Sabato, domenica e lunedì (film 1990)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo film del 2021, vedi Sabato, domenica e lunedì (film 2021).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima commedia teatrale di Eduardo De Filippo del 1959, vedi Sabato, domenica e lunedì.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo album di Nino Buonocore del 1990, vedi Sabato, domenica e lunedì (album).
Sabato, domenica e lunedì
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1990
Durata175 min (versione televisiva)
109 min (versione cinematografica)
Generecommedia
RegiaLina Wertmüller
SoggettoEduardo De Filippo
SceneggiaturaRaffaele La Capria, Lina Wertmüller
ProduttoreThierry Caillon, Renato Camarda, Alex Ponti e Carlo Ponti
Casa di produzioneSilvio Berlusconi Communications
FotografiaCarlo Tafani
MontaggioPierluigi Leonardi
MusichePino D'Angiò, Antonio Sinagra, Nuova Compagnia di Canto Popolare
ScenografiaEnrico Job
CostumiGino Persico
TruccoCesare Paciotti, Carlo Barucci, Francesco Freda
Interpreti e personaggi

Sabato, domenica e lunedì è un film televisivo del 1990 diretto da Lina Wertmüller, tratto dall'omonima commedia di Eduardo De Filippo. Il film fu pensato inizialmente per la televisione, venendo infatti trasmesso da Canale 5 in due puntate domenica 16 e lunedì 17 dicembre 1990; solo successivamente ne fu ricavata una versione cinematografica.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Pozzuoli, anni trenta. Il matrimonio tra Peppino e Rosina Priore prosegue, senza scossoni, da circa trent'anni. Vivono in una grande casa con vista mare nel Rione Terra insieme ai figli Rocco e Giulianella (Roberto, il maggiore, è sposato e vive altrove), il nonno don Antonio, zia Amelia detta Memè, vedova ed eccessivamente premurosa nei confronti del figlio Attilio, e Raffaele (fratello di Peppino); hanno come intimi amici il geologo Janniello e la moglie, loro vicini di casa.

Per vendicarsi di un presunto "tradimento" gastronomico del marito (che aveva fatto eccessivi complimenti alla nuora Maria Carolina per come aveva cucinato dei maccheroni alla siciliana), Donna Rosa diventa meno amorevole nei suoi confronti. Comincia un periodo di sottili ma fastidiosi tarli sentimentali, alimentati dall'orgoglio di entrambi, che sfoceranno durante il pranzo domenicale: Peppino, in presenza di tutta la famiglia e dei Janniello, accuserà pubblicamente Rosa d'averlo tradito col geologo, causando un putiferio che, per fortuna, si risolverà il giorno dopo nel migliore dei modi. I Priore ritroveranno la passione di un tempo, i figli il rapporto con i genitori e i Janniello la loro solida amicizia con i vicini.

Raffronto con la commedia[modifica | modifica wikitesto]

Le differenze fondamentali con la commedia originale sono le seguenti:

  • Eduardo scrisse pensando a se stesso nella parte di Peppino, e a Pupella Maggio nella parte di Rosa; per sopraggiunti limiti d'età, qui la Maggio interpreta Zia Memè, sorella di Peppino;
  • La commedia è ambientata negli anni sessanta, il film durante il fascismo.
  • Nella commedia Giulianella fallisce un provino come annunciatrice televisiva, nel film (non essendoci ancora all'epoca la televisione) come cantante teatrale.
  • Nella pellicola è assente il personaggio dell'erculeo e psicopatico fratello di Virginia la cameriera, sostituita dalle tre simpatiche domestiche Martirio, Addolorata e Crocifissa.
  • Nella commedia Janniello è ragioniere, qui diventa geologo.
  • Sempre nella commedia, Janniello ha una moglie napoletana, mentre nel film è francese.
  • Molte delle scene riprese al mercato, per strada e in casa sono state girate nel centro storico, nella Villa Comunale e sul lungomare di Trani e di Polignano a Mare.
  • È l'ultimo film interpretato da Alessandra Mussolini (nella vita nipote della Loren) prima che intraprendesse la carriera politica.
  • Nella parte del podestà c'è il gallerista d'arte Lucio Amelio.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli attori riescono a trasmettere il turbinio di sentimenti con segni quasi impercettibili, di grande effetto[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aldo Grasso, Enciclopedia della televisione, Garzanti, 2002, p. 633

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema