Marrone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Marrone (disambigua).
Marrone
Coordinate del colore
HEX #470A00
sRGB1 (r; g; b) (71; 10; 0)
CMYK2 (c; m; y; k) (30; 90; 100; 60)
HSV (h; s; v) (8°; 100%; 28%)
Riferimento
Fantetti & Petracchi[1][2]
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)
Marrone scuro
Coordinate del colore
HEX #3D1F1F
sRGB1 (r; g; b) (61; 31; 31)
CMYK2 (c; m; y; k) (40; 70; 70; 60)
HSV (h; s; v) (0°; 41%; 24%)
Riferimento
Fantetti & Petracchi[1][2]
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)
Marrone rossiccio (maroon)
Coordinate del colore
HEX #800000
sRGB1 (r; g; b) (128; 0; 0)
CMYK2 (c; m; y; k) (0; 100; 100; 49)
HSV (h; s; v) (0°; 100%; 50%)
Riferimento
W3C[3][2][4]
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

Il colore marrone è una variante di uno dei colori dello spettro che l'uomo riesce a vedere (arancione). Nell'arcobaleno il marrone è assente perché non è possibile regolare l'intensità della luce solare responsabile dell'arcobaleno stesso. Il marrone è composto dalla miscela dei tre colori primari (giallo, rosso, blu) in quantità variabili a seconda della tonalità che si vuole dare al colore. Si può ottenere una tonalità più scura, soprattutto per le tempere, con un po’ di nero. Questo metodo funziona comunque con un certo tipo di acquerelli (quelli più densi, ma mettendo meno acqua in quelli normali fa lo stesso effetto) e con qualsiasi tipo di colore a tempera.

La composizione spettrale di un arancione e di un marrone può benissimo essere la stessa, ed entrambi questi colori possono avere sia uno spettro monocromatico, sia con più di una componente. In entrambi i casi, se diminuiamo la sola intensità della o delle componenti (non variando quindi né la saturazione, né la tinta), l'arancione diventa marrone.

Il nome deriva dal nome delle castagne, che hanno appunto questo colore; l'aggettivo è declinabile al plurale anche se è accettata la forma invariabile.[5] In inglese il termine maroon equivale all'italiano marrone rossiccio.[6]

Tonalità di marrone[modifica | modifica wikitesto]

Mais (colore web)
(esadecimale: #FFF8DC)
(RGB: 255, 248, 220)

Beige (colore web)
(esadecimale: #F5F5DC)
(RGB: 245, 245, 220)

Bianco antico (colore web)
(esadecimale: #FAEBD7)
(RGB: 250, 235, 215)

Mandorla pallido (colore web)
(esadecimale: #FFEBCD)
(RGB: 255, 235, 205)

Bisque (colore web)
(esadecimale: #FFE4C4)
(RGB: 255, 228, 196)

Frumento (colore web)
(esadecimale: #F5DEB3)
(RGB: 245, 222, 179)

Bianco navajo (colore web)
(esadecimale: #FFDEAD)
(RGB: 255, 222, 173)

Cachi chiaro
(esadecimale: #F0E68C)
(RGB: 240, 230, 140)

Camoscio
(esadecimale: #F0DC82)
(RGB: 240, 220, 130)

Zinnwaldite
(esadecimale: #EBC2AF)
(RGB: 235, 194, 175)

Burlywood (colore web)
(esadecimale: #DEB887)
(RGB: 222, 184, 135)

Écru
(esadecimale: #CDB891)
(RGB: 205, 184, 145)

Cachi (HTML/CSS)
(esadecimale: #C3B091)
(RGB: 195, 176, 145)

Tan (colore web)
(esadecimale: #D2B48C)
(RGB: 210, 180, 140)

Salsola (Crayola)
(esadecimale: #DEA681)
(RGB: 222, 166, 129)

Pale taupe
(esadecimale: #BC987E)
(RGB: 188, 152, 126)

Cachi scuro
(esadecimale: #BDB76B)
(RGB: 189, 183, 107)

Daino
(esadecimale: #C19A6B)
(RGB: 193, 154, 107)

Marrone rosato (colore web)
(esadecimale: #BC8F8F)
(RGB: 188, 143, 143)

Terracotta
(esadecimale: #E2725B)
(RGB: 226, 114, 91)

Agrodolce (Crayola)
(esadecimale: #FE6F5E)
(RGB: 254, 111, 94)

Marrone sabbia (colore web)
(esadecimale: #F4A460)
(RGB: 244, 164, 96)

Solidago (colore web)
(esadecimale: #DAA520)
(RGB: 218, 165, 32)

Ocra
(esadecimale: #CC7722)
(RGB: 204, 119, 34)

Ottone antico (Crayola)
(esadecimale: #C88A65)
(RGB: 200, 138, 101)

Bronzo
(esadecimale: #CD7F32)
(RGB: 205, 127, 50)

Rame
(esadecimale: #B87333)
(RGB: 184, 115, 51)

Solidago scuro (colore web)
(esadecimale: #B8860B)
(RGB: 184, 134, 11)

Talpa sabbia
(esadecimale: #967117)
(RGB: 150, 113, 23)

Ombra (Crayola)
(esadecimale: #837050)
(RGB: 131, 112, 80)

Castoro (Crayola)
(esadecimale: #926F5B)
(RGB: 146, 111, 91)

Marrone pallido
(esadecimale: #987654)
(RGB: 152, 118, 54)

Perù (colore web)
(esadecimale: #CD5700)
(RGB: 205, 133, 63)

Cioccolato (colore web)
(esadecimale: #D2691E)
(RGB: 210, 105, 30)

Tenné
(esadecimale: #CD5700)
(RGB: 205, 87, 0)

Arancio bruno
(esadecimale: #CC5500)
(RGB: 204, 85, 0)

Ruggine
(esadecimale: #B7410E)
(RGB: 183, 65, 14)

Mogano
(esadecimale: #C04000)
(RGB: 192, 64, 0)

Terracotta scuro
(esadecimale: #CC4E3C)
(RGB: 204, 78, 92)

Castagno (colore web)
(esadecimale: #CD5C5C)
(RGB: 205, 92, 92)

Fuzzy Wuzzy Brown (Crayola)
(esadecimale: #C45655)
(RGB: 196, 86, 55)

Deep Chestnut
(esadecimale: #B94E48)
(RGB: 185, 78, 72)

Castagno scuro
(esadecimale: #986960)
(RGB: 152, 105, 96)

Marrone medio (Crayola Brown)
(esadecimale: #AF593E)
(RGB: 175, 89, 67)

Terra di Siena (colore web)
(esadecimale: #A05220)
(RGB: 160, 82, 45)

Marrone
(esadecimale: #470A00)
(RGB: 71, 10, 0)

Saddle Brown (colore web)
(esadecimale: #8B4513)
(RGB: 139, 69, 13)

Russet
(esadecimale: #804618)
(RGB: 128, 70, 27)

Ombra bruciata (esadecimale: #8A3324)
(RGB: 138, 51, 36)

Rosso Marrone (colore web Brown)
(esadecimale: #A52A2A)
(RGB: 165, 42, 42)

Borgogna
(esadecimale: #900020)
(RGB: 144, 0, 32)

Bordeaux o Bordò
(esadecimale: #800000)
(RGB: 128, 0, 0)

Auburn
(esadecimale: #712F26)
(RGB: 113, 47, 38)

Raw Umber
(esadecimale: #734A12)
(RGB: 115, 74, 18)

Pullman Brown
(esadecimale: #644117)
(RGB: 100, 65, 23)

Marrone scuro
(esadecimale: #3D1F1F)
(RGB: 61, 31, 31)

Seppia
(esadecimale: #734212)
(RGB: 112, 66, 20)

Bole
(esadecimale: #79443B)
(RGB: 121, 68, 59)

Talpa medio
(esadecimale: #674C47)
(RGB: 103, 76, 21)

Talpa
(esadecimale: #483C32)
(RGB: 72, 60, 50)

Fegato
(esadecimale: #534B4F)
(RGB: 83, 75, 79)

Bistre
(esadecimale: #3D2B1F)
(RGB: 61, 43, 31)

Seal Brown
(esadecimale: #321414)
(RGB: 50, 20, 20)

Simbolismo[modifica | modifica wikitesto]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel cristianesimo il marrone è indossato dai monaci come simbolo di rinuncia al mondo e ai beni materiali.
  • A Sodoma e Gomorra è associato al fumo e al diavolo.

Altre simbologie[modifica | modifica wikitesto]

  • In Etiopia è il colore del lutto.
  • In Cina simboleggia il passato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Simona Fantetti e Claudia Petracchi, Il dizionario dei colori. Nomi e valori di quadricromia, Bologna, Zanichelli, ottobre 2001, ISBN 88-08-07995-3.
  2. ^ a b c Color conversion, su rapidtables.com. URL consultato il 15 maggio 2018.
  3. ^ HTML Color Names, su w3schools.com. URL consultato il 15 maggio 2018.
  4. ^ RGB to CMYK color conversion, su rapidtables.com. URL consultato il 15 maggio 2018.
  5. ^ Marrone e arancione: invariabili?, su accademiadellacrusca.it. URL consultato il 16 maggio 2018.
  6. ^ Mario Hazon, Grande dizionario Hazon Garzanti, 30ª ed., Milano, Garzanti, 1986 [1961], SBN IT\ICCU\CFI\0493399.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]