Nazionale di calcio della Guinea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Guinea Guinea
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione FGF
Fédération Guinéenne de Football
Confederazione CAF
Codice FIFA GUI
Soprannome Syli Nationale
(Gli Elefanti Nazionali)
Selezionatore Belgio Paul Put
Record presenze Pascal Feindouno (81)
Capocannoniere Pascal Feindouno (30)
Ranking FIFA 65° (20 settembre 2018)[1]
Esordio internazionale
Togo Togo 2 - 1 Guinea Guinea
Togo; 9 maggio 1962
Migliore vittoria
Guinea Guinea 14 - 0 Mauritania Mauritania
Conakry, Guinea, 20 maggio 1972
Peggiore sconfitta
Zaire Zaire 6 - 0 Guinea Guinea
Zaire; 2 luglio 1972
Coppa d'Africa
Partecipazioni 11 (esordio: 1970)
Miglior risultato Argento Secondo posto nel 1976

La nazionale di calcio della Guinea è la rappresentativa calcistica nazionale della Guinea ed è posta sotto l'egida della Fédération Guinéenne de Football. È soprannominata la Syli Nationale, che in lingua susu significa l'elefante nazionale.

Attiva dal 1960, non ha mai partecipato alla fase finale di un mondiale, mentre il suo miglior piazzamento nella Coppa d'Africa è il secondo posto raggiunto nel 1976. Nel suo palmarès annovera cinque Coppe Amílcar Cabral (1981, 1982, 1987, 1988 e 2005).

Nella graduatoria della FIFA in vigore da agosto 1993 il miglior posizionamento raggiunto è stato il 22º posto dell'agosto 2006, mentre il peggiore è stato il 123º posto del maggio 2003; occupa attualmente il 65º posto della classifica.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

La Guinea ottenne l'indipendenza dalla Francia il 2 ottobre 1958. La Fédération Guinéenne de Football fu fondata nel 1960 e si affiliò alla CAF nel 1961 e alla FIFA nel 1962.

La nazionale guineana esordì ufficiosamente il 2 ottobre 1960 a Lagos contro la Nigeria (4-1 per i nigeriani). Dopo l’ingresso nella CAF e nella FIFA, esordì il 9 maggio 1962 perdendo per 2-1 a Lomé contro il Togo. Il 16 dicembre 1962 affrontò in casa la Germania Est, vittoriosa per 3-2 sul campo dei guineani.

Non partecipò alle prime tre edizioni della Coppa d'Africa (1957, 1959 e 1962) e nel 1963 fu squalificata.

Estromettendo il Niger al primo turno eliminatorio, beneficiando del ritiro della Repubblica Araba Unita al secondo turno ed eliminando al terzo turno l’Algeria si qualificò alle Olimpiadi del 1968, dove uscì dopo la fase a gironi.

Primi anni 1970[modifica | modifica wikitesto]

Bisognò attendere il 1970 per vedere la Guinea nella fase finale del massimo torneo continentale. In quella circostanza la squadra ottenne due pareggi contro la Rep. del Congo (2-2) e il Ghana (1-1) prima di perdere (1-4) contro l'Egitto. Non partecipò alla Coppa d'Africa 1972.

La più larga vittoria della propria storia la Guinea la fece registrare a domicilio contro la Mauritania, sconfitta per 14-0 a Conakry il 20 maggio 1972 in una partita del gruppo B dei Giochi panafricani.

Alla Coppa d'Africa 1974 la Guinea conseguì una vittoria contro Mauritius (2-1), un pareggio contro la Rep. del Congo (1-1) e una sconfitta contro la RD del Congo (1-2).

La prima partecipazione della Guinea alle eliminatorie del campionato del mondo risale alle qualificazioni CAF al mondiale di Germania Ovest 1974, durante le quali fu eliminata al secondo turno dal Marocco.

Il secondo posto alla Coppa d'Africa 1976[modifica | modifica wikitesto]

Alla Coppa d'Africa 1976, in Etiopia, la Guinea raggiunse il miglior risultato della propria storia. Vinto il girone grazie a due vittorie contro l'Uganda (2-1) e l'Etiopia padrona di casa (2-1) e un pareggio contro l'Egitto (1-1), nel girone finale chiuse seconda dietro il Marocco, vincitore del trofeo, dopo aver raccolto due pareggi contro Nigeria (1-1) e Marocco (1-1) e una vittoriacontro l'Egitto (4-2).

Dal 1978 al 1992[modifica | modifica wikitesto]

Nelle eliminatorie del campionato del mondo 1978 la Guinea uscì al terzo turno contro la Tunisia, mentre non poté difendere il titolo continentale, perché non partecipò alla Coppa d'Africa 1978. Alla Coppa d'Africa 1980 ottenne un punto grazie al pareggio (1-1) contro il Marocco, ma subì due sconfitte contro Algeria e Ghana e fu eliminata. Nelle qualificazioni al campionato del mondo 1982 fu eliminata dalla Nigeria al terzo turno.

Dal 1982 al 1992 la Guinea non riuscì a qualificarsi per la fase finale della Coppa d'Africa. Nelle eliminatorie del campionato del mondo 1986 fu estromessa dalla Tunisia al primo turno.

Il 5 agosto 1988, a Tunisi, la squadra subì una delle sconfitte più larghe della propria storia, perdendo per 5-0 contro i padroni di casa.

Dal 1992 al 2000[modifica | modifica wikitesto]

La Guinea fece ritorno nella fase finale della Coppa d'Africa nel 1994, dove fu eliminata nel turno finale da Camerun e Zimbabwe.

Alla Coppa d'Africa 1996 la Guinea fu invitata a partecipare in sostituzione della Nigeria, che vi si era qualificata, ma vi aveva rinunciato per ragioni politiche. Ciononostante, a causa della mancanza di preparazione, i guineani decisero di declinare l'invito.

Qualificatasi per la Coppa d'Africa 1998, uscì al primo turno dopo aver ottenuto una vittoria contro l'Algeria, un pareggio contro il Camerun e subito una sconfitta contro il Burkina Faso. Nelle eliminatorie del campionato del mondo 1998 la Guinea fu eliminata al secondo turno, sopravanzata in classifica dalla Nigeria e davanti a Kenya e Burkina Faso.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Non partecipò alla a Coppa d'Africa 2000, mentre fu squalificata dalla Coppa d'Africa 2002 e dalle eliminatorie del campionato del mondo 2002, dato che la federcalcio guineana fu punita dalla CAF per interferenze governative.

La Coppa d'Africa 2004 vide il ritorno della Guinea nella fase finale. Terminato il girone al secondo posto dietro la Tunisia padrona di casa e davanti a Ruanda e RD del Congo, fu battuta per 1-2 dal Mali ai quarti di finale ed eliminata, malgrado il temporaneo vantaggio siglato da Pascal Feindouno.

Qualificatasi alla Coppa d'Africa 2006, la nazionale allenata da Patrice Neveu era vista come la "Cenerentola" del gruppo con Sudafrica, Zambia e i campioni d'Africa in carica della Tunisia, ma sovvertì i pronostici vincendo tutte e tre le partite contro sudafricani (2-0), zambiani (2-1) e tunisini (3-0). Dopo aver ottenuto il primo posto nel girone, la Guinea affrontò ai quarti di finale il Senegal, da cui fu eliminata (2-3 il risultato finale). Con 9 gol segnati in 4 partite si segnalò per il gioco brillante e spiccatamente offensivo.

Nelle eliminatorie del campionato del mondo 2006 la squadra era stata eliminata al secondo turno, sopravanzata in classifica da Marocco e Tunisia sebbene davanti a Kenya, Malawi e Botswana.

Nel dicembre 2006 assunse l'incarico di commissario tecnico il francese Robert Nouzaret.

Presenti alla fase finale della Coppa d'Africa 2008, in Ghana, i guineani furono sconfitti all'esordio dal Ghana padrone di casa (1-2, gol di Oumar Kalabane), ma batterono il Marocco (3-2, doppietta di Pascal Feindouno e gol di Ismaël Bangoura) e pareggiarono con la Namibia (1-1, gol di Souleymane Youla), qualificandosi per i quarti di finale grazie al secondo posto nel girone. A Sekondi-Takoradi il 3 febbraio 2008 furono sconfitti per 5-0 dalla Costa d'Avorio (seconda peggiore sconfitta nella storia della Guinea) ed eliminati.

Anni 2010[modifica | modifica wikitesto]

Nelle qualificazioni alla Coppa d'Africa 2010, valide anche come eliminatorie CAF del campionato del mondo 2010, la Guinea giunse a disputare l'ultimo turno e fu inserita nel girone con Costa d'Avorio, Burkina Faso e Malawi. Chiuse all'ultimo posto, senza riuscire a qualificarsi per la coppa continentale né per il mondiale. Il ministro dello sport della Guinea, Isto Keira, decise di sciogliere la nazionale[2].

Nel gennaio 2012, in una partita della fase finale della Coppa d'Africa 2012, la Guinea sconfisse il Botswana per 6-1 (doppietta di S. Diallo e gol di A. Camara, Traoré, M. Bah, Soumah), diventando la prima nazionale africana a segnare sei reti in una partita di Coppa d'Africa dal 1970, quando una simile impresa era stata compiuta dalla Costa d'Avorio[3]. La squadra uscì al primo turno a causa del terzo posto del girone, essendo stata sconfitta dal Mali per 1-0 prima della goleada con i botswaniani e fermata sul pari (1-1, gol di A. Camara) dal Ghana nell'ultima partita.

Non si qualificò alla Coppa d'Africa 2013, eliminata dal Niger al secondo turno delle qualificazioni, mentre nelle eliminatorie CAF del campionato del mondo 2014 uscì nel girone vinto dall'Egitto, a causa del secondo posto (3 vittorie, un pareggio e 2 sconfitte).

Nell'agosto 2014 la CAF impedì la disputa di partite in Guinea e Sierra Leone a causa della diffusione dell'ebola[4]. La nazionale guineana fu dunque costretta a disputare in Marocco le partite casalinghe di qualificazione alla Coppa d'Africa 2015. Si qualificò alla fase finale del torneo, in programma in Guinea Equatoriale, e fu sorteggiata nel girone con Costa d'Avorio, Camerun e Mali. Cinque delle sei partite del girone terminarono con il risultato di 1-1, il che determinò una singolare situazione: Mali e Guinea si trovarono appaiate al secondo posto, in perfetta parità di punti (3), gol segnati (3), gol subiti (3) e scontri diretti (1-1). Come previsto dal regolamento della competizione[5], si effettuò un sorteggio, che ebbe luogo presso l'hotel Hilton Malabo della capitale equatoguineana e sancì il passaggio del turno della Guinea[6], che ai quarti di finale fu eliminata dal Ghana (3-0).

Non qualificatasi alla Coppa d'Africa 2017, nelle eliminatorie CAF del campionato del mondo 2018 uscì nel girone con Tunisia, Repubblica Democratica del Congo e Libia, piazzandosi ultima con un bilancio di una vittoria (in casa contro la Libia) e cinque sconfitte.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Divise storiche[modifica | modifica wikitesto]

Coppa d'Africa 2012
Casa Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Airness
Coppa d'Africa 2015
Casa Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Airness

Record individuali[modifica | modifica wikitesto]

Dati aggiornati al 13 ottobre 2018.
I calciatori in grassetto sono ancora attivi in nazionale.

Presenze
# Giocatore Presenze Reti Periodo
1 Pascal Feindouno 93 30 1998-2012
2 Morlaye Soumah 80? 1 1988-2004
3 Bobo Baldé 69? 2 2002-2012
4 Fodé Mansaré 66? 8 2001-2010
5 Oumar Kalabane 62? 5 2000-2013
6 Naby Yattara 60 0 2007-
7 Kémoko Camara 56? 0 1998-2013
8 Ismaël Bangoura 52 13 2006-2015
9 Kamil Zayatte 50 4 2006-2015
10 Ibrahima Traoré 43 8 2010-
Reti
# Giocatore Reti Presenze Periodo
1 Pascal Feindouno 30 93 1998-2012
2 Titi Camara 23 ? 1992-2004
3 Souleymane Youla 17 38 2000-2009
4 Ismaël Bangoura 13 52 2006-2015
5 Kaba Diawara 11 29 2004-2009
6 Souleymane Oularé 10 ? 1992-2004
7 Mohamed Yattara 9 28 2009-
= Sambégou Bangoura 9 26 2000-2013
= Fodé Mansaré 8 66 2001-2010
10 Seydouba Soumah 8 28 2013-

Commissari tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1981, 1982, 1987, 1988, 2005

Partecipazioni ai tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

  • dal 1930 al 1962 - Non partecipante
  • 1966 - Ritirata
  • 1970 - Non partecipante
  • dal 1974 al 1998 - Non qualificata
  • 2002 - Squalificata dalla FIFA durante le qualificazioni
  • dal 2006 al 2018 - Non qualificata

Coppa d'Africa[modifica | modifica wikitesto]

  • dal 1957 al 1962 - Non partecipante
  • 1963 - Squalificata per l'incapacità di garantire arbitri neutrali
  • 1965 - Non qualificata
  • 1968 - Non qualificata
  • 1970 - Primo turno
  • 1972 - Non qualificata
  • 1974 - Primo turno
  • 1976 - Secondo posto Silver medal africa.svg
  • 1978 - Non qualificata
  • 1980 - Primo turno
  • dal 1982 al 1992 - Non qualificata
  • 1994 - Primo turno
  • 1996 - Non qualificata
  • 1998 - Primo turno
  • 2000 - Non qualificata
  • 2002 - Squalificata per l'incapacità di ristabilire i funzionari della Federazione calcistica
  • 2004 - Quarti di finale
  • 2006 - Quarti di finale
  • 2008 - Quarti di finale
  • 2010 - Non qualificata
  • 2012 - Primo turno
  • 2013 - Non qualificata
  • 2015 - Quarti di finale
  • 2017 - Non qualificata

Legenda: Grassetto: Risultato migliore, Corsivo: Mancate partecipazioni

Tutte le rose[modifica | modifica wikitesto]

Coppa d'Africa[modifica | modifica wikitesto]

Coppa d'Africa 1994
F. Camara, 2 Diallo, 3 Bangoura, 4 S. Camara, 5 Fernández, 6 Sidibé, 7 M. Soumah, 8 E. Sylla, 9 Mohamadou Sylla, 10 M. O. Sylla, 11 A. Camara, 12 N'Gom Camara, 13 Dramé, 14 S. Soumah, 15 Sow, 16 Mohamed Sylla, 17 A. K. Sylla, 18 Thiam, 19 T. Camara, 20 F. Camara, 21 Oularé, 22 A. Soumah, CT: N. Camara
Coppa d'Africa 1998
Diallo, 2 M.O. Sylla, 3 Sow, 4 Thiam, 5 E. Sylla, 6 Mo. Camara, 7 F. Camara, 8 M. Sylla, 9 Oularé, 10 T. Camara, 11 M.W. Soumah, 12 Diané, 13 Dramé, 14 O. Camara, 15 Bangoura, 16 Bah, 17 M. Soumah, 18 Ma. Camara, 19 Fernández, 20 M.A. Soumah, 21 Dioubaté, 22 K. Camara, CT: Muntjan
Coppa d'Africa 2004
M. Keita, 2 Feindouno, 3 Sow, 4 Kaba, 5 B. Baldé, 6 A.S. Bah, 7 Mansaré, 8 K. Sylla, 9 S. Bangoura, 10 Titi Camara, 11 Youla, 12 Camara, 13 Conté, 14 N'Gom Camara, 15 Drame, 16 K. Camara, 17 Soumah, 18 Kapi Sylla, 19 M. Camara, 20 Karim Sylla, 21 A. Keita, 22 A. Bah, CT: Dussuyer
Coppa d'Africa 2006
Diarso, 2 Feindouno, 3 I. Camara, 4 Kaba, 5 B. Baldé, 6 Thiam, 7 Mansaré, 8 K. Sylla, 9 S. Bangoura, 10 Is. Bangoura, 11 Ib. Bangoura, 12 Cissé, 13 O. Bangoura, 14 Souaré, 15 Kalabane, 16 A. Bangoura, 17 Diallo, 18 M. Sylla, 19 Diawara, 20 Yattara, 21 Jabi, 22 K. Camara, 23 S. Camara, CT: Neveu
Coppa d'Africa 2008
Diarso, 2 Feindouno, 3 I. Camara, 4 M. Cissé, 5 B. Baldé, 6 Zayatte, 7 Mansaré, 8 Sylla, 9 Correia, 10 Bangoura, 11 Youla, 12 A. Camara, 13 Sakho, 14 Soumah, 15 Kalabane, 16 K. Camara, 17 Diallo, 18 Johnson, 19 K. Cissé, 20 H. Baldé, 21 Jabi, 22 Yattara, 23 Bah, CT: Nouzaret
Coppa d'Africa 2012
N. Yattara, 2 Feindouno, 3 I.S. Bangoura, 4 M. Bah, 5 B. Baldé, 6 Zayatte, 7 A.R. Camara, 8 Traoré, 9 S. Diallo, 10 I. Bangoura, 11 I. Yattara, 12 Conté, 13 Cissé, 14 Soumah, 15 Kalabane, 16 Keita, 17 T. Bah, 18 I. Diallo, 19 A. Bangoura, 20 H. Baldé, 21 Barry, 22 A. Camara, 23 L. Camara, CT: Dussuyer
Coppa d'Africa 2015
N. Yattara, 2 M. Yattara, 3 Is. Sylla, 4 Pogba, 5 F. Camara, 6 Zayatte, 7 Abd. Camara, 8 Traoré, 9 Landel, 10 Constant, 11 Id. Sylla, 12 Conté, 13 Cissé, 14 L. Camara, 15 N. Keïta, 16 A. Keita, 17 Fofana, 18 Soumah, 19 Kamano, 20 Sankoh, 21 Diarra, 22 Abo. Camara, 23 Paye, CT: Dussuyer

Giochi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

NOTA: per le informazioni sulle rose successive al 1948 visionare la pagina della Nazionale olimpica.

Rosa attuale[modifica | modifica wikitesto]

Lista dei convocati per le partite di qualificazione alla Coppa d'Africa 2019 contro il Ruanda del 12 e 16 ottobre 2018[7].

Presenze e reti aggiornate al 9 settembre 2018.

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
P Naby Yattara 12 gennaio 1984 (34 anni) 61 0 Riunione Excelsior
P Aly Keita 8 dicembre 1986 (31 anni) 0 0 Svezia Östersund
P Ibrahim Koné 5 dicembre 1989 (28 anni) 1 0 Francia Pau
D Issiaga Sylla 1º gennaio 1994 (24 anni) 40 1 Francia Toulouse
D Fodé Camara 17 agosto 1988 (30 anni) 39 0 Francia Ajaccio
D Baissama Sankoh 20 marzo 1992 (26 anni) 16 0 Francia Caen
D Ibrahima Conté 3 aprile 1996 (22 anni) 5 0 Francia Lorient
D Ousmane Sidibé 23 aprile 1985 (33 anni) 4 0 Francia Béziers
D Ernest Seka 22 giugno 1987 (31 anni) 1 0 Francia Nancy
D Mohamed Aly Camara 28 agosto 1997 (21 anni) 1 0 Svizzera Young Boys
C Naby Keïta 10 febbraio 1995 (23 anni) 30 5 Inghilterra Liverpool
C Boubacar Fofana 6 novembre 1989 (29 anni) 18 0 Romania Gaz Metan
C Alkhaly Bangoura 8 gennaio 1996 (22 anni) 10 1 Tunisia Étoile du Sahel
C Mady Camara 28 febbraio 1997 (21 anni) 1 0 Grecia Olympiakos
C Ibrahima Cissé 28 febbraio 1994 (24 anni) 0 0 Inghilterra Fulham
C Amadou Diawara 17 luglio 1997 (21 anni) 0 0 Italia Napoli
A Ibrahima Traoré 21 aprile 1988 (30 anni) 42 8 Germania Borussia Mönchengladbach
A Lass Bangoura 30 marzo 1992 (26 anni) 35 4 Spagna Almería
A Mohamed Yattara 28 luglio 1993 (25 anni) 28 9 Francia Auxerre
A Seydouba Soumah 11 giugno 1991 (27 anni) 27 8 Israele Maccabi Haifa
A François Kamano 2 maggio 1996 (22 anni) 22 4 Francia Bordeaux
A José Kanté 27 settembre 1990 (28 anni) 4 0 Polonia Legia Varsavia
A Sory Kaba 10 aprile 1995 (23 anni) 2 0 Spagna Elche

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Men's Ranking, su fifa.com.
  2. ^ (FR) Guinée : La sélection dissoute, Football 365, 20 luglio 2011.
  3. ^ (EN) Guinea revive Africa Cup of Nations hopes by thrashing Botswana, The Guardian, 28 gennaio 2012.
  4. ^ (EN) Caf orders relocation of matches from Sierra Leone and Guinea, BBC Sport, 12 agosto 2014.
  5. ^ (EN) Procedure for the draw between Mali and Guinea, CAFonline.com, 29 gennaio 2015. URL consultato il 29 gennaio 2015.
  6. ^ (EN) Guinea to face Ghana in quarter final, CAFonline.com, 29 gennaio 2015. URL consultato il 29 gennaio 2015.
  7. ^ (FR) Guinée : Amadou Diawara et Ibrahima Traoré dans la liste pour le Rwanda, afrik-foot.com, 31 agosto 2018. URL consultato il 3 ottobre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio