Io speriamo che me la cavo (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Io speriamo che me la cavo
Io speriamo che me la cavo film.png
Il maestro Sperelli e i suoi alunni
Paese di produzioneItalia
Anno1992
Durata95 min
Rapporto1,85:1
Generecommedia, drammatico
RegiaLina Wertmüller
SoggettoAlessandro Bencivenni, Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi, Domenico Saverni, Lina Wertmüller, Andrej Longo; liberamente ispirato all'omonimo libro di Marcello D'Orta
SceneggiaturaAlessandro Bencivenni, Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi, Domenico Saverni, Lina Wertmüller, Andrej Longo
ProduttoreMario Cecchi Gori, Vittorio Cecchi Gori, Ciro Ippolito
Casa di produzioneCecchi Gori Group, Silvio Berlusconi Communications, Pentafilm
FotografiaCarlo Tafani
MontaggioPierluigi Leonardi
MusicheCarlo D'Angiò
Interpreti e personaggi

Io speriamo che me la cavo è un film del 1992 diretto da Lina Wertmüller e interpretato da Paolo Villaggio. Il film è tratto dall'omonimo libro di Marcello D'Orta.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il maestro elementare Marco Tullio Sperelli viene trasferito a causa di un errore burocratico alla scuola Edmondo De Amicis di Corzano, diroccato comune del napoletano, anziché a Corsano, nella sua Liguria. Sin dal suo arrivo l'insegnante si trova a dover fare i conti con una realtà fortemente problematica: i bambini, tutti con difficoltà economiche più o meno pesanti, non frequentano regolarmente la scuola perché costretti a lavorare (pratica avallata persino dal sindaco) per aiutare le proprie famiglie, tanto che Sperelli deve andare a prenderli uno per uno in strada; la direttrice della scuola non svolge il suo compito perché non è mai presente; e il custode-bidello in odore di camorra prevarica la gerarchia scolastica svolgendo di fatto il ruolo di vero amministratore dell'istituto e vendendo carta igienica e gessetti.

Mentre Sperelli con grande fatica cerca di svolgere il suo mestiere, un giorno entra in classe Raffaele, un bambino con l'aspetto da camorrista, che aggredisce verbalmente il maestro, il quale a sua volta si arrabbia tirandogli uno schiaffo e facendolo fuggire. Il gesto gli porta il rispetto degli alunni, dettato dalla paura, ma Sperelli ne è disgustato e si mette in malattia. Quella sera riceve la visita della madre di Raffaele, disperata perché il primogenito è appena uscito dal carcere minorile e Raffaele ne sta seguendo le orme: la donna chiede al maestro di aiutare Raffaele a tornare a scuola. Il giorno dopo Raffaele si presenta in classe, ma solo per architettare uno scherzo ai danni dell'insegnante: delle feci in una scatola. Sperelli, dal canto suo, prende il gesto con leggerezza, non si arrabbia e recita la poesia "Strunz". Raffaele esce irato dalla classe: il gesto non ha sortito la minaccia prevista. Il maestro ha infine ottenuto l'approvazione degli alunni, senza l'uso della violenza, e decide di mandare una lettera al ministero per revocare la richiesta di trasferimento e restare a Corzano. L'otto marzo il fratello mezzano di Raffaele viene arrestato e Sperelli lascia un mazzetto di mimose sull'uscio di casa.

Prima delle vacanze di Pasqua, la classe va in gita alla Reggia di Caserta. Il pulmino è tallonato da Raffaele su un motorino (forse rubato), al quale a un certo punto sembra essere finita la miscela: il ragazzino raggiunge i compagni sul pulmino e il motorino è caricato sul tetto. Durante la gita, l'insegnante tenta di convincere Raffaele a svolgere un tema, come gli altri bambini. Nel pomeriggio si scopre la verità: Raffaele aveva solo finto di aver finito il carburante per unirsi alla classe, stare assieme al maestro e comportarsi, per una volta, come un coetaneo. Ne scatta la derisione da parte del gruppo e la comprensione da parte del maestro, che Raffaele vede come svilente nei propri confronti di "uomo" senza sentimenti. A sera, Sperelli riceve la lettera con cui gli viene comunicato il suo ritorno in Liguria. Quella stessa notte Raffaele chiama il maestro dalla strada: sua madre ha avuto una colica renale, gli ospedali non hanno ambulanze disponibili, i privati pretendono cifre altissime e il maestro ha la macchina fuori uso (è lo stesso Raffaele che gli ha bucato le gomme e messo lo zucchero nel serbatoio, come vendetta per la figuraccia a Caserta). I due ottengono un passaggio da un contrabbandiere amico del ragazzino, ma una volta arrivati all'ospedale si trovano davanti al caos: infermieri sfaccendati e pazienti abbandonati nel corridoio, finché Sperelli è costretto a minacciare violentemente la suora caposala. Ne segue una riflessione: alla fine Raffaele ha reso peggiore il maestro, tanto quanto l'insegnante è riuscito a rendere migliore il ragazzino.

Il giorno successivo Sperelli riparte: alla stazione la classe lo saluta e Raffaele, giunto in solitaria, gli consegna un tema sulla sua parabola preferita, che il maestro leggerà in viaggio e che finisce con la frase "Io speriamo che me la cavo".

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

A differenza del libro da cui il film è tratto, la pellicola non è ambientata ad Arzano, per ragioni di diritti d'autore, bensì nell'immaginario paesino di Corzano. Inizialmente la scelta dell'ambientazione del film era caduta sulla stessa città di Napoli ma la troupe, non appena giunse nel capoluogo campano, fu avvicinata da alcuni personaggi vicini agli ambienti della malavita che pretesero il 10% del budget del film per permetterle di svolgervi regolarmente le riprese[1], cosa che spinse dunque la regista a spostarne la location.

La scelta ricadde perciò su Taranto, più precisamente nel suo borgo antico (lo stesso personaggio di Villaggio, infatti, mentre si reca in treno al luogo del suo trasferimento, all'inizio del film s'affaccia sul panorama della Taranto Vecchia, facendo così riprendere da corso Vittorio Emanuele II la fabbrica dell'ILVA, pur essendo la vicenda ambientata in Campania); tra le altre location che funsero d'ambientazione per alcune riprese figurano Tivoli (nella scena dell'ospedale), Caserta, presso la famosa Reggia, San Giorgio a Cremano nel napoletano e Altamura e Corato nel barese.

Aver girato perlopiù in una località di mare permise alla regista di inserire tale elemento nel film, cosa invece del tutto assente nel libro, visto che Arzano è situato nell'entroterra napoletano, proprio a pochi chilometri a nord dello stesso capoluogo.

Stando poi alle scritturazioni originali, alla regia dovevano esserci Castellano e Pipolo e nel ruolo da protagonista Adriano Celentano.[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nastri d'argento 1993
  • Nomination alla migliore attrice non protagonista a Isa Danieli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il fatto è stato raccontato da Paolo Villaggio, nell'episodio de La valigia dei sogni andato in onda su LA7 giovedì 21 luglio 2011.
  2. ^ TEATRO: IO SPERIAMO CHE ME LA CAVO AL PARIOLI DI ROMA, su Adnkronos, 25 gennaio 1991. URL consultato il 4 gennaio 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema