Associazione Calcio Femminile Gorgonzola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Associazione Calcio Femminile Gorgonzola
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Red HEX-EE3123 Blue HEX-0096D6.svg Azzurro, rosso
Dati societari
Città Gorgonzola
Nazione Italia Italia
Confederazione
Federazione Flag of Italy.svg FIGCF
Fondazione 1969
Scioglimento1984
Stadio Stadio Comunale
(500 posti)
Palmarès
Coppa Italia
Trofei nazionali 1 Coppe Italia
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Calcio Femminile Gorgonzola è stata una società calcistica femminile, attiva a Gorgonzola tra la fine degli anni sessanta e la metà degli anni ottanta. Vanta nel suo palmarès la vittoria nella Coppa Italia 1980, e il secondo posto nel campionato di Serie A 1980.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu fondata da due piccoli imprenditori locali gorgonzolesi, Livio e Rino Bolis.

Questa piccola squadra dell'hinterland milanese ebbe nella figura di Livio Bolis un grande entusiasta del calcio femminile, tanto da portare nel giro di 3 anni la squadra dai tornei locali alla ribalta della Serie A.

La squadra della stagione 1981
A.C.F. Gorgonzola nella stagione 1982.

Arrivato in Serie A, Bolis portò a Gorgonzola molte calciatrici appartenute alle migliori squadre di Serie A dell'epoca, il Gamma 3 di Padova e il Milan.

Calciatrici del calibro di Wilma Seghetti, Novellina Babetto, Marisa Perin, Elisabetta Vignotto, Patrizia ed Assunta Giovanna Gualdi, Edna Neillis, Anne McCallum, June Hunter e Conchi Sánchez Freire furono pagate come professioniste da Livio Bolis per giocare a Gorgonzola.

Bolis è riuscito a rimanere 8 anni in Serie A grazie agli sponsor che abbinò al nome dell'A.C.F. Gorgonzola:

  • Norda (acque minerali) dal 1975 al 1977;
  • Italinox (pentole in acciaio inossidabile) dal 1978 al 1979;
  • Ghepard Transport (trasporti su strada) nel 1983 (in Serie C).

Il Gorgonzola non ebbe mai problemi con l'amministrazione comunale per la disponibilità del campo sportivo comunale fino al 1982 finché a Gorgonzola le società calcistiche erano solo due: la Erminio Giana e il Gorgonzola femminile. Ma quando all'inizio della stagione sportiva 1982-1983 la S.S. Ippocampo di Terza Categoria chiese di poter giocare sul campo sportivo comunale[1] le squadre che utilizzavano l'impianto diventarono 3 ma a gestire lo stadio, secondo la nuova convenzione, era la Giana e, quale concessionario unico, poteva decidere unilateramente le tariffe e i tempi di fruizione del campo sportivo.

Il Gorgonzola, che aveva un campionato differente dalle società FIGC, malgrado fosse ai vertici del calcio femminile italiano si trovava penalizzato nel dover chiedere ogni volta la disponibilità del terreno comunale in cui aveva la residenza.

Fu così che il commendator Livio Bolis, nell'approfittare della crisi societaria del Piacenza, società che non si sarebbe iscritta al campionato di Serie A 1983, inoltrò alla F.I.G.C.F. la richiesta di rinuncia al campionato di Serie A e Serie B per causa di forza maggiore (la mancanza del campo ad uso delle due altre squade cittadine)[2] e di iscriversi in Serie C utilizzando un campo secondario cittadino non omologato per la Serie A e Serie B femminile, mentre lui con le "sue" calciatrici della prima squadra andò a rimpiazzare il Piacenza in Serie A diventandone il Presidente, sobbarcandosi le spese di trasferta da Gorgonzola a Piacenza.

Vinto il campionato di Serie C regionale 1983, la stagione successiva il Gorgonzola ritornò in Serie B ed ottenuta la seconda promozione consecutiva sarebbe ritornata in Serie A, ma a quel punto il Presidente Livio Bolis decise di chiudere definitivamente col calcio femminile non iscrivendo il team gorgonzolese a nessun campionato.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Associazione Calcio Femminile Gorgonzola
  • 1969  · Nasce l'A.C.F. Gorgonzola di Gorgonzola.
  • 1969-72  · Attività calcistica in ambito locale.
  • 1970  · Si affilia alla F.F.I.G.C.
  • 1972  · Si iscrive al campionato di Serie B regionale.
  • 1972  · ? nel girone B della Serie B lombarda. Promossa in Serie A Interregionale.
  • 1973  · ? nel girone B della Serie A Interregionale.
  • 1974  · 4º nel girone B della Serie A Interregionale. Ammesso in Serie A al posto del MobilGradisca Pordenone rinunciatario. Cambia denominazione in A.C.F. Norda Gorgonzola.
  • 1975  · 10º in Serie A.
  • 1976  · 5º in Serie A. Cambia denominazione in A.C.F. Italinox Gorgonzola.
  • 1977  · 10º in Serie A.
  • 1978  · 4º in Serie A.
  • 1979  · 4º in Serie A. Cambia denominazione in A.C.F. Gorgonzola.
  • 1980  · 2º in Serie A, avendo perso 0-2 il 4 ottobre allo Stadio dei Pini di Viareggio lo spareggio-scudetto con la Lazio.
Vince la Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia.
  • 1981  · 3º in Serie A.
  • 1982  · 2º in Serie A. Rinuncia ad iscriversi in Serie A ed ottiene l'iscrizione in Serie C regionale. Cambia denominazione in A.C.F. Ghepard Transport Gorgonzola.
  • 1983  · 1º in Serie C lombarda, promosso in Serie B. Cambia denominazione in A.C.F. Gorgonzola.
  • 1984  · 2º in Serie A. Perde lo spareggio per il titolo di Serie B 1984. Promosso in Serie A. Il Presidente Livio Bolis scioglie la società rinunciando ad ogni campionato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dagli atti ufficiali conservati dal Comune di Gorgonzola - "Proposta di convenzione per la gestione dello Stadio Comunale".
  2. ^ Comunicato ufficiale n. 2 del 21 gennaio 1983, comunicati conservati dalla S.S. Fiammamonza.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Comunicati ufficiali della F.I.G.C.F. conservati dal Comitato Regionale Lombardia della F.I.G.C. - Lega Nazionale Dilettanti a Milano.
  • Lino Coppola, Rassegna del calcio femminile, Salerno, Arti Grafiche Boccia S.r.l., 1972, p. 15.
  • Salvatore Lo Presti, Almanacco del calcio mondiale da edizione '88-'89 ad oggi, Torino, S.E.T., pp. 263 e 264, tutti i campionati di Serie A disputati dal Gorgonzola.
  • Luca Barboni e Gabriele Cecchi, Annuario del calcio femminile, vari editori, 5 edizioni dal 1998/99 al 2002/03.