Mirza Delibašić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mirza Delibašić
Dati biografici
Nazionalità Jugoslavia Jugoslavia
Altezza 197 cm
Peso 86 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Guardia
Ritirato 1983
Hall of Fame FIBA Hall of Fame (2007)
Carriera
Squadre di club
1968-1972 Sloboda Tuzla Sloboda Tuzla
1972-1981 Bosna Bosna
1981-1983 Real Madrid Real Madrid
Nazionale
1975-1982 Jugoslavia Jugoslavia
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Montréal 1976
Oro Mosca 1980
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Filippine 1978
Bronzo Colombia 1982
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Jugoslavia 1975
Oro Belgio 1977
Bronzo Italia 1979
Argento Cecoslovacchia 1981
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Oro Algeri 1975
Argento Spalato 1979
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Mirza Delibašić (Tuzla, 9 gennaio 1954Sarajevo, 8 dicembre 2001) è stato un cestista jugoslavo. È riconosciuto come uno dei più grandi e talentuosi giocatori europei di tutti i tempi, nonché uno dei maggiori contributori all'Eurolega di sempre[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Mirza Delibašić soprannominato "Kinđe" ha portato il suo club, il KK Bosna di Sarajevo a vincere per la prima ed unica volta il Campionato Eurolega nel 1979. Dopo aver lasciato il KK Bosna, Delibašić andò in Spagna, dove insieme a Juan Corbalán, Wayne Brabender, Fernando Martín, Arvydas Sabonis e Dražen Petrović, è considerato uno dei migliori giocatori di sempre ad aver giocato per il Real Madrid.

Tra i più grandi giocatori europei, Mirza Delibašić ha vinto tutto quello che c'era da vincere con la Jugoslavia, incluso l'oro olimpico nel 1980, l'oro nel Campionato Europeo nel 1975 e nel 1977 e l'oro nel Campionato del Mondo nel 1978, senza contare i molti titoli in competizioni europee per club.

Problemi di salute[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 1983 è stato vittima di un'emorragia cerebrale irreversibile che lo ha quasi ucciso e costretto al definitivo ritiro dallo sport che così tanto amava. Da quel momento in poi ha vissuto a Sarajevo, anche durante l'assedio della città. I suoi ultimi anni sono stati caratterizzati da persistenti problemi di salute, soprattutto a causa del forte consumo di alcool, che lo hanno portato alla morte l'8 dicembre del 2001 all'età di 47 anni. Diverse migliaia di persone hanno partecipato al suo funerale a Sarajevo e il KK Bosna ha rinominato l'arena di Skenderija in suo onore.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

In patria è stato uno dei personaggi sportivi più amati di sempre. Nel 2000, è stato scelto come sportivo del XX secolo in Bosnia ed Erzegovina. Un torneo di pallacanestro si tiene ogni anno nell'Arena Mirza Delibašić alla sua memoria. Nel 2007, è stato inserito nella FIBA Hall of Fame.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Durante gli anni al Real Madrid, Mirza Delibašić e Dražen Dalipagić, suo compagno anche in nazionale, formavano una coppia degna di nota. La loro prestazione in una partita di Eurolega del 1981 contro il KK Cibona di Zagabria giocata proprio in patria è da sempre considerata come un punto saliente delle loro carriera. Mirza Delibašić segnò 33 punti e Dalipagić 30. La partita si concluse con una straordinaria azione dei due giocatori tanto che gli stessi tifosi del Cibona dimostrarono tutto il loro apprezzamento con ovazione, nonostante la pesante sconfitta.

Mirza Delibašić, nell'estate del 1983, fu firmato dalla Juvecaserta. Il club appena promosso in serie A1, in quegli anni guidato in panchina dal suo vecchio allenatore al Bosna Bogdan Tanjević, scelse lui per sostituire il ritirato Zoran Slavnić. Il sopraggiungere del problema di salute vietò purtroppo agli appassionati di ammirare quella che molto probabilmente sarebbe stata una delle coppie di stranieri più forti mai viste in Italia: Delibašić-Oscar Schmidt.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Bosna: 1977-1978, 1979-1980
Bosna: 1978
Bosna: 1978-1979
Real Madrid: 1981

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mirza Delibasic - The last romantic, euroleague.net.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]