Alejandro Amenábar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alejandro Amenábar

Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior film straniero 2005

Alejandro Amenábar, all'anagrafe Alejandro Fernando Amenábar Cantos (Santiago del Cile, 31 marzo 1972), è un regista, sceneggiatore, compositore, produttore cinematografico e montatore spagnolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Santiago del Cile il 31 marzo 1972 da padre cileno e da madre spagnola, si trasferí con la propria famiglia a Madrid, in Spagna, a seguito del golpe scoppiato in Cile l'anno successivo. Studia alla facoltà di Scienze dell'Informazione di Madrid, ma presto lascia l'università e dirige i suoi primi cortometraggi.

Il suo primo lungometraggio, Tesis (1996), ottiene un grande successo in Spagna e vince sette premi Goya. Il suo secondo film, Apri gli occhi (1997) lo conferma come un nuovo talento, ed ottiene un grande successo anche all'estero. Nel 2001, Tom Cruise ne produce un remake ad Hollywood, diretto da Cameron Crowe, intitolato Vanilla Sky, nel quale Cruise recita assieme a Penélope Cruz, che aveva già recitato nello stesso ruolo, quello di Sofia, nella pellicola di Amenábar, accanto a Eduardo Noriega.

Il film seguente, The Others (2001) con Nicole Kidman, è il suo primo film in inglese, e vince otto premi Goya.

Nel 2004 si è aggiudicato alla 61ª Mostra del cinema di Venezia il Gran premio della giuria con Mare dentro, un film sulla vita di Ramón Sampedro, interpretato da Javier Bardem. Con lo stesso film vince anche, nel 2005, il premio Oscar per il miglior film straniero. Il suo ultimo lungometraggio, "Agora", è ambientato nell'antico Egitto. Il film parla dell'assassinio della filosofa neoplatonica e matematica Ipazia di Alessandria, per mano dei parabolani.

Scrive anche la sceneggiatura e la musica di tutti i suoi film. Alejandro Amenábar si definisce ora (ottobre 2009) "totalmente ateo", dopo un'educazione cattolica e una successiva condizione di agnosticismo: cfr. intervista a Fotogramas.es del 06/10/2009 in occasione dell'uscita del suo film "Agora".

Nel settembre del 2004 ha discusso apertamente della propria omosessualità con la rivista gay spagnola "Shangay".

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Compositore[modifica | modifica sorgente]

Produttore[modifica | modifica sorgente]

Montatore[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 84998482 LCCN: n/98/35913