Ishmael ben Jose

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Ishmael ben Jose (in ebraico: רבי ישמעאל ברבי יוסי?, da leggersi come Rabbi Ishmael beRabbi [figlio di Rabbi] Yossi) (Israele, 180?) era un saggio ebreo Tanna, vissuto agli inizi del III secolo, figlio di Jose ben Halafta.

Ishmael officiò come funzionario dei romani insieme a Elazar ben Simon e fu determinante nel reprimere le orde di filibustieri ebrei che infestavano il territorio durante la guerra tra Settimio Severo e Pescennio Nigro (193). Questa sua attività fu molto risentita dagli ebrei, che non gli perdonarono mai di aver consegnato dei suoi compatrioti alle autorità romane perché fossero giustiziati.[1] Nella letteratura halakhica è noto per le sue citazioni dei detti di suo padre e che trasmise a Giuda I, col quale leggeva il Libro delle Lamentazioni e i Salmi.[2] Era un profondo conoscitore delle Sacre Scritture e riusciva a scrivere a memoria tutta la Bibbia.[3]

Interazioni sociali[modifica | modifica wikitesto]

Ishmael b. Jose non era in buoni rapporti coi Samaritani. In un'occasione, passando per Flavia Neapolis in pellegrinaggio verso Gerusalemme, i Samaritani sarcasticamente lo invitarono a pregare sul Monte Garizim [invece che su] quelle rovine di Gerusalemme: Ishmael apostrofò rispondendo che l'oggetto della loro venerazione erano gli idoli colà nascosti da Giacobbe[4]

Come giudice Ishmael fu rinomato per la sua assoluta integrità[5]. Il suo comportamento modesto fu ampiamente lodato dal suo maestro. Rabbi Giuda disse che il passo biblico sui tesori di Tiro che "andranno a quelli che dimorano davanti all'Eterno" (Isaia 23:18), si riferiva a Ishmael b. Jose e a quegli altri che, come lui, si consideravano di poco conto ma che un giorno avrebbere goduto di maggior gloria[6] La seguente storia fornisce un esempio della sua prontezza di spirito: costretto a dire qualcosa di piacevole su una donna veramente brutta, invano cercava di trovar modo di complimentarla finché non venne a sapere che si chiamava "Liḥluḥit" ("la sporca"). "Ah!" esclamò, "c'è qualcosa di bello in lei — il suo nome, che le si adatta straordinariamente bene."

La sua interpretazione haggadica del למנצח מזמור (questo anche riguardo ad un Salmo di Re David: 3) può essere usata come esempio del suo metodo esegetico: Ishamael spiega il salmo dicendo che significa "un salmo a Colui che causa all'uomo di conquistare se stesso". "Canta un salmo a Colui che sente gran gioia ad esser conquistato. Vieni a vedere! La via di Dio non è la via dell'uomo. Uno che è sconfitto si deprime ma Dio gioisce nell'esser conquistato, come si legge nel Salmo 106:23, dove la gioia del Signore è espressa per il fatto che Mosè, Suo prescelto, era stato vittorioso nella sua mediazione a favore di Israele"[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bava Metzia 84a.
  2. ^ Lam. Rab. ii. 420; Midr. Teh iii. 1.
  3. ^ Yer. Meg. 74d.
  4. ^ Gen. R. lxxxi.; vedi Gen xxxv. 4. San. 38b indica che Ishmael abbia avuto altercazioni anche con i cristiani.
  5. ^ Mak. 24a
  6. ^ Eccl. R. i. 7.
  7. ^ Pes. 119a; vedi Rashi ad loc..

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]