Takeo Kurita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Takeo Kurita

Takeo Kurita (栗田 健男 Kurita Takeo?) (Mito, 28 aprile 188919 dicembre 1977) è stato un ammiraglio giapponese. Nato nella prefettura di Ibaraki, il suo nome Takeo significa guerriero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Servì nella Marina Imperiale Giapponese durante la seconda guerra mondiale. Partecipò alla battaglia del mar di Giava (27 febbraio-1º marzo 1942) al comando del gruppo di copertura occidentale composto dalla 7ª divisione incrociatori, a cui appartenevano il Mogami, il Mikuma, il Kumano ed il Suzuya.

Nei primi giorni dell'aprile 1942 fu protagonista di una incursione navale nel golfo del Bengala, al comando di una squadra composta da 6 incrociatori pesanti e dalla portaerei leggera Ryūjō.

Tra il 3 ed il 5 giugno 1942 partecipò alla battaglia di Midway, nuovamente al comando della 7ª divisione incrociatori, facendo parte della 2ª flotta del viceammiraglio Nobutake Kondō.

Il 26 ottobre 1942 Kurita prese parte nelle acque di Guadalcanal alla battaglia di Santa Cruz, al comando della forza di appoggio composta dalle corazzate Kongō ed Haruna e da sei cacciatorpediniere di scorta. Con gli stessi due incrociatori da battaglia e con l'incrociatore pesante Tone partecipò alla battaglia di Guadalcanal (12-13 novembre 1942).

Il 3 novembre 1943 Kurita venne incaricato dall'ammiraglio Mineichi Koga di portare la sua squadra, composta da sette incrociatori pesanti e da un notevole numero di cacciatorpediniere, nel porto di Rabaul, dove ci si aspettava uno sbarco americano. Il 5 novembre le navi di Kurita furono assalite da bombardieri e da aerosiluranti decollati dalla portaerei Saratoga e Princeton. L'incursione ebbe effetti catastrofici per la squadra giapponese: gli incrociatori Atago, Maya, Takao, Mogami, Chikuma, Agano e Noshiro furono pesantemente danneggiati, oltre ad alcuni cacciatorpediniere.

Tra il 19 ed il 20 giugno 1944 Kurità combatté nella prima battaglia del mare delle Filippine, nota anche battaglia delle Marianne, al comando delle forze di avanguardia composte dalla prima e dalla terza divisione corazzate, per un totale di 5 unità, e dalla 4ª, 5ª e 7ª divisione incrociatori, per un totale di 11 unità.

Tra il 23 ed il 26 ottobre 1944 Kurita partecipò alla battaglia di Leyte alla testa della 2ª flotta, composta dalla 1ª e dalla 3ª divisione corazzate, dalla 3ª, 4ª e 7ª divisione incrociatori e da un notevole numero di cacciatorpediniere. La flotta di Kurita partì dalla base del Brunei con la corazzata Yamato e dovette sostenere le battaglie nel mar di Sibuyan e presso l'isola di Samar.

La battaglia di Leyte fu un totale disastro per la marina giapponese, che perse complessivamente 26 navi, molte delle quali appartenenti alla squadra di Kurita.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Evan Thomas, Sea of Thunder: Four Commanders and the Last Great Naval Campaign, 1941-1945. New York: Simon & Schuster, 2007. ISBN 0-7432-5221-7.)
  • Cutler, Thomas (2001). The Battle of Leyte Gulf: 23–26 October 1944. Annapolis, Maryland, U.S.: Naval Institute Press. ISBN 1-55750-243-9.
  • D'Albas, Andrieu (1965). Death of a Navy: Japanese Naval Action in World War II. Devin-Adair Pub. ISBN 0-8159-5302-X.
  • Dull, Paul S. (1978). A Battle History of the Imperial Japanese Navy, 1941–1945. Naval Institute Press. ISBN 0-87021-097-1.
  • Field, James A. (1947). The Japanese at Leyte Gulf: The Sho operation. Princeton University Press. OCLC 633628231.
  • Friedman, Kenneth (2001). Afternoon of the Rising Sun: The Battle of Leyte Gulf. Presidio Press. ISBN 0-89141-756-7.
  • Halsey, William Frederick (1983) The Battle for Leyte Gulf. U.S. Naval Institute, OCLC 10089405
  • Hornfischer, James D. (2004). The Last Stand of the Tin Can Sailors. Bantam. ISBN 0-553-80257-7.
  • Hoyt, Edwin P.; Thomas H Moorer (Introduction) (2003). The Men of the Gambier Bay: The Amazing True Story of the Battle of Leyte Gulf. The Lyons Press. ISBN 1-58574-643-6.
  • Lacroix, Eric; Linton Wells (1997). Japanese Cruisers of the Pacific War. Naval Institute Press. ISBN 0-87021-311-3.
  • Morison, Samuel Eliot (2001) Leyte: June 1944-January 1945 (History of United States Naval Operations in World War II, Volume 12. Castle Books; Reprint ISBN 0-7858-1313-6
  • Potter, E. B. (2005). Admiral Arleigh Burke. Naval Institute Press. ISBN 1-59114-692-5.
  • Potter, E. B. (2003). Bull Halsey. Naval Institute Press. ISBN 1-59114-691-7.
  • David Sears. The Last Epic Naval Battle: Voices from Leyte Gulf. Praeger Publishers (2005) ISBN 0-275-98520-2
  • Thomas, Evan (2006). Sea of Thunder: Four Commanders and the Last Great Naval Campaign 1941–1945. Simon & Schuster. ISBN 0-7432-5221-7.
  • Willmott, H. P. (2005). The Battle Of Leyte Gulf: The Last Fleet Action. Indiana University Press. ISBN 0-253-34528-6.
  • Woodward, C. Vann (1989) The Battle for Leyte Gulf (Naval Series) Battery Press ISBN 0-89839-134-2
  • B.P.Boschesi - Il chi è della Seconda Guerra Mondiale - Mondadori Editore, 1975, Vol. I, pp. 316

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 73299942