David Beatty

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Beatty
L'ammiraglio David Beatty
L'ammiraglio David Beatty
17 gennaio 1871 - 11 marzo 1936
Nato a Nantwich
Morto a Londra
Luogo di sepoltura Cattedrale di St Paul
Dati militari
Paese servito Regno Unito Regno Unito
Forza armata Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Anni di servizio 1884-1927
Grado Admiral of the Fleet, (Grande ammiraglio)
Guerre Guerra Mahdista

Ribellione dei Boxer
Prima guerra mondiale

Comandante di Squadrone incrociatori da battaglia (1913-1916)
Grand Fleet (1916-1918)
Primo Lord del Mare (1919-1927)
Decorazioni Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno
Ordine al Merito
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano
Distinguished Service Order

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

David Beatty, I conte Beatty (Nantwich, 17 gennaio 1871Londra, 11 marzo 1936), è stato un ammiraglio britannico. Dopo una brillante carriera cominciata in giovane età, comandò gli incrociatori da battaglia britannici nella battaglia dello Jutland, la più grande battaglia navale della prima guerra mondiale, conclusasi con una vittoria tattica tedesca ma con una vittoria strategica della Royal Navy. Dopo lo scontro venne accusato di essere stato troppo temerario nel comando, in contrasto con la prudenza del suo superiore, Ammiraglio Jellicoe. Successivamente prese il posto di Jellicoe come Comandante in Capo della Grand Fleet, riuscendo ad ottenere la resa della Hochseeflotte tedesca nel 1918. Negli anni venti servì per un lungo periodo come Primo Lord del Mare, ovvero come capo della Royal Navy.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La famiglia e i primi anni[modifica | modifica sorgente]

Beatty nacque a Howbeck Lodge nella parrocchia di Stapeley, nel Cheshire, il 17 gennaio 1871.[1] Egli era il secondo di cinque figli del capitano David Longfield Beatty e di Katherine (o Katrine) Edith Sadleir, entrambi irlandesi: David Longfield fu per qualche tempo ufficiale nel Queen's Royal Hussars dove aveva conosciuto Katrine, già moglie di un altro ufficiale.[2]

Katrine aveva capelli biondi ed occhi azzurri, soffici labbra e soprattutto un'aria di comando. Il padre di Beatty era alto 1.93 m, capelli scuri con grandi mani e piedi. Sia David che suo fratello maggiore Charles erano al contrario piuttosto bassi (1.65 m) con mani e piedi piccoli. Charles era biondo ed aveva preso i lineamenti di sua madre, mentre David assomigliava molto più a suo padre. Dopo che la storia d'amore di David Longfield e Katrine divenne nota al pubblico, il padre di David Longfield, David Vandeleur Beatty (1815–1881), dispose che il figlio fosse assegnato in India nella speranza che la relazione scandalosa avesse così fine. David Longfield diede le dimissioni dal suo reggimento i 21 novembre 1865, col rango onorario di capitano. Prese residenza con Katrine nel Cheshire e nel 1869 vendette la propria commissione come ufficiale.[3] David Longfield non fu in grado di sposare Katrine sino a quando ella non ottenne il divorzio dal marito, ovvero il 21 febbraio 1871, dopo la nascita di due figli. Il certificato di battesimo di Beatty riporta il cognome della madre come Beatty, ma il matrimonio dei suoi genitori si era tenuto in gran segreto nella St Michael's Church di Liverpool.[4]

La prima educazione di Beatty si concentrò sull'equitazione, sulla caccia e sull'imparare le buone maniere. Beatty ebbe una stretta relazione con suo fratello maggiore Charles, che divenne suo alleato contro l'oppressione di suo padre. I due rimasero amici per tutta la vita. Beatty scrisse una volta alla moglie a proposito di Charles dopo la morte di questi: abbiamo vissuto insieme, abbiamo giocato insieme, cavalcato insieme, combattuto insieme.[5] I suoi fratelli successivamente entreranno tutti nel British Army, ma il giovane David iniziò un proprio interesse nel mondo marittimo ed espresse il desiderio di entrare nella Royal Navy. Nel 1881 il nonno di Beatty morì e David Longfield ottenne in eredità la villa settecentesca di 'Borodale', appena fuori Enniscorthy, nella Contea di Wexford. Dopo essersi ritirato dall'esercito, David Longfield cercò di guadagnare allevando ed allenando cavalli dapprima nel Cheshire e poi a 'The Mount', presso rugby. Dopo la morte di sua moglie, David Longfield tornò in Irlanda abbandonando ogni lavoro e vivendo delle rendite della moglie.[6]

Nel 1882 il giovane Beatty entrò nella Burney's Naval Academy a Gosport ed iniziò da li la sua carriera in marina.[7]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Compagno del Distinguished Service Order - nastrino per uniforme ordinaria Compagno del Distinguished Service Order
— 1896
Membro dell'Ordine Reale Vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine Reale Vittoriano
— 1905
Compagno dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Compagno dell'Ordine del Bagno
— 1911
Cavaliere Commendatore dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Commendatore dell'Ordine del Bagno
— 19 giugno 1914
Cavaliere Commendatore dell'Ordine Reale Vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Commendatore dell'Ordine Reale Vittoriano
— 1915
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno
— gennaio 1917
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano
— 25 giugno 1917
Membro dell'Ordine al Merito del Regno Unito - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine al Merito del Regno Unito
— 3 giugno 1919
Croce della Libertà per il comando militare di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce della Libertà per il comando militare di I Classe

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Roskill, p. 20
  2. ^ Heathcote, p. 23
  3. ^ Beatty (1980), p.4-5
  4. ^ Beatty (1980), p.1-3
  5. ^ Beatty (1980), p. 20 citando la lettera alla moglie di Beatty
  6. ^ Beatty (1980), p.31
  7. ^ Beatty (1980), p.11

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 39418778 LCCN: n80089641