Wonder Boys

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wonder Boys
Wonder Boys 2000.png
Michael Douglas in una scena del film
Titolo originale Wonder Boys
Paese di produzione USA
Anno 2000
Durata 112 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, drammatico
Regia Curtis Hanson
Soggetto Michael Chabon
Sceneggiatura Steve Kloves
Fotografia Dante Spinotti
Montaggio Dede Allen
Musiche Christopher Young, Bob Dylan
Scenografia Jeannine Oppewall
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Wonder Boys è un film del 2000 diretto da Curtis Hanson e tratto dall'omonimo romanzo di Michael Chabon, con protagonista Michael Douglas.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un professore di inglese al college, Grady Tripp sta attraversando la tipica crisi esistenziale di mezza età: è in rotta con la moglie, aspetta un figlio dall'amante e non riesce a finire il suo secondo libro. Gli sarà di grande aiuto uno dei suoi allievi, James, giovane dotato di grande talento.

Grady Tripp è un professore di lingua inglese al college che è stato lasciato dalla sua ultima moglie, Emily, ed attualmente ha una relazione con Sara Gaskell, già sposata con Walter, presidente dell'istituto in cui Grady lavora. È anche uno scrittore, che non riesce a concludere il suo secondo romanzo, dopo 2611 pagine, in attesa di un finale soddisfacente per far sì che il romanzo abbia successo dato che il primo non ha ottenuto gli esiti sperati e passa il tempo libero a fumare marijuana.

Due suoi allievi, Hannah Green (che vive in affitto nella casa del professore, che sembra attratta da Grady, ma questo non ricambia i suoi sentimenti) e James Leer sono entrambi scrittori. James sembra un ragazzo molto particolare: è molto dotato, ma silenzioso e dall'animo oscuro.

A casa dei Gaskell, Sara confessa a Grady di essere incinta di lui e gli chiede di scegliere tra lei e Emily; durante la serata, James mostra di avere una pistola apparentemente finta ma si rivela essere reale, quando James spara al cane dei Gaskell, quando ha provato ad attaccare Grady; James ruba anche una maglietta fi Marilyn Monroe. Grady nasconde il cane morto nel bagagliaio della sua macchina e porta con sé James, credendolo depresso e suicida.

Nel frattempo, l'editor di Grady, Terry Crabtree si reca da Grady per vedere se lui ha scritto qualcosa di degno da poter pubblicare e porta con sè anche un travestito che ha incontrato durante il volo, di nome Antonia "Tony" Sloviak. Dopo una serata in città, Terry e James semi-cosciente flirtano e trascorrono una serata intima insieme in una delle sale di ricambio di Grady.

Stanco e confuso, Grady telefono a Walter Gaskelle confessandogli di essere innamorato di Sara, mentre Walter ha scoperto la scomparsa del cane e della maglia di Marilyn Monroe. Per questo, Sara manda una pattuglia della polizia a prendere James per discutere le conseguenze delle sue azioni. La maglia tuttavia si trova nella macchina di Grady, che era stata rubata dal vero proprietario. Ritrovata la macchina, Grady cerca di riprendersela con l'aiuto di Terry, ma questo sbatte facendo perdere quasi tutte le pagine del romanzo di Grady. Il proprietario della macchina dà a Grady un passaggio fino all'università lasciando alla moglie, Oola, la maglietta di Marilyn Monroe.

Grady riesce a convincere Walter a non sporgere denuncia contro James accettando di pubblicare il suo libro.

Il film termina con Grady che racconta le vite dei suoi amici: Hannah si laurea e diventa un editor di una rivista; James si trasferisce a New York con Terry. Grady finisce il libro (utilizzando un computer anziché la macchina da scrivere), mentre arriva Sara con il loro bambino e poi chiude cliccando su "Salva".

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema