Cameron Crowe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cameron Bruce Crowe (Palm Springs, 13 luglio 1957) è un regista, sceneggiatore, produttore cinematografico e attore statunitense.

Nato a Palm Springs, ma cresciuto a San Diego, Crowe, a soli 15 anni diventa giornalista scrivendo recensioni ed articoli di musica per le riviste Creem, Playboy e Penthouse e, un anno dopo, collabora con il celebre magazine Rolling Stone. Durante questo periodo ha la fortuna di intervistare leggende del rock come Bob Dylan, Neil Young, Led Zeppelin ed Eric Clapton.

A 22 anni torna a studiare e scrive un libro, poi riadattato per il film Fuori di testa, ritratto sensibile, divertente e alquanto realistico delle storie e delle difficoltà dei teenager.

Nel 1989 debutta alla regia con Non per soldi...ma per amore; con il suo lavoro successivo, Singles - L'amore è un gioco, Crowe racconta di un gruppo di giovani ventenni di Seattle e sul passaggio che compiono all'età adulta.

Quattro anni dopo con Jerry Maguire ottiene la sua prima nomination agli Oscar per la migliore sceneggiatura originale e Cuba Gooding Jr. si aggiudicò la statuetta come miglior attore non protagonista.

Scrive un libro intervista "Conversazioni con Billy Wilder" (2002) pubblicato in Italia da Adelphi.

Nel 2000 con Quasi famosi Crowe racconta una storia quasi autobiografica: un adolescente, aspirante giornalista di musica rock, segue in tour una band emergente. Con questo film si aggiudica un Golden Globe e l'Oscar 2001 per la migliore sceneggiatura originale.

Nel 2001 il regista californiano realizza Vanilla Sky e nel 2005 Elizabethtown; il primo soggetto per la prima volta non presenta la sua firma, ma è un remake hollywoodiano del film di Alejandro Amenábar Apri gli occhi (1997), mentre il secondo è una spigliata commedia funebre, mix di humor nero e romanticismo.

Nell'aprile del 2011 presenta al Tribeca Film Festival [1] "The Union", documentario che segue i musicisti Elton John e Leon Russell's nella realizzazione del loro album The Union, prodotto da T-Bone Burnett.

Il 20 settembre 2011 esce negli USA film/documentario sui Pearl Jam che racconta i 20 anni di una delle più importanti band della scena musicale rock/grunge. Alcuni componenti dei Pearl Jam (Eddie Vedder, Ament, McReady, Gossard e l'allora batterista Abruzzese) erano già apparsi insieme a Crowe in "Singles - l'amore è un gioco" interpretando la band di Matt Dillon. Visti i trascorsi musicali di Crowe, lui insieme ai Pearl Jam ha definito la scaletta della colonna sonora di PJ 20.

Nel 2011 esce La mia vita è uno zoo una commedia a tinte drammatiche interpretata da attori noti come Matt Damon e Scarlett Johansson. La sceneggiatura è scritta dal regista insieme ad Aline Brosh McKenna. Il film è basato su un romanzo autobiografico del giornalista inglese Benjamin Mee.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The Union (2011) - Release Info - IMDb

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Premi e candidature[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 85631065 LCCN: n81049344