Discografia di Bruce Springsteen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Bruce Springsteen.

Discografia di Bruce Springsteen
Bruce Springsteen in concerto in Norvegia nel 1981
Bruce Springsteen in concerto in Norvegia nel 1981
Album in studio 18
Album dal vivo 5
Raccolte 5
Singoli 66
Colonne sonore 1

La seguente è la discografia completa del cantautore statunitense Bruce Springsteen.

Springsteen ha realizzato il suo primo album nel 1973 ed è noto soprattutto per il suo particolare heartland rock, stile che integra con riferimenti pop, estratti poetici e e sentimenti relativi al New Jersey, di cui è originario.

I lavori di Springsteen hanno sempre oscillato tra il rock e il folk. Ha ottenuto un grande successo commerciale nel 1975 con Born to Run, nel 1984 con Born in the U.S.A. e nel 1987 con Tunnel Of Love. Dopo aver mantenuto da allora un grande seguito di pubblico, nel 2002 ottiene un nuovo planetario successo commerciale con l'album The Rising, che dà l'avvio ad una serie di produzioni musicali molto fortunata. Ha realizzato video musicali per i suoi lavori a partire dalla metà degli anni ottanta, video tra i quali sono maggiormente noti quelli legati all'album Born in the U.S.A.

In tutto Springsteen ha realizzato 17 album in studio, 66 singoli, 3 EP, 4 album dal vivo e 4 compilation. Ha venduto 65 milioni di album negli Stati Uniti e 120 milioni in tutto il mondo.

Nel 2005, la Columbia Records rilasciò una versione box set rimasterizzata di Born to Run, con il cd del 1975 e due DVD, mentre nel 2010 rilasciò altri due box set: The Promise: The Darkness on the Edge of Town Story, contenente una versione rimasterizzata di Darkness on the Edge of Town e il nuovo album The Promise (Bruce Springsteen) (assieme ad altri contenuti); e The Collection 1973-84, contenente i primi sette cd della discografia di Springsteen.

Album[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Anno Dettagli Album Posizioni più alte in classifica Premi
US CAN UK IRE GER SWI AUT NOR SWE AUS NDL NZ
1973 Greetings from Asbury Park, N.J.
  • Uscita: 5 gennaio 1973
  • Etichetta: Columbia
60 41 35 71
  • US: 2 volte Multi-Platino
  • UK: Argento
  • AUS: Oro
The Wild, The Innocent
and the E Street Shuffle
  • Uscita: 11 settembre 1973
  • Etichetta: Columbia
59 33 34 60
  • US: doppio Multi-Platino
  • UK: Argento
  • AUS: Oro
1975 Born to Run
  • Uscita: 25 aprile 1975
  • Etichetta: Columbia
3 31 17 20 26 7 7 7 28
  • US: 6 volte Multi-Platino
  • CAN: 2 volte; Platino
  • UK: Platino
  • AUS: 2 volte; Platino
  • NLD: Gold
  • NZ: Platino
1978 Darkness on the Edge of Town
  • Uscita: 2 giugno 1978
  • Etichetta: Columbia
5 7 16 75 12 9 9 4 11
  • US: 3 volte Multi-Platino
  • CAN: Platino
  • UK: Oro
  • AUS: Platino
  • NLD: Oro
  • NZ: Oro
1980 The River
  • Uscita: 10 ottobre 1980
  • Etichetta: Columbia
1 1 2 65 31 1 2 8 2 2
  • US: 5 volte Multi-Platino
  • CAN: 2 volte; Platino
  • UK: Platino
  • GER: Oro
  • AUS: 3 volte; Platino
  • NZ: 2 volte; Platino
1982 Nebraska
  • Uscita: 20 settembre 1982
  • Etichetta: Columbia
3 3 3 78 37 3 2 8 7 3
  • US: Platino
  • CAN: Oro
  • UK: Argento
  • AUS: Platino
  • NZ: Platino
1984 Born in the U.S.A.
  • Uscita: 4 giugno 1984
  • Etichetta: Columbia
1 1 1 13 1 1 1 1 1 1 1 1
  • US: 15 volte; Multi-Platino
  • CAN: 10 volte; Multi-Platino
  • UK: 3 volte; Platino
  • GER: 2 volte; Platino
  • AUS: 13 volte; Platino
  • NZ: 16 volte; Platino
1987 Tunnel of Love
  • Uscita: 9 ottobre 1987
  • Etichetta: Columbia
1 1 1 55 3 2 6 1 1 5 4 6
  • US: 3 volte; Multi-Platino
  • CAN: 3 volte; Platino
  • UK: Platino
  • GER: Oro
  • SWE: Platino
  • AUS: Platino
  • NLD: 2 volte; Platino
  • NZ: Platino
1992 Human Touch
  • Uscita: 31 marzo 1992
  • Etichetta: Columbia
2 2 1 2 1 1 1 1 3 3 5
  • US: Platino
  • CAN: 2 volte; Multi-Platino
  • UK: Argento
  • GER: Oro
  • SWE: Platino
  • AUS: Oro
  • NZ: Oro
Lucky Town
  • Uscita: 31 marzo 1992
  • Etichetta: Columbia
3 3 2 4 2 2 2 3 6 7 6
  • US: Platino
  • CAN: 2 volte; Multi-Platino
  • UK: Argento
  • GER: Oro
  • SWE: Platino
  • AUS: Oro
  • NZ: Oro
1995 The Ghost of Tom Joad
  • Uscita: 21 novembre 1995
  • Etichetta: Columbia
11 15 16 22 8 13 4 3 27
  • US: Oro
  • CAN: Oro
  • UK: Argento
2002 The Rising
  • Uscita: 30 luglio 2002
  • Etichetta: Columbia
1 1 1 2 1 2 2 1 1 4
  • US: 2 volte; Multi-Platino
  • CAN: Oro
  • UK: Oro
2005 Devils & Dust
  • Uscita: 26 aprile 2005
  • Etichetta: Columbia
1 2 1 1 1 1 1 2 1 10
  • US: Oro
  • CAN: Platino
  • UK: Oro
2006 We Shall Overcome: The Seeger Sessions
  • Uscita: 25 aprile 2006
  • Etichetta: Columbia
3 3 3 2 5 5 3 1 1 21
  • US: Oro
  • CAN: Oro
2007 Magic
  • Uscita: 2 ottobre 2007
  • Etichetta: Columbia
1 1 1 1 3 4 1 1 1 2
  • US: Platino
  • UK: Oro
2009 Working on a Dream
  • Uscita: 27 gennaio 2009
  • Etichetta: Columbia
1 1 1 1 1 1 1 1 1 3
  • US: Oro
  • CAN: Platino
  • UK: Oro
2012 Wrecking Ball
  • Uscita: 19 gennaio 2012
  • Etichetta: Columbia
1 3 1 1 1 1 1 1 1 2
  • AUS: Oro
  • CAN: Oro
  • GER: Platino
  • SWE: Platino
2014 High Hopes
  • Uscita: 14 gennaio 2014
  • Etichetta: Columbia
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
  • IRE: Oro
  • SWE: Oro
"—" indica che l'album non è entrato in classifica in quel Paese.

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Anno Dettagli Album Posizione più alta in classifica
US CAN UK IRE GER SWI AUT NOR SWE AUS
1986 Live/1975-85
  • Uscita: 10 novembre 1986
  • Etichetta: Columbia
1 1 4 63 8 6 8 3 2 3
  • US: 13 volte; Multi-Platino
  • UK: Oro
1993 In Concert MTV Plugged
  • Uscita: 13 aprile 1993
  • Etichetta: Columbia
189 4 19 8 15 3 14
  • UK: Oro
2001 Live in New York City
  • Uscita: 3 aprile 2001
  • Etichetta: Columbia
5 19 12 22 9 13 10 3 3 30
  • US: Platino
2006 Hammersmith Odeon London '75
  • Uscita: 28 febbraio 2006
  • Etichetta: Columbia
93 71 33 24 74 71 9 42
2007 Bruce Springsteen with the Sessions Band: Live in Dublin
  • Uscita: 5 giugno 2007
  • Etichetta: Columbia
23 31 21 1 11 28 20 2 2 40
"—" indica che l'album non è entrato in classifica in quel Paese.

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

Anno Dettagli Album Posizione più alta in classifica
US CAN UK IRE GER SWI AUT NOR SWE AUS
1995 Greatest Hits
  • Uscita: 28 febbraio 1995
  • Etichetta: Columbia
1 1 1 5 1 1 1 1 1 1
  • US: 4 volte Multi-Platino
  • CAN: 4 volte Platino
  • UK: 2 volte Platino
1998 Tracks
  • Uscita: 10 novembre 1998
  • Etichetta: Columbia
27 50 63 11 4 11 97
  • US: Platino
  • CAN: Oro
1999 18 Tracks
  • Uscita: 13 aprile 1999
  • Etichetta: Columbia
64 58 23 8 11 3 2 1 98
2003 The Essential Bruce Springsteen
  • Uscita: 11 novembre 2003
  • Etichetta: Columbia
14 28 5 35 12 4 2 43
  • US: Platino
2009 Bruce Springsteen & The E Street Band Greatest Hits
  • Uscita: 13 gennaio 2009
    (American Edition)
    1 giugno 2009
    (European Limited Tour Edition)
  • Etichetta: Columbia
43 21 3 2 25 12 7 3 1
2010 The Promise
  • Uscita: 16 novembre 2010
  • Etichetta: Columbia
16 - 7 - 1 9 5 - 1 22
2013 Collection: 1973 - 2012
  • Uscita: 15 aprile 2013
  • Etichetta: Columbia
"—" indica che l'album non è entrato in classifica in quel Paese.

Extended plays[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo
1986 Live Collection
  • Uscita: dicembre 1986
  • Etichetta: Sony
1987 Live Collection II
  • Uscita: 1987
  • Etichetta: Sony
1988 Chimes of Freedom
  • Uscita: 5 maggio 1988
  • Etichetta: Columbia
1996 Blood Brothers
  • Uscita: 19 novembre 1996
  • Etichetta: Columbia
2008 Girls in their Summer Clothes
  • Uscita 15 gennaio 2008
  • Etichetta: Columbia
2008 Magic Tour Highlights
  • Uscita 15 luglio 2008
  • Etichetta: Columbia
2010 Wrecking Ball (Live)
  • Uscita 27 aprile 2010
  • Etichetta: Columbia
2011 Live from the Carousel
  • Uscita 16 aprile 2011
  • Etichetta: Columbia

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Singolo Posizione più alta in classifica Album
US US Main US AC UK IRE GER SWI AUT NOR SWE AUS NL ITA
1973 "Blinded by the Light" Greetings from Asbury Park, NJ
"Spirit in the Night"
1975 "Born to Run" 23 38 17 Born to Run
1976 "Tenth Avenue Freeze-Out" 83
1978 "Prove It All Night" 33 90 Darkness on the Edge of Town
"Badlands" 42
"The Promised Land"
1980 "Hungry Heart" 5 44 11 17 33 The River
1981 "Fade Away" 20 14
"Sherry Darling"
"The River" 35 24 5 10 25
"Cadillac Ranch" 48
1982 "Atlantic City" 10 Nebraska
"Open All Night" 22
1984 "Dancing in the dark" 2 1 4 2 7 2 5 2 Born in the U.S.A.
"Cover Me" 7 2 16 6 15 17
"Born in the U.S.A." 9 8 5 1 16 13 20 11 2 5 20
"I'm on Fire" 6 4 6 5 1 16 15 10 20 12 1
1985 "Glory Days" 5 3 17 3 27 19 25 20 29 16
"I'm Going Down" 9 9 61 13 41
"My Hometown" 6 6 1 9 6 20 47 24
"Santa Claus is coming to town" 9 6 47 solo singolo
1986 "War" 8 4 18 2 27 2 4 38 8 Live: 1975-85
1987 "Fire" 46 14 54 18 17 82 22
"Born to Run" (live) 16 9 91
"Brilliant Disguise" 5 1 5 20 2 38 16 1 3 17 15 Tunnel of Love
"Tunnel of love" 9 1 45 22 41 39
1988 "One Step Up" 13 2 67 44
"Tougher than the rest" 13 10 25 3 11 35 17
"Spare Parts" 28 32 12 16 57 78
1992 "Human Touch" 16 1 8 11 4 15 4 19 1 4 17 3 Human Touch
"57 Channels (And Nothin' on)" 68 6 32 26 9 32 39
"Better Days" 16 2 34 25 39 23 64 29 Lucky Town
"Leap of Faith" 28 46 23 38
1993 "Lucky Town" 48 MTV Unplugged
1994 "Streets of Philadelphia" 9 25 3 2 1 1 1 2 1 3 4 5 1 Philadelphia colonna sonora
1995 "Murder Incorporated" 14 Greatest Hits
"Hungry Heart" (reissue) 28 62 46
1996 "The Ghost of Tom Joad" 26 The Ghost of Tom Joad
1997 "Secret Garden" 19 5 44 14 66 9 29 Jerry Maguire colonna sonora
1998 "Sad Eyes" 54 Tracks
2002 "The Rising" 52 24 26 94 39 63 56 5 10 39 6 The Rising
"Lonesome Day" 39 92 47 51 13
2003 "Waitin' on a Sunny Day" 85 15 46
2005 "Devils & Dust" 72 Devils & Dust
"All the Way Home"
2007 "Radio Nowhere" 102 96 2 24 83 90 2 60 Magic
"Girls in Their Summer Clothes" 95 27
2008 "Working on a Dream" 95 35 195 31 9 37 65 26 Working on a Dream
"My Lucky Day" 37
"The Wrestler" 120 93 40 14 19 56
2012 "We Take Care Of Our Own" Wrecking Ball
"—" indica che l'album non è entrato in classifica in quel Paese.

Riconoscimenti RIAA ai Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Platino: "Dancing in the Dark"
Oro: "Cover Me", "Born in the U.S.A.", "My Hometown", "Santa Claus Is Comin' to Town", "Streets of Philadelphia"

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Video album[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo
1989 Video Anthology / 1978-88
  • Uscita: 31 gennaio 1989
  • Etichetta: Columbia Records
1992 In Concert MTV Plugged
  • Uscita: 15 dicembre 1992
  • Etichetta: Columbia Records
1996 Blood Brothers
  • Uscita: 3 marzo 1996
  • Etichetta: Columbia Music Video
2001 The Complete Video Anthology / 1978-2000
  • Uscita 16 gennaio 2001
  • Etichetta: Columbia Records
Live in New York City
  • Uscita 6 novembre 2001
  • Etichetta: Columbia Records
2003 Live in Barcelona
  • Uscita 18 novembre 2003
  • Etichetta: Columbia Records
2005 VH1 Storytellers
  • Uscita 6 settembre 2005
  • Etichetta: Columbia Records
Wings for Wheels
  • Uscita: 14 novembre 2005
  • Etichetta: Columbia Records
Hammersmith Odeon London '75
  • Uscita: 14 novembre 2005
  • Etichetta: Columbia Records
2007 Bruce Springsteen with the Sessions Band: Live in Dublin
  • Uscita: 5 giugno 2007
  • Etichetta: Columbia Records
2009 London Calling: Live in Hyde Park
  • Uscita: 22 giugno 2010
  • Etichetta: Columbia Records

Video musicali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Regista
1984 "Dancing in the Dark" Brian DePalma
"Born in the U.S.A." John Sayles
1985 "I'm on Fire"
"Glory Days"
"My Hometown" Arthur Rosato
1986 "War"
1987 "Born to Run (Version 1)"
"Brilliant Disguise" Meiert Avis
"Tunnel of Love"
1988 "Born to Run (Version 2)"
"One Step Up"
"Tougher Than the Rest"
"Spare Parts" Carol Dodds
1992 "Human Touch" Meiert Avis
"Better Days"
"57 Channels (And Nothin' On)" Adam Bernstein
"Leap of Faith" Meiert Avis
1994 "Streets of Philadelphia" Jonathan Demme
1995 "Murder Incorporated"
"Thunder Road" Milton Lage
"Secret Garden" Peter Care
"Hungry Heart" The Torpedo Twins
1996 "Dead Man Walkin'" Tim Robbins
"The Ghost of Tom Joad" Arnold Levine
2000 "Highway Patrolman" Sean Penn
"If I Should fall Behind" Jonathan Demme
2002 "Lonesome Day" Mark Pellington
"Waitin' on a Sunny Day" Chris Hilson
2005 "Devils & Dust" Danny Clinch
2006 "Pay Me My Money Down" Thom Zimny
"O Mary don't you weep" Thom Zimny
"American Land" Chris Hilson
2007 "Radio Nowhere" Thom Zimny
"Long Walk Home" Thom Zimny
2008 "Girls in Their Summer Clothes (Winter Mix)" Mark Pellington
"A Night with the Jersey Devil"
"Working on a Dream"
"My Lucky Day"
"Life Itself"
2009 "The Wrestler"
2010 "Save My Love"
"Ain't Good Enough For You"
2012 "We Take Care of Our Own" Thom Zimny
"Death to My Hometown"

Discografia non ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

Bruce Springsteen è stato uno degli artisti rock più interessato dal fenomeno dei dischi pirata (o bootleg) sin dalla fine degli anni anni settanta.[1] Il successo ottenuto dalla sua tournée del 1978, la grande fama che ottennero i suoi concerti, il fatto che alcuni di questi furono all'epoca registrati professionalmente, favorirono la pubblicazione e la diffusione di dischi non ufficiali contenenti registrazioni delle sue esibizioni live.[2] Inoltre, proprio nei concerti del 1978, Springsteen inserì più o meno stabilmente nella sua scaletta un certo numero di canzoni scartate dal lunghissimo elenco di quelle che avrebbero dovuto far parte dell'album Darkness on the Edge of Town. Alcune di queste vennero poi recuperate nel successivo album, ma altre, tra le quali le famose Because the Night, Fire e The Promise, rimasero inedite per anni pur diventando punti fissi dei suoi concerti. Ciò rese molto ricercate le registrazioni dal vivo che le contenevano, insieme al gran numero di cover di classici del rock 'n' roll e del rhythm 'n' blues che Springsteen e la sua band offrivano al pubblico negli interminabili encore dei concerti.[2]

Altro elemento che favorì una larga diffusione di dischi pirata di Springteen fu la gran quantità di canzoni che il cantautore e la sua band registravano, magari solo abbozzate, durante la produzione degli album in studio. Il caso più noto è ancora quello di Darkness on the Edge of Town, disco pubblicato nel 1978 per il quale si contano una settantina di canzoni tra le quali fu poi scelta la scaletta finale.[3] La più nota è probabilmente The Promise, canzone che inizialmente doveva dare il titolo all'album, ma che poi fu scartata.[4] Una gran quantità di materiale registrato durante le registrazioni di Darkness comparve su dischi non ufficiali nel corso degli anni. Altrettanto ricercate erano le versioni in studio di canzoni come Because the Night e Fire o la più vecchia The Fever, risalente alla metà degli anni settanta, tutte note per essere state registrate da altri artisti e suonate stabilmente da Springsteen dal vivo.[3]

La quasi totalità dei suoi concerti del Darkness Tour del 1978 fu negli anni resa disponibile in forma di bootleg e ben cinque di questi furono registrati in modo professionale per essere trasmessi alla radio.[5]

Uno dei più celebri è quello registrato il 7 luglio al Roxy Theatre di West Hollywood. Per l'occasione il concerto fu trasmesso in diretta dalla stazione radio KMET e le registrazioni furono poi distribuite su dischi illegali (uno dei titoli più comuni utilizzato per tali dischi fu Roxy Night).[2][6] Consapevole del fatto che il concerto sarebbe stato trasmesso alla radio, prima di iniziare la seconda parte del concerto, Springsteen introdusse l'inedita Paradise by the C con una frase divenuta celebre:[7]

(EN)

« Well, bootleggers out there in radioland, roll your tapes! »

(IT)

« Bene, fabbricanti di bootleg là fuori alla radio, fate girare i vostri nastri! »

(Bruce Springsteen, introduzione a Paradise by the C, 7 luglio 1978[2])

Le registrazioni del concerto al Roxy furono poi in parte utilizzate nel 1986 per Live/1975-85, il primo disco dal vivo ufficiale di Springsteen per la Columbia Records.[8]

Ancora più celebre divenne il disco contenente parte del concerto tenuto al Winterland di San Francisco la sera del 15 dicembre. Live in the Promised Land è considerato il disco pirata "per eccellenza" e, dopo innumerevoli ristampe su vinile e su CD, avrebbe venduto circa 100.000 copie.[6][9][10][11]

Non meno noti sono i concerti tenuti a Passaic nel New Jersey in tre serate tra il 19 e il 21 settembre 1978. Il concerto della prima sera fu distribuito in un disco pirata intitolato Piece De Resistance (o in altre versioni Passaic Night) che contende, secondo alcuni, la palma di bootleg più famoso della storia a Live in the Promised Land.[10] Le registrazioni audio erano tecnicamente di gran qualità e inoltre i concerti furono ripresi con il sistema di telecamere in bianco e nero della sala, riprese di qualità non eccelsa, ma che divennero ricercatissime per essere una delle poche testimonianze filmate di quella celebre tournée (divennero ampiamente disponibili con l'avvento di internet e dei siti di video sharing).[5]

Springsteen si dimostrò all'inizio abbastanza accondiscendente con la pratica di realizzare bootleg dei suoi concerti, tanto che si trovò in disaccordo con la sua casa discografica e la RIAA quando queste fecero causa a due presunti pirati discografici che finiro anche in carcere.[12] Anche durante il concerto del 15 dicembre al Winterland il cantautore sembrò incoraggiare i bootlegers quando dedicò la canzone Sandy alle ragazze del New Jersey e sembrò quasi voler immortalare il momento approfittando della loro presenza.

(EN)

« Bootlegers, roll your tapes, this in gonna be a hot one! »

(IT)

« Bootlegers, fate girare i vostri nastri, questa diventerà un successo! »

(Bruce Springsteen, introduzione a Fourth of July, Asbury Park (Sandy), 15 dicembre 1978[5])

Cambiò idea in seguito quando la quantità e la qualità dei dischi pirata iniziò a diventare un fenomeno non trascurabile e travalicò i confini della ristretta cerchia dei suoi fan più incalliti. Ma soprattutto quando iniziarono a circolare bootleg contenenti materiale registrato in studio. Non tanto per i risvolti economici, ma soprattutto per quelli artistici.[13] Il fenomeno però si intensificò soprattutto negli anni ottanta con l'introduzione del formato CD.[5][12]

La pratica di distribuire dischi non ufficiali delle esibizioni dal vivo di Springsteen non accennò a diminuire nemmeno con la pubblicazione del gigantesco quintuplo dal vivo Live/1975-85 nel 1986 e con i dischi ufficiali successivi. Negli anni novanta Springsteen pubblicò le raccolte di materiale inedito Tracks e 18 Tracks, contenenti una gran mole di registrazioni, B side e scarti, in precedenza disponibili solo tramite bootleg. Si dovette però attendere l'uscita del doppio The Promise nel 2010 per veder pubblicate gran parte delle canzoni scartate da Darkness on the Edge of Town che avevano contribuito alla realizzazione di innumerevoli album non ufficiali che si autoproclamavano "il vero Darkness". Nella versione in cofanetto di The Promise è presente anche un DVD con il film di un intero concerto della celebre tournée del 1978, atteso da molti anni dai fan più incalliti di Springsteen.[3][10]

Tributi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Heylin, 2012, Appendice: A Selective Bootleg CD Discography
  2. ^ a b c d Guaitamacchi, Cap. Bruce Springsteen & the E Street Band - Nasce il mito della banda del Boss
  3. ^ a b c Elio Girompini, La Promessa mantenuta di Springsteen. I video e gli inediti anni '70 in un cofanetto in Corriere della Sera.it, RCS Quotidiani SpA, 9 novembre 2010. URL consultato il 20 dicembre 2012.
  4. ^ Labianca, 2002, p. 72
  5. ^ a b c d Heylin, 2003, pp. 105-106
  6. ^ a b Labianca, 2002, p. 47
  7. ^ La versione di Paradise by the C registrata il 7 luglio al Roxy fu poi inserita nell'album dal vivo Live/1975-85, ma l'introduzione fu tagliata. È invece possibile ascoltarla in uno degli innumerevoli bootleg del concerto.
  8. ^ Note di copertina di Live/1975-85, Columbia Records C5X 40558, LP (x5), 1986.
  9. ^ Labianca, 2002, p. 88
  10. ^ a b c Colombati, p. 626
  11. ^ Wiersema, p. 186
  12. ^ a b Marsh, 2004, p. 612
  13. ^ Marsh, 2004, pp. 211-212

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ermanno Labianca, American skin. Vita e musica di Bruce Springsteen, 2ª ed., Firenze, Giunti, 2002, ISBN 88-09-02897-X.
  • (EN) Clinton Heylin, Bootleg: The Rise & Fall of the Secret Recording History, 1ª ed., Londra, Music Sales Group, 2003, ISBN 978-1-84449-151-3.
  • (EN) Dave Marsh, Bruce Springsteen - Two Hearts: The Definitive Biography, 1972-2003, New York, Routledge, 2004, ISBN 978-0-415-96928-4.
  • Leonardo Colombati, Bruce Springsteen. Come un killer sotto il sole. Il grande romanzo americano, 5ª ed., Milano, Sironi Editore, 2011, ISBN 978-88-518-0140-3.
  • Ezio Guaitamacchi, 1000 concerti che ci hanno cambiato la vita, 1ª ed., Milano, Rizzoli, 2010, ISBN 978-88-17-04222-2.
  • (EN) Robert J. Wiersema, Walk Like a Man: Coming of Age With the Music of Bruce Springsteen, Greystone Books, 2011, ISBN 978-1-55365-845-0.
  • (EN) Clinton Heylin, E Street Shuffle. The Glory Days of Bruce Springsteen & the E Street Band, ebook, Londra, Constable & Robinson Ldt., 2012, ISBN 978-1-78033-580-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock