Mezuzah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Mezuzah.

Mezuzah, in ebraico מזוזה, stipite (della porta), plurale מזוזות (mezuzot) è un oggetto rituale ebraico, consistente in un contenitore che racchiude una pergamena (claf) su cui sono stilati i passi della Torah corrispondenti alle prime due parti dello Shema, preghiera fondamentale della religione ebraica.

Precetto[modifica | modifica wikitesto]

I passi contengono sia l'asserzione dell'unicità di Dio (Ascolta, Israele: il Signore Dio nostro, il Signore è uno) che gli obblighi:

  • al rispetto delle mitzvot
  • all'insegnamento dei precetti, in particolare ai propri figli
  • all'apposizione della mezuzah

La mezuzah viene posta sullo stipite della porta, a destra rispetto a chi entra, e a circa due terzi dell'altezza della porta stessa, e comunque a portata della mano. Non va posta sulle porte di solo transito né sulle porte di stanze in cui non si risieda (cucina, bagno, ripostiglio, cantina; talvolta si mette anche all'entrata della cucina e, se abitati o vi sia l'uso di passarvi lunghi momenti, anche dalle entrate di giardini e terrazzi). Il claf, come si è detto, è in pergamena e va scritto con penne non metalliche, in caratteri ebraici ornati. Va controllato periodicamente, e corretto o sostituito se scolorito o danneggiato.

I brani della Mezuzah attestano anche la provvidenza di Dio, Creatore del Mondo che viene continuamente da Lui "governato" e "gestito" "rinnovandone ogni giorno" la Creazione.

È usanza che chi entra in casa tocchi la mezuzah con le dita e baci le dita stesse, in segno di rispetto per la Torah di cui contiene passi.

La mitzva (la regola) della mezuzah ha portato evidentemente a usanze laiche. Ad esempio, il nuovo inquilino di una casa darà una festa non tanto quando entra, quanto il giorno (successivo, o meglio precedente all'ingresso) in cui appone le mezuzot alle porte. Un bel regalo per una casa nuova è una mezuzah, magari d'argento o di qualche artista famoso.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Origine[modifica | modifica wikitesto]

La Mezuzah ricorda il segno di sangue del Korban, segno posto sullo stipite delle casa dei figli d'Israel in Egitto al momento delle manifestazioni miracolose delle dieci piaghe: questo segno, comandato da Dio a Mosè, fu necessario per distinguere queste case da quelle egizie poi colpite da Dio e dagli angeli soprattutto con la decima piaga, la morte dei primogeniti, infatti i loro abitanti furono protetti.

Benedizione[modifica | modifica wikitesto]

.בָּרוּךְ אַתָּה י*י אֱ*לֹהֵינוּ מֶלֶךְ הָעוֹלָם, אֲשֶׁר קִדְּשַׁנוּ בְּמִצְוֹתָיו וְצִוָנוּ לִקְבּוֹעַ מְזוּזָה

Traslitterazione: Baruch Atah A-donai E-loheinu Melekh haOlam, asher kidshanu bemitzvotav vetzivanu likboa mezuzah.

Traduzione italiana: Sii Tu Benedetto Signore nostro Dio Re del Mondo che ci hai santificato con i tuoi precetti e ci hai comandato di affiggere la mezuzah.

Halakhah[modifica | modifica wikitesto]

  • Usualmente le pergamene delle Mezuzot devono essere controllate ogni 7 anni, possibilmente per Rosh haShana, per verificarne la validità.
  • È vietato porre cose sporche sugli ingressi in cui vi sono Mezuzot per onore della Mitzvah.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ebraismo