Granata (colore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rosso granata
Coordinate del colore
HEX #B30033
RGB1 (r; g; b) (179; 0; 51)
CMYK2 (c; m; y; k) (30; 100; 80; 0)
HSV (h; s; v) (343°; 100%; 70,2%)
Riferimento
Fantetti & Petracchi[1][2][3]
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)
Rosso granata scuro
Coordinate del colore
HEX #7A001F
RGB1 (r; g; b) (122; 0; 31)
CMYK2 (c; m; y; k) (20; 100; 80; 40)
HSV (h; s; v) (345°; 100%; 47,8%)
Riferimento
Fantetti & Petracchi[1][2][3]
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

Il granata (o rosso granata[1]) è un colore che, all'aspetto, pare un rosso scuro, assai vicino al bordeaux e all'amaranto. È così chiamato perché gli arilli della melagrana o granata (il cui nome significa mela piena di grani) sono di quel colore.

È adottato nel calcio da molte squadre, fra cui il Torino, il Trapani, l'Arezzo, il Pontedera, l'Empedoclina, il Noto, l'Acireale, il Vada Calcio, il San Giorgio 1926, l'Ercolanese, la Salernitana, la Reggiana Calcio, l'A.S. Cittadella[4], lo Sheffield FC (la prima squadra calcistica della storia moderna del calcio), il Metz FC, il Bellinzona AC, gli scozzesi dell'Hearts FC, gli svizzeri del Servette e, alternato al blu, il Barcellona.

Il Bitetto, la Puteolana 1902, l'Union Clodia Sottomarina e il San Felice Aversa Normanna adottarono questo colore in segno di rispetto dopo la tragedia di Superga che colpì il Grande Torino, così come fece allora anche una celebre squadra argentina, il River Plate, la portoghese Benfica, che lo adottò come colore della seconda maglia (degradata poi verso il rosso), e pure il peruviano Atlético Torino di Talara.

Questo colore è inoltre utilizzato come livrea per gli autobus urbani di Tper Bologna e dalla squadra di pallavolo 4 Torri Ferrara.

Assieme al color oro, il granata è il colore ufficiale delle squadre di basket della Reyer Venezia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Simona Fantetti e Claudia Petracchi, Il dizionario dei colori. Nomi e valori di quadricromia, Bologna, Zanichelli, ottobre 2001, ISBN 88-08-07995-3.
  2. ^ a b Color Converter, su w3schools.com. URL consultato il 16 maggio 2018.
  3. ^ a b RGB to HSV color conversion, su rapidtables.com. URL consultato il 16 maggio 2018.
  4. ^ A.S. Cittadella 1973 Sito ufficiale Associazione Sportiva Cittadella, su A.S. Cittadella 1973. URL consultato il 23 gennaio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]