Licata Calcio 1931

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Licata Calcio 1931
Calcio Football pictogram.svg
Aquile
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Giallo e Blu.png Giallo-blu
Inno Forza Licata
Lorenzo Alario
Dati societari
Città Licata
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1931
Rifondazione 2010
Presidente G. Deni
Allenatore Tarcisio Catanese
Stadio Dino Liotta
(11.000 posti)
Sito web www.licata1931.com
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Licata Calcio 1931 è una società calcistica italiana con sede nella città di Licata (AG).

Fondata nel 1931 come Licata Associazione Calcio, nel 1967 è diventata Polisportiva Licata, denominazione mantenuta fino al 1994, per poi ritornare alla denominazione originale risalente all'anno di fondazione fino al 2006 quando assunse denominazione di Licata Calcio 1931.[1]

Visse il suo momento di massima popolarità alla fine degli anni ottanta, quando riuscì a disputare due campionati in Serie B.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Licata nacque per iniziativa di alcuni studenti che avevano conosciuto il gioco del calcio grazie a marinai svedesi che imbarcavano lo zolfo estratto dalle miniere dell'agrigentino: a loro fu dedicata la scelta dei colori sociali, il giallo e il blu caratteristici della bandiera della Svezia.

Dal 1946 (anno dell'esordio in un campionato ufficiale) i gialloblu parteciparono al campionato di Promozione Interregionale e successivamente furono diversi i campionati disputati, dove i licatesi sfiorarono la promozione in IV Serie. Dopo i campionati tra gli anni cinquanta e '60, vissuti nel massimo campionato regionale, il Licata tra gli anni sessanta e '70 si mosse tra le categorie minori della Regione Siciliana, raggiungendo la Serie D nel 1981 ove a partire da quell'anno iniziò per i siciliani un'inarrestabile ascesa che li portò prima a vincere dopo appena un anno il campionato di Serie D e nel 1985, a vincere anche la Serie C2, con in panchina un esordiente Zdeněk Zeman e con una squadra composta per intero da elementi del vivaio, proprio negli anni in cui il commercio di calciatori stranieri in Italia era decisamente aumentato.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Polisportiva Licata 1988-1989 e Polisportiva Licata 1989-1990.

Nel 1988 con Aldo Cerantola come allenatore, bissando il campionato di Serie C1, il Licata approdò per la prima volta in Serie B, attirando su di sé l'attenzione dei media. Durante la prima metà del campionato con Giuseppe Papadopulo come allenatore, la squadra navigò nei bassifondi della classifica (pur con un discreto inizio che la portò addirittura al secondo posto dopo 10 giornate, vincendo, tra l'altro, a Parma per ben 3-0). Poi, dopo l'esonero di Papadopulo, con il nuovo allenatore Francesco Scorsa ottenne il nono posto nel campionato di Serie B, ottenendo nel girone di ritorno gli stessi punti conquistati dal Genoa di Scoglio, vincitore assoluto del campionato. Nello stesso anno affrontò anche una trasferta sul campo neutro del Mario Rigamonti di Brescia per la Coppa Italia contro il Milan campione d'Italia.

L'anno dopo la bella "favola" del Licata (così era stata definita dai giornali) terminò con la retrocessione in Serie C1 al termine del campionato Serie B 1989-1990 dando il via a un declino che riportò il Licata nelle categorie inferiori prima nel 1992 con la retrocessione a tavolino in Serie C2 per illecito sportivo e nel 1993 ove un secondo illecito sportivo costò 6 punti di penalizzazione alla squadra e la squalifica per 3 anni di un calciatore, poi, nel 1994 i gialloblu piombarono in Eccellenza per la mancata iscrizione nel Campionato Nazionale Dilettanti.

Nella stagione 1994/95, con l'allenatore Loreno Cassia coadiuvato dal preparatore Enrico Bona, il Licata arrivò ai play-off, ma venne sconfitto dalla Sancataldese che a sua volta approdò nel Campionato Nazionale Dilettanti.

Dopo una retrocessione in Promozione, nella stagione 1997/98 i gialloblu vinsero il campionato e tornò in Eccellenza.

Nel 2005 il Licata sfiorò la Serie D, perdendo la doppia sfida nella finalissima contro la supercorazzata del Brindisi, dei vari Vantaggiato e Francioso.

Nel 2006 la squadra vinse il campionato di Eccellenza Sicilia 2005-2006, ottenendo il ritorno in Serie D. Tuttavia, nella stagione successiva, il Licata tornò in Eccellenza dopo aver perso i play-out contro l'Acicatena presentando inutilmente la domanda per il ripescaggio.

Nella stagione in Eccellenza Sicilia 2007-2008 il Licata terminò il campionato al settimo posto perdendo alla fine il diritto di partecipare ai play-off per un solo punto, inoltre, la società cambiò sia presidente con l'arrivo di Giuseppe Deni che l'allenatore che era Capodicasa.

Nel campionato di Eccellenza Sicilia 2008-2009 i gialloblu hanno disputato i play-off per la promozione in Serie D arrivando in finale contro la Rossanese, dopo essersi imposti prima per 2-0 in casa, le aquile perdono in trasferta con lo stesso risultato. La partita finirà 3-2 a favore dei calabri dopo i calci di rigore.

Nella stagione 2009-2010 la società si ritirò dalla competizione ove a fine campionato una cordata di imprenditori licatesi acquistarono il titolo del Campobello di Licata, riportando il calcio nella città. È da ricordare in questa stagione che la squadra quando venne acquistata aveva appena 4 punti alla 1ª giornata di ritorno, concludendo poi il campionato al Dino Liotta con la finalissima dei play-out contro lo Sporting Arenella Palermo, vincendola ai rigori per 5-3.

Nel campionato di Eccellenza Sicilia 2010-2011 il Licata ha conquistato la promozione in Serie D con due giornate di anticipo battendo la Parmonval per 3-0 (reti di Vella, Petrolà e Butticè) davanti a un pubblico di oltre 6.500 persone.

L'anno successivo cioè nella stagione Serie D 2011-2012, il Licata ha avuto come miglior cannoniere del girone I, il giovane Filippo Tiscione con 23 reti segnate.

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

Cronistoria del Licata Calcio 1931
  • 1931 - Fondazione del Licata Associazione Calcio.
  • 1931-45 - Attività a carattere episodico.
  • 1945-47 - Attività sospesa per cause belliche.
  • 1947-48 - 6° nel girone B Sicilia del campionato di Prima Divisione. Promosso nel campionato di Promozione Interregionale a completamento organici.
  • 1948-49 - 4° nel girone O della Lega Interreg. Sud del campionato di Promozione.
  • 1949-50 - Ritirato dal girone O della Lega Interreg. Sud del campionato di Promozione. Retrocesso nel campionato di Prima Divisione.

  • 1950-51 - 15° nel girone B del campionato di Prima Divisione Siciliana. Retrocesso nel campionato di Seconda Divisione.
  • 1951-52 - 5° nel campionato di Seconda Divisione Siciliana.
  • 1952-53 - 1° nel campionato di Seconda Divisione Siciliana. Promosso nel campionato di Prima Divisione.
  • 1953-54 - Partecipa al girone B del campionato di Prima Divisione Siciliana.
  • 1954-55 - 4° nel girone B del campionato di Prima Divisione Siciliana. Ammesso al nuovo campionato di Prima Categoria
  • 1955-56 - 1° nel girone A del campionato di Prima Categoria Siciliana. Promosso nel campionato di Promozione.
  • 1956-57 - 6º nel girone unico del campionato di Promozione Siciliana. Ammesso al nuovo Campionato Dilettanti.
  • 1957-58 - 2º nel girone unico Sicilia del Campionato Dilettanti.
  • 1958-59 - 9º nel girone unico Sicilia del Campionato Dilettanti. Ammesso al nuovo campionato di Prima Categoria.
  • 1959-60 - 2° nel girone A del campionato di Prima Categoria Siciliana.

  • 1960-61 - 10° nel girone A del campionato di Prima Categoria Siciliana.
  • 1961-62 - 11º nel girone A del campionato di Prima Categoria Siciliana.
  • 1962-63 - 11º nel girone A del campionato di Prima Categoria Siciliana.
  • 1963-64 - 13º nel girone A del campionato di Prima Categoria Siciliana.
  • 1964-65 - La società si ritira dal girone A del campionato di Prima Categoria Siciliana ripartendo dalla Seconda Categoria nella stagione successiva.
  • 1965-66 - 5° nel campionato di Seconda Categoria Siciliana.
  • 1966-67 - 1° nel campionato di Seconda Categoria Siciliana. Promosso nel campionato di Prima Categoria. Assume denominazione Polisportiva Licata.
  • 1967-68 - 12º nel girone A Sicilia del campionato di Prima Categoria.
  • 1968-69 - 4º nel girone A Sicilia del campionato di Prima Categoria.
  • 1969-70 - 7º nel girone B Sicilia del campionato di Prima Categoria. Ammesso al nuovo campionato di Promozione Regionale.

  • 1970-71 - 15º nel girone A del campionato di Promozione Siciliana. Retrocesso nel campionato di Prima Categoria.
  • 1971-72 - 4º nel girone D del campionato di Prima Categoria Siciliana.
  • 1972-73 - 3° nel girone D del campionato di Prima Categoria Siciliana.
  • 1973-74 - 4° nel girone D del campionato di Prima Categoria Siciliana.
  • 1974-75 - 2° nel girone D del campionato di Prima Categoria Siciliana.
  • 1975-76 - 3° nel girone D del campionato di Prima Categoria Siciliana.
  • 1976-77 - 6° nel girone D del campionato di Prima Categoria Siciliana.
  • 1977-78 - 1° nel girone D del campionato di Prima Categoria Siciliana. Promosso nel campionato di Promozione.
  • 1978-79 - 9º nel girone A del campionato di Promozione Siciliana.
  • 1979-80 - 4º nel girone A del campionato di Promozione Siciliana.

  • 1980-81 - 1º nel girone A del campionato di Promozione Siciliana. Promosso nel Campionato Interregionale.
  • 1981-82 - 1º nel girone M del Campionato Interregionale. Promosso in Serie C2.
  • 1982-83 - 4º nel girone D della Serie C2.
  • 1983-84 - 11º nel girone D della Serie C2.
  • 1984-85 - 1º nel girone D della Serie C2. Promosso in Serie C1.
  • 1985-86 - 11º nel girone B della Serie C1.
  • 1986-87 - 13º nel girone B della Serie C1.
  • 1987-88 - 1º nel girone B della Serie C1. Promosso in Serie B.
  • 1988-89 - 9º in Serie B.
  • 1989-90 - 18º in Serie B. Retrocesso in Serie C1.

  • 1990-91 - 7º nel girone B della Serie C1.
  • 1991-92 - 18º nel girone B della Serie C1. Retrocesso in Serie C2 poiché declassato dal quinto all'ultimo posto per illecito sportivo.
  • 1992-93 - 15º nel girone C della Serie C2.
  • 1993-94 - 18º nel girone C della Serie C2. Retrocesso nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1994 - Il sodalizio dopo la mancata iscrizione al Campionato Nazionale Dilettanti riprende dal campionato di Eccellenza.
  • 1994-95 - 3º nel girone A del campionato di Eccellenza Siciliana.
  • 1995-96 - 15º nel girone A del campionato di Eccellenza Siciliana. Retrocesso nel campionato di Promozione dopo spareggio salvezza perso contro il Salemi.
  • 1996-97 - 16º nel girone D del campionato di Promozione Siciliana. Retrocesso nel campionato di Prima Categoria. A fine campionato si fonde con il Santos Licata cambiando denominazione in Nuovo Licata.
  • 1997-98 - 1º nel girone D del campionato di Promozione Siciliana. Promosso nel campionato di Eccellenza. Cambia denominazione in Associazione Calcio Licata.
  • 1998-99 - 14º nel girone A del campionato di Eccellenza Siciliana. Retrocesso nel campionato di Promozione.
  • 1999-00 - 8º nel girone D del campionato di Promozione Siciliana.

  • 2000-01 - 3º nel girone D del campionato di Promozione Siciliana. Promosso nel campionato di Eccellenza dopo play-off vinti contro il Raffadali.
  • 2001-02 - 5º nel girone B del campionato di Eccellenza Siciliana. Eliminato ai play-off regionali in finale contro la Nissa.
  • 2002-03 - 8º nel girone A del campionato di Eccellenza Siciliana.
  • 2003-04 - 12º nel girone A del campionato di Eccellenza Siciliana. Salvo dopo play-out vinti contro il Mazara.
  • 2004-05 - 3º nel girone A del campionato di Eccellenza Siciliana. Eliminato ai play-off nazionali dal Brindisi.

  • 2005-06 - 1º nel girone B del campionato di Eccellenza Siciliana. Promosso in Serie D. Assume denominazione Licata Calcio 1931.
  • 2006-07 - 15º nel girone I della Serie D. Retrocesso nel campionato di Eccellenza dopo play-out persi contro l'Acicatena.
  • 2007-08 - 6º nel girone A del campionato di Eccellenza Siciliana.
  • 2008-09 - 2º nel girone A del campionato di Eccellenza Siciliana. Eliminato ai play-off nazionali dalla Rossanese.
  • 2009-10 - Escluso alla 5ª giornata del girone A del campionato di Eccellenza Siciliana dopo quattro rinunce.

  • 2010 - Il Licata Calcio 1931 per mezzo di una fusione riparte dal campionato di Eccellenza Siciliana rilevando il titolo sportivo del Campobello di Licata.
  • 2010-11 - 1º nel girone A del campionato di Eccellenza Siciliana. Promosso in Serie D.
  • 2011-12 - 8° nel girone I della Serie D.
  • 2012-13 - 10° nel girone I della Serie D.
  • 2013-14 - 17° nel girone I della Serie D. Retrocessa in Eccellenza Sicilia.

Allenatori e presidenti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori del Licata Calcio 1931.

Calciatori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori del Licata Calcio 1931.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

1987-1988
1983-1984
1981-1982

Statistiche e record[modifica | modifica sorgente]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica sorgente]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie B 2 1988-1989 1989-1990 2
Serie C1 5 1985-1986 1991-1992 5
Promozione 1 1948-1949 6
Serie C2 5 1982-1983 1993-1994
Campionato Interregionale 1 1981-1982 5
Serie D 4 2006-2007 2013-2014

Il Licata ha partecipato a 18 campionati delle leghe nazionali della FIGC. Ai termini delle NOIF in materia di tradizione sportiva cittadina, sono considerate professionistiche le 12 annate nei campionati di Serie B e di Serie C.

Tifoseria[modifica | modifica sorgente]

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica sorgente]

Le tifoserie storicamente gemellate con quella del Licata sono quelle di Nissa e Ragusa. Altri rapporti di amicizia legano la tifoseria gialloblu con i rosanero del Palermo e con i biancoazzurri del Ribera. La tifoseria storicamente rivale è quella dell'Akragas, società che ha sede ad Agrigento, con cui ci si scontra nel derby dell'omonima provincia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Sicilian Clubs in Serie B Rsssf.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]