Jeshbab lo Scriba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.


Jeshbab lo Scriba (o Yeshbab lo Scriba, in ebraico: ישבב הסופר[?], Yishvav ha-Sofer) (Israele, II secolo) era un saggio ebreo, rabbino Tanna della 3ª generazione (80 - 110 e.v.), discepolo di Joshua ben Hananiah e collega di Rabbi Akiva.

Jeshbab era un uomo benevolo e generoso, e aveva dato tutta la sua proprietà ai bisognosi, un'azione che non riuscì molto gradita ai suoi colleghi. Infatti, una volta aveva cercato di dar via un quinto dei suoi beni ai poveri, ma Rabbi Akiva ben Joseph non glielo aveva permesso.[1]

Jeshbab viene annoverato tra i "Dieci Martiri".[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

Questa voce incorpora informazioni estratte da una pubblicazione ora nel dominio pubblico: Jewish Encyclopedia (1901–1906).

  1. ^ Talmud babilonese, Trattato Kethuboth, 50a.
  2. ^ I Dieci Martiri (ebraico: Aseret Harugei Malchut עשרת הרוגי מלכות) sono un gruppo di dieci rabbini che vissero durante l'era della Mishnah e furono martirizzati dai romani nel periodo dopo la distruzione del Secondo Tempio di Gerusalemme.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]