Verona Calcio Femminile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Verona Calcio Femminile
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali
Dati societari
Città Verona
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie A
Fondazione 1986
Scioglimento 2000
Stadio Comunale di Oppeano
( posti)
Palmarès
Scudetto.svg
Scudetti 1
Dati aggiornati all'8 agosto 2016
Si invita a seguire il modello di voce

Il Verona Calcio Femminile è stata un'associazione sportiva di calcio femminile con sede a Verona che nella stagione 1999-2000 ha disputato il suo ultimo campionato in Serie A, massimo livello nella struttura del campionato italiano di calcio femminile dell'epoca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu fondata nel luglio 1986 a Verona nel quartiere di Borgo Venezia con denominazione Unione Sportiva Virtus Borgo Venezia[1] perché a Verona la vecchia società, che in passato aveva disputato il campionato di A 1985-1986 della disciolta F.I.G.C.F. (l'Associazione Calcio Femminile Verona avente sponsor "Ritt Jeans"), non si era iscritta al nuovo campionato di Serie A F.I.G.C. L.N.D. avendo accettato sia lo sponsor che le più importanti calciatrici gialloblù (Clara Florimo, Ida Golin, Adele Marsiletti, Marisa Perin e Laura Tavella) di trasferirsi a Modena.

La nuova compagine, subito promossa a fine stagione, ritornò nelle categorie nazionali grazie al nuovo sponsor portato dal Presidente Pierino Centomo,[2] sponsorizzazione e presidenza che per il club, allenato da Antonio Vittoriano Preto per 5 stagioni consecutive, significò una graduale crescita ma soprattutto il ritorno di una squadra veronese in Serie A, cosa che non succedeva dalla stagione 1985-1986.

Proprio per la sua solidità societaria il Centomo Verona, retrocesso in Serie B nei campionati 1989-1990 e 1990-1991, fu riammesso a completamento degli organici di Serie A rimasti incompleti per le improvvise defezioni di Modena e Fiamma Bari.

Nel 1992 Pierino Centomo lasciò la presidenza e tolse anche la sponsorizzazione, che nel 1987 aveva voluto il proprio nome inserito nella denominazione ufficiale delle gialloblù, abbandonò il Verona che cambiò definitivamente la propria denominazione: Verona Calcio Femminile.

Il nuovo presidente Alessandro Zarantonello nel 1994 acquistò due importanti calciatrici d'esperienza, Antonietta Formisano (classe 1974 ex Turris e Monteforte Irpino) e la nazionale Anna Maria Mega nella doppia veste di allenatore-giocatore, ponendo le basi per il successo colto nella stagione successiva.

Con l'arrivo del nuovo sponsor "Günther"[3] arrivano a Verona Raffaella Salmaso (1968, terzino ex Milan Salvarani e Pordenone Friulvini), Elisabetta Bavagnoli (1963, centrocampista e Nazionale Italiana con 5 scudetti nel suo palmarès), Florinda Ciardi (1970, centrocampista ex Lazio, Reggiana e Lugo e presenze al campionato Europeo 1991), Adele Marsiletti (1964, ala sinistra e Nazionale Italiana ex Alaska Trani 80, Reggiana Zambelli e Lugo) ed infine la punta di diamante della Nazionale Italiana e plurititolata capocannoniera del campionato italiano Carolina Morace.

Il grande sforzo finanziario per sostenere il conseguimento dello scudetto 1995-1996 incise pesantemente sul bilancio del sodalizio veronese che, appagato dal successo ottenuto, vide completamente cambiata la dirigenza della stagione successiva.

Ritornato Antonio Vittoriano Preto sulla panchina gialloblù con suo figlio Simone alla presidenza, il club, perse tutte le calciatrici nazionali andate a inseguire un altro titolo italiano in altre squadre, si ritrovò sì con tante valide calciatrici fortificate da una così esaltante esperienza ma che nulla poterono fare per evitare una successiva e rovinosa retrocessione in Serie B.

Ritornato in Serie A dopo un anno di purgatorio in Serie B, non per aver vinto il campionato ma ancora una volta grazie ad un ripescaggio della FIGC, il club gialloblù trovò un importante sponsor, la Calzedonia,[4] che la sostenne per una sola stagione. Ma fu solo un ritorno di fiamma. Il club, persa la disponibilità del campo "A. Olivieri" di via Sogare, fu costretto a spostarsi ad Oppeano.

Ancora una volta ultimo in classifica nel campionato 1999-2000 cedette il proprio titolo sportivo (la Serie B) all'A.C.F. Hellas Oppeano chiudendo dopo 15 anni la propria storia sportiva.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Verona Calcio Femminile
  • 1986  · Nasce a Borgo Venezia la U.S. Virtus Borgo Venezia. La nuova compagine femminile si affilia alla F.I.G.C. Comitato Regionale Veneto e si iscrive in Serie C Veneto.
  • 1986-87  · Nel girone unico della Serie C Veneto. A fine campionato è promossa in Serie B.[5] Cambia denominazione in A.C.F. Centomo Verona.
  • 1987-88  · 1º nel girone A della Serie B. promossa in Serie A.
  • 1988-89  · 12º in Serie A.
  • 1989-90  · 14º in Serie A, retrocesso in Serie B. In seguito è riammesso in Serie A in sostituzione del C.F. Modena Euromobil che non si iscrive al campionato.
  • 1990-91  · 14º in Serie A, retrocesso in Serie B. In seguito è riammesso in Serie A in sostituzione del Fiamma Bari (neopromosso) che non si iscrive al campionato.
  • 1991-92  · 10º in Serie A.
  • 1992-93  · 13º in Serie A. Cambia denominazione in Verona Calcio Femminile.
  • 1993-94  · 10º in Serie A.
  • 1994-95  · 10º in Serie A. Arriva lo sponsor Günther, ma non cambia denominazione.
  • 1995-96  · Scudetto.svg Campione d'Italia.
  • 1996-97  · 16º in Serie A, retrocesso in Serie B.
  • 1997-98  · 4º nel girone B della Serie B. È successivamente ammesso in Serie A.
  • 1998-99  · 10º in Serie A. Arriva lo sponsor Calzedonia, ma non cambia denominazione.
  • 1999-00  · 16º in Serie A, retrocesso in Serie B. Cede il proprio titolo sportivo (Serie B) all'A.C.F. Hellas Oppeano di Oppeano.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1995-1996

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ F.I.G.C., Comitato Regionale Veneto, numero di matricola 500190.
  2. ^ La "Centomo arredamenti d'interni" di Grezzana.
  3. ^ Azienda specializzata nella produzione di freni e frizioni per macchine agricole.
  4. ^ Azienda veronese nata nel 1986 e specializzata in calze, costumi da donna e lingerie intima.
  5. ^ Non avendo ancora interpellato il C.R. Veneto e non esistendo documentazione scritta consultabile relativa a questo campionato, non si è ancora certi se sia stata "promossa" oppure "ammessa" in Serie B.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guerin Sportivo, Guida ai campionati di calcio femminile 1989-1990, inserto allegato al n. 38 del 20 settembre 1989 p. 18.
  • Salvatore Lo Presti, Almanacco del calcio mondiale - dal volume 89-90 al 1999-2000, Torino, S.E.T., vari.
  • Luca Barboni e Gabriele Cecchi, Annuario del calcio femminile, vari editori, 5 edizioni dal 1998/99 al 2002/03.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]