Léon Morin, prete

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Léon Morin, prete
Leon Morin prete.JPG
Barny (Emmanuelle Riva) e Léon (Jean-Paul Belmondo)
Titolo originaleLéon Morin, prêtre
Lingua originalefrancese
Paese di produzioneFrancia, Italia
Anno1961
Durata130 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico
RegiaJean-Pierre Melville
SoggettoBéatrix Beck (omonimo romanzo)
SceneggiaturaJean-Pierre Melville
ProduttoreCarlo Ponti, Georges de Beauregard
Casa di produzioneRome-Paris Films, Compagnia Cinematografica Champion, Lux Compagnie Cinématographique de France
FotografiaHenri Decaë
MontaggioJacqueline Meppiel, Nadine Trintignant, Marie-Josèphe Yoyotte
MusicheMartial Solal
ScenografiaDaniel Guéret
Interpreti e personaggi

Léon Morin, prete (Léon Morin, prêtre) è un film del 1961 tratto dall'omonimo romanzo della scrittrice Béatrix Beck e diretto dal regista francese Jean-Pierre Melville.

In Italia il film è conosciuto anche col titolo La carne e l'anima[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'occupazione tedesca della Francia, una donna di Besançon, una città di provincia, si confessa al giovane prete Léon Morin. La donna si chiama Barny ed è una vedova atea e marxista che ha dovuto battezzare sua figlia solo per proteggerla dai tedeschi, poiché il padre era di origini ebraiche. Avvicina Léon solo per il gusto di stuzzicarlo con provocazioni sulla fede. Ma il prete, convinto della propria fede e della propria missione, la spiazza, ignorandone le provocazioni filosofiche e intellettuali, e tra i due nasce un rapporto intenso. Barny si scopre innamorata di Léon.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Léon Morin, prete - La carne e l'anima (1961) | FilmTV.it, su FilmTV. URL consultato il 24 maggio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema