Sadiq Umar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Umar Sadiq
Sadiq Umar.jpg
Sadiq con la maglia della nazionale olimpica nigeriana ai Giochi di Rio de Janeiro 2016.
Nazionalità Nigeria Nigeria
Altezza 192[1][2] cm
Peso 75[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Almería
Carriera
Giovanili
2010-2013F.C. Abuja
2013-2014Lavagnese
2014-2015Spezia
2015-2016Roma
Squadre di club1
2013-2014Lavagnese1 (0)
2014-2015Spezia0 (0)
2015-2016Roma6 (2)
2016-2017Bologna7 (0)
2017-2018Torino3 (0)
2018NAC Breda12 (5)
2018-2019Rangers1 (0)
2019Perugia18 (3)
2019-2020Partizan28 (15)
2020-Almería46 (25)
Nazionale
2016Nigeria Nigeria olimpica6 (4)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Rio de Janeiro 2016
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º settembre 2021

Umar Sadiq Mega (Kaduna, 2 febbraio 1997) è un calciatore nigeriano, attaccante dell'Almería.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un centravanti di piede destro, che accosta a buone doti fisiche una discreta tecnica di base.[2][3] La sua elevazione gli consente di essere abbastanza pericoloso sulle palle aeree. Abile negli spazi larghi, dispone di un'ottima progressione.[3] Limiti caratteriali e comportamentali ne hanno rallentato la crescita calcistica.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Le prime esperienze e l'arrivo in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Football College Abuja, accademia fondata dall'imprenditore e dirigente sportivo Gabriele Volpi,[3][4] nel 2013 prende parte alla Kvarnerska Rivijera, torneo organizzato dall'HNK Rijeka, dove si laurea capocannoniere.

Al termine della competizione viene tesserato, su avallo dello Spezia, dalla Lavagnese,[5] militante in Serie D, che l'anno successivo lo cede proprio agli spezzini, con i quali, pur non esordendo mai in prima squadra, si laurea capocannoniere del Campionato Primavera 2014-2015 con 26 gol.[6]

La Roma e il prestito al Bologna[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 agosto 2015 si trasferisce in prestito dallo Spezia alla Roma per 500.000 euro, con diritto di riscatto fissato a 2,5 milioni.[7][8] Durante la sua permanenza nella Primavera della Roma, si fa notare nella partita casalinga di Youth League contro i pari età del Bayer Leverkusen del 4 novembre, segnando una tripletta nel 5-1 finale.[9] Le sue prestazione con la primavera non passano inosservate,[3] tanto che il 21 novembre fa il suo esordio in Serie A con la Roma, nella trasferta di Bologna, pareggiata 2-2, subentrando a Juan Iturbe.[10] Il 20 dicembre, alla sua terza presenza, segna il definitivo 2-0 nella partita Roma-Genoa.[11] Nella sfida successiva del 5 gennaio 2016 contro il Chievo gioca per la prima volta da titolare;[12] la sfida è terminata sul 3-3 con Sadiq che va nuovamente in gol.[13] Con l'esonero di Rudi Garcia e l'arrivo di Luciano Spalletti lui torna a giocare con la primavera, con cui il 22 aprile 2016, durante il derby contro la Lazio, Sadiq colpisce al volto con una gomitata un avversario venendo espulso dall'arbitro[14] e squalificato per 6 turni[15] dal giudice sportivo e, di fatto, concludendo anzitempo la stagione. Pur non partecipando alle final eight, facendo parte della rosa giovanile della Roma può fregiarsi del titolo di campione d'Italia del Campionato Primavera 2015-2016,[16] con lui che ha contribuito al successo dei giallorossi con 12 gol e 5 assist in 9 partite.[3] Il 21 giugno 2016 viene riscattato per un corrispettivo allo Spezia di 2,5 milioni di euro e firma un contratto fino al 30 giugno 2020.[17][18]

Il 30 agosto 2016 passa in prestito per una stagione, con diritto di riscatto e contro-riscatto a favore dei giallorossi al Bologna.[19][20] Complice un infortunio, fa il suo esordio in maglia bolognese contro la Lazio in trasferta allo Stadio Olimpico solo il 16 ottobre 2016. Durante la stagione, a causa di problemi fisici,[21][22][23] trova poco spazio e una volta conclusa il club bolognese decide di non esercitare il proprio diritto di riscatto e così il giocatore torna a Roma.

Torino e NAC Breda[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 agosto 2017 viene girato in prestito al Torino,[24][25] ma dopo aver collezionato soltanto tre presenze con i granata, il 26 gennaio 2018 fa ritorno alla Roma,[26] che il giorno dopo lo cede, sempre a titolo temporaneo, al NAC Breda.[27][28]

Il 17 febbraio segna la prima rete in Eredivisie realizzando l'unica rete della propria squadra nella sconfitta in casa per 1-3 per mano dell'AZ Alkmaar.[29]

Rangers e Perugia[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 luglio 2018, Umar si trasferisce in prestito ai Rangers.[30] L'esperienza scozzese dura solo sei mesi (con solo quattro presenze all'attivo), complice anche il maltrattamento ricevuto dal nigeriano, che ha additato la dirigenza e l'allenatore Steven Gerrard come responsabili di vere e proprie «umiliazioni».[31]

Il 9 gennaio 2019 finisce in prestito al Perugia in Serie B.[32] Fa il suo debutto il 19 gennaio in occasione della sconfitta casalinga col Brescia. Segna il primo gol il 27 febbraio nel successo sul campo del Venezia.[33]

Partizan[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 luglio 2019 passa in prestito oneroso al Partizan, al prezzo di 100.000 euro, con diritto di riscatto fissato a 1,7 milioni di euro.[34] Debutta con i serbi il 21 luglio seguente, nel match di campionato contro l'Inđija.[35] Il 4 agosto segna invece la sua prima rete nel massimo campionato serbo, a scapito del Mačva Šabac.[36] L'8 agosto timbra, invece, la sua prima marcatura internazionale, nel match contro il Malatyaspor nei turni preliminari di Europa League.[37] Il 31 gennaio 2020, i serbi riscattano il giocatore per 1,7 milioni di euro dalla Roma rendendo definitivo il trasferimento. Nonostante 12 reti realizzate in 24 gare, non riesce a condurre la squadra oltre il secondo posto.[38] In tutto sono 23 i gol segnati in 51 presenze.

Almerìa[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 ottobre 2020 il centravanti nigeriano passa all'Almería, con cui sigla un accordo quinquennale.[39] Il 3 gennaio 2021 realizza la prima tripletta in carriera alla 20ª giornata di campionato contro il Ponferradina, realizzando tutte e tre le reti nei primi 30 minuti della prima frazione di gioco e risultando decisivo per la vittoria finale (3-1). L'Almeria arriva terza, giocando quindi i playoff di Segunda Division[40]. Il 5 giugno, dopo una partita persa 3-0 con il Girona, l’Almeria pareggia, uscendo così dalla corsa alla Primera Division alla quale Sadiq ha contribuito segnando 20 gol.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 ha giocato con la Nazionale Olimpica della Nigeria con la quale ha vinto il Bronzo alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016, segnando 4 gol in 6 presenze, di cui due nella finale 3º posto vinta 3-2 contro l'Honduras.

Il 12 marzo 2021 riceve la prima convocazione in nazionale maggiore.[41]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 1º settembre 2021.

Stagione Club Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Supercoppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2013-2014 Italia Lavagnese D 1 0 CI-D 0 0 - - - - - - 1 0
2014-2015 Italia Spezia B 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
2015-2016 Italia Roma A 6 2 CI 0 0 UCL 0 0 - - - 6 2
2016-2017 Italia Bologna A 7 0 CI 0 0 - - - - - - 7 0
2017-gen. 2018 Italia Torino A 3 0 CI 0 0 - - - - - - 3 0
gen.-giu. 2018 Paesi Bassi NAC Breda E 12 5 CO - - - - - - - - 12 5
2018-gen. 2019 Scozia Rangers SP 1 0 CS+SLC 2 0 UEL 1 0 - - - 4 0
gen.-giu. 2019 Italia Perugia B 17+1 3 CI 0 0 - - - - - - 18 3
2019-2020 Serbia Partizan SL 24 12 CS 2 0 UEL 12[42] 5[43] - - - 38 17
sett.-ott. 2020 SL 10 6 CS 0 0 UEL 3[44] 0 - - - 13 6
Totale Partizan 34 18 2 0 15 5 - - 51 23
ott. 2020-2021 Spagna Almería SD 40 20 CR 3 2 - - - - - - 43 22
2021-2022 SD 3 1 CR 0 0 - - - - - - 3 1
Totale Almeria 43 21 3 2 - - - - 46 23
Totale carriera 124+1 49 7 2 16 5 - - 144 55

Cronologia presenza e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Nigeria olimpica
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
5-8-2016 Manaus Nigeria olimpica Nigeria 5 – 4 Giappone Giappone olimpica Olimpiadi 2016 - 1º turno 1
8-8-2016 Manaus Svezia olimpica Svezia 0 – 1 Nigeria Nigeria olimpica Olimpiadi 2016 - 1º turno 1 Uscita al 74’ 74’
11-8-2016 San Paolo Colombia olimpica Colombia 2 – 0 Nigeria Nigeria olimpica Olimpiadi 2016 - 1º turno -
14-8-2016 Salvador Nigeria olimpica Nigeria 2 – 0 Danimarca Danimarca olimpica Olimpiadi 2016 - Quarti di finale - Uscita al 85’ 85’
17-8-2016 San Paolo Nigeria olimpica Nigeria 0 – 2 Germania Germania olimpica Olimpiadi 2016 - Semifinale - Uscita al 64’ 64’
20-8-2016 Belo Horizonte Honduras olimpica Honduras 2 – 3 Nigeria Nigeria olimpica Olimpiadi 2016 - Finale 3º posto 2
Totale Presenze 6 Reti 4

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Roma: 2015-2016

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Rio de Janeiro 2016

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2014-2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Profilo - Sadiq Umar, il gigante nigeriano che ha stregato Garcia, su goal.com, 21 dicembre 2015.
  2. ^ a b Umar Sadiq, quasi due metri di potenza e rapidità: farà la fortuna dello Spezia, su calciomercato.com, 4 novembre 2015.
  3. ^ a b c d e Sadiq: la carriera, su bolognafc.it, 31 agosto 2016. URL consultato il 16 marzo 2021.
  4. ^ (EN) AS Roma Sign FCA\'s Sadiq Umar And Nura Abdullahi, su abujafootballcollege.com. URL consultato il 6 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2016).
  5. ^ La Roma Primavera prende dallo Spezia Nura e Sadiq, mister 26 gol, su gazzetta.it, 4 luglio 2015.
  6. ^ Primavera 'G.Facchetti '14-'15': è Sadiq il re dei bomber, su acspezia.com. URL consultato il 16 marzo 2021.
  7. ^ Mercato: i movimenti dei giovani, su acspezia.com, 1º settembre 2015.
  8. ^ Sadiq fa sempre gol, la Roma lo riscatta, su calciomercato.com, 4 novembre 2015.
  9. ^ Roma 5-1 Leverkusen, su it.uefa.com.
  10. ^ Bologna-Roma 2-2: tre rigori sotto la pioggia, Destro punisce gli ex compagni, su gazzetta.it. URL consultato il 16 marzo 2021.
  11. ^ Roma 2-0 Genoa, su legaseriea.it.
  12. ^ Contro il Chievo esordio di Sadiq dal primo minuto, su asroma.com. URL consultato il 16 marzo 2021.
  13. ^ Serie A, Chievo-Roma 3-3: la tecnologia condanna i giallorossi, su tuttosport.com. URL consultato il 16 marzo 2021.
  14. ^ Lazio-Roma 1-1: Vasco e Palombi gol, Sadiq perde la testa, espulsione e rissa, su gazzetta.it. URL consultato l'11 maggio 2016.
  15. ^ Roma Primavera, stagione finita per Sadiq dopo l'espulsione contro la Lazio, su gazzetta.it. URL consultato l'11 maggio 2016.
  16. ^ Primavera, Roma campione d'Italia. Batte la Juventus ai rigori, su gazzetta.it. URL consultato il 5 giugno 2016.
  17. ^ Definita con lo Spezia l’acquisizione a titolo definitivo di Nura e Sadiq, su asroma.com. URL consultato il 16 marzo 2021.
  18. ^ Nura-Sadiq: esercitata l'opzione per il riscatto, su acspezia.com. URL consultato il 16 marzo 2021.
  19. ^ Sadiq Umar ceduto a titolo temporaneo al Bologna, su asroma.com. URL consultato il 16 marzo 2021.
  20. ^ Sadiq al Bologna, su bolognafc.it, 31 agosto 2016. URL consultato il 16 marzo 2021.
  21. ^ Lieve distorsione al ginocchio destro per Sadiq, su bolognafc.it, 8 novembre 2016. URL consultato il 16 marzo 2021.
  22. ^ Sadiq sottoposto ad intervento chirurgico alla caviglia sinistra, su bolognafc.it, 29 novembre 2016. URL consultato il 16 marzo 2021.
  23. ^ Dario Cervellati, Bologna, Sadiq ancora ko: infortunio al piede operato a novembre, su il Resto del Carlino. URL consultato il 16 marzo 2021.
  24. ^ Sadiq in prestito al Torino, su asroma.com, 16 agosto 2017.
  25. ^ Sadiq al Toro, su torinofc.it. URL consultato il 16 marzo 2021.
  26. ^ Risoluzione per Sadiq, su torinofc.it, 26 gennaio 2018.
  27. ^ (NL) NAC huurt Sadiq Umar van AS Roma, su nac.nl, 27 gennaio 2018. URL consultato il 16 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2019).
  28. ^ Sadiq in prestito: va al NAC Breda Archiviato il 28 gennaio 2018 in Internet Archive. calcioreporter.it
  29. ^ (EN) Shina Oludare, Sadiq Umar scores in NAC Breda defeat to AZ Alkmaar, su goal.com, 17 febbraio 2018.
  30. ^ Sadiq in prestito al Glasgow Rangers, su asroma.com. URL consultato il 12 agosto 2019.
  31. ^ Sadiq contro Gerrard: 'Ai Rangers mi umiliava', su sport.sky.it. URL consultato il 16 marzo 2021.
  32. ^ Benvenuto Sadiq!, su acperugiacalcio.com, 9 gennaio 2019. URL consultato il 16 marzo 2021.
  33. ^ Sadiq-gol, Perugia da playoff: 3-2 al Venezia, su sport.sky.it. URL consultato il 16 marzo 2021.
  34. ^ (SR) Umar Sadik : Ja sam Partizan!, su partizan.rs. URL consultato il 4 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2019).
  35. ^ FK Indjija - FK Partizan Belgrado, 21/lug/2019 - Linglong Tire Super liga Srbije - Cronaca della partita, su transfermarkt.it. URL consultato il 12 agosto 2019.
  36. ^ FK Partizan Belgrado - FK Macva Sabac, 04/ago/2019 - Linglong Tire Super liga Srbije - Cronaca della partita, su transfermarkt.it. URL consultato il 12 agosto 2019.
  37. ^ FK Partizan Belgrado - Yeni Malatyaspor, 08/ago/2019 - Qualificazione Europa League - Cronaca della partita, su transfermarkt.it. URL consultato il 12 agosto 2019.
  38. ^ (EN) Why was goal machine Paul Onuachu left out of Nigeria's squad?, su global.espn.com, 15 marzo 2021. URL consultato il 16 marzo 2021.
  39. ^ (ES) Umar Sadiq, un nuevo delantero para reforzar el ataque del Almería, su udalmeriasad.com. URL consultato il 5 ottobre 2020.
  40. ^ Risultati Segunda Division B Play Off delle Perdenti 2019/2020 in diretta, Calcio Spagna - Diretta.it, su www.diretta.it. URL consultato il 7 giugno 2021.
  41. ^ (EN) Rohr lists Musa, Ekong, 22 others for Squirrels, Crocodiles, su thenff.com, 12 marzo 2021. URL consultato il 16 marzo 2021.
  42. ^ 6 presenze nei turni preliminari.
  43. ^ 1 rete nei turni preliminari.
  44. ^ Nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]