Carlo Ponti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri omonimi, vedi Carlo Ponti (disambigua).

Carlo Ponti (Magenta, 11 dicembre 1912Ginevra, 10 gennaio 2007) è stato un produttore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1912, era figlio di Leone Ponti e di Maria Zardone. Il nonno paterno era Ettore[1], senatore del Regno d'Italia e primo marchese Ponti.

Nel 1946 sposò Giuliana Fiastri con la quale ebbe due figli, Guendalina (1951), affermato avvocato di Roma, e Alexandre (1953), produttore cinematografico. L'incontro con Sophia Loren fu però fatale al matrimonio: dopo alcuni anni infatti si separò e sposò Sophia, dalla quale ebbe due figli, Carlo jr. (1968) ed Edoardo (1973). Aveva due sorelle, Laura Ponti (1910-2012) e Lucia Ponti.

Carlo Ponti e Sophia Loren sono stati importanti collezionisti d'arte. La collezione Ponti-Loren comprende oltre 150 opere, tra cui lavori di Henri Matisse, Paul Cézanne, Pablo Picasso, Canaletto, Pierre-Auguste Renoir, Giorgio de Chirico, Giacomo Balla, René Magritte, Oskar Kokoschka e numerosi reperti archeologici[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in giurisprudenza, si occupa di cinema dal 1940.

Nel primo dopoguerra lavora per la Lux Film ricoprendo, con Dino De Laurentiis, il ruolo di produttore esecutivo.

In particolare segue molti registi esordienti, come Pietro Germi, Luigi Zampa, Luigi Comencini, Steno e Mario Monicelli.

Nel 1950 fonda, con il socio napoletano, la Ponti-De Laurentiis, producendo opere importanti come Guardie e ladri di Steno e Mario Monicelli (1951), Europa '51 di Roberto Rossellini (1952), L'oro di Napoli di Vittorio De Sica (1954), La strada di Federico Fellini (1954), La romana di Luigi Zampa, Ulisse di Mario Camerini (1955) e il kolossal Guerra e pace di King Vidor (1956). (Oggi gli studi "Ponti-De Laurentiis" sono sede dell'istituto professionale per la cinematografia Roberto Rossellini di Roma).

Divisosi dal socio Dino De Laurentiis, si trasferisce negli Stati Uniti con la moglie Sophia Loren e i figli nati dalla loro unione, che saranno anch' essi nel mondo dello spettacolo: Carlo Jr. è un ex attore ed è oggi il direttore della San Bernardino Symphony della California, Edoardo è un regista.

Qui lavora per la Paramount, producendo i film interpretati dalla moglie e molte importanti pellicole europee: La donna è donna (1961) e Il disprezzo (1963) di Jean-Luc Godard, La ciociara di Vittorio De Sica (1960), Il dottor Zivago di David Lean (1965), e il trittico Blow-Up (1966), Zabriskie Point (1970) e Professione: reporter (1975) di Michelangelo Antonioni.

Per La ciociara la Loren, allora solo sua compagna, vinse l'Oscar: Lello Bersani venne inviato a casa dell'attrice per l'intervista sul premio, che però non fu diffusa perché giudicata inopportuna dai funzionari RAI proprio perché Ponti non aveva ancora regolarizzato la sua posizione coniugale.

Il dottor Zivago fu il suo maggior successo di pubblico, prodotto negli USA per la regia di David Lean ed un cast d'eccezione (Sharif, Christie, Guinness, Steiger, Courtenay, G.Chaplin): basata sull'omonimo romanzo di Pasternak, la pellicola vinse inoltre 5 Golden Globe (tra cui uno a Ponti per il miglior film) ed altrettanti Oscar (su 10 nomination); Ponti divenne il primo produttore italiano a ricevere la nomination per il miglior film (statuetta vinta da Tutti insieme appassionatamente) .

Dal 1964 è stato cittadino francese.

È zio del regista Marco Ponti.

Coraggioso nelle scelte culturali, di carattere autoritario - numerosi e celebri i suoi scontri con i registi - è stato uno dei maggiori produttori del dopoguerra anche se il suo sogno nel cassetto restò la politica.

Muore all'ospedale cantonale di Ginevra in seguito ad una complicazione polmonare il 10 gennaio 2007, all'età di 94 anni.

È sepolto nella cappella di famiglia al cimitero del suo paese natale, Magenta, nel milanese.

Matrimoni e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Ponti sposò nel 1946 Giuliana Fiastri, dalla quale ebbe due figli:

Nel 1956 Ponti si recò in Messico, ove ottenne il divorzio da Giuliana e il 17 settembre 1957 sposò Sophia Loren per procura. Ponti non rientrò in Italia, per evitare l'accusa di bigamia (allora in Italia il divorzio non era consentito), lavorando ad Hollywood. Nel 1960 lui e la Loren tornarono in Italia e furono accusati di bigamia, ma negarono di essere uniti in matrimonio.

Nel 1962 il primo matrimonio di Ponti fu annullato, evitando così alla nuova coppia l'accusa di bigamia.[3]

Nel 1965, Ponti ottenne il divorzio da Giuliana in Francia, permettendogli così di sposare la Loren il 9 aprile 1966.[4] Ponti e la Loren ottennero la cittadinanza francese grazie all'intervento del Presidente Georges Pompidou.[5][6] Carlo e Sofia ebbero due figli:

  • Carlo Ponti, Jr. (1968 - ), divenuto direttore d'orchestra, che ha sposato la violinista Andrea Meszaros, dalla quale ha avuto due figli: Vittorio Leone e Beatrice Lara
  • Edoardo Ponti, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico, che ha sposato l'attrice Sasha Alexander,[7] dalla quale ha avuto due figli: Lucia Sofia e Leonardo Fortunato

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— Roma, 26 giugno 1996[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Geneall Leone Ponti 26.9.1880, figlio di Ettore era il padre di Carlo Ponti 11.12.1912
  2. ^ S. Masi, E. Lancia, "Sophia", Gremese Editore
  3. ^ (EN) Carlo Ponti, Husband to Sophia Loren, Dead at 94, Fox News, 10 gennaio 2007.
  4. ^ (EN) John Exshaw, Carlo Ponti obituary in The Independent (London, UK), 12 gennaio 2007.
  5. ^ (EN) Carlo Ponti, Husband to Sophia Loren, Dead at 94, foxnews.com, 10 January 2007.
  6. ^ (EN) Profile, commdiginews.com; accessed 31 January 2015.
  7. ^ Sophia Loren Family Profile
  8. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN117455224 · LCCN: (ENn85201909 · SBN: IT\ICCU\SBLV\146539 · ISNI: (EN0000 0001 0938 9292 · GND: (DE12921518X