Euroleague Basketball

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Euroleague Basketball
Logo della competizione
Sport Basketball pictogram.svg Pallacanestro
Tipo squadre di club
Federazione ULEB
Continente Europa
Motto I feel devotion
Titolo Campione d'Europa
Cadenza annuale
Apertura ottobre
Partecipanti 24 squadre
Formula Fase a gironi, Top 16, Quarti di finale, Final Four
Sito Internet Euroleague.net
Storia
Fondazione 1958
Detentore Maccabi Tel Aviv Maccabi Tel Aviv (6º titolo)
Maggiori titoli Real Madrid Real Madrid (8)
Ultima edizione Euroleague Basketball 2013-2014
Prossima edizione Euroleague Basketball 2014-2015
Trofeo eurolega.JPG
Trofeo o riconoscimento

L’Eurolega (ufficialmente Turkish Airlines Euroleague Basketball[1] per ragioni pubblicitarie) è la massima competizione europea per club di pallacanestro maschili. Ad essa prendono parte società provenienti da 18 differenti nazioni europee o facenti parte della FIBA Europe e il vincitore si fregia del titolo di campione d'Europa. L'attuale detentore del trofeo è il Maccabi Tel Aviv, mentre la società con il maggior numero di vittorie della competizione è il Real Madrid Baloncesto.

La manifestazione è curata dalla ULEB (Union of European Leagues of Basketball) che a sua volta fu fondata da un gruppo di 24 squadre provenienti per la maggior parte da Italia, Spagna e Grecia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La prima coppa dei campioni, si svolge nel 1958, e vi partecipano le squadre vincitrici del proprio campionato nazionale. Sono 22 le formazioni che prendono parte al torneo che vedrà vittoriosi i sovietici della ASK Riga, mentre il Real Madrid viene costretto ad abbandonare in semifinale in quanto il regime franchista non lo autorizza a recarsi in Unione Sovietica. Nella terza edizione partecipa una seconda squadra sovietica, la Dinamo Tblisi che arriverà in finale contro la ASK Riga che si riconfermerà campione per la terza volta. Nella quarta edizione per evitare l'annullamento di partite per cause politiche si decide di disputare in campo neutro i confronti problematici, così la semifinale tra Madrid e Riga si gioca a Parigi ed a Praga. Si impongono i sovietici che in finale si dovranno però arrendere ai connazionali del CSKA Mosca. Anche l'anno successivo vede il Real Madrid alle prese con i soliti problemi quando raggiunge la finale che lo contrapponeva alla Dinamo Tblisi, questa volta pagando una somma di 200000 dollari ai sovietici li convince a giocare la finale in gara unica a Parigi. La partita trermina 90 ad 83 ed il trofeo rimane in Unione Sovietica. Nella stagione 1962-63 è il CSKA Mosca a sfidare gli spagnoli in una finale che finalmente si svolge regolarmente, i 17 punti di margine subiti a Madrid vengono recuperati a Mosca, e si gioca una terza partita sempre a Mosca che vide vittoriosi i padroni di casa. Il CSKA non difende il titolo poiché si ritira per consentire ai suoi numerosi giocatori della nazionale di prepararsi per le olimpiadi. Ne approfitta il Real Madrid che conquista il primo titolo della sua storia, titolo che bissa battendo proprio il CSKA l'anno successivo. Nel 1965 si giocano a Bologna le prime Final Four che l'Olimpia Milano si aggiudica battendo in successione Mosca e Slavia Praga. Gli anni sessanta si chiudono con il Real Madrid protagonista di tre finali consecutive, si impongono su Milano e Brno mentre nella terza escono sconfitti dai vecchi rivali del CSKA.

Ottorino Flaborea, con la prima coppa vinta da Varese.

Gli anni settanta sono dominati dalla Pallacanestro Varese che gioca dieci finali consecutive vincendone cinque, tra i rivali i soliti Real e Cska che vincono rispettivamente due ed un titolo, il Maccabi Tel Aviv e il Bosna Sarajevo che vincono il primo titolo. Nella finale del 1980 il Real Madrid si aggiudica il settimo titolo battendo il Maccabi che si rifarà l'anno successivo superando in finale la Virtus Bologna.

Le undici edizioni che seguono vedono la prevalenza di squadre italiane e jugoslave che si aggiudicano rispettivamente cinque e sei titoli con le affermazioni di Cantù, Roma, Milano, Zagabria, Spalato che ne vince tre in fila, e Partizan Belgrado.

Nella stagione 1991-92 la competizione subisce una sostanziale modifica, oltre al detentore della coppa e ai campioni dei rispettivi paesi vengono ammesse anche alcune piazzate dei campionati più importanti, e prende il nome di campionato europeo FIBA.

Il dominio italo jugoslavo viene spezzato nel 1993 dal Limoges che batte in finale Treviso. Successivamente il basket greco comincia ad imporsi con Olympiacos e Panathinaikos che arrivano regolarmente in finale cogliendo i primi successi. Avversarie spesso sono le squadre spagnole con il Real Madrid che conquista l'ottavo successo nel 1995 succedendo alla Joventut Badalona campione 1994.

Nella stagione 1996-97 viene introdotta la fase iniziale a gironi e la competizione prende il nome di eurolega. Tra i successi di Olympiacos e Panathinaikos ci sono due finali per la Virtus Bologna nel 1998 è campione d'Europa per la prima volta, l'anno successivo viene superata dai lituani dello Zalgiris Kaunas anche loro al primo successo.

Trofei del passato

Coppa dei campioni
Eurolega 2001/2006

Nel 2000 nasce la ULEB (Unione delle Leghe Europee di Basket) formata da 24 club tra i più ricchi d'Europa, la maggior parte dei quali provenienti da Spagna, Italia e Grecia, che si contrappone alla FIBA federazione che da sempre gestiva l'evento e che sorprendentemente non aveva registrato il marchio Eurolega consentendo all'ULEB di utilizzarlo senza avere implicazioni giuridiche. La FIBA è quindi costretta a trovare un nuovo nome per la sua competizione. La spaccatura nei club europei di basket inizialmente non sembrava poter essere ricomposta e i migliori club sono stati suddivisi tra le due leghe: tra le altre squadre, Panathinaikos, Maccabi Tel Aviv, CSKA Mosca ed Efes Pilsen rimasero con la FIBA, mentre Olympiacos, Virtus Bologna, Real Madrid, Barcellona, Baskonia e Benetton Treviso hanno aderito alla ULEB. Nel maggio del 2001 l'Europa ha avuto due campioni: la Virtus Bologna nella ULEB Euroleague e il Maccabi Tel Aviv nella FIBA Suproleague. Dopo questa stagione di transizione i leader delle due organizzazioni, si sono convinti della necessità di elaborare un nuovo singolo torneo. La trattativa ha visto la ULEB in una netta condizione di superiorità e la FIBA non ha avuto altra scelta che accettare le sue condizioni. Di conseguenza, la competizione FIBA è stata assorbita dalla Eurolega ULEB.

La nuova competizione prevede l'accesso delle squadre ad inviti, in considerazione dei risultati, grandezza dei palezzetti e seguito di pubblico, con l'integrazione delle migliori piazzate nei campionati più importanti. Nella nuova competizone la lotta per il titolo ha visto spesso confrontarsi le squadre greche, spagnole ed il CSKA di Mosca che si sono spartite i titoli con l'eccezione del biennio 2004-2005 che ha visto trionfare il Maccabi Tel Aviv. Il Barcellona conquista per la prima volta il titolo nel 2003 per poi ripetersi nel 2010, mentre il CSKA torna alla vittoria dopo oltre trenta anni nel 2006 alla prima di quattro finali consecutive che gli daranno anche il titolo del 2008. Grandi protagoniste rimangono comunque le due principali squadre greche che diventano campioni d'Europa per ben sei volte, quattro il Panathinaikos e due l'Olympiakos.

Formato attuale[modifica | modifica sorgente]

L’Eurolega è attualmente organizzata in 4 fasi:

  • La Regular Season, la prima fase, è formata da 24 squadre divise in 4 gruppi da 6. Ogni squadra si incontra due volte, andata e ritorno, contro le avversarie dello stesso suo gruppo, per un totale di 10 giornate. Si qualificano al turno successivo le prime 4 di ogni girone per un totale di 16 squadre.
  • La seconda fase, chiamata Top 16, è articolata su due gironi da 8 squadre l'uno, anche in questa fase ogni squadra incontra due volte gli avversari dello stesso girone, per un totale di 14 giornate, si qualificano al turno successivo le prime 4 di ogni girone per un totale di 8 squadre.
  • I quarti di finale vengono giocati in scontri diretti al meglio delle 5 partite.

Le quattro squadre che passano accedono poi alle Final Four.

  • Le Final Four sono l'evento conclusivo della competizione: le 2 squadre vincitrici delle semifinali accedono alla finale per il 1º e 2º posto, mentre le sconfitte giocheranno la finale per il 3º e 4º posto.

Squadre ammesse[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Criteri di ammissione alle coppe europee di pallacanestro.

I club accedono alla Eurolega seguendo un sistema di licenze: quattordici club ottengono una licenza pluriennale di tipo A assegnata dall'organizzazione in base ai risultati degli ultimi tre anni, otto conquistano una licenza annuale di tipo B piazzandosi ai primi posti nei rispettivi campionati nazionali rispettando il ranking per nazioni, una licenza annuale di tipo C è invece riservata alla vincitrice della Eurocup, mentre l'ultimo posto viene assegnato con un torneo di qualificazione ad otto squadre a cui partecipano le migliori che non sono riuscite ad ottenere la licenza B ed altre che dispongono di una wild card.

Licenza A[modifica | modifica sorgente]

L'Eurolega prevede quattordici licenze pluriennali di tipo A che consentono ai club l'accesso diretto alla stagione regolare. La licenza può essere persa nel caso la squadra che la possiede non arrivi nella prima metà della classifica nel proprio torneo nazionale, evento che si è verificato a spese della Virtus Roma nel 2010/11. Ogni anno la squadra con la licenza A che ha il minor punteggio in base ai risultati dei tre anni precedenti la può perdere, in questo caso ne viene rilasciata una nuova al club senza licenza A che ha il punteggio maggiore, a patto che soddisfi i requisiti richiesti, in alternativa può essere concessa una ulteriore licenza B o essere assegnata una wild card[2]. Attualmente le licenze A sono dodici i seguito alla mancata assegnazione di quelle perse dalla Mens Sana Siena e dal Prokom Gdynia.

Squadre in possesso di licenza A[modifica | modifica sorgente]

Posizione Squadra Punti
1. Russia CSKA Mosca CSKA Mosca 164
2. Spagna Barcellona Barcellona 163
3. Grecia Olympiacos Olympiacos 154
4. Spagna Real Madrid Real Madrid 148
5. Israele Maccabi Tel Aviv Maccabi Tel Aviv 128
6. Grecia Panathinaikos Panathinaikos 139
   
Posizione Squadra Punti
7. Turchia Anadolu Efes Anadolu Efes 105
8. Spagna Málaga Málaga 100
9. Turchia Fenerbahçe Ülker Fenerbahçe Ülker 99
10. Spagna Saski Baskonia Saski Baskonia 97
11. Lituania Žalgiris Kaunas Žalgiris Kaunas 95
12. Italia Olimpia Milano Olimpia Milano 86


Licenza B[modifica | modifica sorgente]

Ci sono otto licenze annuali di tipo B per le squadre meglio classificate nei campionati nazionali. I posti sono assegnati secondo il ranking stilato in base alle prestazioni sportive degli anni precedenti. La licenza non viene assegnata se conquistata da un club che ne possiede già una di tipo A.

Ranking per l'Eurolega 2014/15[modifica | modifica sorgente]

Paese Pos.
1. Spagna Spagna
2. Russia Russia
3. Italia Italia
4. Turchia Turchia
5. Lituania Lituania
6. Grecia Grecia
7. Francia Francia
8. Germania Germania
9. Europa Lega Adriatica
10. Polonia Polonia
11. Europa Lega Adriatica
12. Spagna Spagna
13. Russia Russia
14. Italia Italia
   
Paese Pos.
15. Turchia Turchia
16. Lituania Lituania
17. Grecia Grecia
18. Francia Francia
19. Germania Germania
20. Europa Lega Adriatica
21. Ucraina Ucraina
22. Rep. Ceca R. Ceca
23. Belgio Belgio
24. Israele Israele
25. Bulgaria Bulgaria
26. Lettonia Lettonia
27. Regno Unito Regno Unito
28. Polonia Polonia

Licenza C[modifica | modifica sorgente]

La licenza di tipo C viene assegnata alla squadra che nella stagione precedente ha vinto l'Eurocup, se la vincitrice dell'Eurocup si guadagna una licenza B, la licenza C viene automaticamente trasformata in una wild card[2].

Torneo di qualificazione[modifica | modifica sorgente]

Ogni anno viene giocato un torneo di qualificazione che premia la squadra vincitrice con la partecipazione alla stagione regolare. Al torneo partecipano le migliori del ranking che non sono riuscite ad ottenere la licenza B, ed alcune squadre che ricevono una wild card.

Albo d'oro[modifica | modifica sorgente]

Edizione Sede della Finale Vincitrice Finalista Punteggio
Coppa dei Campioni FIBA
1958 Daugava Stadion, Riga - Stadio Vasil Levski, Sofia URSS ASK Riga Bulgaria Academic Sofia 86-81, 84-71
1958-1959 Daugava Stadion, Riga - Stadio Vasil Levski, Sofia URSS ASK Riga Bulgaria Academic Sofia 79-58, 69-67
1959-1960 Dinamo Stadion, Tbilisi - Daugava Stadion, Riga URSS ASK Riga URSS Dinamo Tbilisi 86-81, 84-71
1960-1961 Lenin Stadion, Mosca - Daugava Stadion, Riga URSS CSKA URSS ASK Riga 87-62, 61-66
1961-1962 Patinoire des Vernets, Ginevra URSS Dinamo Tbilisi Spagna Real Madrid 90-83
1962-1963 Fronton Fiesta Alegre, Madrid - Sportivnij Palas, Mosca URSS CSKA Spagna Real Madrid 69-86, 91-74, 99-80[3]
1963-1964 Zimni Stadion, Brno - Fronton Fiesta Alegre, Madrid Spagna Real Madrid Cecoslovacchia Spartak Brno 99-110, 84-64
1964-1965 Sportivnij Palas Mosca - Fronton Fiesta Alegre Madrid Spagna Real Madrid URSS CSKA 81-88, 76-62
1965-1966 PalaDozza, Bologna Italia Olimpia Milano Cecoslovacchia Slavia Praga 77-72
1966-1967 Pabellon de la Ciudad Deportiva, Madrid Spagna Real Madrid Italia Olimpia Milano 91-83
1967-1968 Palais Omnisport de Gerland, Lione Spagna Real Madrid Cecoslovacchia Spartak Brno 98-95
1968-1969 Palau dels Esports, Barcellona URSS CSKA Spagna Real Madrid 103-99
1969-1970 Dvorana Skenderija, Sarajevo Italia Pallacanestro Varese URSS CSKA 79-74
1970-1971 Sporthal Arena, Anversa URSS CSKA Italia Pallacanestro Varese 69-53
1971-1972 Yad Eliyahu Arena, Tel Aviv Italia Pallacanestro Varese Jugoslavia KK Spalato 70-69
1972-1973 Country Hall Ethias, Liegi Italia Pallacanestro Varese URSS CSKA 71-66
1973-1974 Palais des sports de Beaulieu, Nantes Spagna Real Madrid Italia Pallacanestro Varese 84-82
1974-1975 Liegi, Belgio Italia Pallacanestro Varese Spagna Real Madrid 79-66
1975-1976 Patinoire des Vernets, Ginevra Italia Pallacanestro Varese Spagna Real Madrid 81-74
1976-1977 Pionir Hall, Belgrado Israele Maccabi Tel Aviv Italia Pallacanestro Varese 78-77
1977-1978 Olympiahalle, Monaco di Baviera Spagna Real Madrid Italia Pallacanestro Varese 75-67
1978-1979 Palais Des Sports, Grenoble Jugoslavia Bosna Italia Pallacanestro Varese 96-93
1979-1980 Deutschlandhalle, Berlino Spagna Real Madrid Israele Maccabi Tel Aviv 89-85
1980-1981 Rhenus Sport, Strasburgo Israele Maccabi Tel Aviv Italia Virtus Bologna 80-79
1981-1982 Sporthalle, Colonia Italia Pallacanestro Cantù Israele Maccabi Tel Aviv 86-80
1982-1983 Palais Des Sports, Grenoble Italia Pallacanestro Cantù Italia Olimpia Milano 69-68
1983-1984 Patinoire des Vernets, Ginevra Italia Virtus Roma Spagna Barcellona 79-73
1984-1985 Peace and Friendship Stadium, Atene Jugoslavia Cibona Spagna Real Madrid 87-78
1985-1986 Budapest Sportcsarnok, Budapest Jugoslavia Cibona URSS Žalgiris 84-82
1986-1987 CIG de Malley, Losanna Italia Olimpia Milano Israele Maccabi Tel Aviv 71-69
1987-1988 Flanders Expo, Gand Italia Olimpia Milano Israele Maccabi Tel Aviv 90-84
1988-1989 Olympiahalle, Monaco di Baviera Jugoslavia KK Spalato Israele Maccabi Tel Aviv 75-69
1989-1990 Príncipe Felipe Arena, Saragozza Jugoslavia KK Spalato Spagna Barcellona 72-67
1990-1991 POPB, Parigi Jugoslavia KK Spalato Spagna Barcellona 70-65
European Championship FIBA
1991-1992 Abdi Ipekci Arena, Istanbul Jugoslavia Partizan Spagna Joventut Badalona 71-70
1992-1993 Stadio della pace e dell'amicizia, Il Pireo Francia CSP Limoges Italia Pallacanestro Treviso 59-55
1993-1994 Yad Eliyahu Arena, Tel Aviv Spagna Joventut Badalona Grecia Olympiacos 59-57
1994-1995 Príncipe Felipe Arena, Saragozza Spagna Real Madrid Grecia Olympiacos 73-61
1995-1996 POPB, Parigi Grecia Panathinaikos Spagna Barcellona 67-66
Eurolega FIBA
1996-1997 Palazzo dello Sport, Roma Grecia Olympiacos Spagna Barcellona 73-58
1997-1998 Palau Sant Jordi, Barcellona Italia Virtus Bologna Grecia AEK Atene 58-44
1998-1999 Olympiahalle, Monaco di Baviera Lituania Žalgiris Italia Virtus Bologna 82-74
1999-2000 PAOK Sports Arena, Salonicco Grecia Panathinaikos Israele Maccabi Tel Aviv 73-67
Suproleague FIBA
2000-2001[4] POPB, Parigi Israele Maccabi Tel Aviv Grecia Panathinaikos 81-67
Eurolega ULEB
2000-2001[4] PalaMalaguti, Casalecchio di Reno
Fernando Buesa Arena, Vitoria
Italia Virtus Bologna Spagna Saski Baskonia 68-85, 94-73, 80-60, 79-96, 82-74
2001-2002 PalaMalaguti, Casalecchio di Reno Grecia Panathinaikos Italia Virtus Bologna 89-83
2002-2003 Palau Sant Jordi, Barcellona Spagna Barcellona Italia Pallacanestro Treviso 76-65
2003-2004 Yad Eliyahu Arena, Tel Aviv Israele Maccabi Tel Aviv Italia Fortitudo Bologna 118-74
2004-2005 Olimpiisky Arena, Mosca Israele Maccabi Tel Aviv Spagna Saski Baskonia 90-78
2005-2006 Sazka Arena, Praga Russia CSKA Israele Maccabi Tel Aviv 73-69
2006-2007 OAKA, Atene Grecia Panathinaikos Russia CSKA 93-91
2007-2008 Palacio Deportes de la Comunidad de Madrid, Madrid Russia CSKA Israele Maccabi Tel Aviv 91-77
2008-2009 O2 World, Berlino Grecia Panathinaikos Russia CSKA 73-71
2009-2010 POPB, Parigi Spagna Barcellona Grecia Olympiacos 86-68
2010-2011 Palau Sant Jordi, Barcellona Grecia Panathinaikos Israele Maccabi Tel Aviv 78-70
2011-2012 Sinan Erdem Spor Salonu, Istanbul Grecia Olympiacos Russia CSKA 62-61
2012-2013 The O2 Arena, Londra Grecia Olympiacos Spagna Real Madrid 100 - 88
2013-2014 Mediolanum Forum, Assago Israele Maccabi Tel Aviv Spagna Real Madrid 98-86
2014-2015 Palacio Deportes de la Comunidad de Madrid, Madrid -

Titoli per club[modifica | modifica sorgente]

Titoli Squadra Anni
8 Real Madrid Real Madrid 1963–64, 1964–65, 1966–67, 1967–68, 1973–74, 1977–78, 1979–80, 1994–95
6 CSKA Mosca CSKA Mosca 1960–61, 1962–63, 1968–69, 1970–71, 2005–06, 2007–08
6 Panathinaikos Panathinaikos 1995–96, 1999–00, 2001–02, 2006–07, 2008–09, 2010-11
6 Maccabi Tel Aviv Maccabi Tel Aviv 1976–77, 1980–81, 2000-2001, 2003–04, 2004-05, 2013-14
5 Pall. Varese Pall. Varese 1969–70, 1971–72, 1972–73, 1974–75, 1975–76
3 ASK Rīga ASK Rīga 1957–58, 1958–59, 1959–60
3 Olimpia Milano Olimpia Milano 1965–66, 1986–87, 1987–88
3 Spalato Spalato 1988–89, 1989–90, 1990–91
3 Olympiacos Olympiacos 1996–97, 2011–12, 2012–13
2 Pall. Cantù Pall. Cantù 1981–82, 1982–83
2 Cibona Zagabria Cibona Zagabria 1984–85, 1985–86
2 Virtus Bologna Virtus Bologna 1997–98, 2000–01
2 Barcellona Barcellona 2002–03, 2009–10
1 Dinamo Tbilisi Dinamo Tbilisi 1961–62
1 Bosna Bosna 1978–79
1 Virtus Roma Virtus Roma 1983–84
1 Partizan Partizan 1991–92
1 Limoges CSP Limoges CSP 1992–93
1 Joventut Badalona Joventut Badalona 1993–94
1 Žalgiris Kaunas Žalgiris Kaunas 1998-99

Titoli per nazioni[modifica | modifica sorgente]

Titoli Nazione Squadra
13 Italia Italia Pallacanestro Varese (5), Olimpia Milano (3), Virtus Bologna (2), Pallacanestro Cantù (2), Virtus Roma (1)
11 Spagna Spagna Real Madrid (8), Barcellona (2), Joventut Badalona (1)
9 Grecia Grecia Panathinaikos (6), Olympiacos (3)
6 Russia Russia CSKA (6)
6 Israele Israele Maccabi Tel Aviv (6)
5 Croazia Croazia Cibona (2), KK Spalato (3)
3 Lettonia Lettonia ASK Rīga (3)
1 Serbia Serbia Partizan
1 Lituania Lituania Žalgiris
1 Francia Francia CSP Limoges
1 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Bosna
1 Georgia Georgia Dinamo Tbilisi

Premi individuali[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Premi Eurolega di pallacanestro.

MVP delle Final Four[modifica | modifica sorgente]

Statistiche individuali[modifica | modifica sorgente]

Punti a gara[modifica | modifica sorgente]

Rimbalzi a gara[modifica | modifica sorgente]

Assist a gara[modifica | modifica sorgente]

Palle rubate a gara[modifica | modifica sorgente]

Stoppate a gara[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Euroleague, Turkish Airlines sign strategic partnership deal, euroleague.net. URL consultato il 29 marzo 2011.
  2. ^ a b (EN) 2013-14 Turkish Airlines Euroleague license allocation criteria, euroleague.net. URL consultato il 5 giugno 2013.
  3. ^ Gara di ritorno e gara di spareggio.
  4. ^ a b Nella stagione 2000-2001 i club europei erano divisi in due leghe: Suproleague, organizzata dalla FIBA, ed Euroleague, organizzata dalla ULEB).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]