bursi
Italia D Ginevra Costantino
Italia D Gloria Giatras Zoi
Italia D Paola Gobbi
Italia D Greta Maretti
Italia D Rebecca Poluzzi
Italia D Stefania Zanoletti
N. Ruolo Giocatore
Italia C Lara Barbieri
Italia C Martina Corradini
Kosovo C Atdhetare Halitjaha (capitano)
Italia C Eleonora Prost
Italia C Sara Tardini
Italia A Fabiana Costi
Italia A Giusy Faragò
Italia A Francesca Imprezzabile
Italia A Gaia Mastrovincenzo
Italia A Sara Orlandini
Italia A Benedetta Orsi

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Staff dell'area tecnica
  • Italia Federica D'Astolfo - Allenatore
  • Italia Samantha Dolci - Allenatore in seconda
  • Italia Raffaele Nuzzo - Preparatore dei portieri
  • Italia Adriano Guidetti – Medico sociale
  • Italia Giulia Marini – Medico sociale
  • Italia Monia Accogli - Fisioterapista

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comunicato ufficiale n. 8 del 20 febbraio 1978, conservato presso l'Archivio Storico del Comitato Regionale Lombardia F.I.G.C. L.N.D. a Milano in Via Pitteri 95/1.
  2. ^ Sassuolo Calcio Femminile: inizia l'avventura!, su sassuolocalcio.it, 30 settembre 2016. URL consultato il 30 settembre 2016.
  3. ^ CU 28 - Risultati, decisioni del GS, variazioni al programma gare (PDF), su calciofemminile.lnd.it, 3 novembre 2016.
  4. ^ Nella stagione 1980 per motivi logistici non avendo potuto organizzare il proprio Comitato Regionale Emiliano a causa delle dimissioni del Commissario Regionale Mario Cugini e la mancata nomina del Commissario per le Marche e la Toscana, le squadre dell'Emilia-Romagna Marche e nord Toscana furono inserite nei quadri del Comitato Regionale Lombardo della F.I.G.C.F. avente sede a Monza, che gesti un girone lombardo e uno misto per le altre regioni (campionato vinto dalla Pol. Oltrarno Firenze).
  5. ^ Spareggi fra le prime cinque in campionato: Reggiana che accede direttamente in finale. Perde contro il Milan Salvarani il 20 giugno a Savignano sul Rubicone: 1-1 d.t.s. e 1-4 dopo i calci di rigore
  6. ^ Elimina al primo turno l'ANSPI S.M. Castelvecchio (2-0 in casa e 4-1 fuori), ma è eliminata dalla Coopservice Guastalla in semifinale (2-2 in casa e 1-1 fuori)
  7. ^ Eliminata in semifinale dal Bologna (0-1 in casa e 2-2 fuori).
  8. ^ Elimina ai quarti di finale la Virtus Torre Pedrera (4-0 in casa e 6-0 fuori), l'Al Veliero in semifinale (2-0 in casa e 2-1 fuori) e battendo in finale il Bologna (3-2 in casa e 1-1 fuori) è ammessa ai play-off interregionali per la promozione in Serie B, ma perde in finale.
  9. ^ Il 19 maggio 2002 battendo a Vignola la Packcenter Imolese 2-1.
  10. ^ Sassuolo calcio: femminile, Serie B, rosa e staff, su sassuolocalcio.it. URL consultato il 30 settembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ezio Fanticini, Enrico Lusetti, Annuario del calcio reggiano, Modena, Edizioni ADK Srl, 1990, pp. 216-220.
  • Luca Barboni e Gabriele Cecchi, Annuario del calcio femminile dal 1998/99 al 2002/03, Mariposa Editrice - Fornacette (PI), scheda societaria per ogni stagione sportiva.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]