Associazione Calcio Femminile Alaska Gelati Lecce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
A.C.F. Alaska Gelati Lecce
Calcio Football pictogram.svg
Alaskine
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px horizontal HEX-09872C White.svg Bianco, verde
Dati societari
Città Veglie
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Fondazione 1970
Scioglimento1984
Presidente Italia Ernesto Guarini
Stadio ?
( posti)
Palmarès
ScudettoScudettoScudetto Coppa ItaliaCoppa Italia
Scudetti 3
Trofei nazionali 2 Coppe Italia
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Calcio Femminile Alaska Gelati Lecce, meglio nota come Alaska Gelati Lecce, è stata una società di calcio femminile italiana con sede a Veglie, in provincia di Lecce. Ha vinto tre Scudetti e due Coppe Italia negli anni ottanta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Alaska Gelati Lecce venne fondata nel 1970 dall'imprenditore locale Ernesto Guarini, che diede vita ad uno dei primissimi esperimenti di calcio femminile in Puglia[1]. Nel 1972 gioca nel girone E del campionato di Serie A, accedendo agli spareggi per il girone finale, che si disputarono a Roma[2]. Nel 1974 la squadra disputa il suo primo campionato di serie A a girone unificato e si rinforza con gli acquisti di alcune calciatrici straniere: l'austriaca Monika Karner, e poi, negli anni successivi, la scozzese Rose Reilly, la danese Susy Augustesen. Nel 1981, allenata dal tecnico locale Piero Cacciatore, vince il suo primo scudetto e la sua prima Coppa Italia[3], con Rose Reilly miglior marcatrice del campionato. Nel 1982 l'Alaska Lecce conquista campionato e Coppa Italia[4]. Il terzo titolo nazionale arriva la stagione seguente. Nello stesso anno Susy Augustesen vince il titolo marcatrici.

La storia dell'Alaska Lecce finisce l'anno seguente per la fusione con il Trani 80 che già nel 1984, conquista lo scudetto. Fino al 2007, quando la Handball Casarano si è aggiudicata il campionato italiano di pallamano maschile, è stata l'unica formazione della provincia di Lecce a vincere un campionato nazionale maggiore a livello di sport di squadra.


Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'A.C.F. Alaska Gelati Lecce
  • 1970 - Fondazione dell'Associazione Calcio Femminile Alaska Veglie.
  • ...
  • 1972 - nel girone E della Serie A.
  • 1973 - nel girone E della Serie A Interregionale.
  • 1974 - 4º in Serie A.
  • ...
  • 1977 - 4º nel girone F di Interregionale. L'Interregionale diventa Serie B.
  • 1978 - nel Campionato Meridionale di Serie B.
  • 1979 - 1º nel girone D di Serie B. Promosso in Serie A.
Cambio di denominazione in Associazione Calcio Femminile Alaska Gelati Lecce.
? in Coppa Italia.
Vince la Coppa Italia. (1º titolo)
Vince la Coppa Italia. (2º titolo)
? in Coppa Italia.
  • 1984 - L'Alaska Gelati Lecce è confluita nel Marmi Trani 80, dando vita all'Alaska Trani 80.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'A.C.F. Alaska Gelati Lecce

Calciatrici[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatrici dell'A.C.F. Alaska Gelati Lecce

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1981, 1982, 1983
1981, 1982

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie A 6 1972 1983 6
Serie A Interregionale 1 1973 4
Interregionale 1 1977
Serie B 2 1978 1979

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si è spento Ernesto Guarini, primo sponsor del Lecce, su corrieresalentino.it, 8 agosto 2015. URL consultato il 30 giugno 2018.
  2. ^ "I'm a stunt (woman)": Lady Alaska, su urkaonline.it. URL consultato il 30 giugno 2018.
  3. ^ La Gazzetta del Mezzogiorno, 16 novembre 1981 pag. 16, su archiviostorico.virtualnewspaper.it (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2016).
  4. ^ La Gazzetta del Mezzogiorno, 7 novembre 1982 pag. 13, su archiviostorico.virtualnewspaper.it (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2016).