Kippah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Una kippah

La kippah o kippa/kipa (ebraico: כפה, plurale kippot; yiddish: יאַרמלקע, yarmulke, plurale yarmulkes) è il copricapo usato correntemente dagli Ebrei osservanti maschi obbligatoriamente nei luoghi di culto, anche se i più religiosi la indossano durante la vita quotidiana; è uso degli ebrei osservanti coprire comunque il capo in segno di rispetto verso Dio, e a tale scopo un qualsiasi copricapo è adatto.

Tra gli ebrei riformati e conservatori anche le donne si coprono la testa, ma non indossano una kippah come i maschi.

Origini e Legge ebraica[modifica | modifica wikitesto]

Esiste un ampio dibattito tra le autorità halakhiche se indossare una kippah sia richiesto dalla legge ebraica[1] Tale legge ebraica impone che un uomo si deve coprire il capo durante la preghiera.[2] In origine, per gli uomini ebrei ortodossi, indossare un copricapo fuori della sinagoga era solo un'usanza.

Versioni di kippah.

Attualmente, secondo alcune autorità halakhiche ha assunto "la forza di legge" perché è un atto di Qiddush haShem (precetto di santificazione del Nome).[3] L'autorità David Segal HaLevi del XVII secolo, affermava che il motivo era per distinguere gli ebrei dai non-ebrei, soprattutto mentre si pregava.

Il Talmud afferma: "Copriti la testa in modo che il timore del cielo sia su di te".[4] Rabbi Hunah Rabbi Joshua non camminava mai oltre i 2 metri a capo scoperto, spiegando: "Poiché la Presenza Divina è sempre sopra la mia testa".[5] Secondo lo Shulchan Arukh, si consiglia fortemente agli uomini ebrei di coprirsi il capo, e quindi di non camminare mai a capo scoperto oltre i 2 metri.[6] Coprirsi la testa, indossando ad esempio una kippah, è descritto come "onorare Dio".[7] La Mishnah Berurah modifica questa sentenza, aggiungendo che gli Acharonim avevano stabilito come obbligo l'indossare un copricapo, anche quando si cammina meno di due metri,[8] e anche quando si sta fermi in piedi, dentro o fuori.[9] In molte comunità, anche i giovani ragazzi sono incoraggiati ad indossare una kippah fin dalla giovane età, al fine di inculcare l'abitudine.[10]

Il Talmud implica anche che gli uomini non sposati non indossavano la kippah:

« Rabbi Hisda elogiò Rabbi Hamnuna davanti a Rabbi Huna come grande uomo. Gli disse: "Quando ti viene a trovare, portalo da me." Quando arrivò, vide che non portava alcun copricapo. "Perché non hai un copricapo?" gli chiese. "Perché io non sono sposato" fu la risposta. Allora, egli [Rabbi Huna] voltò via la faccia e disse: 'Fai in modo di non apparire davanti a me nuovamente prima di esserti sposato." »
(Kiddushin 29b)

Il Tanakh (Bibbia ebraica) indica che coprirsi la testa fosse un segno di lutto:

« Davide saliva l'erta degli Ulivi; saliva piangendo e camminava con il capo coperto e a piedi scalzi; tutta la gente che era con lui aveva il capo coperto e, salendo, piangeva. »   (2Samuele 15:30 [1])
« [Giuda è in lutto]... I ricchi mandano i loro servi in cerca d'acqua; essi si recano ai pozzi, ma non ve la trovano e tornano con i recipienti vuoti. Sono delusi e confusi e si coprono il capo. Per il terreno screpolato, perché non cade pioggia nel paese, gli agricoltori sono delusi e confusi e si coprono il capo. »   (Geremia 14:3-4 [2])
« Poi Mardocheo tornò alla porta del re, ma Amàn andò subito a casa, tutto aggrondato e con il capo velato. »   (Ester 6:12 [3])

L'argomentazione della kippah ha due versioni. Il Gaon di Vilna dice che uno può recitare una berakhah (benedizione) senza kippah, poiché portare la kippah è solo un midos chassidus ("attributo esemplare"). Recentemente c'è stata una forte tendenza a sopprimere le fonti antiche che accettavano questa mitigazione della tradizione, tra cui l'omissione di responsa che non sostenevano l'uso della kippah in libri recenti.[11]

Usi moderni[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'halakhista conservatore Rabbi Isaac Klein (19051979), nella sua Guida alla pratica religiosa ebraica,[12] l'ebreo conservatore devoto deve corpirsi il capo quando si trova in sinagoga, durante la preghiera o lo studio sacro, quando svolge atti rituali e quando mangia.[13] A metà del XIX secolo, gli ebrei riformati guidati da Isaac Mayer Wise (1819-1900) rifiutarono completamente le kippot dopo una disputa in cui la kippah di Rabbi Rabbi Wise gli fu violentemente sbattuta via dalla testa.[14]

Il Presidente Ronald Reagan chiede spiegazioni sulla kippah mentre riceve una menorah da Rabbi Abraham Shemtov e delegazione Chabad, Casa Bianca 1984.

Nel 1984, il rabbino Chabad Abraham Shemtov condusse una delegazione di rabbini in visita alla Casa Bianca quale parte degli "Amici Americani di Lubavitch" e donò al Presidente una menorah.[15] Il gruppo ha raccontato di essere rimasto sorpreso quando, sul momento di accomiatarsi, il Presidente li ha invece invitati a rimanere un po' di più, in modo che potesse raccontare loro la storia di un rabbino che serviva come cappellano nella Marina americana. Ha condiviso con loro la storia di Rabbi Arnold Resnicoff, la cui kippah (zucchetto) dovette esser gettata via dopo il bombardamento della caserma di Beirut nel 1983, perché era coperta di sangue dopo essere stata utilizzata per pulire i volti dei Marines feriti, e così un cappellano cattolico strappò un pezzo della sua uniforme mimetica e la diede al rabbino come un sostituto temporaneo della kippah. Il Presidente chiese quindi al gruppo di spiegargli la tradizione ebraica di coprirsi la testa, e Shemtov rispose: "Signor Presidente, la kippa per noi è un segno di riverenza". Un collega del gruppo, Rabbi Feller, continuò: "Abbiamo posto la kippa sul punto più alto del nostro essere - sulla nostra testa, il vascello del nostro intelletto - per ricordare a noi stessi e al mondo che esiste Qualcosa che è al di sopra dell'intelletto umano - la Sapienza Infinita di Dio."[16]

Tipi e variazioni[modifica | modifica wikitesto]

Giovani ebrei etiopi che indossano le kippot.

Nell'Europa medievale il copricapo distintivo ebraico era il cappello ebreo (noto anche come Judenhut in tedesco o, in latino, pilleus cornutus, "cappello cornuto"), un cappello a cono, spesso bianco o giallo, inizialmente portato di volontà propria per distinguersi, ma in seguito reso obbligatorio in certe località da Stati cristiani per motivi discriminatori. Negli Stati Uniti del XIX secolo i rabbini spesso indossavano il berretto accademico o lo zucchetto cinese. Altri ebrei di questo periodo indossavano kippot neri a forma di scatola.

Spesso il colore e la stoffa della kippah può indicare aderenza ad uno specifico movimento religioso ebraico. Kippot ad uncinetto o di maglia intrecciata, soprattutto o quasi solamente con fantasie a righe colorate, chiamate kippot serugot, vengono portate da sionisti religiosi e ortodossi moderni,[17] che indossano anche kippot scamosciati o di pelle. Membri di gruppi Haredi di solito portano kippot di velluto o di stoffa. Comunque, più grande è la kippah e più tradizionalista è l'indossatore.[18] In contrasto, più piccola è la kippah, più moderna e liberale è la persona.[19]

Recentemente si osserva che alcune kippot vengono fatte coi colori di squadre sportive, specialmente di calcio (sport). Negli Stati Uniti esistono kippot per bambini che raffigurano temi e personaggi di cartoni animati, ma alcune scuole ebraiche le hanno bandite perché non sono conformi ai valori tradizionali ebraici.[20] I Samaritani una volta indossavano distintivi copricapi blue per separarsi dagli ebrei che indossavano copricapi bianchi, ma oggi indossano fez con turbanti simili a quelli degli ebrei sefarditi provenienti da Medio Oriente e Nord Africa.

Immagine Tipo Movimento
Kippa.jpg Fatto ad uncinetto con righe o fantasie Sionismo religioso, Ortodosso moderno,[21] Ebraismo conservativo,[22] Ebraismo riformato[22]
Kippa judentum.JPG Scamosciato[23] Ortodosso moderno,[21] Ebraismo conservatore,[22] Ebraismo riformato[22]
Black Kippah.jpg Velluto nero Studenti delle Yeshivah, Haredi[24]
Casamento judeu1.jpg Seta Ebraismo conservatore, Ebraismo riformato
Na-nach-nachma-yarmulke.jpg Maglia a uncinetto, bianco Molti a Gerusalemme indossano una kippah bianca alta, fatta ad uncinetto, a volte con un pom-pom intrecciato in cima.
Black Kippah.jpg Ebrei di Bukhara[25] Popolare per ragazzi,[18][25] e anche con gli ebrei riformati, femministi e liberali.[26]
Ebrei dello Yemen Tipicamente di velluto nero con un bordo ricamato lungo l'orlo, di 1–2 cm. con motivi geometrici, floreali o altro.

Copricapo nella cultura antica israelita[modifica | modifica wikitesto]

Gli Israeliti che appaiono sul bassorilievo in marmo di Sennacherib, indossano copricapi; sulla stele di Salmanassar, gli ambasciatori di Jehu hanno un copricapo e un abbigliamento israelita. Un passo di antica letteratura sembra particolarmente significativo: nei Libri dei Re I, 20:31 si citano gli חֲבָליִם (HE) havalim, che sono posti intorno al capo. Ciò fa ricordare le immagini di siriani su monumenti dell'Antico Egitto, che vengono rappresentati con un laccio intorno ai lunghi capelli, usanza ancora osservata in Arabia. Comune era anche lo zucchetto di stoffa, anch'esso d'uso nell'Antico Egitto per coloro che appartenevano alle classi più elevate e si rasavano la testa, per evitare i pidocchi. Servivano inoltre per evitare irritazioni quando indossavano parrucche.

Gli Israeliti sembra portassero anche copricapi simili a quelli dei Beduini, ma non si conosce di che tipo. Che fossero forse in stile fellah può essere dedotto dall'uso del nome (HE) צַנִיף tzanif (il verbo tzanaf significa "rotolare come una palla", Isaia 22:18) e dal verbo חַבָּש habash ("arrotolare", cfr. Ezechiele 16:10; Giona 2:6). Quanto alla forma di tali turbanti, non se ne conosce granché, e potrebbero essersi diversificati a seconda delle classi sociali. Ciò era d'uso per esempio con gli Assiri e i Babilonesi, la cui moda poteva aver influenzato quella degli Israeliti - specialmente durante la cattività babilonese.[27] Nello Yemen, la fascia intorno al copricapo era chiamata (HE) מַצַר matzar; quella indossata dalle donne si chiamava גַּרגוּש gargush.[28]

Proibizioni[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti, i militari di religione ebraica possono indossare la kippah, ma non all'interno di edifici o simili (solo la polizia militare può tenere copricapi all'interno di costruzioni).[29] Un'altra legge statunitense, permette a prigionieri nei carceri di indossare le yarmulke in base a considerazioni specifiche degli ebrei ortodossi.[30] Ma una clausola della stessa, approvata nel luglio 2009,[31] proibisce agli insegnanti di indossare abbigliamento religioso in classi scolastiche pubbliche.

Nel marzo 2004, il governo francese ha proibito di indossare kippot, hijab e vistose croci cristiane in scuole elementari o medie in Francia.[32]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wearing a Kippa in Daily Halacha, Rabbi Eli Mansour. URL consultato il 17 marzo 2012.
  2. ^ Mishneh Torah, Ahavah, Hilkhot Tefilah 5:5.
  3. ^ Shulchan Arukh, Orach Chayim 2:6.
  4. ^ Shabbat 156b.
  5. ^ Kiddushin 31a.
  6. ^ Shulchan Arukh, Orach Chaim, 2:6.
  7. ^ Shaar HaTzion, OC 2:6.
  8. ^ Ber Heitev, OC 2:6, nota 4, che cita Yoel Sirkis, David HaLevi Segal e Magen Avraham.
  9. ^ Mishnah Berurah 2:6, nota 9, 10.
  10. ^ Ber Heitev, OC 2:6, nota 5.
  11. ^ Yarmulke: A historic cover up? in Flatbush Journal of Jewish Law.
  12. ^ Isaac Klein, A Guide to Jewish Religious Practice, New York: Jewish Theological Seminary of America, 1979 (EN) .
  13. ^ Isaac Klein, A Guide to Jewish Religious Practice, New York: Jewish Theological Seminary of America, 1979, s.v. "Kippah".
  14. ^ Rabbi Harold Scharfman, The First Rabbi, Pangloss Press, 1988.
  15. ^ "President Reagan receives a menorah in the Oval Office," White House Archives.
  16. ^ "Rabbis Explain 'Top to Top'," Wellsprings, No. 12 (Vol 2, No. 7), agosto-settembre 1986," Lubavitch Youth Organization.
  17. ^ Boyarin, Jonathan. Thinking in Jewish, University of Chicago Press, 1996, p. 51. ISBN 0-226-06927-3.
  18. ^ a b "A Guide to Jewish head-coverings", Jewish Independent, 7 luglio 2006
  19. ^ "Jews' coverings reveal much about the wearer", The Salt Lake Tribune, 4 maggio 2007
  20. ^ Lifestyle; "The Yarmulke Is Now a Fashion Item", The New York Times, 23 settembre 1990
  21. ^ a b Living Jewish – Jewish Attire!, Mazor Guide. Consultato 19/12/2010.
  22. ^ a b c d Kippah - My Jewish Learning
  23. ^ Fatto con materiale di pelle che presenta superficie vellutata simile a quella della pelle di camoscio.
  24. ^ "Barring violence", The Jerusalem Post, Yigal Grayeff, 09/02/2006
  25. ^ a b "Hats Off To Fashion: Yarmulkes go beyond basic black", Traverse City Record-Eagle, Associated Press, 13/04/2008
  26. ^ "Kippah Couture", The Forward, Angela Himsel, 29/09/2006
  27. ^ "Head-dress", Jewish Encyclopedia
  28. ^ "Clothing of the Yemenite Jews", Chayas.com
  29. ^ "Accommodation of Religious Practices Within the Military Services", Department of Defense Instruction.
  30. ^ Cfr. la legge statunitense Religious Land Use and Institutionalized Persons Act del 2000 (RLUIPA), 114 Stat. 804, 42 U. S. C. §2000cc-1(a)(1)-(2), e casistica, per es. Cutter v. Wilkinson; anche Benning v. Georgia, 391 F3d 1299.
  31. ^ "Does religious clothing have a place in the classroom?", KATU.com, 17/07/2009
  32. ^ "French Senate backs headscarf ban", BBC News, 03/03/2004.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]