Tannaim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ere rabbiniche

1-Zugot 2-Tannaim 3-Amoraim 4-Savoraim 5-Gaonim 6-Rishonim 7-Acharonim

Acharonim Rishonim Geonim Savoraim Amoraim Tannaim Zugot

I Tannaim, in ebraico: תנאים? (sing. תנא, Tanna "ripetitori", "insegnanti"[1]) furono quei saggi rabbini le cui opinioni vennero raccolte nella Mishnah, nel periodo 10-220 e.v. circa. L'era dei Tannaim, conosciuta anche come "periodo mishnaico", durò circa 210 anni. Venne dopo il periodo degli Zugot ("coppie, paia") e fu subito seguito dal periodo degli Amoraim ("interpreti")[2]

La radice tanna in ebraico: תנא? è l'equivalente aramaico della radice ebraica shanah in ebraico: שנה?, che è anche la radice nella parola Mishnah. Il verbo shanah in ebraico: שנה? significa letteralmente "ripetere [ciò che è insegnato]" e viene usato per significare "imparare".

Il periodo mishnaico viene comunemente suddiviso in cinque periodi secondo le generazioni. Si conoscono circa 120 Tannaim che vissero in diverse zone della Terra di Israele. Il centro spirituale dell'ebraismo in quel periodo era Gerusalemme ma, dopo la distruzione del Secondo tempio, il rabbino Jochanan Ben Zakkai e i suoi studenti fondarono un nuovo centro religioso a Yavne. Altri centri furono stabiliti a Lod e a Bnei Brak. Alcuni Tannaim lavoravano come manovali (per es., come carbonari o calzolai) oltre a mantenere posizioni di insegnanti e giuristi. Furono anche leader del popolo e intermediari/negoziatori con l'Impero Romano.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

I Tannaim operarono sotto l'occupazione dell'Impero Romano. Durante questo periodo, i Kohanim (sacerdoti) del Tempio divennero sempre più corrotti e venivano considerati dal popolo ebraico come collaboratori dei romani, il malgoverno dei quali nella provincia della Giudea (composta di Samaria, Idumea e Giudea[3]) portò a sommosse, rivolte e risentimento generale.

Fino ai giorni di Hillel e di Shammai (l'ultima generazione dei Zugot), ci furono pochi disaccordi tra gli studiosi rabbinici. Dopo tale periodo però, la "Casa di Hillel" e la "Casa di Shammai" vennero a rappresentare due prospettive distinte di Legge ebraica, e i disaccordi tra le due scuole di pensiero si ritrovano in tutta la Mishnah.

I Tannaim, quali insegnanti della Legge Orale, erano i trasmettitori diretti della tradizione orale passata da insegnante a studente, scritta e codificata come base della Mishnah, della Tosefta e degli insegnamenti tannaitici del Talmud. Secondo la tradizione, i Tannaim furono l'ultima generazione di una lunga fila di insegnanti orali che iniziò con Mosè.

Eminenti Tannaim[modifica | modifica wikitesto]

Titoli[modifica | modifica wikitesto]

Il Nasi (plur. Nesi'im) era il membro di rango più elevato e presiedeva sul Sinedrio. Rabban era più elevato di Rabbi e venne dato al Nasi iniziando da Rabban Gamaliel Hazaken (Gamaliel il Vecchio). Il titolo Rabban era limitato ai discendenti di Hillel, con la sola eccezione di Rabban Jochanan Ben Zakkai, il leader di Gerusalemme durante l'assedio, che protesse il futuro del popolo ebraico dopo la Grande rivolta intervenendo presso Vespasiano. A Rabbi Eleazar ben Azariah, che anche fu un Nasi, non fu dato il titolo di Rabban, forse perché tenne la posizione di Nasi solo per poco tempo, dato che fu restituita ai discendenti di Hillel. Prima di Rabban Gamliel Hazaken, nessun titolo veniva posto dinnanzi al nome, secondo l'adagio del Talmud "Gadol miRabban shmo" ("Più grande del titolo di Rabban è il nome proprio della persona"). Per tale ragione Hillel non ha titolo prima del nome: il nome stesso diventa il suo titolo, proprio come Mosè e Abramo non hanno titolo davanti al nome (un'aggiunta viene a volte posta dopo il nome per denotare importanza o per differenziare tra due persone con lo stesso nome. Esempi includono Avraham Avinu - Abramo nostro padre - e Moshe Rabbeinu - Mosè nostro insegnante). Iniziando con Rabbi Judah haNasi (Judah il Nasi), spesso citato semplicemente come "Rabbi", neanche al Nasi vien ndato il titolo di Rabban ma invece a Judah haNasi è dato il titolo altisonante di Rabbeinu HaKadosh ("Il nostro santo rabbi [insegnante]").

Nesi'im[modifica | modifica wikitesto]

I seguenti furono Nesi'im, cioè presidenti del Sinedrio:

Generazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo mishnahico viene comunemente diviso in cinque periodi, secondo le generazioni dei Tannaim.

Le generazioni dei Tannaim inclusero:

  1. Prima Generazione: generazione di Rabban Yochanan ben Zakai (circa 40 a.e.v.-80 e.v.).
  2. Seconda Generazione: generazione di Rabban Gamaliele di Yavneh, Rabbi Eliezer e Rabbi Yehoshua, gli insegnanti di Rabbi Akiva.
  3. Terza Generazione: generazione di Rabbi Akiva e dei suoi colleghi.
  4. Quarta Generazione: generazione di Rabbi Meir, Rabbi Yehuda e loro colleghi.
  5. Quinta Generazione: generazione di Rabbi Judah haNasi.
  6. Sesta Generazione: generazione ad interim tra la Mishnah e il Talmud: i rabbini Shimon ben Judah HaNasi e Yehoshua ben Levi, ecc.

Prima della distruzione del Tempio[modifica | modifica wikitesto]

Generazione della distruzione del Tempio[modifica | modifica wikitesto]

Tra la distruzione del Tempio e la rivolta di Bar Kokhba[modifica | modifica wikitesto]

Generazione della rivolta di Bar Kokhba[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la rivolta[modifica | modifica wikitesto]

Compilatori della Mishnah[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sol Scharfstein Torah and Commentary: The Five Books of Moses: Translation 2008 p.523 - "I rabbini educati a Yavneh furono il collegamento essenziale nella grande catena di insegnanti della Torah. Yohanan e coloro che lo seguirono furono chiamati tannaim, col significato di "ripetitori" o "insegnanti".
  2. ^ Sol Scharfstein, Dorcas Gelabert Understanding Jewish History: From the patriarchs to the expulsion 1996, p.116 "... sia in Palestina che in Babilonia furono chiamati amoraim, col significato di "portavoce" o "interpreti"."
  3. ^ H.H. Ben-Sasson, A History of the Jewish People, Harvard University Press, 1976, ISBN 0-674-39731-2, p. 246: "Quando Archelao fu deposto dall'etnarchia nel 6 e.v., la Giudea, Samaria e Idumea furono convertite in provincia romana col nome complessivo di Giudea."

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ebraismo