Östersunds Fotbollsklubb

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Östersunds FK
Calcio Football pictogram.svg
Östersunds FK logo.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Nero e Rosso (Strisce).svg Nero, rosso
Dati societari
Città Östersund
Nazione Svezia Svezia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Sweden.svg SvFF
Campionato Allsvenskan
Fondazione 1996
Presidente Svezia Mathias Rasteby
Allenatore Norvegia Per Joar Hansen
Stadio Jämtkraft Arena[1]
(8 466[2] posti)
Sito web www.ostersundsfk.se
Palmarès
Trofei nazionali 1 Coppa di Svezia
Si invita a seguire il modello di voce

L'Östersunds Fotbollsklubb, meglio noto come Östersunds FK o semplicemente Östersund, è una società calcistica svedese con sede a Östersund,[3] cittadina di circa 50.000 abitanti della Svezia centro-settentrionale. Milita in Allsvenskan, la massima divisione del campionato svedese, tuttavia nel 2022 disputerà il campionato di Superettan a seguito della retrocessione occorsa al termine dell'Allsvenskan 2021.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Östersunds FK venne creato nel 1996 quando tre club locali (Ope IF, IFK Östersund e Östersund/Torvalla FF) si unirono per dare vita a un club unico. Un anno dopo anche la società Frösö IF prese parte al progetto.[4] La stagione 1997 fu la prima disputata sotto l'egida del nuovo club, partito dalla Division 2, che all'epoca rappresentava ancora la terza serie nazionale.

Dopo nove campionati consecutivi trascorsi in Division 2, la squadra conquistò la partecipazione alla Division 1 nell'anno della riorganizzazione dei campionati. Non fu una vera e propria promozione: dal 2006, infatti, la Division 1 iniziò a rivestire il ruolo di terza serie.

Nel 2007 il dirigente Daniel Kindberg sfruttò la sua conoscenza con gli allenatori Roberto Martínez e Graeme Jones per iniziare una cooperazione con la squadra inglese dello Swansea City.[5] La formazione britannica venne anche invitata a partecipare alla partita di inaugurazione della Jämtkraft Arena, aperta nel luglio 2007.[6] Al termine di una stagione 2010 piuttosto negativa, la squadra dovette registrare la sua prima retrocessione in Division 2.

L'arrivo del nuovo tecnico Graham Potter – prelevato dall'Università di Leeds dove insegnava calcio alla locale squadra universitaria[7] – e una maggiore stabilità economica diedero il via a una vera e propria scalata. Al termine del campionato 2011 si concretizzò l'immediato ritorno in Division 1, mentre un anno dopo fu la volta della prima promozione in Superettan, il secondo livello del calcio svedese. Alla fine della stagione Superettan 2015 la squadra chiuse al secondo posto, il quale permise un ancor più storico debutto in Allsvenskan, la massima serie nazionale.

Il 13 aprile 2017, a poco più di un anno dall'esordio in Allsvenskan, l'Östersund vinse la sua prima Coppa di Svezia battendo in finale l'IFK Norrköping con il punteggio di 4-1. Questo successo permise agli uomini di Potter di qualificarsi ai preliminari della successiva Europa League.[8]

Al debutto assoluto in Europa, i rossoneri riuscirono a centrare una vittoria casalinga per 2-0 contro i più quotati turchi del Galatasaray[9] e a uscire imbattuti dalla Türk Telekom Arena nella sfida di ritorno.[10] Dopo aver eliminato i lussemburghesi del Fola Esch e successivamente i più quotati greci del PAOK Salonicco in rimonta,[11] la squadra di Potter riuscì nell'impresa di superare un girone che vedeva la presenza di Athletic Bilbao, Hertha Berlino e Zorja.[12] L'eliminazione arrivò ai sedicesimi di finale contro l'Arsenal di Arsène Wenger, nonostante un'inutile vittoria all'Emirates Stadium nella gara di ritorno per 2-1. Nella stagione 2017 l'Östersund conseguì anche il proprio miglior piazzamento storico in patria, con il quinto posto nell'Allsvenskan 2017 conseguito in virtù dei 50 punti totalizzati.

Il 17 aprile 2018, alla vigilia del match valido per la quarta giornata dell'Allsvenskan 2018, il massimo dirigente del club Daniel Kindberg venne arrestato con l'accusa di aver commesso gravi frodi di tipo contabile,[13] come l'aver prodotto fatture false per convogliare denaro nelle casse del club sottraendoli alla società immobiliare del comune di Östersund per la quale lo stesso Kindberg era amministratore delegato.[14]

L'11 giugno 2018, invece, a campionato in corso, Graham Potter venne ceduto allo Swansea City: si concluse dunque dopo sette anni e mezzo la permanenza dell'allenatore che portò il club dalla quarta serie nazionale fino a giocarsi i sedicesimi di Europa League contro l'Arsenal. Come suo sostituto venne scelto un altro inglese, Ian Burchnall, che nell'Allsvenskan 2018 mantenne il sesto posto che la squadra occupava al momento del suo arrivo.

Intanto, mentre Kindberg (nel frattempo dimessosi) affrontava il suo processo penale,[15] il club si ritrovò progressivamente in una forte crisi economica, grave al punto tale da mettere a repentaglio persino lo svolgimento delle ultime partite dei rossoneri nell'Allsvenskan 2019 visto il rischio di fallimento poi scongiurato.[16] Proprio a causa dei suoi problemi finanziari, la società venne inizialmente esclusa dall'Allsvenskan 2020,[17] ma nel dicembre 2019 vinse il ricorso presso la commissione della Federcalcio svedese anche grazie al fatto di aver trovato nuovi capitali e venne così riammessa al torneo, alla fine del quale centrò la salvezza.[18]

Nel novembre 2020 arrivò la sentenza del TAS di Losanna in merito a una vicenda di oltre due anni prima che aveva visto il mancato trasferimento di Saman Ghoddos all'Huesca nonostante egli con il club spagnolo avesse firmato un contratto: l'Östersund fu condannato al blocco del mercato in entrata per le due successive sessioni di mercato, dunque la dirigenza non poté registrare nuovi giocatori né nell'imminente finestra iniziata nel gennaio 2021 né nella seguente finestra estiva di quell'anno.[19] Questi fattori, uniti ai problemi finanziari, contribuirono alla retrocessione che si concretizzò durante l'Allsvenskan 2021 con quattro giornate d'anticipo.[20]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Östersunds FK
  • 1996: fondazione del club.

  • 1997 · 7º in Division 2.
  • 1998 · 2º in Division 2, eliminato ai play-off.
  • 1999 · 1º in Division 2, eliminato ai play-off.

  • 2000 · 5º in Division 2.
  • 2001 · 3º in Division 2.
  • 2002 · 5º in Division 2.
  • 2003 · 2º in Division 2.
  • 2004 · 4º in Division 2.
  • 2005 · 2º in Division 2. Green Arrow Up.svg Promosso in Division 1.
  • 2006 · 11º in Division 1.
  • 2007 · 11º in Division 1.
  • 2008 · 10º in Division 1.
  • 2009 · 11º in Division 1.
  • 2010 · 13º in Division 1. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Division 2.
  • 2011 · 1º in Division 2. Green Arrow Up.svg Promosso in Division 1.
  • 2012 · 1º in Division 1. Green Arrow Up.svg Promosso in Superettan.
  • 2013 · 10º in Superettan.
  • 2014 · 5º in Superettan.
  • 2015 · 2º in Superettan. Green Arrow Up.svg Promosso in Allsvenskan.
  • 2016 · 8º in Allsvenskan.
  • 2017 · 5º in Allsvenskan.
Vince la Coppa di Svezia (1º titolo).
  • 2018 · 6º in Allsvenskan.
Sedicesimi di finale di Europa League.
  • 2019 · 12º in Allsvenskan.
  • 2020 · 13º in Allsvenskan.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'Östersunds FK
Allenatori[1]

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'Östersunds FK

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2016-2017
  • Division 1 Norra : 1
2012

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Semifinalista: 2017-2018
Secondo posto: 2015

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche nelle competizioni UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Tabella aggiornata alla fine della stagione 2018-2019.

Competizione Partecipazioni G V N P RF RS
Coppa UEFA/UEFA Europa League 1 14 8 3 3 19 13

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 26 agosto 2020.

N. Ruolo Giocatore
1 Guinea P Aly Keita (capitano)
3 Costa d'Avorio D Kalpi Ouattara
5 Iraq C Rewan Amin
7 Stati Uniti C Nebiyou Perry
8 Svezia A Isak Ssewankambo
9 Inghilterra A Francis Jno-Baptiste
10 Palestina A Ahmed Awad
11 Svezia C Henrik Bellman
13 Svezia C Ludvig Fritzson
15 Inghilterra C Alex Purver
16 Svezia P Sixten Mohlin
18 Inghilterra A Blair Turgott
19 Norvegia D Eirik Haugan
N. Ruolo Giocatore
20 Svezia C Felix Hörberg
21 Svezia C Simon Kroon
22 Inghilterra C Charlie Colkett
23 Ghana D Samuel Mensiro
24 Uganda D Ronald Mukiibi
25 Svezia C Nikolaos Dosis
26 Spagna A Brian Martín Pagés
28 Belgio D Marco Weymans
30 Inghilterra P Andrew Mills
77 Svezia D Noah Sonko Sundberg
80 Ghana C Frank Arhin
88 Inghilterra A Jerell Sellars

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (SV) Östersund Fotbollsklubb » Klubben, su ostersundsfk.se, ÖFK (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2012).
  2. ^ (SV) Östersund Fotbollsklubb » Jämtkraft Arena, su ostersundsfk.se, ÖFK. URL consultato il 13 aprile 2017.
  3. ^ Giovanni Battistuzzi, Anche i fricchettoni nel loro piccolo vincono. Lo strambo calcio dell'Östersund, su ilfoglio.it, Il Foglio.
  4. ^ (SV) Historia, su ostersundsfk.se.
  5. ^ (SV) Östersund satsar brittiskt, su ettanfotboll.se (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2010).
  6. ^ (SV) Swansea till Östersund!!!, su svenskafans.com.
  7. ^ (EN) From Solihull to sold-out stadiums and success in Sweden’s Winter City, su theguardian.com.
  8. ^ (SV) Östersund mot Europa!, su svenskfotboll.se. URL consultato il 14 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2017).
  9. ^ (SV) Skrällen: Östersund sänkte Galatasaray, su svt.se.
  10. ^ (SV) Nouri: ”Helvetet? Det här var Disneyland”, su aftonbladet.se, fotbolltransfers.com, 21 luglio 2017.
  11. ^ (SV) Ghoddos dubbel fullbordade sensationen, su svt.se.
  12. ^ (SV) ÖFK tappade gruppsegern – efter sen straffmiss, su svt.se.
  13. ^ (SV) Detta har hänt i Kindbergaffären, su svt.se.
  14. ^ (SV) Åklagaren: Kindberg gav instruktioner om falska fakturor, su svt.se.
  15. ^ (SV) Daniel Kindberg döms till tre års fängelse, su aftonbladet.se.
  16. ^ (SV) Så förändras guldracet – vid en ÖFK-konkurs, su expressen.se.
  17. ^ (SV) ÖFK nekas elitlicens: ”Tror inte på det här”, su expressen.se.
  18. ^ (SV) Östersund får tillbaka elitlicensen, su aftonbladet.se.
  19. ^ (EN) CAS partially upholds the appeals of Saman Ghoddos and Östersunds FK: sanctions maintained / EUR 4 million compensation cancelled, su tas-cas.org.
  20. ^ (SV) Östersund åker ur allsvenskan – förlorade mot Varberg, su svt.se.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN308301505 · WorldCat Identities (ENviaf-308301505
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio