Ishmael ben Elisha ha-Kohen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il Tanna della Terza Generazione, vedi "Rabbi Ishmael (ben Elisha)"; se stai cercando il Tanna del III secolo, vedi "Ishmael ben Jose"
Tomba di Ishmael ben Elisha Ha-Kohen

Ishmael ben Elisha ha-Kohen (in ebraico: רבי ישמעאל בן אלישע כהן גדול?, "Rabbi Ishmael ben Elisha Kohen Gadol", lett. "Rabbi Ishmael ben (figlio di) Elisha [il] Kohen Gadol (Sommo Sacerdote)"; a volte in breve Ishmael ha-Kohen, lett. "Ishmael il Sacerdote") (... – Israele, ...) era un saggio ebreo Tanna, uno dei rinomati capi della prima generazione tannaitica.

Suo padre era stato Sommo Sacerdote (ebraico:Kohen Gadol) del Secondo Tempio di Gerusalemme. Ishmael ha-Kohen fu uno dei Dieci Martiri Ebraici[1] e fu ucciso dai romani insieme a Shimon ben Gamliel. La tomba di Ishmael ben Elisha ha-Kohen si trova nel villaggio druso di Sajur in Galilea.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I Dieci Martiri (Aseret Harugei Malchut עשרת הרוגי מלכות) sono un gruppo di dieci rabbini che vivevano al tempo della Mishnah e che furono martirizzati dai romani nel periodo dopo l'assedio di Gerusalemme (70) e la distruzione del Secondo Tempio.
  2. ^ Ma'aseh Avos, David Haddad

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]