Eleazar Chisma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Eleazar Chisma (Ḥisma; in ebraico: אלעזר חסמא ?, "Eleazar Chasma", o אלעזר בן חסמא, "Eleazar ben Chasma") (Israele, I secoloII secolo) era un saggio ebreo, rabbino Tanna della 2ª/3ª generazione (80 – 110 e.v.),[1] Discepolo di Joshua ben Hananiah e Gamaliel II.[2].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Le fonti sono inconsistenti nel loro uso della parola "ben" in relazione al cognome "Ḥisma" o "Ḥasma";[3] il suo inserimento comunque sembra giustificabile. "Ḥisma" non è un cognome aggetivale,[4], ma un locativo, il luogo probabilmente identico a Hizmeh;[5] quindi "ben Ḥisma" significherebbe "figlio di [= "nativo di"] Ḥisma".[6]

Numerosi halakot sono conservati col nome di Eleazar nella Mishnah,[7] e in controversi dibattiti con Eleazar ben Azariah e Akiba,[8] e con Eliezer ben Jacob I;[9] a lui si attribuisce la regola economica che al dipendente non spetta una porzione di prodotto superiore all'ammonto del suo salario.[10]

Esegesi[modifica | modifica wikitesto]

Vengono attribuite a Chisma anche alcune haggadot.[11] Insieme a Rabbi Joshua, fornisce una ragione allegorica per l'attacco di Amalek contro Israel[12] proprio nel momento in cui si verificò. Citando Giobbe 8:11 "Cresce forse il papiro fuori della palude e si sviluppa forse il giunco senz'acqua?", Chisma afferma "Così quindi è impossibile per Israele di prosperare senza la Legge, e dal momento che avevano trascurato la Legge (17:1-7), è stato ordinato ad un nemico di far guerra contro di loro."[13] Nuovamente, Chisma cita Isaia 43:22 "Invece tu non mi hai invocato, o Giacobbe" e applica il verso a coloro che non sono devoti nelle loro preghiere, ma mentre recitano la "Shema" comunicano coi loro vicini a gesti.[14]

Conoscenza scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Non solo Chizma possedeva un'ampia formazione rabbinica, ma era anche un adepto delle scienze. Joshua, introducendolo insieme a Yochanan ben Nuri all'attenzione del patriarca Gamaliel II, osservò che entrambi avrebbero potuto calcolare approssimativamente il numero di gocce contenute nell'oceano.[15] Siccome erano molto poveri, Gamaliel li nominò a funzioni remunerative in accademia.[16] Probabilmente fu quando gli altri accademici cercavano suoi consigli istruttivi sulle scienze laiche, che Eleazar affermò: "Le leggi riguardanti i nidi degli uccelli e quelle relative all'incipiente impurità della donna sono elementi della Legge, mentre l'astronomia e la geometria sono solo condimenti di saggezza."[17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rabbi Eliezar Hisma | רבי אליאזר בן חיסמא, Saggi del Talmud.
  2. ^ Ḥag. 3a; Hor. 10a.
  3. ^ Geiger, "Schriften," iv. 343, e Strack, "Einleitung in den Thalmud," 2ª ed., p. 81.
  4. ^ Eleazar I.
  5. ^ Luncz, "Jerusalem," vi. 67; J. A. Selbie, Azmaveth in James Hastings (a cura di), A Dictionary of the Bible, I, 1898, p. 208. URL consultato il 04/05/2012.
  6. ^ R. H. 17a; Meg. 19a; Ḳid. ii. 3.
  7. ^ Ter. iii. 5; B. M. vii. 5.
  8. ^ Neg. vii. 2; Sifra, Tazria', i. 2.
  9. ^ Pes. 32a; Yalḳ., Lev. 638.
  10. ^ B. M. vii. 5, 92a; Sifre, Deut. 266.
  11. ^ Mek., Beshallaḥ Wayassa', 4; ib., Amalek, 1; Yoma 19b.
  12. ^ Ex. xvii. 8 et seq.
  13. ^ Yalḳ. su Ex. l.c., § 262; anonimo su Yalḳ. in Giobbe l.c., § 904.
  14. ^ Yalḳ. su Isaia l.c., § 318.
  15. ^ Hor. 10a.
  16. ^ Sifre, Deut. 14; Yalḳ., Deut. 902; Hor. l.c.
  17. ^ Ab. iii. 18; Ab. R. N. xxvii. 2.

Riferimenti citati dalla Jewish Encyclopedia (1906):

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Questa voce incorpora informazioni estratte da una pubblicazione ora nel dominio pubblico: Jewish Encyclopedia (1901–1906):